MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Montemarciano - 

PUNTO SOSEQUITALIA MARCHE: UN PRIMO ANNO DI SODDISFAZIONI


Il Punto SOSEquitalia delle Marche compie il suo primo anno di attività all'insegna della soddisfazione. Inaugurato il 25 marzo dell'anno scorso, supportato dai volontari del M5S dei gruppi di Montemarciano, Monte San Vito, Falconara, Loreto e Ancona, il Punto ha svolto un'intensa attività al fianco dei cittadini, supportandoli nella lotta per vedere riconosciuti i propri diritti da un Fisco alle volte rapace. Per l'occasione si è tenuto un brindisi beneaugurale per il proseguo delle attività, durante il quale sono stati presentati i risultati raggiunti. In 12 mesi il Punto delle Marche ha lavorato 463 cartelle per un totale di 2.107.042,90 di euro. Ottimi i risultati ottenuti grazie alle pratiche concluse con successo:

- 393.361,20 euro sono state dichiarate Decadute o Prescritte
- 118.756,84 euro sono state Sgravate
- 26.915,48 euro hanno visto il cittadino risolversi alla Rottamazione
- 1.235,70 euro sono stati Rateizzati

In pratica, grazie agli strumenti di autotutela e all'attività di diffusione della loro conoscenza portata avanti dal Punto, i cittadini hanno difeso con successo le proprie ragioni per oltre 540mila euro!
Forte di questi successi, e di quanto abbiano voluto dire per chi si trovava vessato dagli enti esattoriali, il Punto continua incessante la sua opera nella sede in via Cavour 5 a Falconara Marittima (AN) tutti i mercoledì dalle 17 alle 19 (si consiglia di prendere un appuntamento ai contatti: 388/6588037 - sosequitaliamarche.m5s@gmail.com).

Ancora una volta il M5S studia ed offre soluzioni concrete ai problemi creati da altri, che passano dalla maggiore consapevolezza degli italiani dei propri diritti.


Montemarciano - 

Apprendiamo dai mezzi di stampa che anche il Consiglio Comunale di Falconara avrebbe approvato la variante al PRG inserita nel più complessivo progetto di "recupero" dell'area ex Montedison. Premesso che l'area in questione necessità, anche a nostro parere, di una riqualificazione ambientale seria e di una destinazione funzionale all'utilità sociale, non possiamo non rilevare che anche in questo caso* il risutato lascia moltissimi dubbi sulla sua funzionalità e sulla valutazione degli interessi tra Pubblici e Privati.

La variante di PRG approvata prevede, per Montemarciano, la realizzazione di una strada provinciale alternativa che, venendo dalla SS 16 e passando "dietro ai campi della chiesa", si colleghi fino al casello dell'A14. Il problema risulta dal tragitto scelto dall'Amministrazione per quest'opera. La nuova strada, che dovrebbe essere funzionale ad alleggerire il traffico nella principale "arteria" di Marina ovvero via Roma, prevede di correre appena al di la del confine, verso l'A14, salvo poi reimmettersi in via Fornaci con una nuova rotatoria che verrebbe costruita tra gli abitati, 50 - 70 mt prima del sottopasso dell'autostrada. Da qui il flusso veicolare da e per l'austrada si reimmetterebbe nel percorso tradizionale, sommandosi al traffico da e per Montemarciano, sino all'altezza del vivavio dove, con un'altra rotatoria, verrebbe indirizzato al casello. Questa configurazione, come si vede, crea un vero e proprio "collo di bottiglia" tra le due nuove rotatorie, per c.a. 100 - 150 mt di via Fornaci prime e dopo il sottopasso dell'autostrada.

