MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Programma

PROGRAMMA

ELEZIONI COMUNALI 2014

Comune di Cortona


http://www.meetup.com/MoVimento-5-Stelle-Cortona/ https://twitter.com/Cortona5stelle
https://www.facebook.com/Cortona5Stelle cortonamovimento5stelle@gmail.com


PREMESSA

Cari cittadini è giunto il tempo che tutti entriamo nelle istituzioni.
Noi del Movimento 5 Stelle Cortona crediamo sia giunta l'ora di smetterla di
delegare per poi lamentarsi, è arrivato il momento di partecipare attivamente alla vita
politica.
Siamo fermamente convinti che sia essenziale la partecipazione della comunità alla
vita pubblica e politica del nostro paese.
Vogliamo portare avanti una politica fatta dai cittadini dove le decisioni vengono
prese nel paese e non nelle segreterie politiche dei partiti provinciali, regionali e
nazionali.
Siamo una lista "fatta di giovani e meno giovani", nessuno di noi ha mai ricoperto la
carica di consigliere Comunale.
Qualcuno ci dirà che "giovane" è sinonimo di "inesperto", ma la situazione politica
locale e nazionale di questi ultimi anni ha messo in evidenza come "esperto" non è
sinonimo di buona amministrazione.
Sulla scena politica locale imperversano personaggi che trascorrono la vita sulla
poltrona del consiglio comunale, si dilettano in alleanze e patti strategici, con
richieste di nomine ed incarichi pur di rimanere sempre nel contesto politico
dirigenziale che conta (chissà quale motivo tanto attaccamento al potere!).
NOI del Movimento 5 Stelle abbiamo dalla nostra l'onestà e l'esperienza della vita:
siamo liberi professionisti, operai, disoccupati, imprenditori, che hanno in comune la
volontà di impegnarsi per la crescita e lo sviluppo del nostro paese.
Non siamo innamorati di nessuna carica, tant'è che per noi vale la regola che non si
possono svolgere più di due mandati, poi si torna a fare il lavoro di prima.
Proponiamo un programma che abbiamo elaborato ascoltando i bisogni della gente ai
nostri gazebo e vogliamo continuare a condividerlo con tutti voi e con quelli che ci
hanno fatto pervenire sia on-line sia direttamente le loro proposte.
Un programma che vuole costituire il punto di partenza per una politica che sia
sempre più condivisa, innovativa, trasparente, concreta, fatta da cittadini comuni per
l'interesse comune, per la salvaguardia dell'ambiente e del territorio, per favorire le
economie locali, per valorizzare la nostra terra e i nostri prodotti, per l'attenzione
verso le persone in difficoltà, per una informazione libera e trasparente accessibile a
tutti.

PREREQUISITI DEI CANDIDATI

Presentiamo un candidato Sindaco, da noi si chiama "Portavoce" .
Trentenne, giovane imprenditore, motivato, onesto, deciso a mettersi a completa
disposizione della cittadinanza.
Dodici Consiglieri, tutti candidati ad essere i portavoce dei cittadini nel Consiglio
Comunale; non intendiamo avere una poltrona da scaldare per i prossimi 5 anni né
iniziare una carriera politica, siamo solo a tempo ed al vostro servizio.
Il nostro lavoro sarà quello di raccogliere e introdurre nelle istituzioni le istanze e le
proposte del movimento e quelle dei cittadini.
Il nostro mandato sarà vincolato sia da un punto di vista temporale sia da un punto di
vista di qualità del lavoro svolto all'interno delle istituzioni.
I requisiti essenziali nella scelta dei nostri candidati sono stati:
- Non essere politico di professione.
- Non avere tessere di partito.
- Essere incensurato (Certificato Penale visura del Casellario Giudiziario vuota).
- Essere residente nel Comune di Cortona

Dopo l'elezione, i nostri consiglieri non potranno avere nessun doppio incarico
elettivo;
dovranno presentare rendiconto mensile on-line di ogni tipo di compenso, gettone,
rimborso o altre somme erogate dal Comune a loro favore;
dovranno organizzare incontri periodici con i cittadini per valutare proposte e idee da
portare in consiglio nonché con comitati e associazioni per analizzare problemi e
studiare soluzioni (ogni sei mesi);
si presenteranno annualmente ai sostenitori illustrando l'attività svolta nei 12 mesi
precedenti e chiedendo riconferma dell'incarico, altrimenti dimissioni;
dovranno predisporre rendiconti costanti di quanto viene discusso e deliberato nelle
sedi istituzionali, anche via internet;
si renderanno disponibili a fornire atti e documenti pubblici a cittadini e associazioni
che ne facciano richiesta.
Gli eletti risponderanno solo al programma, ai cittadini e alla loro coscienza, senza
ingerenze da parte di segreterie o direttivi ad un "livello superiore".
I candidati non eletti si impegnano a formare uno staff di collaboratori volontari a
supporto dei candidati eletti, allo scopo di aumentarne l'incisività nelle istituzioni.
Con Voi, vogliamo cambiare il modo di fare politica, vogliamo riportare il cittadino
ad interessarsi della cosa pubblica, del proprio presente e del futuro dei propri figli,
senza più delegare con un semplice voto ogni 5 anni.
Noi ci crediamo, partecipate a questo cambiamento assieme a noi.


