Falchera a mollo, il Comune li ha mollati

(di MoVimento Torino) 07.09.10 19:25

All'inizio di agosto, insieme al MoVimento torinese abbiamo effettuato un sopralluogo alla Falchera e, più precisamente, presso una serie di case poste proprio a ridosso della stazione ferroviaria Stura, tra Via Tanaro, via Adige, via Toce e via Bormida. È l'ormai tristemente famoso quadrilatero a mollo, quello che da 6 anni vive nell'emergenza, con cantine, box e vani ascensore regolarmente allagati nella stagione estiva a causa dell'innalzamento della falda acquifera sottostante. Gli allagamenti e i problemi sono iniziati nel 2004, quando GTT ha dato avvio ai lavori del lotto 3B relativi al prolungamento interrato della linea 4, tra corso Giulio Cesare e Via delle Cascine.

Due anni più tardi, nel 2006, sono iniziati anche i lavori di rifacimento della stazione Stura da parte delle Ferrovie dello Stato e così, tra un buco e l'altro, tra un appalto e un subappalto, e il consueto rimpallo di responsabilità, il problema si ripresenta puntuale ogni stagione, con il crescente pericolo che vengano irrimediabilmente danneggiate le fondamenta degli edifici interessati.

E il Comune che fa? Aspetta, probabilmente in attesa che qualche crollo inneschi il meccanismo "virtuoso" delle emergenze che, come è ormai risaputo, produce utili sostanziosi e nuovi appalti. Poco importa se poi a fronte di qualche crollo qualcuno resterà sotto le macerie: semplici danni collaterali. E in attesa, tra gli altri, c'è ovviamente l'assessore alla viabilità e ai trasporti Maria Grazia Sestero.

Non che l'assessore non si sia interessata in passato alla vicenda: già nel dicembre del 2006 infatti l'assessore prometteva una risposta sollecita e risolutiva entro Natale (di quell'anno, ndr) a seguito dei lavori di un tavolo tecnico istituito ad hoc che stava esaminando tutta la questione. Ma, si sa, alle volte i tavoli tecnici faticano a trovare soluzioni, anche a causa di chi vi partecipa e di chi invece rimane inspiegabilmente escluso. Adesso i cittadini, stanchi di essere presi in giro, chiedono giustamente risposte e soluzioni in tempi rapidi, prima che sia troppo tardi.

Il MoVimento torinese, che ovviamente continuerà a seguire la vicenda e si farà portavoce delle richieste della cittadinanza, verificherà nei prossimi giorni l'iter da seguire per promuovere un'interrogazione in Consiglio Regionale, in modo che la questione torni all'ordine del giorno e venga affrontata e risolta al più presto.


[di Alberto BARACCO]

Categorie

Acqua (9)
Ambiente (77)
comunicatistampa (3)
Connettività (5)
Energia (16)
Servizi ai cittadini (141)
Sviluppo (60)
Trasporti (60)

Per mese

Febbraio 2017 (6)
Novembre 2016 (2)
Ottobre 2016 (1)
Giugno 2016 (2)
Maggio 2016 (4)
Aprile 2016 (4)
Marzo 2016 (6)
Febbraio 2016 (3)
Gennaio 2016 (2)
Dicembre 2015 (5)
Novembre 2015 (2)
Ottobre 2015 (4)
Settembre 2015 (10)
Agosto 2015 (1)
Luglio 2015 (10)
Giugno 2015 (11)
Maggio 2015 (7)
Aprile 2015 (4)
Marzo 2015 (4)
Febbraio 2015 (4)
Gennaio 2015 (5)
Dicembre 2014 (4)
Novembre 2014 (3)
Ottobre 2014 (11)
Settembre 2014 (4)
Luglio 2014 (1)
Giugno 2014 (3)
Maggio 2014 (4)
Aprile 2014 (5)
Marzo 2014 (5)
Febbraio 2014 (14)
Gennaio 2014 (11)
Dicembre 2013 (10)
Novembre 2013 (7)
Ottobre 2013 (15)
Settembre 2013 (12)
Agosto 2013 (5)
Luglio 2013 (6)
Giugno 2013 (10)
Maggio 2013 (12)
Aprile 2013 (11)
Marzo 2013 (12)
Febbraio 2013 (11)
Gennaio 2013 (10)
Dicembre 2012 (11)
Novembre 2012 (15)
Ottobre 2012 (12)
Settembre 2012 (11)
Agosto 2012 (5)
Luglio 2012 (11)
Giugno 2012 (14)
Maggio 2012 (11)
Aprile 2012 (9)
Marzo 2012 (24)
Febbraio 2012 (28)
Gennaio 2012 (10)
Dicembre 2011 (16)
Novembre 2011 (22)
Ottobre 2011 (18)
Settembre 2011 (27)
Agosto 2011 (8)
Luglio 2011 (24)
Giugno 2011 (24)
Maggio 2011 (24)
Aprile 2011 (18)
Marzo 2011 (21)
Febbraio 2011 (13)
Gennaio 2011 (12)
Dicembre 2010 (6)
Novembre 2010 (2)
Ottobre 2010 (2)
Settembre 2010 (10)
Agosto 2010 (2)
Luglio 2010 (3)
Giugno 2010 (5)
Aprile 2010 (1)
Marzo 2010 (3)
Febbraio 2010 (2)
Gennaio 2010 (1)
Settembre 2009 (1)
Giugno 2009 (3)
Maggio 2009 (10)
Aprile 2009 (3)
Marzo 2009 (2)
Febbraio 2009 (1)