Se il progetto di recupero avrà successo questo "collo di bottiglia" non sarà una "strozzatura" da poco. Secondo lo Studio del Traffico (realizzato da Conerobus Service e Università Politecnica delle Marche - Dipartimento DII), allegato alla documentazione tecnica che il M5S ha esaminato, la prospettata riqualificazione dell'area ex Montedison potrà comportare "c.a. 9.000 veicoli che entrano ed escono dal centro commerciale, con un flusso veicolare di picco di c.a. 3.600 veicoli/h". Di questi veicoli, secondo le previsioni dello Studio, almeno il 38%, pari a quasi 1.400 veicoli/h, arriverebbero da Montemarciano, transitando quindi per la nuova strada; addiriturra la punta di traffico proveniente dal nostro Comune potrebbe superare i 1.600 veicoli, fino a 1.700 veicoli/h. Inoltre "questo flusso veicolare viene imputato interamente ad incremento del traffico attuale".

Ecco quindi il problema che si prospetta. Il "collo di bottiglia" che si formerebbe tra le due nuove rotatorie, quella di immissione in via Fornaci tra i complessi abitati e quella di fronte al vivavio, vedrebbe un incidenza di traffico fino a 1.700 veicoli/h, che si andrebbero ad aggiungere al traffico ordinario, insistendo sullo stesso percorso per i tratti prima e dopo il sottopasso dell'A14 a Marina. Insomma: una situazione di vera congestione stradale!

Su questa situazione, potenziale e deducibile dai documenti allegati alla varianta, il M5S ha promosso un'Interrogazione Urgente. Nonostante la pronta riposta, merito degli Uffici tecnici, le problematiche non sono state affrontate. Da un lato della questione è stata sottovalutata l'importanza da parte dell'Amministrazione Serrani, dall'altra alcune delle motivazioni adotte non sembrano realmente risolutive. L'Amministrazione ha risposto che le stime sono state particolarmente prudenti, e però tali rimangono e sono le stime dei professionisti deterimati dall'Amministrazione stessa e a supporto delle decisioni stesse; oppure è stato risposto che il traffico si direzionerebbe verso Poiolone, evento improbabile se la destinazione è la ex Montedison, tanto che lo stesso studio accredita il nuovo traffico proveniente dalle Poiole solo per il 10% (contro il 38% da e per Montemarciano).

Secondo il nostro punto di vista il progetto, valido nell'intenzione di alleggerire il traffico di Marina, rischia di essere nullificato nei suoi effetti da questo "collo di bottiglia", che sommando il traffico addizionale al traffico esistente lo concentra in poche centinaia di metri. A nostro avviso sarebbe stato più funzionale se si fosse previso un tracciato che, venendo dalla SS16, avesse superato l'autostrada e si fosse collegato direttamente con la Strada Provinciale "Sirolo-Senigallia" (la strada di raccordo con il casello alla zona industriale di Gabella), evitando così di "ribaltare" il traffico incrementato con quello da e per Montemarciano.

Purtroppo la Giunta non è stata dello stesso avviso, accogliendo anzi con divertimento la possibilità di superare l'autostrada per ottenere il collegamento diretto. Divertimento secondo noi molto fuori luogo se si considera che, per gli accordi intercorsi, i costi di realizzazione del nuovo tracciato sono a carico dei privati che ricaveranno i frutti dalla riqualificazione dell'area. Sebbene maggiore, dato che il costo sarebbe stato privato, noi consideriamo che si sarebbe dovuto sostenere nettamente l'Interesse Pubblico realizzando un collegamento diretto, che non avrebbe costituito in futuro, nemmeno potenzialmente, un incastrato "collo di bottiglia" a danno dell'abitato di Marina, e quindi dei nostri concittadini.


Variante PRG ex Montedison e alternativa.PNG

*sulla complessiva proposta di riqualificazione continuiamo ad avere diversi dubbi. Le previsioni finanziaria non sembrerebbero sostenerne fortemente i vantaggi, e le fonti continuano a rimanere per parte indefinite.
Anche dal punto di vista dell'azione pubblica il M5S Montemarciano aveva già fatto decine di proposte all'intesta con il Comune di Falconara. Alcune sono state accettate ma rileviamo come altre, tese alla massima trasparenza come la creazione di "open data", sono state integralmente rifiutate.