AMBIENTE - RIFIUTI - ACQUA PUBBLICA

Un impegno particolare per il nostro territorio, da parte nostra, sarà dedicato all'ambiente.
La precedente amministrazione poco ha fatto per questo tema e tolta la cittadina di Cortona, che è stata ben
curata, gli altri centri del territorio sono stati un molto spesso abbandonati a se stessi.
Dobbiamo migliorare il nostro territorio, non solo dobbiamo renderlo vivibile, dobbiamo e vogliamo rendere
il territorio del comune di Cortona un luogo dove si possa avere un'alta aspettativa di qualità della vita,
attraverso anche la valorizzazione delle aree verdi esistenti e la creazione di nuove.
A tal proposito è per noi fondamentale la creazione di un parco pubblico a Camucia, nell' area dell'ex campo
sportivo della "Maialina", dove sia possibile predisporre attrezzature per attività sportive e di aggregazione,
dando servizi come il wireless, creando di fatto un punto di ritrovo per il tempo libero per grandi e piccoli.
Un altro tema su cui è molto importante inoltre lavorare nel territorio Cortonese è sicuramente quello dei
rifiuti. Nel nostro territorio infatti si è fatto troppo poco, non sono state messe in campo le stesse energie con
cui invece si è lavorato su altri temi. Il Comune di Cortona versa in una situazione molto seria con un dato di
raccolta differenziata che supera di poco il 16%, disattendendo completamente le normative che prevedevano
una raccolta differenziata almeno al 65% entro il dicembre del 2012, inviando circa 10.000 tonnellate di
rifiuti all'incenerimento. Questa situazione è molto pericolosa per la salute dei residenti di tutta la
Valdichiana, sottoposti ad un alto inquinamento proveniente appunto dall'inceneritore di San Zeno che libera
diossine ed altri inquinanti nell'area. Gli agenti inquinanti non solo finiscono nei polmoni di chi respira
quest'aria, questi ultimi precipitando a terra, vanno ad inquinare il terreno che poi viene coltivato per
produrre i cibi che imbandiscono le nostre tavole, contaminando quindi ogni cosa. Ricordiamo inoltre che
incenerendo rifiuti si distrugge materia prima che, se riciclata, ritornerebbe nel ciclo produttivo, permettendo
di evitare il consumo di materie prime e quindi rendere più sostenibile in nostro modello di consumi. Per
questo il nostro impegno in questo ambito sarà molto intenso, proponiamo una raccolta differenziata con
4
ritiri "porta a porta" secondo un calendario settimanale, eliminando contestualmente i cassonetti stradali.
Questa pratica, già sperimentata con successo in molti comuni italiani e attualmente in stato di
sperimentazione per l'area di Arezzo Sud (Rigutino), garantisce un aumento immediato della raccolta
differenziata fino al 60-70%, permettendo quindi di inviare solo una piccola parte residuale ad
incenerimento, salvaguardando quindi la nostra salute e risparmiando materia prima. Ci impegneremo inoltre
per iniziative di riduzione dei rifiuti, come ad esempio incentivare la vendita di prodotti senza imballaggi o
con vuoti a rendere; isole per il riuso, dove poter conferire oggetti che non usiamo più e che possono essere
utilizzati da altri cittadini; recupero di materiali come metalli dai RAEE oppure legname o materiali edili
provenienti da decostruzioni; ammodernare le isole ecologiche rendendole disponibili aumentando gli orari
di apertura ai cittadini. Dovremmo inoltre prevedere una campagna di informazione per gli utenti, partendo
dai giovanissimi nelle nostre scuole, per educare al rispetto dell'ambiente come cultura fondamentale del
nostro bellissimo comune. E' molto importante capire che una maggiore attenzione all'ecologia si traduce in
un innalzamento della nostra qualità di vita.
Raccolta "porta a porta"
Tra tutti i sistemi di raccolta della nettezza urbana, noi scegliamo quello che garantisce un maggiore risultato
in termini di raccolta differenziata: il sistema porta a porta. Il sistema porta a porta, già ampiamente
sperimentato nel territorio italiano, riesce a garantire una resa in termini di percentuale di raccolta
differenziata ben oltre il 65%, attestandosi in alcuni casi anche intorno al 80-90%, ove accompagnata
contestualmente, da specifiche iniziative di riduzione di rifiuti alla fonte, da giusti incentivi per chi più si
impegna nel riciclo e nella riduzione, come dimostrato dal comune di Capannori (LU) dove sono arrivati,
grazie appunto a questo speciale sistema a questi eccellenti risultati.
Da non sottovalutare poi è l'aspetto della ricaduta economica che questa pratica comporta sotto forma di
nuovi posti di lavoro, che trovano impiego nella filiera della raccolta e dello stoccaggio, posti di lavoro
interamente finanziati dalla rivendita dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata, quindi
completamente a costo zero per la collettività Cortonese.
Riduzione dei rifiuti
Avete mai considerato cosa c'è dentro la vostra borsa della spesa? Quando tornate a casa dopo aver fatto
spesa, 1/3 di quello che è nel sacchetto sono rifiuti, buste, imballi e scatole, la cosa poi peggiora se si
considerano tutte le bottiglie di plastica e i flaconi per detersivi e prodotti per l'igiene sia personale che
casalinga. Tutto questo oramai non è più sostenibile nè da un punto di vista ecologico nè per la salute umana,
dobbiamo cominciare a risparmiare materia prima ove possibile, quindi ridurre gli imballaggi. Il non
produrre rifiuti sta a monte rispetto che al riciclare, dove comunque si impiega energia e non riusciamo a
recuperare tutto il materiale. Di concerto con i produttori locali ed i negozi, cercheremo di ampliare ed
incentivare il più possibile la vendita di prodotti sfusi, senza imballaggi, come detersivi, bevande, pasta,
cereali e qualunque altro bene alimentare. Potremmo inoltre aumentare i punti di erogazione pubblici di
acqua potabile, le casine dell'acqua, dove si ricaricano di acqua le bottiglie che portiamo da casa, rendendo
possibile il riuso immediato delle bottiglie di vetro o di plastica.
Isole Ecologiche
Le due isole ecologiche, quella di Biricocco e quella di Terontola, sono un ottimo strumento per avere un
buon risultato di raccolta differenziata specialmente per chi deve conferire grandi quantità di materiali già
differenziate, che mal potrebbe essere gestito tramite la raccolta porta a porta o con le campane stradali.
Tuttavia rileviamo, tra i cittadini e le aziende, il problema dell'orario di apertura troppo ridotto di entrambi i
punti di raccolta, dobbiamo necessariamente aumentare le fasce orarie al fine di permettere alla cittadinanza
ed alle aziende un accesso più agevole durante tutte le ore della giornata.
Un'altra modifica che vorremmo apportare ai centri di raccolta è l' inserimento di meccanismi di pesa, questi
permetteranno di calcolare quanto materiale viene conferito e quindi di caricare all'utente, a mezzo tessera
magnetica o scontrino, dei crediti che si possano tradurre in sconti applicati alla TARES.
Per ultimo sarebbe molto utile creare nei pressi delle isole ecologiche, degli spazi da adibire a isole di riuso,
questi sarebbero dei punti dove chiunque potrebbe portare i propri beni non più utilizzati ma ancora in buono
stato e funzionanti, per poi essere riutilizzati da chi più ne ha necessità.
5
Verde Pubblico
Cortona è un gioiello della terra Etrusca, visitata da tutto il mondo, cittadina ben curata con un parco, il
"Parterre", che permette nei mesi più miti lunghe passeggiate in mezzo alla natura. Ed il resto del
territorio???
Se usciamo dalla cittadina di Cortona ci potremmo presto accorgere che nelle altre frazioni non c è stata un'
attenzione all'urbanistica tale da creare delle aree dove i cittadini possano passare il loro tempo libero, aree
dove sia possibile trascorrere un pomeriggio in relax in mezzo al verde, dove poter svolgere attività sportive
o comunque di aggregazione al riparo dal traffico intenso, un'area dove è possibile portare anche i più piccoli
senza che ci siano pericoli di ogni sorta. Per questo, secondo noi, si pone come necessità migliorare e
mantenere tutte le aree verdi già esistenti nelle varie frazioni, arricchendole con nuove attrezzature ludiche e
per il tempo libero, oltre che la creazione di un nuovo parco multifunzionale nel sito dove sorgeva il campo
da calcio della "Maialina".
Si, secondo noi, a Camucia è NECESSARIO/INDISPENSABILE creare un parco polivalente, come
dicevamo, dove sia possibile praticare attività sportiva per i più grandi, spazi ludici e di divertimento per i
più piccoli ed allo stesso tempo crearvi strutture come gazebo, fornire in loco un servizio di internet wi-fi
free, utilizzabile dalla cittadinanza che lo frequenterà. In esso dare la possibilità di creare un'area pic-nic con
eventuale chiosco.
Questo è possibile utilizzando fondi che saranno messi a disposizione dalla Comunità Europea e da altri Enti
a favore di strutture per la socializzazione che favoriscano l'integrazione e l'aggregazione.
Un modello potrebbe essere un parco stile il jardin de luxembourg a Parigi (vedi foto) Link video : Video di
andrea cenni.
Progetto scuola rifiuti
Riteniamo decisamente importante aumentare la sensibilità alle problematiche ambientali, poiché con l'aiuto
e la partecipazione consapevole da parte di tutti, si possono ottenere grandi risultati altrimenti irraggiungibili.
Intendiamo sensibilizzare e rendere consapevoli i cittadini ma soprattutto i nostri figli, attraverso un progetto
che vorremmo proporre con decisione e convinzione partendo dai nostri bambini e quindi dalle loro scuole.
Il progetto scuola rifiuti si pone come obiettivo quello di educare al rispetto dell'ambiente ed a un corretto
comportamento da tenere quando si parla di rifiuti.
I bambini sono il nostro futuro, riescono meglio di persone adulte a concepire un sistema ecosostenibile
perché non ancora vincolati alle dinamiche economiche che frenano certe pratiche virtuose, infatti formare
fin da piccoli alla raccolta differenziata ed al riuso di oggetti, invece che al modello di consumi corrente usa
e getta che i media e la società continuamente propinano, ci assicurerà una presa di coscienza da parte degli
adulti di domani e quindi molte più probabilità di un futuro sostenibile da un punto di vista ambientale.
Crediamo molto in questo progetto che ci impegneremo a portare avanti coinvolgendo le autonomie
scolastiche locali e tutti coloro che operano nell'ambito dell'insegnamento primario.
Ecocompattatori
Perché non dare ai nostri vuoti un valore? Oggi è possibile con l'utilizzo di ecocompattatori pubblici, già
presenti in molte località Italiane, per il cittadino raccogliere tutti i vuoti (le comuni bottiglie in PET e le
lattine) ed avere in cambio dei buoni sconto per la spesa nei supermercati e alimentari che vorranno aderire
al progetto o sconti per la Tares. Il vantaggio sarà, oltre che per l'ambiente ed i cittadini, anche per i
negozianti aderenti, potranno infatti in questo modo incrementare le proprie vendite, finanziate da bottiglie e
lattine che senza questo sistema sarebbero solamente dei rifiuti.
Acqua - Bene Comune
Vogliamo intraprendere in tutte le sedi istituzionali e giudiziarie azioni mirate ad eliminare il profitto
gravante sull'Acqua Pubblica, in primo luogo facendo rispettare il Decreto del Presidente della Repubblica
conseguente la risultante referendaria 2011 che sancisce l'abrogazione della norma che consente ai gestori di
caricare sulle bollette anche la componente della "remunerazione del capitale investito".
In merito alla delibera 643/2013 dell'AEEG (autorità per l'energia elettrica e del gas) ed in piena
condivisione alla posizione presa dal Sindaco di Pistoia con lettera a tutti gli organi istituzionali preposti, ne
chiederemo la sua revoca immediata e l'avvio di un processo di revisione normativo del servizio idrico
integrato che rispetti l'esito del referendum.
A tal proposito si ricorda che nel giugno 2011, 26 milioni di cittadini (il 54 % degli italiani) con il 93%
hanno scelto di escludere i privati dalla gestione e dalla distribuzione del servizio idrico integrato, optando
per far tornare questo essenziale ed indispensabile bene esclusivamente nelle mani della pubblica
6
amministrazione, che, nonostante il riconoscimento dalla Corte Costituzionale, è purtroppo ad oggi
inapplicato e disatteso.
Vi ricordiamo che Arezzo e quindi Cortona, da più di dieci anni è sotto la gestione privata di tale servizio, le tariffe applicate risultano essere le più alte a livello nazionale, con un ricarico medio sulle bollette del 12-13% a titolo di remunerazione del capitale investito percepito dalla Società esercente il servizio, la quale
invece risulta aver effettuato investimenti scarsi e limitati sia nello sviluppo che nella manutenzione /sostituzione della rete, che oramai vecchia e obsoleta accumula ingenti perdite, a sua volta automaticamente
ricaricate nelle bollette degli utenti.
Tale impegno acquista un'importanza che va ben oltre la pubblicizzazione del servizio idrico, ma è il primo
passo concreto e simbolico verso la tutela dei Beni Comuni attualmente oggetto di mercimonio di tutti i Partiti e lobbies finanziarie ad essi collegate.
Centrali a biomasse e biogas
Nel nostro territorio Cortonese ma non solo, purtroppo in tutta la provincia e regione si è creato negli ultimi
anni un consistente, anzi diremmo sfrenato ed immotivato sviluppo di centrali a biomassa e bio-gas.
E' rinomata la centrale (le centrali n° 6) a biomassa di Renaia. Sei mini centrali di piccola entità che proprio
per la sua minima potenza non hanno avuto bisogno di permessi particolari per poter essere autorizzate,
eludendo così normative ben più restrittive in tal senso. Queste sei minicentrali, producono attraverso la
combustione di prodotti asiatici come l'olio di palma, o altri simili, produzione di energia elettrica, che
immessa in rete produce ricavi per il produttore oltre al riconoscimento di sostanziosi rimborsi dalla CE
attraverso i certificati verdi e CIP, non prevedendo posti di lavoro, ma bensì inquinamento dovuto alla stessa
combustione e al trasporto del prodotto utile alla combustione.
Il tutto solo per favorire per scopi speculativi aziende e loro proprietari senza apportare nessun beneficio al
territorio e alla cittadinanza in termini di posti di lavoro e qualità della vita, anzi semmai il contrario, creando
traffico urbano, e inquinamento dell'aria.
Cosa simile si può sostenere per le centrali a bio-gas sorte a Ferretto e Pietraia. Queste sono 2 centrali ben
più grandi come dimensioni, ma mai superiori a 1 Mw in quanto anch'esse se superassero tale limite
sarebbero soggette a particolari processi autorizzativi che ne precluderebbero il loro obiettivo.
Le centrali a bio-gas a differenza di quelle a biomassa, sorgono con lo scopo di fare da ricevitori di scarti
vegetali e animali quali gli sfalci di piante di prati pubblici e quanto altro, più gli scarti derivanti dalla
produzione animale ovicola, suinicola, e il tutto attraverso una combustione anaerobica, sviluppa la
produzione di gas metano allo stato puro che una volta raffinato è utile alla combustione per la produzione di
energia elettrica e di calore.
Progetto ammirevole e sostenibile visto che da prodotti che sarebbero un problema smaltirli si riesce a
produrne energia e calore magari per le stesse aziende che ne richiedono il bisogno per la propria
produzione.
Questo è il vero scopo delle centrali a bio-gas !! Solo che invece tutto questo viene sovvertito, ovvero
vengono create con il solo scopo come detto in precedenza di produrre energia per vendita, per prendere
contributi da certificati verdi e CIP6, ma soprattutto essendo di dimensioni eccessive serve destinare
produzione agricola appositamente coltivata per alimentare le stesse sotto forma di prodotto vegetale.
Eticamente pazzesco pensare di utilizzare ettari di terreni agricoli (400 annui per una centrale da 1 Mw) a
produzione ripetitive di colza, mais, sorgo, distruggendo così le qualità del terreno causa la monocultura
ripetitiva e precludendo il terreno stesso alla produzione per alimentazione umana.
Pertanto contrari alle centrali a biomassa per scopo speculativo oltretutto alimentate da prodotti provenienti
dall'altro mondo, favorevoli alle MINI centrali a bio-gas a scopo di smaltimento residui vegetali e animali
che sono a sua volta strumenti di produzione di energia e calore per le aziende agricole stesse.
In tal senso, vogliamo prevedere nel regolamento del Piano Regolatore, specifiche aree destinate a ciò, e solo
specifici permessi rilasciati a scopi di riciclo e smaltimento residui, magari favorendo gli stessi attraverso
una snella pratica burocratica e se possibile anche attraverso incentivi specifici, precludendo invece la nascita
di queste entità solo per scopi speculativi e di arricchimento economico di pochi privilegiati che non
apportano benessere e migliorie nè al territorio nè alla cittadinanza locale.

