Dicembre 2014 Archives


Ciampino, 24 dicembre 2014

Scomodiamo anche noi il maestro Shakespeare visti i titoli odierni di alcune testate locali: ''Tanto rumore per nulla'' titola il Mamilio citando Giovanni Terzulli, sindaco di Ciampino, su questa ancora poco chiara vicenda della sua presunta autosospensione cautelativa e delle nomine delle società partecipate ASP e Ambi.en.te, nomine ritenute dall'opposizione conflittuali a livello normativo e politico e che probabilmente hanno spinto l'amministratore unico di ASP alle dimissioni. E allora noi vogliamo titolare ''la commedia delle nomine e delle sospensioni'' (per rifarci alla Commedia degli errori, il più farsesco dei testi dell'opera shakespeariana che riteniamo, quindi, più appropriato) il nostro comunicato che racconta tutto e il contrario di tutto rispetto ad una giornata di ordinaria follia amministrativa, svoltasi durante la ancor meno chiara sessione del consiglio comunale di lunedì 22 dicembre, per il quale i consiglieri non hanno ricevuto alcun documento né ordine del giorno. Partiamo dal mistero della sospensione / non-sospensione del sindaco per tre mesi: "Ho solo consegnato al mio vice, Carlo Verini, la delega per le nomine - dice Terzulli - l'opposizione crea confusione solo per legittimare la sua presenza in aula". Ci scuserà il signor sindaco se l'opposizione - legittimata a stare in aula dai voti dei cittadini che lui rappresenta - ha chiesto chiarimenti in merito trovandosi di fronte ad una notizia del genere che in parallelo riguarda il primo cittadino con le sue responsabilità e la gestione delle società partecipate ciampinesi. Fumosi chiarimenti che Giovanni Terzulli ritiene di aver fornito ai suoi colleghi e che non menzionano alcuna sospensione ma una decisione cautelativa di delegare Verini alle firme delle nomine manageriali delle partecipate di Ciampino. La domanda sorgerà spontanea ai ciampinesi quanto a noi: decisione cautelativa rispetto a cosa?! Se il conflitto di interesse dei soggetti presenti nel CDA delle società non ha motivo di esistere per la maggioranza e se, come dice Terzulli, le dimissioni dell' amministratore unico di ASP, Capozzi, inficiano automaticamente le accuse di inconferibilità di incarico e salvano lo stesso sindaco da una possibile sospensione prefettizia per palese sottovalutazione degli impedimenti normativi che ostavano alle nomine degli amministratori delle due municipalizzate ciampinesi, perché non siglare personalmente le nomine? Quale è la vera notizia che merita un comunicato? Di cosa sta parlando il Sindaco di Ciampino? Di una agenzia stampa? Di un'iniziativa delle minoranza? No perché è lui stesso che informa il Consiglio del fatto che agendo in autotutela, ha preferito farsi fuori sulle nomine di sua competenza, delegando il Vice Sindaco, il fido Carlo Verini . E non sottolinea un elemento "tecnico" che è l'unico che gli potrà permettere di dribblare una certa sospensione: con le dimissioni (suggerite? Imposte?) dell'Amministratore unico di ASP, Enrico Maria Capozzi, cade la materia del contendere e quindi si agevola la delicata e personale situazione di Giovanni Terzulli. I meccanismi del teatro classico - che evidentemente il sindaco conosce ma applica male nei suoi riferimenti citando l'opera sbagliata - dopo scambi di identità, truffe, imbrogli, equivoci, vorrebbero condurre il lettore ad un finale felice
Ciampino5stelle.it
Comunicato n. 2014-017
dove la verità, finalmente, trionfa. Avremmo voluto continuare la discussione ed arrivare a questo lieto fine anche noi,
dove l'eroe protagonista vince e ogni sospetto lascia spazio alla chiarezza. Purtroppo, invece, nella vita reale la
''chiarezza'' possiamo chiamarla ''trasparenza'', e il lieto fine di solito si conquista con ben più aspre lotte.
Tanto è che i chiarimenti non sono arrivati e il Consiglio è volto repentinamente al termine perché (ma che bella
coincidenza, proprio con quei colpi di scena tipici della commedia dell'Arte) i signori consiglieri del PD sono dovuti
scappare per partecipare al Consiglio della Città Metropolitana, sì proprio quella "giostra" dove gli eletti nominano sé
stessi. E sempre in attesa di qualche possibile "velina " su #mafiacapitale & dintorni.
''Dobbiamo governare'' ripete il mantra del Sindaco al suo staff. Ovviamente, ma lo si fa, se permette Terzulli
ispirandosi ai principi di trasparenza e correttezza sui quali ogni forza politica ha basato il proprio programma di
governo.
Nonostante il poco roseo orizzonte delineato da queste ultime inverosimili vicende, vorremmo approfittare per
augurare ad ogni lettore, attivista, simpatizzante e curioso, un Natale pieno di energia sostenibile, di gustosi banchetti
a Km 0, dove lo scambio dei doni più preziosi sarà quello degli abbracci dei vostri cari, e un anno nuovo che sia l'alba
del cambiamento di questo bellissimo paese.
Il gruppo consigliare M5S e gli attivisti tutti


Ciampino, 19dicembre 2014
Nonostante il cambio dell'ordine del giorno, la fiacchezza del post pranzo (forse dipeso anche dal notevole dispendio di energia impegnata in dichiarazioni di onestà, trasparenza, estraneità, condanna, per quanto sta accadendo con i fatti di mafia capitale, da parte di rappresentati di forze politiche di destra, di sinistra, di coalizioni con un pizzico dell'una e una spolverata dell'altra...), nonostante pure il prematuro abbandono dall'aula di una parte dell'opposizione, siamo orgogliosi di comunicare che il gruppo consiliare M5S ha ottenuto all'unanimità l'approvazione della mozione su Fondi Europei "Programmazione 2014 - 2020".
I dati sui quali questa mozione è stata consolidata fanno spavento: a Ciampino tra il 2007 e il 2013, abbiamo ottenuto fondi strutturali della Regione Lazio per un (magro) totale di 302,423 Euro corrispondenti ad 11 progetti presentati a fronte dei 42 progetti, presentati nello stesso arco tempo temporale, da Marino per un totale 9,8 milioni di euro, e dei 33 presentati da Frascati pari a 15,4 milioni di euro.
Di queste migliaia di Euro registriamo una percentuale di circa il 91% di investimento in acquisto di beni e servizi e poco più del 9% in incentivi alle imprese. All'interno di queste percentuali riscontriamo un preoccupante dato relativo ai settori in cui si è investito che vedono istruzione, ricerca e formazione ben al di sotto del 10%.
Considerate, poi, le emergenze relative ad aeroporto, mobilità e traffico, integrazione di nomadi e gestione emergenza campo la Barbuta, le condizioni miserrime in cui versano i nostri reperti archeologici, la situazione di scandalosa precarietà degli asili nido, e raffrontatele con le percentuali di investimento pari allo 0% in settori come l'ambiente, l'inclusione sociale, i trasporti, la cultura e il turismo, l'infanzia e gli anziani, solo per citarne alcuni. Neppure il rafforzamento della Pubblica amministrazione sembra esser stata una priorità negli ultimi sette anni: anche qui l'investimento è dello 0%. Non si tratta solo di un'occasione persa ma di incapacità di utilizzare le risorse che la comunità metta a disposizione come parte di un progetto unitario quale dovrebbe essere quello dell'Europa.
Con l'approvazione della mozione, quindi, si è riusciti ad impegnarel'amministrazione ciampinese a rendere immediatamente prioritario l'accesso ai fondi europei che rappresentano un imprescindibile strumento strategico per finanziare la crescita e lo sviluppo locale di tipo partecipativo proposto dalla Commissione Europea, per raggiungere gli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva del territorio per i prossimi anni fissati dalla Strategia Europa 2020.
