Roma

11 passi per portare a Roma il cambiamento di cui ha bisogno


  • POLITICHE SOCIALI

    Il Movimento 5 Stelle pone al centro dell’azione di governo della città le politiche sociali, quale strumento in grado di rispondere ai bisogni delle fasce più fragili della popolazione tanto più che le recenti vicende di Mafia Capitale hanno mostrato chiaramente come tale settore sia stato utilizzato per lucrare sulla pelle delle persone più deboli. Per scardinare il sistema bisogna partire da un puntuale controllo sulle modalità di gestione e utilizzo delle risorse, favorendo la proposizione ed il rafforzamento di progettualità che si sono dimostrate realmente efficaci e rimpiazzando quelle che hanno mostrato e raggiunto scarsi risultati, ricollocando al centro il bisogno del cittadino e la persona stessa. Occorre, quindi, riorganizzare i servizi e le molteplici aree di intervento nelle quali si sostanzia l’azione pubblica. Per ciò che concerne i minori in difficoltà, ad esempio, sarà privilegiata la soluzione dell’affido piuttosto che l’inserimento in casa famiglia. Per ciò che concerne i senza tetto, saranno preferite soluzioni che mirino al loro reinserimento sociale, ove possibile. Per i disabili sarà promossa la centralità dell’individuo, restituendo a lui e alla sua famiglia la possibilità di scegliere le modalità di realizzazione di quella che viene definita “vita indipendente”. Sarà poi costituito, in tutti i municipi, un Punto Unico di Accesso (P.U.A.) a gestione pubblica, al fine di semplificare, per i cittadini, l’accesso alle informazioni e ai servizi forniti dall’Amministrazione a tutti i livelli. Saranno incrementati gli sportelli antiviolenza, antiemarginazione e contro ogni tipo di discriminazione, nonché di supporto contro le ludopatie. Per ciò che concerne la gestione dei campi Rom, saranno attuate le misure già previste dalla Comunità Europea, come recepite dal Governo, relativamente al progressivo superamento dei campi stessi. In tema di immigrazione invece, occorrerà un rafforzamento della cooperazione con il Comitato per l’Ordine e la sicurezza al fine di evitare situazioni, vere o potenziali, di conflitto sociale, puntando ad una reale politica di integrazione. Il Movimento 5 Stelle Roma intende porre in essere, quindi, tutto quanto necessario affinché nessuno sia lasciato indietro.


    LINEE DI AZIONE

    Obiettivi integrati
    ● Richiesta al Governo di esclusione dal Patto di Stabilità degli investimenti riconducibili alle politiche sociali.

    ● Creazione e/o revisione sistemi di accreditamento dei vari organismi;

    ● Progettazione e approvazione del nuovo piano regolatore sociale in applicazione della Legge Quadro n. 328/00;

    ● Superamento della delibera comunale n. 355/12 per l’assistenza domiciliare rivolta ad anziani, minori e disabili e revisione dei relativi criteri;

    ● Apertura ed uniformità dei P.U.A (Punto Unico di Accesso) con accorpamento al Segretariato sociale ANZIANI

    ● Supporto alla creazione di condomini solidali;

    ● Nuovo regolamento dei centri anziani, favorendone l’utilizzo come centro polifunzionale;

    ● Incentivazione del volontariato comunale.

    Minori
    ● Revisione del funzionamento delle case famiglia e potenziamento di progetti relativi all’affido;

    ● Prevenzione e contrasto ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo;

    ● Censimento dei minori stranieri non accompagnati e adozione di progetti mirati volti al progressivo affido.

    Politiche Giovanili
    ● Verifica degli esiti dei progetti riguardanti i centri d’aggregazione giovanile e di tutti i progetti rientranti nella Legge 285/97;

    ● Creazione forum di discussione fra i giovani e l’Amministrazione per favorire la loro partecipazione alle scelte politiche;

    ● Favorire lo scambio formativo tra scuole e atenei e l’Amministrazione.

    Detenuti
    ● Organizzazione e valorizzazione di esperienze di reale riabilitazione;

    ● Ridefinizione e rilancio dei protocolli d’intesa tra l’Amministrazione e il Ministero della Giustizia e della figura del Garante dei detenuti;

    Accoglienza
    ● Organizzazione e promozione di iniziative per una Roma città accogliente e tollerante nei confronti di tutte le diversità;

    ● Supporto alla strutturazione dei centri anti­violenza, valorizzando lo strumento della semi­autonomia e degli sportelli d’ascolto.