TURISMO

Il settore turismo già notevolmente sviluppato nella cittadina Cortonese per la sua storica tradizione Etrusca, deve essere a nostro avviso migliorato ed implementato sotto alcuni aspetti di non minima importanza.
- Estensione della Wi-Fi a tutta l'area del centro storico;
- Creazione di una mappa turistica on-line generale e per principali obiettivi di richiamo turistico
(chiese, palazzi, punti panoramici etc);
- Aggiornamento indicazioni stradali dei punti di informazione turistica, dell'ufficio turistico e dei
principali punti di interesse;
- Cartellonistica di informazione nelle 2 principali piazze di arrivo;
- Creazione di una area sosta Camper;
- Creazione e sviluppo di percorsi amatoriali per trekking e mountain-bike;
-Progettazione e sviluppo di eventi sia di carattere artistico-musicale che di interesse
enogastronomico. Pianificazione e pubblicazione sul portale comunale e principali network di aggregazione.

WI-FI

Come già accennato nel settore connettività, la predisposizione wi-fi sul territorio è di fondamentale
importanza; soprattutto per l'accesso e la visita alla nostra città da parte della massa turistica con sempre più
numerose e forti connotazioni straniere. Si rende pertanto necessario sviluppare una mappa turistica
consultabile on-line per interessi di vario genere (luoghi di culto, punti panoramici, vicoli storici, ecc..).
Attraverso l'uso di questo servizio il turista potrà creare un percorso a suo piacimento o avvalersi di quelli da
noi consigliati e sarà accompagnato dalle informazioni specifiche dei luoghi da lui visitati (datazione, stile di
costruzione, posizione e presentazione di altre mete paesaggistiche, ecc.. ); informazioni che saranno raccolte
ed elaborate con l'attiva collaborazione del personale del Museo e dei docenti impegnati in uno specifico
progetto scolastico.
Predisposizione di due punti di riferimento sul territorio per la consultazione immediata di tutte le
informazioni turistiche del territorio.

Cartellonistica

Dovranno essere rappresentati i punti di maggior interesse suddivisi per categorie (per esempio: luoghi di
culto, punti panoramici, punto d'informazione locale in periodo festivo, percorsi pedonali tematici),
attraverso il coinvolgimento delle Associazioni dei Pubblici Esercizi e Commercianti, con l'installazione di
apposita cartellonistica che ricrea la mappa delle arterie principali sia di Camucia che di Cortona
Come luoghi base ipotizzabili possono per esempio essere piazza Chateau Chinon a Camucia e piazza del
Mercato a Cortona per il loro facile accesso e sosta di qualsiasi mezzo di trasporto.
Un eventuale terzo punto, seppur meno sviluppato, è da ipotizzare presso la stazione di Terontola.
Contestualmente lungo le arterie principali di arrivo dovrà essere apposta cartellonistica indirizzante a detti
punti.
- Elaborazione ed installazione di specifica cartellonistica in prossimità dei principali punti di
interesse.
- Prevedere e programmare specifiche aree di sosta - checkpoint - per Bus Turistici e Camper con
adeguati servizi di minima cortesia che saranno ampiamente ripagati dal ticket (low-cost) previsto.
Ciò potrà razionalizzare il flusso e la sosta di questi particolari mezzi senza costringerli ad un
sistema di parcheggio improvvisato non degno dell'accoglienza turistica di una città come Cortona.

Area di sosta per camper

Ad esempio, un'area camper con la dovuta predisposizione di punti acqua e luce e la fondamentale piazzola
di scarico, sarebbe un ulteriore richiamo per il turismo del fine settimana di questo particolare mezzo di
trasporto e dei suoi amanti.
Prevedere nelle ricorrenze di maggior afflusso turistico ( es. 25 Aprile - 1 Maggio - Pasqua - Ferragosto)
uno specifico servizio navetta dalle aree di sosta verso Cortona incrementando il già presente servizio
pubblico, con la creazione di un biglietto del turista.

Tassa di soggiorno

Pensiamo di rivedere e valutare la tassa di soggiorno, il cui unico scopo deve essere ricondotto al pagamento
dei servizi sopra esposti in modo da eludere qualsiasi convincimento nei cittadini e soprattutto nei turisti che
sia una inqualificabile tassa per ripianare i buchi del bilancio comunale.

Attività turistiche

Sviluppo e progetto con gli esercenti della Ristorazione nel territorio di un MENU' di CORTONA con piatti
ed ingredienti tipicamente locali ed a km 0.
- Creazione di un progetto turistico pedonale e ciclabile del territorio in collaborazione delle associazioni sportive della provincia e delle guide del CAI. Una specifica cartina per tipo di locomozione e difficoltà dei sentieri progettati dovrà nascere con la fattiva collaborazione delle attività commerciali che ne troveranno uno sbocco pubblicitario di notevole importanza. Estensione,
sviluppo e collaborazione con i comuni limitrofi, in modo da rendere interconnessi gli interessi
sportivi e turistici. Un esempio base è il possibile collegamento al Sentiero della Bonifica già esistente con la montagna, estendendo e coinvolgendo questo anche sul torrente Esse, direzione Montanare. Da molti anni se ne parla (e molte volte è stato alla base di altri programmi elettorali che pur avendo amministrato, il programma non lo hanno mai attuato) ma a tutt'oggi non si è materializzato.
Su questi percorsi è da prevedere la creazione di attività a carattere stagionale per la guida sul territorio ed il
noleggio di biciclette con specifici punti bike sharing, chioschi lungo il percorso per la sosta e ristorazione.
Un investimento minimo (già programmato nel 2015) sarà fatto per completare le opere di rifacimento e
restauro dell'anfiteatro del Parterre, il quale risulterebbe subito utilizzabile per organizzarvi eventi culturali
e teatrali, vista la spettacolare posizione logistica.
Prevedere e sviluppare con maggior decisione l'attività informativa relativa agli appuntamenti
enogastronomici di Cortona e del territorio. Progettazione di nuovi appuntamenti da abbinare alla raccolta
stagionale dei relativi prodotti.
Predisposizione, sul sito on-line del Comune, di una apposita pagina contenente tutti gli eventi e di carattere artistico-musicale e di interesse enogastronomico. Alla base di tutto questo dovrà esserci una pubblicazione costante sul portale comunale e dei principali network di aggregazione. Ad esempio la creazione di un profilo facebook del comune di Cortona che aggiorna tutti gli "amici" dei principali eventi che si andranno a svolgere.
In allegato si dovrà trovare la locandina della manifestazione, le principali indicazioni per accedervi ed una piccola presentazione del luogo della manifestazione. Coinvolgimento delle principali associazioni culturali del territorio.
Riprogettare il servizio offerto dalle scale mobili, sia sotto l'aspetto di salvaguardia dalle intemperie climatiche per i turisti, sia dal prolungamento del servizio nelle ore notturne almeno nei week-end e nei giorni di massima affluenza turistica. Miglioramento dell'area parcheggio sottostante e della relativa illuminazione.
Sviluppare attraverso le Associazioni locali ed i Tours Operators (Agenzie di Viaggio) pacchetti turismo appropriati e divisi per tipologia di interesse da pubblicizzare e diffondere anche attraverso il sito web del Comune.
Creare anche attraverso gli altri Comuni limitrofi, in piena sinergia, dei percorsi turistici della Valdichiana che porterebbero il turista a rimanere più a lungo nella nostra zona, con ricadute positive sulle attività commerciali, ristorative ed alberghiere.
Promuovere e realizzare attività culturali durante tutto il corso dell'anno e non solo durante la stagione estiva, in modo da attrarre un costante flusso turistico cercando di non far rimanere il centro storico di Cortona una desolante cittadina durante la stagione invernale /autunnale. Ciò potrebbe essere possibile riservando risorse economiche oggi in gran parte destinate ad un solo evento, a più eventi pensati e creati per l'intero anno solare.

