View; MT.commentIds = [];

Mozioni, interrogazioni e delibere a 5 stelle: resoconto dei primi atti depositati dal gruppo consiliare M5S a Ciampino.

user-pic
Vote 0 Votes


Ciampino, 8 Luglio 2014
Il lavoro dei nostri tre portavoce procede a vele spiegate: rispettando la scadenza del 7 Luglio, il gruppo M5S ha presentato i primi atti aprendo ufficialmente la stagione dei lavori dell'opposizione in seno alla nuova giunta a cui non daremo tregua!
Di seguito troverete l'elenco degli atti e alcune notizie esplicative sulle tematiche affrontate. Sarà nostra cura aggiornare prontamente e costantemente i cittadini rispetto ai progressi fatti. Vi invitiamo, comunque, ai nostri infopoint del sabato e alle nostre riunioni pubbliche per approfondire tutte queste tematiche insieme, e raccogliere anche i vostri suggerimenti.

1) Proposta di deliberazione su diretta streaming delle sedute del Consiglio Comunale;
2) Richiesta ai sensi dell'art.34, comma 6, dello Statuto comunale per discutere, valutare (e di conseguenza informare la cittadinanza) rispetto il progetto Print Xa2 e come si intende procedere a riguardo;
3) Mozione per richiedere l'adesione al progetto ''Lumière'' ENEA e l'ammodernamento degli impianti di illuminazione a costo zero tramite società di tipo ESCo;
4) Mozione per richiedere intervento per ripristino/messa in sicurezza della "Chiesuola" sita in Via dei Laghi;
5) Mozione sul Randagismo e civiltà;
6) Mozione relativa alla Salvaguardia del territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati (OGM).

1) A seguito della numerose richieste da parte della cittadinanza, in virtù di un governo democratico che promuova la partecipazione alle questioni di pubblico interesse e, in generale, alla gestione della "cosa
pubblica", in ottemperanza alle indicazioni in materia di trasparenza presenti nel TUEL così come in linea con il D.Lgs.n. 82/2005 (Codice dell'amministrazione digitale), il M5S chiede al consiglio comunale di dare mandato al Sindaco del Comune di Ciampino ad attivarsi presso gli uffici competenti, avviando le procedure necessarie per la realizzazione tecnica delle dirette streaming e on demand delle sedute del Consiglio Comunale, e la costituzione di un archivio delle riprese dei suddetti, da rendere sempre disponibili sul sito di supporto a quello istituzionale, il cui indirizzo deve essere debitamente pubblicizzato sul sito istituzionale finché quest'ultimo non sarà reso adatto a supportare un tale servizio.

La gestione della ''Res Publica'' non deve più essere un affare privato di pochi ma un esercizio democratico ed alla portata di tutti!

2) Il Programma Integrato Print X2a - Ciampino, che interessa un'area di 381.000 metri quadrati compresa tra il Grande Raccordo Anulare e il confine con il Comune di Ciampino, è stato presentato da un gruppo di privati (la cui componente maggioritaria è associabile al Gruppo Cavicchi) e approvato dalla Giunta Capitolina guidata da Alemanno, con la Deliberazione n. 272 del 22 maggio 2013, che non ha tenuto conto - commettendo un grave vizio procedurale - del parere del VII Municipio principale interessato nell'attuazione di tale piano di lavoro.

Attraverso i PRINT, gruppi di privati ottengono ristrutturazioni e permessi in cambio di riqualificazioni di parti del territorio urbano e della creazione di opere pubbliche: insomma, una sorta di alternativa all'esproprio, come suggeriscono diversi esperti, a cui il VII Municipio e ancora di più il Comune di Ciampino sembrano destinati a doversi adeguare senza diritto di replica.
Ma quali sono le opere maggiori previste da questo ambizioso progetto (del valore stimato di 38 milioni di Euro) e perché il M5S con questa Interrogazione chiede al Comune di Ciampino di prendere una posizione ferma in merito?

La costruzione di una tangenziale che attraverserebbe l'area verde di Gregna, l'area industriale di Ciampino (Via Bandinelli e via Lucrezia Romana) e sottopasserebbe la linea ferroviaria connettendo così Tor Vergata e l'Appia. Tradotto: stiamo parlando di un vero e proprio ''Raccordo bis'' che congestionerebbe con un ulteriore approccio all'urbanizzazione, la mobilità nella zona di Morena passando in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico e interessata da un bacino di falde acquifere;
La creazione di un mercato comunale su via Bandinelli con riqualificazione delle aree limitrofe. Tradotto: un nuovo centro commerciale delocalizzato che segnerebbe un ennesimo colpo all'economia della nostra cittadina;
Creazione delle nuova stazione ferroviaria Ciampino 2: un nodo di scambio gomma-rotaia piazzato nel bel mezzo del cono di volo dell'aeroporto, dove la criticità è valutata con una inquietante ''A'' a significare il rischio più alto in assoluto per la popolazione rispetto alle attività aeroportuali.