    Dipendenze
    ● Verifica dei progetti in essere e rilancio anche in seguito a de­finanziamento dell’ ACT (Agenzia Comunale delle Tossicodipendenze)

    ● Revisione e applicazione del regolamento comunale sul gioco d’azzardo per prevenire e contrastare fenomeni di ludopatia.

    Senza fissa dimora
    ● Revisione dei piani di “emergenza freddo” ed “emergenza caldo” favorendo un passaggio ad un sistema strutturato e non più strettamente emergenziale;

    ● Centri di solidarietà sociale centri h24 per senza fissa dimora maggiormente diffusi sul territorio capitolino;

    ● Progetti sperimentali di cohousing.

    Immigrazione, inclusione, intercultura
    ● Distribuzione equa dei migranti su tutti i Municipi Romani e conseguente verifica puntuale degli obiettivi di integrazione, vigilando sulle infiltrazioni del malaffare;

    ● Superamento e chiusura graduale dei campi Rom in linea con la Strategia Nazionale ed europea e senza ulteriore aggravio per il bilancio comunale; ● Lotta ai roghi tossici, con sorveglianza e monitoraggio della filiera illecita;

    Disabilità
    ● Revisione dell’attuale sistema dell’assistenza domiciliare con costruzione del Progetto di vita personalizzato ed integrato e valutazione del fabbisogno tramite classificazione c.d. “ICF” (Classificazione internazionale della disabilità e della salute);

    ● Costituzione elenco potenziali professionisti per il reperimento delle risorse umane destinate all’assistenza e al sostegno dei disabili;

    ● Supporto per progetti di co­housing e revisione del sistema case famiglia;

    ● Riforma consulte municipali con uniformazione delle linee guida.


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Richiesta al Governo di esclusione dal Patto di Stabilità degli investimenti riconducibili alle politiche sociali;

    ● Revisione della regolamentazione sull’assistenza domiciliare ad anziani, minori e disabili;

    ● Apertura ed internalizzazione dei Punti Unici di Accesso.


    FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DI ROMA

    I Fondi Europei sono un bacino di risorse economiche per investimenti destinati a Roma, di cui il M5S vorrebbe usufruire per promuovere e creare una città sostenibile, inclusiva e innovativa. I Fondi europei sono dunque uno strumento prioritario tramite il quale il M5S pianificherà azioni a beneficio della città di Roma. In un contesto di riduzione delle risorse economiche nazionali, delle risorse proprie degli Enti locali e di esigenza del contenimento della spesa pubblica, si rende imprescindibile un deciso miglioramento e incremento dell’utilizzo di tali opportunità. Il M5S intende favorire l’utilizzo dei fondi europei da parte di Roma Capitale, per attuare una programmazione sia a breve che a lungo termine.


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Gestione efficace dei fondi europei.

    ● Promozione dei progetti finanziabili.

    ● Potenziamento dei servizi di assistenza alla cittadinanza.

SCARICA E DIFFONDI
GLI 11 PUNTI PER ROMA

 

DONA



Per far uscire Roma da questa situazione di stallo non ci accontentiamo più delle promesse, c’è bisogno di legalità e trasparenza ma soprattutto c'è bisogno di te. Il Movimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato ai rimborsi elettorali anche per l’attuale legislatura, si sostiene con l’autofinanziamento e il supporto di tutti gli Italiani convinti che la nuova politica non debba avere niente in comune con le pessime abitudini della vecchia. Contribuisci con una donazione su questo sito o durante una delle nostre manifestazioni, è importante che tu ci sia, perché la tua partecipazione attiva è per noi l’aiuto più grande. Ogni spesa sostenuta per questa campagna sarà rendicontata su questo sito e l'eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S.
Grazie del tuo supporto.


CARTA DI CREDITO


La raccolta delle donazioni tramite il mandatario si e' conclusa. Grazie a tutti per il supporto che ci avete dato.


BONIFICO




Il MoVimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali per l'attuale legislatura. La campagna per Virginia Raggi sindaco di Roma viene interamente finanziata dalle libere donazioni dei sostenitori del M5S, come avvenuto per tutti gli eventi precedenti. Ogni spesa sarà rendicontata e l'eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S. Grazie del tuo supporto.


Donazioni raccolte

€ 170.400,66


Donatori

9410

 
Spese sostenute

€ 177.012,77