Montemarciano - 

L'incontro dal titolo "Vaccini: perchè informare è meglio che obbligare" è stato un successo. Nonostante il giorno pienamente lavorativo (un martedì) e l'orario non proprio agevole per i molti impegni quotidiani (le 18:00) l'incontro è stato molto partecipato, sia in termini di presenze che in termini di interazioni tra il pubblico ed i relatori.
E questo non può che rafforzare la nostra convizione che sia proprio questa la politica migliore per aumentare le coperture vaccinali. Professori, ricercatori e medici che con disponibilità e competenza si mettono al servizio della comunità, spiegando meccanismi che risultano alle volte sconosciuti e rispondendo a domande dirette. La disponibilità a mettersi in gioco è per noi fondamentale, permette di superare quelle "distanze" che sembrano alle volte percepirsi tra chi si occupa di Scienza e i cittadini che ne beneficiano. Distanze che non aiutano a capire e a capirsi, e che possono invece essere superate anche semplicemente. E' nostra convizione che con quest'approccio molta di quella "esitazione", che spesso si manifesta nel momento della decisione di vaccinarsi, possa essere superata, dando una corretta informazione ad ogni cittadino.
Sarebbe certo auspicabile che il Governo cambi politica ed investa finalmente nella formazione e nell'informazione, che recuperi il rapporto di fiducia che deve sempre esistere alla base delle relazioni con tutti gli operatori sanitari, e sposi una approccio non coercitivo. Purtroppo il lassismo degli ultimi anni (o forse meglio decenni) hanno permesso a tante figure, impreparate o con interessi personali diretti e senza etica, di diffondere informazioni imprecise, report fasulli e dati distorti. Ed il famigerato Decreto Lorenzin, ora converito in Legge, ha acuito la problematica, invece di risolverla, marcando ancora di più una distanza che andrebbe colmata, ed esacerbando il rapporto Scienza-cittadino. Siamo certi che questo sia non solo inutile, ma anche dannoso, e che la Politica dovrebbe avere un approccio completamente differente. D'altronde le esperienze, italiane (nel Veneto) ed Estere, lo confermano. In Georgia, ad es., dove è possibile firmare un semplice modulo per non vaccinarsi la copertura verso il morbillo è superiore al 98%.
Vogliamo rigraziare per la disponibilità la nostra Portavoce al Senato, Elena Fattori ed il professor Guido Silvestri, che con la competenza di chi lavora da decenni al massimo livello di ricerca e la semplicità di un grande divulgatore ha saputo spiegare concetti complessi rendendoli facili ed accessibili.
Una ringraziamento va anche al prof. Andrea Cossarizza - Professore Ordinario di Patologia Generale, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - che, seppur tra il pubblico, non si è sottratto dal rispondere ad alcune domande.
Infine una doverosa menzione va al nostro Vicesindaco di Montemarciano Tittarelli che ha mantenuto la parola venendo ad assistere tra il pubblico. Non è la prima volta che un componente della Giunta viene ai nostri incontri (ad es. era venuta anche la Sindaco Serrani, in prima fila all'incontro dedicato ai Fondi Europei con la nostra bravissima Portavoce Agea ed l'europrogettista Boffi), a dimostrazione della qualità dei contenuti che offriamo.
In sintesi un'incontro molto partecipato e sentito che ha ricevuto diversi feedback positivi, e che testimonia ancora una volta la posizione ufficiale del MoVimento 5 Stelle: a favore dei Vaccini ma contro l'Obbligo.