MOBILITA'

1. Sicurezza stradale e pedonale.
2. Incentivazione trasporto pubblico.
3. Aree verdi e pedonali. Percorsi ciclabili
Il primo obiettivo deve essere l'integrazione delle reti viarie oggi esistenti migliorando ed incoraggiando così il trasporto pubblico, la cui pianificazione dovrà dare priorità ad ogni mezzo non inquinante e di minimo impatto ambientale.
Prevedere percorsi pedonali soprattutto nel centro di Camucia, che possano permettere a famiglie e giovani di stare tranquilli senza correre rischi oggi molto frequenti. Istituire una giornata "per la città" ,con cadenza mensile nel periodo primaverile ed estivo, effettuando la chiusura al traffico e rendere le aree liberamente accessibili alle famiglie.
Sempre a Camucia vogliamo pensare ad un'area di parcheggio di autoveicoli decentrata a lunga sosta, dalla quale attraverso un bike sharing è possibile raggiungere velocemente il centro con estrema facilità, eliminando problemi di parcheggio, soste a pagamento, possibili contravvenzioni, e soprattutto rendere il centro libero da auto ed inquinamento.
Sviluppo di piste ciclabili fruibili in tutta l'area urbana ed extra urbana e parcheggi bici con particolare attenzione soprattutto alla sicurezza dei ciclo-pedoni.
Prevedere ove possibile, compatibilmente con la normativa vigente soprattutto nei centri, nei paesi e nelle frazioni più frequentate, strumenti atti al rallentamento degli autoveicoli così da prevenire i possibili incidenti dovuti alle alte velocità.
La sicurezza stradale dovrà essere percepita come un bene indissolubile per un sistema di vita migliore per tutti, ma soprattutto per i più piccoli ed indifesi.
Utilizzo di volontari per la vigilanza nelle aree limitrofe alla scuola.
Progettazione e sviluppo di uno specifico programma di informazione in tutte le scuole di primo e secondo grado, con la collaborazione del Corpo di Polizia Locale, delle associazioni e dell'indiscutibile apporto dei nostri cittadini pensionati.

CONNETTIVITA'

Connettività e Servizi ai cittadini

Riteniamo di fondamentale importanza che tutti, anche chi non ha la possibilità economica di avere un
collegamento internet, possa vedere realizzato il diritto alla trasparenza rispetto ad attività che lo riguardino
in quanto membro di una comunità.
Proponiamo quindi la realizzazione e liberalizzazione di punti di accesso a collegamento wifi, se non in tutto il territorio comunale vista la sua immensa vastità, ma almeno nei centri più importanti ed anche nelle
frazioni più rilevanti e comunque in luoghi aperti al pubblico come giardini, piazze ma anche come possibilità per gli esercenti di offrire una connessione internet gratuita all'interno dei loro spazi.
La cultura della rete va incentivata e promossa dalla P.A. la quale pertanto deve farsi carico di:
- implementare i progetti di alfabetizzazione informatica per anziani, disabili e altri cittadini che ne
avessero bisogno, in modo da facilitare l'accesso alle informazioni, la richiesta di documenti e la velocizzazione delle loro pratiche;
- prevedere l'obbligo per tutti gli uffici comunali di rispondere alle email dei cittadini entro due giorni lavorativi; garantire un controllo partecipativo della qualità dei servizi comunali tramite questionari di valutazione della soddisfazione dei cittadini (anche on-line per ridurre i costi);
- migliorare e implementare i servizi per il cittadino via web: Cittadinanza digitale, carta d'identità elettronica che permetta ai cittadini di accedere a tutti i servizi digitali del Comune di seguire le pratiche direttamente su internet;
- riconoscere il diritto per ogni cittadino ad essere istruito all'uso di queste nuove tecnologie (es. tutorial); operare la digitalizzazione di tutti i documenti comunali, al fine anche di ridurre lo spreco di carta;
- utilizzare l'email registrata sul sito del Comune (anche non certificata) anche per informare in tempo reale il cittadino su questioni che riguardano il proprio territorio (traffico, cantieri...), sui temi che gli interessano (discussioni, proposte di delibera...), sulle pratiche gli riguardano (multe, certificati,
richieste di atti...), e per tutte le comunicazioni necessarie e intercorrenti con il Comune, arrivando così ad un notevole risparmio di denaro e azzeramento del cartaceo, nel rispetto dell'ambiente.

TRASPARENZA,EFFICIENZA MACCHINA AMMINISTRATIVA

La Trasparenza

La trasparenza, la certezza e la chiarezza dell'azione amministrativa sono condizione necessaria per ricostruire il rapporto di fiducia tra l'amministrazione e gli elettori, oltre ad essere un strumento di controllo e di verifica dei cittadini sui propri rappresentanti.
Per questo come primo atto tutti coloro che ricoprono cariche elettive e di nomina del Sindaco devono rendere trasparenti e pubblici i propri emolumenti e in genere il denaro percepito per ogni singola attività d'interesse generale.

Accessibilità atti on-line

Occorre rendere reale l'accessibilità on-line agli atti amministrativi.
Il sito web del comune deve essere reso più funzionale ed efficiente, in modo che l'albo pretorio online consenta di visionare tutti gli atti pubblici: sia quelli in pubblicazione, sia quelli il cui termine per la pubblicazione è già scaduto, che devono essere appositamente archiviati e consultabili.

Trasmissione delle sedute consiliari

Proponiamo le dirette streaming e la registrazione video di tutte le sedute del Consiglio Comunale nonché la loro pubblicazione sul sito internet comunale, accessibili e consultabili a tempo e debito da tutta la cittadinanza.
Le registrazioni dovrebbero essere conservate e consultabili a distanza di tempo, associate alle informazioni sui contenuti della seduta (verbali, delibere, discussioni) raccolte in modo da fornire statistiche istantanee sull'attività e le presenze dei consiglieri e sulla loro attività consiliare. Questo permetterà a tutti i cittadini di verificare comodamente da casa (via web) in qualsiasi momento
l'operato e le decisioni dei suoi rappresentanti eletti, senza recarsi presso la sala Consiliare nei giorni delle sedute magari spesso concomitanti con il proprio lavoro.

Verifica graduatorie, appalti e scadenze.

Crediamo che debbano essere accessibili e controllabili tutte le graduatorie Comunali, gli appalti e le relative scadenze, affinché ogni cittadino possa in qualsiasi momento verificare, anche a distanza di tempo,la legittimità delle scelte compiute dall'amministrazione comunale e l'adempimento agli obblighi previsti delle ditte aggiudicatarie.
Proponiamo che si debba obbligatoriamente attingere dagli appositi albi con criteri di rotazione, preferendo i tecnici e le ditte locali.

Libero accesso agli atti pubblici attraverso il web.

Consultazione obbligatoria con i cittadini per l'approvazione di tutti gli appalti superiori al milione di euro e maggior controllo per prevenire la nascita di sub-appalti.
Creazione di un fondo pubblico destinato al bilancio partecipativo dove saranno convogliati i compensi dei consiglieri comunali, degli assessori e del Sindaco che vorranno rendere gratuito il loro lavoro o parte di esso (per i membri eletti del Movimento 5 Stelle è un obbligo morale e irrevocabile).

Partecipazione e democrazia

Il Movimento 5 Stelle si propone di introdurre, anche attraverso la modifica dello Statuto Comunale,strumenti di democrazia diretta che riportano nelle mani dei cittadini il potere di prendere direttamente alcune decisioni e di avere strumenti di controllo sull'operato degli amministratori:
referendum: semplificazione degli strumenti di democrazia diretta, diminuzione della soglia necessaria alla sottoscrizione e abolizione del quorum dei referendum comunali; non solo referendum consultivi ma anchepropositivi;
progetti condivisi: implementazione dei tavoli di lavoro su aree di interesse (sport, cultura, sociale,ambiente ecc.) al fine di valutare le attività svolte dal comune e definire in maniera condivisa con i cittadini i progetti da attuare con le risorse comunali disponibili; adozione di strumenti e politiche per incentivare la partecipazione dei cittadini attraverso: utilizzo degli strumenti gratuiti a disposizione in internet, per permettere ad ogni cittadino di segnalare in
tempo reale all'Amministrazione problematiche e disservizi (dissesto stradale, segnaletica mancante,
affissioni abusive, atti vandalici, ecc.);
apertura di momenti di confronto diretto Amministrazione-Cittadini contestualmente alle convocazioni dei
Consigli Comunali (ad es. istituzione di assemblee aperte al pubblico con convocazione subito antecedente a
quella ufficiale del Consiglio Comunale);
creazione di mezzi di comunicazione telematici per incentivare il rapporto Cittadino Amministrazione (per es. forum/mailing-list)
Miglioramento dell'efficacia del sito internet del Comune al fine di renderlo uno strumento di comunicazione interattivo con i cittadini (creazione di uno spazio dedicato ai cittadini per sapere cosa e quali sono le cose che vorrebbero vedere o non vedere realizzate nella loro città).
Nuove postazioni informatiche al servizio dei cittadini per lo svolgimento di pratiche amministrative semplici.
Istituzione della Tessera Civica, attraverso la quale, sia i singoli che le associazioni, nei casi di comportamenti esemplari e di attività volontaristiche, possano maturare crediti nei confronti del Comune (tariffe agevolate e maggiore punteggio nei bandi indetti dal comune). La Tessera rappresenta un mezzo
attraverso il quale il comune responsabilizza e istruisce i propri cittadini a svolgere con competenza mansioni di pubblico interesse.
Si deve garantire un maggiore coinvolgimento della cittadinanza alle decisioni di pubblica utilità.

Istituzione di una Giunta Under 18

Al fine di favorire la partecipazione e l'interessamento dei giovani alla partecipazione pubblica della Amministrazione e delle sue scelte, si intende creare una giunta denominata UNDER 18 composta da ragazzi
appartenenti alle scuole medie del Comune di Cortona, scelti attraverso una elezione interna della scuola di rappresentanza, interscambiabili di anno in anno, i quali eleggeranno il suo Presidente, parteciperanno alle
sedute Consiliari, delle quali seguiranno l'andamento dei lavori, nelle quali possono presentare due mozioni a seduta relative a progetti o richieste valutate nell'ambito scolastico.
Sarà stilato un regolamento apposito per la corretta funzionalità, partecipazione, informazione e relativa
regolamentazione del progetto.
Bilancio Partecipato
Un importante strumento di democrazia diretta è il bilancio partecipativo.
Con questo strumento i cittadini possono riacquistare un ruolo attivo e centrale nella vita politica; essi devono avere la possibilità di intervenire sulle metodologie di impiego delle risorse di cui il Comune dispone.
Annualmente e periodicamente saranno realizzati incontri e specifiche assemblee con la popolazione per rendicontare l'andamento economico, gli investimenti fatti e da fare sulla base delle risorse economiche
disponibili, ma soprattutto per decidere in modo effettivo su eventuali somme da destinare ad investimenti mirati su progetti specifici locali .
Gli eletti nel Movimento 5 Stelle si impegnano a consultare continuativamente i cittadini attraverso piattaforme on-line ma anche attraverso incontri e riunioni locali, per verificare l'operato degli eletti e confrontarsi, on-line, con i simpatizzanti per definire le posizioni da prendere in Consiglio Comunale.
Riteniamo essere molto importante inserire nel sito comunale una pagina web del sindaco, di ogni consigliere e assessore, dove gli stessi avranno l'obbligo di pubblicare il loro operato e i progetti che intendono portare avanti per consentire ai cittadini di ricevere informazioni e porre domande cui
l'amministrazione sarà tenuta a rispondere in tempi brevissimi.

Incontri pubblici per la valutazione ed il confronto sull'operato dell'Amministrazione
comunale.

Efficienza della Macchina Amministrativa
Occorre procedere ad una revisione organizzativa della macchina amministrativa, con valutazioni
sull'efficienza ed efficacia dell'organizzazione e delle allocazioni di risorse per ottenere un migliore impiego
dei soldi dei contribuenti ed eliminando situazioni di privilegio e sacche di inefficienza.

GESTIONE VIRTUOSA

Gestione virtuosa delle risorse pubbliche e riduzione dei costi della P.A.
Rendere pubblico l'elenco dei Consulenti esterni del Comune e in generale di tutte le figure alle dipendenze comunali con l'eliminazione di tutte quelle inutili, e possibilmente cercare di valorizzare ed incentivare le risorse umane già presenti all'interno dell'Amministrazione Comunale.
Le consulenze esterne devono essere ridotte all'essenziale, poiché oltre che una spesa spropositata, costituiscono una palese e moderna forma di clientelismo, strumento per creare legami di solidarietà inconfessabili con esponenti degli apparati istituzionali e politici di vertice.
Le assegnazioni dirette dei Lavori Pubblici di piccola entità dovranno essere eseguite con la massim trasparenza, garantendo la pubblicità con tutti i mezzi di informazione. Queste assegnazioni dovranno vedere coinvolte secondo criteri di rotazione le imprese presenti sul territorio locale, secondo il principio della rotazione, fermi restando i criteri di merito e di qualità delle opere eseguite.

Riscossione tributi

Non intendiamo rinnovare alle Società assegnatarie, la concessione della gestione del servizio di riscossione coattiva dell'entrate tributarie dell'Ente. Riteniamo che tale attività possa, anzi debba essere gestita internamente attraverso le proprie risorse presenti nella stessa Amministrazione, ovvero direttamente dagli stessi dipendenti degli uffici comunali. Ciò permette anche una maggiore azione di verifica e controllo specifica, ed eventuali azioni di comprensione verso gli utenti in difficoltà economica per una sua rateazione o dilazione.
Il pagamento dei tributi comunali non può essere richiesto tardivamente, magari con anni di ritardo. Deve essere evitato l'invio contemporaneo di bollette relative ad annualità pregresse, insostenibile per buona parte della cittadinanza, a causa della pressione fiscale generale e il diffuso disagio sociale.
Senza costi aggiuntivi o tagli indiscriminati, saranno messe in atto azioni per individuare eventuali sacche d'inefficienza nella gestione ordinaria e gli interventi necessari per contenere i costi della " macchina comunale"


URBANISTICA ENERGIE RINNOVABILI


Regolamentazione edilizia

L' edilizia è una materia molto delicata, sia quella pubblica che privata. Bloccare e vietare totalmente la costruzione di nuovi edifici, seppur sia un'idea condivisibile e mossa da buoni propositi sia etici che ambientali, potrebbe portare con sé il rischio di far aumentare i prezzi degli edifici esistenti, con la conseguenza di produrre forti speculazioni edilizie e di fatto negare la possibilità dell'acquisto o affitto della prima casa proprio a chi ne ha più bisogno (giovani e classe debole).
Il sistema che il MoVimento 5 Stelle Cortona propone è quello di stimolare o incentivare la riqualificazione edile rispetto che la realizzazione di nuovi edifici. Lasciando la possibilità di negare completamente il permesso di nuove costruzioni, solo a quelle aree dove si è già costruito tantissimo e male ed in quelle zone ad alto valore paesaggistico ed artistico, presenti nel nostro territorio.

Efficientamento energetico edifici

Prima ancora di parlare di energie rinnovabili, l'obiettivo principale è quello di rendere efficienti energeticamente gli edifici esistenti. Trasformandoli in edifici ad alta efficienza e scarsamente energivori.
Tutto ciò è possibile tramite una serie di interventi, sia dal punto di vista dell' involucro dell' edificio (infissi, pavimenti, tetto, pareti) che degli impianti (ad alta efficienza energetica).
All' interno di questi piani rientrerebbero sicuramente le logiche delle ESCO (Energy Service Company), imprese che si finanziano per riqualificare a livello impiantistico e di involucro gli edifici, senza far pagare un euro ai proprietari. Stipulando dei contratti, nei quali i proprietari degli immobili stessi continuano a pagare, per 5 o 10 anni, le stesse somme di denaro sui consumi in bolletta che avevano pagato fino ad allora, versandolo però alle imprese ESCO, le quali saldano le bollette alle varie utenze e trattenendo per sè il surplus derivato dal risparmio energetico, ripagandosi così dai costi degli interventi svolti.
I proprietari, si ritrovano così immediatamente un immobile, con un ben più alto valore economico sul mercato immobiliare e al termine del contratto stipulato con le ESCO, si troveranno a pagare pochissimo in termini di consumi energetici.
Efficientamento Edifici tramite Imprese ESCO


Sicurezza sismica edifici scolastici e capannoni industriali

La zona sismica del Comune di Cortona è la 2* (definita zona con pericolosità sismica media dove possono verificarsi terremoti abbastanza forti). Su una scala di 4 livelli di rischio sismico, in cui la zona 1 è la peggiore, il nostro comune risulta tra quelli più esposti a tali eventi.
Nel nostro territorio esistono una trentina di scuole tra materne, elementari, medie che sono di competenza comunale. Una buona parte di queste sono da considerarsi non sicure al verificarsi di evento evento sismico di media o medio-alta intensità.
A tal proposito, attualmente, esistono delle nuove tecniche di intervento molto economiche, che rendono possibile migliorare l'efficienza dinamico-strutturale degli edifici pre-esistenti, in caso di sisma.
Tali tecniche consistono per esempio nell'uso di tiranti e barre d' acciaio da fissare alle pareti contrapposte,in modo che queste, in caso di sisma, vengano tenute insieme, evitando il collasso della struttura; oppure fissando con cordoli metallici ad L, le pareti al soffitto, impedendo a quest'ultimo di crollare; infine con dei telai di metallo da applicare alle pareti degli edifici per irrobustirle ed impedire che queste, in caso di terremoto, cadano addosso alle persone.
Tali interventi è possibile realizzarli anche su tutti quei capannoni industriali presenti nel nostro territorio che non fossero a norma.
Come rendere Anti-Sismico un edificio pre-esistente


Energie rinnovabili

Per quello che riguarda il piano energetico, proponiamo e incentiviamo lo sviluppo residenziale di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, quali fotovoltaico, mini-eolico o geo-termico.
In particolare tale piano prevede l'installazione del fotovoltaico e solare termico nei tetti degli edifici nei centri e nelle zone produttive, con l'uso di tegole in vetro fotovoltaiche a bassissimo impatto visivo da installare nei centri urbani e negli edifici più prestigiosi dal punto di vista storico e paesaggistico. In campagna e nei centri agricoli promuoveremo il mini-eolico e il geo-termico, mentre nella montagna Cortonese sosterremo le stazioni eoliche. Infine nelle zone montane dove scorrono torrenti, incentiviamo la produzione elettrica con l'acqua.
Ovviamente le scuole e tutti gli edifici pubblici saranno portati all'autonomia energetica per primi.
Per favorire e sostenere tale piano energetico, oltre agli incentivi fiscali creati ad hoc, verranno promossi e sviluppati gruppi collettivi di acquisto, con in testa il Comune stesso, per acquisire i vari tipi di impianti sopra descritti con il massimo sconto e promuovendo inoltre accordi agevolati con Istituti Bancari per accesso al credito a tale scopo.

Illuminazione pubblica

Sostituzione di tutte le lampadine dei lampioni del Comune di Cortona con lampade LED ad alta efficienza e quindi a basso consumo e rivolte verso il basso in modo da contribuire ad eliminare o per lo meno ridurre il più possibile l' inquinamento luminoso e riappropriarci della possibilità di osservazione del cielo notturno.
Sostituzione di tutti i lumini elettrici dei cimiteri con lumini a LED.

Scale mobili

Progettazione di una adeguata copertura delle scale mobili di Cortona, per riuscire a farle funzionare correttamente 365 giorni l' anno. Ovviamente il tutto con adeguato rispetto dell'impatto visivo-ambientale.

Zone industriali
All'interno del piano urbanistico del Comune si prevede di creare nuove zone produttive solo ed esclusivamente a Terontola che è ben servita da Superstrada e Ferrovia e allo svincolo di Foiano, vista la vicinanza con il raccordo autostradale "Firenze-Roma" di Bettole.
Nelle altre zone dove ci sono insediamenti pre-esistenti si permetterà solo il recupero e la riqualificazione dei vecchi capannoni.

Sfruttamento edifici pubblici

Individuazione edifici pubblici inutilizzati, loro sfruttamento, assegnazione per nuove attività produttive,associazioni no profit, mercati e fiere, sviluppo commercio prodotti locali .

AGRICOLTURA - IMPRESE - COMMERCIO - ARTIGIANATO

Marchi di Denominazione di Origine Comunale

Introduzione di marchi di Denominazione di Origine Comunale a supporto dei vari marchi D.O.P. ed I.G.P., che oltre alla qualità darà garanzia di assoluto rispetto dei diritti dei lavoratori agricoli locali.
Vorremmo proteggere la tipicità di alcuni prodotti locali stabilendo due livelli di riconoscimento: DOP e IGP, tramite i quali intendiamo tutelare i nomi dei prodotti e la loro tipicità dalle imitazioni e dagli abusi, sostenere le diverse produzioni e aiutare i consumatori nella scelta dei prodotti alimentari, fornendo informazioni e garanzie relativamente alle caratteristiche degli stessi.
Questi marchi comunitari costituiscono una valida garanzia per il consumatore, che sa così di acquistare alimenti di qualità, che devono rispondere a determinati requisiti e sono prodotti nel rispetto di precisi disciplinari. Rispetto assicurato da specifici organismi di controllo, autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. I due marchi costituiscono una tutela anche per gli stessi produttori nei confronti di eventuali imitazioni e concorrenza sleale.
Incentivazione di mercati biologici e locali sviluppando la cosiddetta "filiera corta" per
quanto riguarda la vendita di prodotti alimentari del territorio, ovvero a KM 0-
Scoraggiare le produzioni di colture a scopi energetici (biomasse), privilegiando quelle
alimentari
Il nostro territorio è la nostra risorsa, ha una vastità di terreni coltivabili. Valorizzare i prodotti che ci offre e le persone che se ne occupano è la prerogativa principale per la costruzione di un nuovo equilibrio economico all'interno di esso. Dobbiamo insieme ai cittadini costruire un'idea di sviluppo intelligente, volta all'incremento di forze lavorative che puntino ad utilizzare le energie e le risorse rinnovabili nella nostra terra. Per rilanciare l'economia della città è necessario favorire e incentivare le imprese ed i produttori locali, al fine di conservare energia e capitali all'interno del nostro territorio. Promuovendo la cosiddetta "filiera corta", possibilmente biologica o a lotta integrata, vogliamo favorire l'incontro fra la domanda e l'offerta riducendo il più possibile i passaggi di intermediazione. I vantaggi derivanti sono: elevata qualità del prodotto, minor costo del prodotto stesso per il consumatore, più guadagno per i produttori, riduzione dei costi di trasporto, riduzione inquinamento, migliore tracciabilità dei prodotti, diminuire le produzioni di colture a scopi energetici (biomasse) privilegiando quelle alimentari. A questi soggetti va dunque rivolta l'attenzione dell'amministrazione comunale, che ne deve incentivare lo sviluppo e il consolidamento, rafforzando in questo modo gli anelli produttivi dell'economia reale, troppe volte subordinata alle esigenze di un mercato finanziario/speculativo.
Rivalutare e tutelare il nostro cono collinare attraverso la valorizzazione alla coltivazione dei nostri uliveti.
Il nostro territorio è così bello e apprezzato nel mondo anche grazie agli interventi antropici che si sono susseguiti nel corso dei secoli. In particolare la zona collinare è decorata mirabilmente dagli uliveti. Quindi riveste un ruolo di primaria importanza la valorizzazione e la considerazione di questi, favorendo e riattivando la loro coltivazione attraverso specifiche misure atte alla commercializzazione del meraviglioso prodotto che si ottiene. Azioni: Introduzione di un marchio di qualità certificato che identifichi precisamente il nostro territorio (Es..DOP Cortona) un po' sulla falsariga della DOC dei vini. Riportare la gente volentieri negli uliveti permettendo la costruzione di strutture di ricovero in legno, esteticamente ben fatte, per le attrezzature agricole, la conservazione del prodotto e per poter trascorrere serenamente con i familiari ed amici il tempo libero. Dovrà esserci un piano regolatore per vincolare tali nuove costruzioni alla non trasformabilità nel tempo ad altri usi .

Orti Sociali

Diffondere l'agricoltura familiare tra la popolazione, favorire alcune classi sociali disagiate come gli anziani e i disoccupati e in ultimo dare al comune un' immagine più positiva ai fruitori di questa iniziativa.
In questo contesto il comune potrebbe dividere in piccoli lotti i propri terreni inutilizzati e trasformarli in orti sociali assegnando gli stessi tramite un bando comunale stabilendone i criteri ed i requisiti per tutta la durata dell'affidamento. Consideriamo che in molti terreni sono già presenti pozzi artesiani per l'irrigazione che possono fornire acqua con spesa contenuta.
Il riordino e la manutenzione di questi terreni favorirà, oltre che la nascita di prodotti alimentari, l'aggregazione ed il miglior aspetto del territorio: un luogo curato attrae maggiormente ed incentiva il suo progressivo miglioramento.
Eventualmente si può cercare di coinvolgere alcune aziende del settore florovivaistico quali fornitori delle piantine e delle sementi utilizzate nei vari orti. La loro sponsorizzazione potrebbe abbassare leggermente i costi per il comune promuovendo al contempo l'economia locale.
Sarebbe bene che all'interno degli orti comunali l'uso di prodotti di sintesi come diserbanti e anticrittogamici venisse bandito allo scopo di proteggere la salute dei consumatori finali dei prodotti degli orti e di promuovere la cultura dei soggetti affidatari.
Eventualmente si potrebbero tenere dei piccoli corsi didattici allo scopo di formare gli utenti sprovvisti di esperienza pratica di agricoltura in modo che gli orti possano essere anche veicolo di cultura e di informazione e non solo un aiuto pratico all'economia familiare.
Rivalutazione del proprio territorio e di ciò che esso è in grado di offrire e preservazione
dell'immenso patrimonio di conoscenze di cui i produttori locali sono depositari
Il nostro territorio è ricchissimo di tesori che pochi conoscono: tipicità agricole, antiche varietà orticole che vengono tramandate di generazione in generazione .
Dobbiamo individuare quelle varietà avvalendoci di organi come era tempo fa l'A.R.S.I.A. che aveva il compito istituzionale di salvaguardare la biodiversità toscana.
Individuata una lista di varietà (si potrebbe contattare anche l'associazione Civiltà Contadina, i contadini custodi e altre che lavorano da anni nel nostro territorio nazionale) si potrebbe istituire un bando per le aziende agricole interessate alla produzione specifica (grano, cocomeri, cipolle, zucche , meloni ,pomodori o frutti come mele o pere o albicocche) che lavorino con metodi che garantiscano la sicurezza alimentare dei frutti (agricoltura integrata); a questo punto il ruolo del comune sarebbe di stabilire un patrocinio di queste varietà dichiarandole di interesse e permettendo ai produttori di promuoversi a livello sia nazionale che internazionale (tramite internet, il comune ha un sito e si potrebbe aggiungere una pagina ad hoc).
Questo darebbe impulso non solo all'immagine del comune di Cortona a livello pubblico ma anche e soprattutto alla nostra agricoltura locale che ora come ora langue tra coltivazione per il biocarburante e terreni agricoli che vengono abbandonati in quanto non redditizi.
Individuare censire aree e stabilimenti pubblici inutilizzati destinandoli all'utilizzo di nuove
attività artigianali e commerciali
Gli edifici del comune andrebbero utilizzati per promuovere START-UP e piccole medie imprese per favorire sia il reintegro di persone disoccupate, in cassa integrazione o persone svantaggiate dalla riforma
Fornero.
Occorre creare dei laboratori dove maestri artigiani possono tramandare la loro arte ai giovani, al fine di creare una "mostra mercato del livello di Cortona antiquaria"con alta risonanza pubblicitaria per le ditte artigianali interessate.
Possiamo affiancare anche il ripristino di vecchi mestieri ormai quasi dimenticati come "la lavorazione del ferro battuto,la lavorazione del rame, la lavorazione del legno, quale intaglio, intarsio, la lavorazione del vetro, la costruzione di muri "a secco" etc.
La collaborazione tra maestri ed allievi darà vita alla creazione di oggetti che poi saranno venduti a Cortona durante la stagione estiva, e non è escluso l'estensione della vendita (attraverso internet) anche fuori i confini nazionali. I proventi andranno a coprire i costi delle giornate di lavoro spese dai maestri artigiani.
AFFITTO zero in cambio di una piccola provvigione sugli utili, in questo caso il Comune avrebbe la funzione di "Socio". Occorre negoziare con le banche locali finanziamenti o garanzie a bassi tassi come è la logica del fondo PMI del Movimento 5 Stelle.