E se non bastasse, ricordiamo alla cittadinanza che su buona parte dell'area interessata, esistono n. 62 abusi edilizi - imputati al gruppo Cavicchi - considerati insanabili (sulla demolizione il TAR si pronuncerà a Ottobre): bisogna ritenere il PRINT un progetto per la cittadinanza o un escamotage per sanare e aumentare del 25% la cubatura a disposizione del gruppo Cavicchi?

Gli interventi previsti interessano, dunque, in modo globale il Comune di Ciampino sia dal punto di vista urbanistico e commerciale che della mobilità e del patrimonio archeologico, tutto sotto un cappello di inaccettabile violazione della legalità.

3) Chi di voi ricorda le incoraggianti parole del neo sindaco Terzulli il giorno del suo insediamento rispetto alla necessità di riqualificare l'illuminazione pubblica puntando ad un risparmio di risorse energetiche ed economiche? Bene, se l'intenzione è quella di procedere in questo senso, i nostri amministratori non avranno problemi di sorta nell'accettare la nostra proposta, presentata con una Mozione al consiglio, di adesione al progetto Lumière ENEA e ammodernamento degli impianti di illuminazione a costo zero tramite società di tipo ESCo (le ''Energy Service Companies'' che, in pratica, offrono - a costo zero per l'ente pubblico o l'azienda - la diagnosi, il progetto, gli interventi di miglioramento e la gestione energetica post intervento. Stipulano con l'ente pubblico o l'azienda un particolare contratto che consente loro di retribuirsi con i risultati dell'intervento e con gli incentivi nazionali all'efficienza energetica e alle rinnovabili, utilizzando, quando necessario, il meccanismo del Finanziamento Tramite Terzi).

Questo progetto di Ricerca e Trasferimento strutturato da ENEA ha come obiettivo quello di promuovere l'efficienza energetica nel settore dell'illuminazione pubblica ed in particolare favorire la riduzione dei consumi di energia elettrica degli impianti d'illuminazione dei Comuni.

Sono diverse le realtà comunali da portare come modello nelle quali la sostituzione delle lampade tradizionali con quelle a LED ha permesso un risparmio del 50% sulla bolletta dell'energia elettrica: Modena, con la norma "CieliBui", ha risparmiato, per esempio ben 400mila euro in 9 mesi.

Un cambio di rotta non è solo necessario per il nostro ambiente che stiamo depauperando in modo irreversibile ma è auspicabile in termini economici: un'amministrazione che si preoccupa di 33 euro lordi di gettone presenza in commissione sarà ben lieta di abbracciare progetti i cui ritorni per le casse comunali rappresenterebbero un risparmio che andrebbe ben oltre le poche migliaia di euro...

4) Purtroppo dobbiamo registrare un altro cedimento - occorso a giugno - nell'area archeologica della Villa di Messalla Corvino: il tetto della ''Chiesuola''- la vecchia chiesetta su via dei Laghi - è crollato lasciando l'affresco interno esposto alle intemperie e, senza copertura, con il rischio che possa sparire completamente. Il M5s ha, pertanto, presentato una Mozione affinché il Comune intervenga urgentemente presso la Soprintendenza per i Beni Paesaggistici ed Ambientali predisponendone l'immediato ripristino/messa in sicurezza.

Ricordiamo che l'intera area che include la "Chiesuola", due casali seicenteschi e i rinvenimenti archeologici della Villa di Messalla è stata riconosciuta l'8 ottobre 2013 patrimonio culturale d'interesse mondiale dal World Monuments Fund ed inserita nel 2014 nel World Monuments Watch.

Inoltre, ricordiamo che l'articolo 4 dello Statuto Comunale sancisce che il Comune di Ciampino promuove tutte le iniziative necessarie alla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale del proprio territorio.

5) "La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali". Ogni comunità è soggetta al criterio universale enunciato dal maestro Mahatma Gandhi, e Ciampino non è esente.

Ritenendo necessario applicare quanto previsto nel Regolamento Comunale per la tutela degli animali (art. 2, comma 2: ''Il Comune di Ciampino opera affinché sia promosso nel sistema educativo dell'intera popolazione, e soprattutto in quello rivolto all'infanzia, il rispetto degli animali e il principio della corretta convivenza con gli stessi''), una Mozione che chiede al Comune un atto di civiltà verso una solidarietà che va ben oltre la "specie": con semplici indicazioni ai commercianti e alle attività sul territorio, potremmo garantire una ciotola d'acqua fresca per cani e gatti randagi di passaggio in modo che possano dissetarsi in maniera regolare.
6) Non in ultimo, è stata presentata la Mozione che chiede al Comune di attivarsi per contrastare la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati nell'ambito del nostro territorio, a salvaguardia della salute umana, dell'ambiente e della biodiversità agraria, cioè delle produzioni agricole peculiari del territorio comunale, verificando la disponibilità dei Comuni limitrofi ad attivarsi congiuntamente.

Un mondo migliore, crediamoci, non è solo auspicabile. È possibile!

Lo staff CM5S

About this Entry

This page contains a single entry by Daniele De Sisti published on 09.07.14 12:21.

Il M5S alla presidenza della Commissione Tecnica e Urbanistica. was the previous entry in this blog.

Consiglio Comunale 14/07/2014 is the next entry in this blog.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.