Montemarciano - 

Entro un tempo più o meno breve pensiamo si apriranno le candidature per le nostre Parlamentarie. Da quel glorioso 2013 in cui per la prima volta entrammo in Parlamento sono cambiate moltissime cose diverse: dalla società italiana, all'economia mondiale, agli scenari internazionali e persino gli elettori. E' un appuntamento importante, fondamentale, non solo (e forse non tanto) per il MoVimento quanto per l'Italia intersa. Un'occasione di questo tipo richiede un'attenzione speciale, e vorremmo fare una proposta molto semplice per la selezione dei Portavoce sia alla Camera che al Senato: che si rispettino gli stessi requisiti già richiesti per la candidatura a Presidente del Consiglio.
D'altronde il nostro PdC Luigi è un Portavoce speciale, ma pur sempre un Portavoce, e tra gli altri Portavoce sarà un "primus inter pares" con gli stessi obblighi e le stesse prerogative. Proponiamo quindi che tutti i candidati Portavoce che lo sosterranno non siano - e di certo non saranno - da meno di lui e che quindi rispettino gli stessi requisiti che gli sono stati chiesti, e che sappiamo rispondere sia al Non Statuto che al Regolamento. Pensiamo che non possiamo, e non dobbiamo, aspettarci nulla di meno dai nostri Portavoce in Parlamento. Semmai solo di più!
E noi tutti li sosterremo affinchè il MoVimento possa trionfare alle prossime politiche formando finalmente il primo Governo a 5 Stelle!!

Ricordiamo quindi questi requisiti:
"Possono proporsi quale Candidato Premier tutti gli iscritti al sito www.movimento5stelle.it che, alternativamente:
- abbiano esperito un mandato da portavoce nell'ambito di Consigli Circoscrizionali, Consigli Comunali, Consigli provinciali del Trentino Alto Adige, Consigli Regionali e del Parlamento Europeo, nonché quale Sindaco, oppure, qualora con il primo mandato in corso, abbia termine naturale del mandato entro il 28 febbraio 2018;
- siano stati eletti alla Camera ed al Senato in occasione delle consultazioni elettorali del 2013;
e che non si siano dimessi durante l'esercizio del mandato, non abbiano cambiato gruppo consiliare e/o parlamentare, siano in possesso dei requisiti previsti per le cariche elettive meglio indicati nella nota 4, 4° periodo, del Regolamento (consultabile a questo link http://www.movimento5stelle.it/regolamento/4.html), che non abbiano tenuto condotte in contrasto con i principi, valori, programmi, nonché con l'immagine del MoVimento 5 Stelle, del suo simbolo e del suo Garante, siano attualmente parti ricorrenti e/o parti attrici in giudizi promossi avverso il MoVimento 5 Stelle e/o il suo Garante;
e non abbiano mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle;
e che non siano mai stati iscritti ad alcun partito.
Ai candidati a conoscenza di indagini o procedimenti penali verrà richiesto un certificato rilasciato ai sensi dell'art. 335 del c.p.p., nonché i documenti relativi ai fatti contestati ed una breve relazione illustrativa dei fatti con autorizzazione espressa alla pubblicazione di tali atti nell'ambito dello spazio riservato a ciascun candidato."

Ricordiamo anche che, come da nota: "Non c'è nessuna nuova regola riguardante chi ha procedimenti giudiziari in corso: in base al codice etico del MoVimento 5 Stelle gli indagati per fatti e comportamenti gravi, ancor prima che ci sia una sentenza della magistratura o addirittura ancor prima che ricevano un avviso di garanzia, vengono sospesi. Ciò esclude automaticamente la possibilità di una loro candidatura. E' evidente, dunque, che chi in base al codice etico ha i requisiti per rimanere nel MoVimento 5 Stelle poi, di conseguenza, abbia anche i requisiti, e il diritto, di candidarsi."


Montemarciano - 

"oggigiorno farsi il pane in casa è un atto rivoluzionario"

E' stato un vero successo l'incontro di oggi* sulle Valute Complementari a Montemaciano. Anche di domenica mattina decine e decine di persone hanno riempito la sala conferenze presso la "Villa Colle Sereno" per ascoltare di politica monitaria e di soluzioni alternative alla mancanza di liquidità che si avverte attualmente, specie per le attività economiche di dimensioni più piccole. Una mancanza che può essere sopperita da Valute Complementari, un meccanismo moderno di credito che promuove lo sviluppo locale.
Ricco il parterre degli oratori:

- il Portavoce alla Camera Andrea Cecconi, che ha portato il "punto politico" nazionale