Non escluso che si possa dare la possibilità alle nuove imprese di acquistare l'immobile a sconto delle provvigioni corrisposte (tipo provvigione a riscatto).
Evitare nuovi insediamenti della grande e media distribuzione favorendo l'apertura di negozi di vicinato nel centri storici urbani e paesi limitrofi
La crisi economica ha penalizzato tanti esercizi commerciali che hanno dovuto chiudere . E' necessario individuare le forme più opportune per rilanciare i piccoli negozi evitando nuovi insediamenti della grande e media distribuzione. Dobbiamo trovare soluzione ed aiuti per i gestori dei negozi del centro. Dovranno essere ripensate tutte le altre manifestazioni fondate sull'offerta di oggetti di scarsa qualità. Occorre che siano i titolari degli esercizi commerciali "stanziali" ad essere coinvolti ed aiutati introducendo sgravi ed incentivi fiscali ove fosse possibile. Il Movimento Cinque Stelle ribadisce la sua ferma opposizione all'apertura di nuovi super/ipermercati sul territorio comunale.
Sostegno alle forme di consumo critico (es. Gruppi di Acquisto Solidali), incentivazione
apertura punti di distribuzione e promozione diretta dei prodotti del territorio
Un Gruppo di Acquisto Solidale è un gruppo di persone che acquistano all'ingrosso prodotti alimentari o di uso comune, da ridistribuire fra loro.
La crescita numerica dei GAS e di coloro che vi partecipano sta diventando un fenomeno che inizia ad interessare anche altri soggetti in quanto possono svolgere un ruolo importante nel sostegno alla piccola e media attività agricola; riconoscere il lavoro della terra con la determinazione di un "giusto prezzo".
I G.A.S. devono ampliare il loro interesse economico verso gli artigiani, i trasporti, i servizi ecc.
Il Movimento Cinque Stelle si propone di andare a costituire una rete dei produttori definendo un percorso diorganizzazione e di presentazione delle aziende e dei prodotti.


INTEGRAZIONE E SICUREZZA


Evitare la ghettizzazione di aree cittadine non integrate - Potenziamento di consultori e
sportelli per prendere contatto con le realtà disagiate
E' necessario realizzare un piano di riforma e riqualificazione dei consultori familiari, per ampliarne il potenziamento che prevedeva la presenza, al loro interno, di una componente sociale, psicologica, di sostegno alle responsabilità familiari ampia e articolata.
E' necessario sensibilizzare la cittadinanza affinché possa convivere con i nuovi immigrati mediante incontri,iniziative ricreative e manifestazioni, soprattutto all'interno delle istituzioni scolastiche.
Proponiamo di incentivare ed ampliare la presenza di sportelli informativi per dare supporto e sostegno agli immigrati e a chi ne è a stretto contatto.
Riconoscimento, sviluppo e sostegno delle attività di volontariato
Dobbiamo garantire nell'ambito del Comune attività solidaristiche integrative attivate in una logica di complementarietà e non di sostituzione degli operatori pubblici o dei servizi di propria competenza sotto forma di volontariato.
L'amministrazione individuerà quali siano le associazioni di volontariato con le quali collaborare fornendo a loro spazi e risorse a fronte di un programma di lavoro ben concordato.
I programmi svolti, al loro termine, verranno sottoposti ad un ordine di controllo per dare parere vincolante dall'amministrazione sull'opportunità di continuare o no la collaborazione.
Il servizio di volontariato può essere effettuato per le seguenti attività o servizi:
a. assistenza scolastica, comprensiva della collaborazione con la Polizia Municipale per i servizi diregolamentazione della circolazione stradale in ambito scolastico e/o durante le cerimonie religiose e le manifestazioni a carattere culturale, sportivo e civile.;
b. manutenzione aree verdi, aiuole ed utilizzo aree comunali a verde;
c. vigilanza edifici scolastici, aree verdi, parchi giochi
d. assistenza ed apporto ai servizi bibliotecari
e. varie ed eventuali

Favorire l'assegnazione di appalti alle aziende locali a parità di condizioni economiche /
qualitative
Per sostenere e favorire l'impresa locale proponiamo "Appalti a km zero": un regolamento per la disciplina delle gare di appalto pubbliche che, a determinate condizioni di qualità ed efficienza, favorisca le aziende residenti sul territorio.
Proponiamo di emettere bandi frazionandoli in base alle singole attività richieste in modo da favorire l'assegnazione ad aziende locali e di piccola dimensione. Ne usciranno anche importanti risparmi, inoltre il capitale viene rinvestito nel territorio sia sotto forma di tasse che di consumi.
Nel caso di opere pubbliche, occorre promuovere con appositi bandi le reti di impresa, formate da ditte locali che possano affiancare gli appaltatori delle opere da realizzare.
Garantire e vigilare per il rispetto dei diritti dei lavoratori e dei CCNL nei capitolati ed
appalti.
Sempre più spesso assistiamo, anzi abbiamo assistito al mancato rispetto delle condizioni contrattuali da parte di aziende che si sono aggiudicate appalti del servizio Mensa / Trasporto.
Su questo punto, crediamo che una Amministrazione seria debba vigilare sul rispetto dell'applicazione delle clausole previste dai CCNL, ma non solo, dovrebbe anche prevedere obblighi e clausole rescissorie ed eventualmente penali in caso di non rispetto delle stesse, il tutto a garanzia dei lavoratori che si trovano a passare di volta in volta ad altra azienda subendo spesso e volentieri le suddette ripercussioni.
Collaborazione tra Polizia Municipale e altre Forze dell'ordine per una maggior controllo e
prevenzione - Prevedere specifici corsi scolastici in collaborazione con le forze
dell'ordine per istruire agli alunni l'Educazione Stradale
Il tema della sicurezza è un valore chiave della convivenza civile e deve essere un impegno primario delle amministrazioni locali. Per il Movimento 5 Stelle va effettuato un cambio di rotta rispetto all'attuale politica sulla sicurezza, che vede tagli continui alle risorse e alle forze dell'ordine. Questo settore va potenziato, a garanzia di una maggiore sicurezza sia nei contesti urbani che stradali.
- aumento degli organici delle forze dell'ordine e potenziamento delle risorse
- definizione degli standard minimi che ogni servizio dovrà fornire ai cittadini
- monitoraggio delle zone di degrado (accampamenti abusivi, fabbricati abbandonati, ecc.)
- implementazione degli impianti di videosorveglianza
- Manutenzione dello spazio pubblico come manutenzione della sicurezza urbana (migliore
illuminazione, taglio siepi, ecc.); attivazione di sportelli per assistenza alle vittime di reati;
- Istituzione del vigile di quartiere
Tanto si può fare per il miglioramento delle tecnologie a disposizione della Pubblica Amministrazione e con l'istituzione del vigile di quartiere si potrà dare il via a quella raccolta di informazioni che possono creare un database informativo, importante per la tutela della nostra incolumità e per il coordinamento tra le forze di presidio territoriale.
Incentivazione al controllo e verifica delle realtà che beneficiano di sgravi e sconti sulle utenze e servizi.
Premesso che un'amministrazione deve essere da sempre attenta e sensibile verso coloro che si trovano in situazioni di disagio socio-economiche, riservando verso tali soggetti benefici e sgravi sulle tariffe dei servizi e quanto altro, contestualmente è anche doveroso che la stessa Amministrazione sia altrettanto attenta e vigile affinché, a beneficiare di tali sgravi siano effettivamente coloro che ne hanno diritto, questo attraverso specifici controlli amministrativi, calati sulla realtà effettiva del tasso di vita sostenuto dai soggetti stessi.
Questo si rende necessario onde tutelare coloro che ne hanno effettivamente bisogno, scoraggiando e sanzionando coloro che ne utilizzano impropriamente magari a scapito dei veri soggetti aventi diritto.

In collaborazione con l'ASL, rafforzare campagne di sensibilizzazione verso gli animali,
applicando specifiche sanzioni in caso di maltrattamenti e abusi.
la Dichiarazione Universale dei Diritti degli Animali, proclamata nella sede dell' UNESCO a Parigi il 15 Ottobre 1978, all'art.6 sancisce che:
a) Ogni animale che l'uomo ha scelto per compagno ha diritto ad una durata della vita conforme alla sua naturale longevità.
b) L'abbandono di un animale è un atto crudele e degradante. In collaborazione con L'ASL vorremmosensibilizzare la popolazioni in materia di :
•Ordinanze, identificazione e registrazione degli animali domestici
•Fenomeno del randagismo: numeri, stime, cause e conseguenze
•Campagne di sensibilizzazione contro i maltrattamenti degli animali
•Promozione dell'adozione e delle sterilizzazione
•Campagna di sensibilizzazione degli abbandoni: stime, cause e conseguenze


SCUOLA - CULTURA - SPORT - SOCIALE


Censimento e sostegno delle famiglie sotto la soglia di povertà - Sostegno dei nuclei familiari formati da coppie under 30
Onde favorire la nascita di nuovi gruppi familiari nonostante la crisi che sta rallentando gli stessi, trovare risorse da destinare a coloro che intendono formare un nuovo nucleo familiare.
Se ciò fosse possibile, si verrebbe a creare un piccolo sviluppo locale, favorendo la ripartenza e occasioni di lavoro per le attività del territorio.
Sempre nell'ottica di una visione attenta e vigile, in un momento di particolare difficoltà come quello che stiamo attraversando, un' Amministrazione deve porre particolare attenzione alle famiglie che vivono sotto la soglia di povertà.
Ad esse, l'Amministrazione, anche con la collaborazione di Asl, Direzione Didattica e altri enti interessati, deve cercare di offrire un sostegno e una garanzia di servizi minimi ed essenziali al fine di garantire loro una degna vivibilità.

Miglioramento e riqualificazione delle scuole


L'amministrazione dovrà operare affinché gli studenti di tutte le scuole, ed in particolare di quelle a carico della gestione comunale, possano studiare in ambienti più confortevoli, possano disporre degli strumenti più adatti per accedere a livelli sempre più alti del sapere, avendo a disposizione spazi adeguati cui accedere per acquisire competenze e sperimentare conoscenze.
L'amministrazione dovrà diventare soggetto attivo nelle politiche scolastiche tramite il confronto diretto con il personale scolastico e le famiglie. Attraverso incontri periodici con i soggetti coinvolti,l'amministrazione acquisirà gli elementi necessari ad elaborare la propria iniziativa a favore della scuola.
Essendo la biblioteca di Cortona non accessibile a tutti per la collocazione, soprattutto per il settore infanzia, proponiamo l'ampliamento in locali adeguati della Biblioteca di Camucia.
L'amministrazione dedicherà particolare attenzione affinché la Biblioteca comunale possa avere risorse economiche ed umane adeguate e possa rafforzare la rete che collega Cortona a Camucia.
La Biblioteca comunale dovrà operare affinché si diffondano sempre più le attività ad essa legate.
Dovranno essere promossi progetti ed iniziative volti ad un maggiore coinvolgimento dei Cittadini per ampliare in modo considerevole il bacino di utenza dei servizi bibliotecari estendendoli anche alla località limitrofe.
Riapertura delle mense locali - Sviluppo di orti scolastici e ora agricola ove possibile,
Trasporto Scolastico a prevalenza locale - psicologa a scuola
Alcune plessi scolastici del comune di Cortona posseggono delle mense. Occorre riaprire le mense non utilizzate rendendole a norma ove necessario. Per gli acquisti delle mense scolastiche o comunque gestite dal comune, optare , ove possibile, di reperire prodotti a "km zero" cioè provenienti da attività del territorio Cortonese o limitrofo. Questo porta : conoscenza e trasparenza dei prodotti alimentari utilizzati, impiego di forza lavoro locale, diminuzione degli imballaggi e diminuzione delle emissioni di CO2 determinate dal trasporto di merci provenienti da luoghi non vicini a Cortona. Nel contempo possiamo utilizzare i prodotti degli orti sociali che il comune potrebbe acquistare. Verranno sviluppati menù atti ad abituare gli alunni a mangiare in modo genuino promuovendo prodotti di stagione coltivati, magari, da loro stessi.
Sempre per dare occupazione vorremmo provvedere al trasporto scolastico con aziende prevalentemente locali.
In questi ultimi tempi si parla tanto di problematiche adolescenziali e bullismo all'interno della scuola, per questo vorremmo fornire un servizio di appoggio psicologico per gli alunni della scuola secondaria.
Vorremmo la presenza di una psicologa all'interno della scuola almeno un giorno alla settimana che possa ricevere gli alunni qualora si rendesse necessario.
Lotta alla Ludopatia e gioco d'azzardo, con campagne informative preventive e istituzione
corsi di disintossicazione e divieto di nuove concessioni
La ludopatia non è solo un fenomeno sociale, ma è una vera e propria malattia, che rende incapaci di resistere all'impulso di giocare d'azzardo o fare scommesse. Di recente, il DDL 13/9/2012 n. 158 (art. 5), ha inserito la ludopatia nei livelli essenziali di assistenza (Lea), con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da questa patologia. E' importante e significativo che tale problematica sia tra le priorità del programma, perché anche le istituzioni locali possano intervenire con decisione e prontezza vietando nuove concessioni e prevedendo centri di prevenzione,istituzioni e disintossicazione.


Centralità della persona ed assistenza sociale

Il repentino invecchiamento medio della popolazione richiede di migliorare i provvedimenti volti all'assistenza verso gli anziani e occorre rendere più accessibili i servizio verso i disabili. Proponiamo pertanto di:
Favorire la nascita associazioni di incontro, condivisione e comunità per ritrovare senso di socializzazione e mutuo soccorso
Progressivo incentivo allo sviluppo dell'assistenza alle persone non autosufficienti prevedendo formazione permanente di personale

Servizio gratuito di trasporto pubblico - sgravi utenze e servizi a persone anziane sole con pensione sociale minima
Creazione sportello specifico per valutazione persone e famiglie in difficoltà
Completo abbattimento delle barriere architettoniche a favore dei diversamente abili e favorire il loro massimo comfort e rispetto
Naturalmente è essenziale la collaborazione di tutti i cittadini per le segnalazioni di disservizi attualmente esistenti.
Sviluppo di attività teatrali e letterarie a Camucia ormai svuotata di questi contenuti -
Programmare manifestazioni e iniziative volte a stimolare e sostenere sia il profilo
turistico, commerciale e produttivo - Rivalorizzazione luoghi (Piazze) e strutture
polivalenti per favorire gli incontri, la socializzazione e l'apprendimento.
Camucia è la frazione più popolata del comune di Cortona e non ha un teatro. Proponiamo la realizzazione di un teatro polifunzionale atto ad ospitare attività quali: proiezione di film di seconda visione, rappresentazioni teatrali, ritrovi di circoli letterari, convegni, ecc. Lo stesso può essere utilizzato per far suonare gruppi musicali locali. Il teatro può essere realizzato recuperando aree ed immobili dismessi.
Proponiamo inoltre di realizzare iniziative socioculturali in collaborazioni con i commercianti del luogo a secondo delle loro esigenze, da tempo una libreria locale vorrebbe fare a Camucia il "FESTIVAL DEL LIBRO".
Il Parlamento Europeo ha approvato recentemente "Europa Creativa 2014-2020", il nuovo programma pensato per i settori audiovisivo, culturale e creativo, possiamo quindi provare ad accedere a questi fondi per la realizzazione di manifestazioni culturali.
Istituzione del NONNO VIGILE per valorizzare le persone anziane ancora efficienti e dare un aiuto concreto alla prevenzione all'uscita da scuola
Per sollevare le forze dell'ordine dai troppi incarichi e per dare la possibilità ai nostri "NONNI" di partecipare attivamente alla vita cittadina vorremmo istituire la figura del NONNO VIGILE.
Il servizio si articola su prestazioni giornaliere preventivamente concordate con il comune in collaborazione con le forze dell'ordine, che andranno a coprire prioritariamente gli orari di entrata e uscita delle scuole.
Progettare un unico settore giovanile a livello comunale atto a favorire un miglior sviluppo sportivo e un utilizzo armonizzato delle risorse e risultati efficienti

Istituzione di una Consulta dello Sport

Realizzare nell'ambito comunale un progetto che abbia come scopo quello di aggregare tutte le società sportive dilettantistiche di calcio a livello di settore giovanile, arrivando ad ottenere un solo ed unico settore giovanile comunale. Eliminare il più possibile i contributi economici, seppur a volte limitati, elargiti solo a scopi elettorali o di compiacenza senza alcuna valutazione progettuale sportiva della Società ricevente.
- Unico settore giovanile sotto l'osservazione vigile e costante dell'assessorato allo sport
- uno sfruttamento più capillare ed omogeneo delle attuali strutture presenti nel territorio comunale che invece oggi vengono sfruttate male e poco
- sicuramente miglior manutenzione e gestione delle stesse, attraverso un miglior sfruttamento delle risorse economiche disponibili, evitando dispersione delle stesse senza un adeguato controllo del suo reale investimento.
- programmare di anno in anno investimenti di strutture mirati concentrandoli su un particolare territorio strategico, facilmente raggiungibile, centrale ove nel giro di un quinquennio è possibile realizzare un centro polisportivo funzionale ed efficiente anziché investire a caso senza un criterio costruttivo
- miglior efficienza per effetto di personale qualificato e professionale di un livello alto che può essere invogliato ad andare a lavorare in un settore giovanile numeroso
- possibilità di poter mettere in evidenza qualità ed eccellenze di giovani appartenenti ad un settore giovanile importante con possibile attenzione da parte di Società importanti.
- possibilità di organizzare servizi di trasporto collettivo per i giovani atleti.
- istituire una Consulta dello Sport quale organo consultivo del Comune che contribuisce alla determinazione della politica sportiva e delle scelte amministrative operate in questo settore mediante proposte e pareri nel pieno rispetto della differenziazione dei ruoli che assegna unicamente al "Consiglio Comunale" la funzione di indirizzo e programmazione.

I candidati a Cortona

  • user-pic
    Andrea Cenni
  • user-pic
    Carlo Di Matteo
  • user-pic
    Chiara Marcelli
  • user-pic
    Denise Vinagli
  • user-pic
    Fabrizio Fierli
  • user-pic
    Guido Calosci
  • user-pic
    Marco Pellegrini
  • user-pic
    margherita fierli
  • user-pic
    Matteo Scorcucchi
  • user-pic
    Pasquale Bruni
  • user-pic
    patrizia cecchelani
  • user-pic
    Stefano Rondoni

Pagine

Archivio

Partecipa ai nostri eventi


   © 2010 www.movimento5stelle.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons