Aprile 2016 Archives

Gentile Presidente del Consiglio Comunale di Ciampino,

in qualità di capogruppo del Movimento 5 stelle di Ciampino La informo che i portavoce consiglieri, Marilena Checchi Marco Bartolucci e Daniele de Sisti non prenderanno parte alla seduta del Consiglio Comunale del 29 aprile 2016.
I motivi di tale decisione, maturata dopo un attento esame della questione, sono scaturiti dal comportamento dell'amministrazione "politica" del Comune che, per l'ennesima volta, non ha garantito e rispettato i diritti di informazione e di partecipazione politica e democratica di tutti i consiglieri comunali, privandoli della possibilità di partecipare e contribuire alla programmazione della gestione della "cosa pubblica" attraverso la disamina degli atti propedeutici all'approvazione del bilancio di previsione 2016.

Ci riferiamo al lavoro svolto nelle commissioni Economico-Finanziarie che si sono tenute in queste ultime settimane, alle quali ai consiglieri che sono stati chiamati a partecipare non è stato garantito se non la presenza formale volta a simulare una minima apparenza di democrazia. Ci riferiamo alle inaccettabili condizioni in cui ci siamo trovati a lavorare, di assoluta confusione e mancanza di informazioni dettagliate e comprensibili, al continuo ritardo col quale sono stati a noi consegnati gli atti propedeutici che, come previsto dalla legge stessa, devono pervenire ai commissari nei tempi stabiliti e necessari al fine di un attento esame degli stessi. La mole di contenuti ed informazioni che ci avete chiamato ad analizzare nelle condizioni precedentemente illustrate rappresentano un argomento importantissimo per l'interesse della comunità ciampinese, ossia come gestire i "soldi pubblici", ricchezze che appartengono solo ed esclusivamente ai cittadini e che nel loro rispetto vanno esaminate attentamente.

Riteniamo, quindi, una mancanza di serietà la partecipazione ad una discussione al consiglio comunale in oggetto che si prospetta costruita sull'impari conoscenza dei dati da valutare; non parteciperemo ad un processo decisionale che definirà la gestione delle risorse pubbliche raggiunta senza la garanzia della fondamentale partecipazione democratica e trasparente di tutti i consiglieri di tutte le forze politiche. Lasciamo alla maggioranza, l'unica vera partecipe della stesura del bilancio preventivo, l'onore di approvarlo e di garantirne la funzionalità e la trasparenza.

Continueremo il nostro lavoro attraverso lo studio attento e necessario della questione, sperando - e pretendendo - che in futuro ciò non si ripeta.

Si prega di dar lettura della presente in apertura del Consiglio Comunale allo scopo di rendere pubblica questa nostra protesta.

Il dolore per la perdita del nostro caro Gianroberto Casaleggio e' enorme ma ognuno di noi è convinto che per onorare la sua memoria la migliore reazione sia continuare a far vivere le idee di democrazia, di onestà, di comunità e di amore, che hanno dato vita a questo bellissimo mondo chiamato MoVimento 5 Stelle.

Gianroberto vive in ogni nostro gesto, in ogni giornata di battaglia di ogni singolo attivista, vive nella voglia di cambiamento che e' essa stessa vita. Il suo ricordo e il suo impegno sapranno dare, oggi piu' che mai,quel vigore che la malattia ha tolto al suo fisico ma non ai suoi, ai nostri ideali.

La nostra promessa puo' essere solo quella di mantenere l'impegno che tutti insieme abbiamo preso con questo paese, provando a non disattendere mai i principi dell'ontestà intellettuale e morale che ci hanno guidati fin qui. Ripartiamo con te sempre nel cuore.

Buon viaggio Grande Uomo!

Il gruppo consiliare M5S di Ciampino

Vogliamo tornare anche noi sull'argomento IGDO tanto per ribadire quanta importanza abbia per i cittadini ciampinesi la vicenda ad esso legata e per rispondere al comunicato rilasciato dal PD di Ciampino a difesa dell'infelice posizione presa dall'amministrazione e dalla maggioranza sull'ipotesi di acquisizione del complesso.

Non siamo certo sorpresi dai toni usati in apertura del comunicato, i soliti toni risolutivi con cui si decreta "non la mancanza di volontà politica, ma la certificata impossibilità tecnica e finanziaria" ad acquisire l'IGDO, e neppure dall'affermazione successiva sull'opposizione che - sostiene il PD - non avrebbe una effettiva soluzione in mano perché - sostiene ancora il PD - sulla questione "nessuna alternativa è realisticamente e responsabilmente praticabile". Ci preme però capire la dinamica che ha ha portato l'ex Assessore al BILANCIO Giovanni Terzulli, ora Sindaco di Ciampino, ad affermare poco meno di due anni fa, nel suo programma elettorale, la volontà di acquisire a patrimonio pubblico il complesso quando il costo stimato al momento della redazione del programma era di almeno 7 Milioni d'euro contro l'attuale base d'asta di 1,5 Milioni d'euro: o si è scritto irresponsabilmente e irrealisticamente un programma elettorale prima - facendo quella demagogia che oggi il Sindaco ha premurare di attribuire all'opposizione, M5S in primis - conoscendo appunto alla perfezione i conti comunali in quanto assessore al bilancio - oppure nel frattempo ha cambiato indirizzo politico tradendo il mandato ricevuto, i suo elettori e la cittadinanza che vorremmo ricordare dovrebbe rappresentare nella sua totalità.

Con questo secondo comunicato, il PD ha nuovamente distratto l'attenzione dal reale tema in oggetto - l'acquisizione dell'IGDO e l'incoerenza programmatica che sta dimostrando - verso un'invettiva contro l'opposizione, accusata di incompetenza, di pressappochismo fatto di interventi sommari e palesemente privi di preparazione che denoterebbe una "mancanza di conoscenza tecnico-amministrativa e storico-culturale del bene stesso".

Innanzitutto vorremmo sapere come sia riuscito il nostro il Sindaco a valutare così attentamente le istanze dell'opposizione dato il suo atteggiamento distratto in aula e la palese indisposizione all'ascolto; poi ci incuriosisce il riconoscimento più che positivo dedicato al collega Boccali, non tanto per il merito dell'intervento del quale condividiamo tutto quanto detto, ma per il fatto che quello di Gente Libera è stato un intervento assolutamente critico rispetto all'operato della Giunta e del Sindaco e a tratti fortemente ironico che non lasciava spazio a interpretazioni rispetto alla sua condanna assoluta.

Ci teniamo inoltre a sottolineare alcune cose: la "dialettica democratica viene mortificata", vero, ma dall'atteggiamento della maggioranza stessa, del Sindaco e della Giunta che evitano come sempre di fare un minimo di autocritica di fronte alle tante rimostranze dell'opposizione e dei cittadini stessi riducendo il famoso confronto democratico alle repliche della capogruppo Perinelli, peraltro fischiata dai cittadini nel tentativo di deviare l'attenzione dalle critiche. La "scarsa capacità di ruolo" e l'"assenza di strategia politica e di visione" sono quelle dell'assessore e del Sindaco che in due anni non hanno saputo dare nemmeno prova di un tentativo nel centrare l'obiettivo promesso ai cittadini: l'acquisizione al patrimonio dell'IGDO. Sono stati capaci di imporre una maggior spesa ai cittadini sui servizi di igiene urbana senza remora alcuna di ''vessare'' i contribuenti ma hanno ritenuto opportuno decidere da soli che spendere qualcosa in più per l'IGDO era un'ipotesi impraticabile. Intendono, dunque, questo per confronto democratico, trasparenza, lungimiranza, i nostri signori del PD?

Riguardo al "carattere familistico" ricordiamo solo una cosa: lo staff del sindaco è ''pateticamente'' (per citare il loro stesso comunicato) composto in parte da parenti di membri della maggioranza. Il carattere familistico che contraddistingue la storia dell'IGDO, invece, è ben altra cosa: riguarda la storia di numerose famiglie della nostra città, famiglie a cui si dovrebbe rispetto per essere la nostra memoria, il fulcro del nostro passato.

Il politico è un cittadino che indirizza l'amministrazione attraverso degli ideali di governo che mirano ad un paese migliore, se siamo d'accordo su questo allora avere un Sindaco che amministra come un ragioniere è come trovarsi in commissariamento politico vale a dire zero strategie, zero ideali.

Dimenticavamo di citare l'affermazione finale: "Siamo noi quindi, come PD Ciampino, a tenere alta e puntuale l'attenzione, che il nostro territorio merita, sui problemi della città, con impegno politico e organizzativo, elementi di un partito che è capace di esprimere posizioni avanzate e strategiche nell'interesse generale del Paese, contrastando in modo aperto e rigoroso ogni tentativo di ridurre la politica a pura demagogia e strumentalizzazione". Se non è autoreferenziale questo... Invece di continuare a propinarci la retorica del confronto democratico - che sono i primi a disattendere miserevolmente - il PD di Ciampino iniziasse a dare risposte a TUTTI i cittadini, spiegando perché non si procede IMMEDIATAMENTE ad una conversione assoluta ad uso pubblico dell'area, spiegando perché nel suo programma il Sindaco ha promesso un IGDO pubblico ed oggi non trova i soldi; ci spieghi come faceva l'assessore preposto a non sapere che ci sarebbe stata un'asta e ci spieghi, infine, il Partito Democratico che concetto ha di città e di comunità perché nella fretta di insultare gli altri sta facendo confusione su quale sia l'indirizzo politico che sta dando alle sue scelte di governo!

About this Archive

This page is an archive of entries from Aprile 2016 listed from newest to oldest.

Marzo 2016 is the previous archive.

Giugno 2016 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.