- il Comunity Trade Advisor del circuito Marchex Luigi Paladini, che ha illustrato il funzionamento di questa valuta complementare marchigiana

- il Portavoce al Comune di Montemarciano, che ha moderato l'evento e discusso delle possibilità per il bilancio locale

ma soprattutto

- il prof. Antonino Galloni, che con stile preciso ma molto comprensibile ha illustrato la recente storia monetaria dell'Italia e come da questa siano comprensibili molte delle gravi problematiche attuali, e come possano essere affrontate anche tramite l'utilizzo di Valute Complementari

Durante tutto l'incontro la partecipazione è stata molto attiva e sentita: oltre due ore di confronto ed un numero elevato di domande finali testimoniano un interesse elevato per l'argomento e per le soluzioni che questo può offrire.
Un ulteriore testimonianza certo della dificile situazione economica attuale, pure nel nostro comune, ma anche della voglia dei cittadini di avere idee alternative reali ed applicabili.


*domenica 8 ottobre 2017

Foto Val Complem.jpg


Montemarciano - 

Come M5S Montemarciano è da molto tempo che ci occupiamo, collaborando con tutti i rappresentanti del MoVimento, del "gestore unico dei rifiuti" che il PD anconetano, capitanato dalla Sindaco Serrani e dalla Sindaco Mancinelli, vorrebbe creare per il territorio di tutta la provincia. Riassumiamo velocemente i contorni della vicenda.
Si tratterebbe, in teoria, di un singolo soggetto a cui tutti i Comuni demanderebbero la raccolta rifiuti. In pratica, invece, questo progetto del PD presenta moltissimi punti dubbi o disfunzionali tra i quali brevemente:

1) non si crea un gestore unico reale ma una "scatola giuridica nuova" rappresentato dall'unione di due realtà (Multiservizi ed Ecofon) che a sua volta affiderebbe, di nuovo, la raccolta ed il trattamento ai privati
2) con l'allungamento della "catena" i rappresentanti dei cittadini, ovvero i Consigli Comunali, eserciterebbero un controllo molto "alla lontana" sul servizio effettivo (inefficacia nel modello del c.d. "controllo analogo")
3) si moltiplicano le poltrone ma non si crea valore per gli utenti
4) non s'incide sull'organizzazione attuale delle raccolte
5) si accorpano realtà comunali differenti che hanno percentuali di differenziata e modelli di raccolta molto diversi

L'obiettivo alla base di questo processo è l'affidamento c.d. "in house providing" teso ad evitare una gara, nella quale alcune grandi imprese private avrebbero un vantaggio decisivo. Nonostante l'idea teorica (la creazione di un singolo soggetto pubblico) possa incontrare il nostro favore la realizzazione pratica sta mettendo in crisi l'idea stessa. Abbiamo più volte portato le nostre istanze: con una istanza-diffida firmata dai nostri concittadini (unico caso in provincia) contenente le obiezioni, con Mozioni in Consiglio, con comunicati ed articoli. Purtroppo siamo rimasti inascoltati, tanto che ad inizio anno il processo complessivo ha segnato un disgraziato avanzamento con l'approvazione di un Piano d'Ambito provvisorio per la gestione rifiuti in sede ATA [l'Area Territoriale d'Ambito - ATA - è l'assemblea dei Comuni, più o meno coincidente con l'estensione della Provincia, in cui si delinea il Piano per la gestione rifiuti], mentre un paio di mesi fà, sempre in ATA, si decideva l'affidamento "in house" (a chi non è specificato, dato che il presunto soggetto affidatario ancora oggi nemmeno esiste).