I nuovi fondi europei stanziati per la sola Regione Lazio sono disponibili nella misura di 1 miliardo e 77 milioni di Euro, di cui andrà a sommarsi una quota di co-finanziamento nazionale di 24 miliardi di cui il 30% regionale, oltre alle risorse strutturali o indirette (che assegnano all'Italia ben 32,2 miliardi di euro nel settennato 2014-2020), l'Europa mette a disposizione ben 185,7 miliardi di euro per il finanziamento di programmi tematici diretti, in settori quali: la ricerca, l'ambiente, la mobilità, l'istruzione, la cultura, l'innovazione, l'energia sostenibile. L'attivazione di tali risorse avverrà tramite l'ufficio dedicato Europa/Euro Desk. Questo ufficio dovrà, finalmente, svolgere un ruolo ''operativo" nell'intercettazione di bandi d'interesse messi a disposizione, e coordinarsi di volta in volta con gli uffici istituzionali al fine di porre in essere i finanziamenti di cui sopra. L'Euro Desk diventerà in tal modo uno strumento di coordinamento ed un punto di riferimento per tutte le realtà e gli attori economici presenti sul nostro territorio (imprese, associazioni, organizzazioni non-profit etc.).
Non intendiamo festeggiare questo piccolo successo con fuochi d'artifici, anzi, abbiamo chiesto con una mozione ''Fuochi d'artificio'' - approvata dopo alcune modifiche proposte dalla maggioranza - di impegnare il Comune ad un attento controllo dell'uso di materiali pirotecnici, la cui pericolosità per i cittadini, gli animali e l'ambiente è troppo spesso sottovalutata. Questa vuol essere anche una preghiera ad ogni lettore che festeggerà presto l'arrivo del nuovo anno: la propria gioia, l'entusiasmo, l'allegria esprimiamoli senza ''botti'; i nostri amici animali, soprattutto, ci ringrazieranno.
È stata, invece, chiesta una modifica alla Mozione Richiesta risarcimento a danno procurato al Comune di Ciampino tramite sentenza Corte d'Appello di Roma n. 201 0/10 e sentenza TAR 6870/12 relativa all'esproprio di Via Spada, ritardando nuovamente la discussione in aula. Ma non molliamo e faremo luce su quanto i cittadini stanno pagando per mancanze e incompetenza non loro.
Ultimo dato da segnalare: sono stati nominati i membri della Consulta per le Pari Opportunità, che vede oltre ai membri di diritto di cui fa parte anche la nostra portavoce Marilena Checchi, i seguenti membri a titolo personale: Giuliana Bevilacqua, Farida Criseo, Monica Della Rocca, Rosanna Dimitri, Bruna Di Nicola, Giorgia Farci, Valeria Giannandrè, David Manfredi, Eleonora Manieri, Alessio Mennecozzi, Franca Moretti, Romina Pelli, Fabiana Pranzo, Luisa Russo, Cristina Sanna, Annunziata Somma, Daniela Spiri, Giuliana Tersigni, Bianca Zama. A tutti i membri in carica per la durata della consiliatura auguriamo un buon lavoro

Il gruppo consigliare M5S e gli attivisti tutti
_____________________
Link correlati:
Ciampino http://www.opencoesione.gov.it/territori/comuni/ciampino-comune/
Marino http://www.opencoesione.gov.it/territori/comuni/marino-comune/
Frascatihttp://www.opencoesione.gov.it/territori/comuni/frascati-comune/

Ciampino, 03 dicembre 2014
Si apre con un po' di ritardo la seduta del Consiglio di venerdì 28 novembre 2014 con all'ordine del giorno una lunga lista di atti presentati. Con un graduale abbandono dei consiglieri dall'aula, la mancanza del numero legale non ha permesso di discutere tutti i punti in agenda. Delle quattro mozioni presentate dal M5S elencate di seguito, solo le prime due sono state affrontate:
1) Mozione relativa a richiesta avvio e partecipazione ai tavoli volti al progressivo superamento del Villaggio attrezzato La Barbuta;
2) Mozione con oggetto proposta di creazione Registro Tumori e Patologie del Territorio su standard Georeferenziato;
3) Mozione Fondi Europei "Programmazione 2014 - 2020";
4) Mozione Richiesta risarcimento a danno procurato al Comune di Ciampino tramite sentenza Corte d'Appello di Roma n. 201 0/10 e sentenza TAR 6870/12
La Barbuta. La situazione ingestibile dell'attuale Villaggio attrezzato La Barbuta in termini di alloggi, documentazioni anagrafiche, condizioni igieniche e sanitarie critiche, difficoltà nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti, problematicità generali di scolarizzazione, inserimento lavorativo, sta via via inasprendo anche i rapporti con i cittadini e minando le possibilità di integrazione che ogni essere umano dovrebbe veder garantite.
La criticità sociale legata a questo tema - che riguarda tutta Roma e non solo il nostro territorio - ha spinto Regione Lazio e Città di Roma alla creazione di tavoli di lavoro per le politiche e interventi finalizzati a creare le condizioni per l'inclusione sociale delle popolazioni ''Rom, Sinti e Camminanti'' in continuità con gli indirizzi normativi europei e nazionali e determinare, così, il progressivo superamento dei campi attraverso una strategia che ruota attorno a quattro assi portanti: lavoro, casa, scuola e sanità.
Scopo della mozione presentata e APPROVATA - fortemente sostenuta anche dal capogruppo SEL Guglielmo Abbondati - è l'impegno per l'avvio di un tavolo di confronto tra Roma Capitale, Municipio VII e il nostro comune insieme al Reparto NAE della Polizia Municipale, alle associazioni, le cooperative e gli stessi rappresentanti della comunità Rom, assessorati e commissioni competenti.
Ciampino è l'esempio lampante di come il Piano Nomadi voluto dal sindaco Alemanno si sia tradotto in niente altro che una politica degli sgomberi con un conseguente aumento di piccoli insediamenti abusivi che hanno aggravato ulteriormente la situazione di pericolosità e degrado legata alle popolazioni nomadi a Roma. Tutto questo in evidente conflitto con normative europee e strategie nazionali per il progressivo superamento di villaggi come quelli della Barbuta in favore di una politica di inclusione sostenibile per tutti.
Sarebbe stato semplice cavalcare la preoccupante onda di intolleranza per raccogliere consensi, come alcune forze politiche stanno facendo ignobilmente in questo momento; la serietà dell'impegno preso con i cittadini ci vuole in prima linea anche su posizioni che potranno in principio essere impopolari ma che crediamo possano gettare le basi per una vera risoluzione del problema e dell'emergenza legata al fenomeno degli insediamenti nomadi. L'approvazione di questa mozione ci fa ben sperare rispetto ad una collaborazione totale all'interno dei gruppi consiliari al fine di rispondere presto al disagio che i cittadini, tutti, stanno vivendo.
L'altra mozione affrontata, invece, non ha trovato l'appoggio dei membri del Consiglio Comunale. La proposta di creazione di un Registro Tumori e Patologie del Territorio su standard Georeferenziato che serve a raccogliere elaborare e registrare dati statistici completi di una determinata area del territorio, validati scientificamente ed essenziali per la ricerca sulle cause del cancro. Questo permette il monitoraggio territoriale e può contribuire efficacemente all'individuazione di cause ambientali che concorrono alla sua diffusione e ne facilita l analisi patologica. La creazione di tale registro, di cui attualmente se ne contano 43 su tutto il territorio nazionale, comporta un intervento economico irrisorio per le amministrazione pubbliche. Non c'è stata volontà politica nel realizzarlo e la mozione è stata respinta dalla maggioranza con la motivazione, espressa dal Sindaco, che la Georeferenzazione non si basa su dati scientifici completamente certi.
Attendiamo il prossimo consiglio per discutere e far approvare le altre due mozioni su Fondi Europei "Programmazione 2014 - 2020" (incredibile ma vero, nell'ultimo settennato 2007-2013 il Comune di Ciampino ha lasciato quasi del tutto inutilizzati gli strumenti per attingere alle risorse finanziarie europee nell'ambito della progettazione europea!) e la Mozione Richiesta risarcimento a danno procurato al Comune di Ciampino tramite sentenza Corte d'Appello di Roma n. 201 0/10 e sentenza TAR 6870/12 relativa all'esproprio di Via Spada (quanto volte i cittadini dovranno pagare?!).
Ce la faremo a costruire un'opposizione degna di nota. Intanto noi andiamo avanti con la consapevolezza di essere liberi di trattare ogni problema di questo territorio con serietà e impegno estraneo ad ogni pregresso coinvolgimento...
Il gruppo consigliare M5S e gli attivisti tutti

About this Archive

This page is an archive of entries from Dicembre 2014 listed from newest to oldest.

Novembre 2014 is the previous archive.

Gennaio 2015 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.