Ora, purtroppo, alcune delle nostre preoccupazioni si stanno avverando. Apprendiamo dalla stampa che, ritenendo il processo viziato, due delle maggiori aziende private interessate alla gestione dei rifiuti, ovvero Marche Multiservizi (società collegata all'emiliana Hera) e la Rieco (la società che si occupa attualmente della raccolta a Montemarciano) hanno presentato ricorso al TAR. Così facendo le società private mirano a demolire il procedimento che porterebbe all'affidamento "in house" pubblico, ponenendo così le basi per la conseguente gara d'appalto alla quale partecipare. La situazione è così seria che all'ultimo Consiglio Comunale a Montemarciano la Sindaco Serrani - nonchè Presidente di Provincia e Presindente ATA - ha di persona rimandato "a data da destinarsi" il punto all'Ordine del Giorno che prevedeva l'ok alla costituzione della società tra Multiservizie ed Ecofon (pietra miliare del progetto, come abbiamo detto). Evidentemente, se si è reso necessario un intervento di questo tipo, i ricorsi presentati hanno una forza potenziale da non poter essere ignorati tirando dritto.

Vedremo nel proseguo delle vicende giudiziare quale sarà l'avviso il TAR, anche in considerazione della "provvisorietà" del Piano adottato (sulla base del quale si è deciso l'affidamento "in house"). Di certo, ad oggi, rimane che come M5S avevamo già da tempo messo in guardia il PD che il processo, così come gestito, offriva il fianco ai ricorsi e, tramite questi, apriva la strada alla privatizzazione su scala pronviciale della gestione dei rifiuti. Continuando con una politica fatta in questo modo si finisce per creare le condizioni affinchè un servizio pubblico essenziale divenga una fonte di profitti privati a discapito delle risorse degli Enti Locali ed in danno ai cittadini. E ad oggi, purtroppo, gli avvenimenti sembrano darci ragione, a dimostrazione di quanto le nostre istanze avessero fondamento.

Riciclata e soldi.jpg


Montemarciano - 

Nell'ultimo numero del Giornalino comunale la Giunta Serrani si prodiga nel fare pubblicità "a quanto fatto". Per carità, niente di sorprendente, se non fosse che si dimentica di dare credito di molte delle azioni intraprese. La prima, per noi certo la più grave, viene ripresa non da noi (e si direbbe "ovvio! siete all'opposizione") ma dai montemarcianesi stessi. Nel "pezzo" che tratta della pensilina della fermata dell'autobus del quartiere Forcella la pur pubblicitariamente solerte Giunta si "dimentica" di ringraziare i promotori della richiesta. Nemmeno una nota, un minimo cenno, figuriamoci un ringraziamento, al Comitato "Forcella nel Cuore", formato dai nostri concittadini residenti nell omonimo quartiere, che ha portato tante istanze. "Dimenticanza" che viene dagli stessi concittadini giustamente indicata con un breve, ma circostanziato, post sulla propria pagina FB. Ci informano inoltre che la Giunta si è dimenticata, oltre che a rendere i giusti meriti, anche a fornire un'importante rettifica a quanto scritto nel numero precedente. Sappiamo che questa richiesta è a riguardo del trasporto disabili che non è gratuito per i fruitori ma "pesa" sulle loro tasche, nonostante le oggettive condizioni di necessità.
Come MoVimento 5 Stelle crediamo fortemente che la partecipazione, a tutti i livelli, sia non solo positiva ma da incentivare in ogni modo. Che questo avvenga tramite l'ascolto attivo, o tramite la giusta menzione delle segnalazioni ricevute, crediamo fortemente che il valore della partecipazione vada sempre e comunque riconosciuto a chi si impegna in prima persona. Per tanto ci sembra ingiustificabile che la Giunta si sia "scordata" di chi partecipa e propone. Auspichiamo quindi voglia porvi rimedio, ancorchè in ritardo; meglio di niente, meno peggio dell'indifferenza.
La Partecipazione meriterebbe la più alta considerazione possibile, più di quanta non ne abbia ricevuta.
Pupo 3D dubbio.jpg

I candidati a Montemarciano

  • user-pic
    Edda Piergentili
  • user-pic
    Gabriele Gigli
  • user-pic
    Manuagresta
  • user-pic
    MARIO CARDONE
  • user-pic
    Roberto Bracciatelli
  • user-pic
    Santino Anastasi
  • user-pic
    vanessa brunelli

   © 2010 www.movimento5stelle.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons