Roma

11 passi per portare a Roma il cambiamento di cui ha bisogno


  • TUTELA DEL TERRITORIO

    Gran parte dell’area urbana e delle periferie versano in una condizione geofisica critica, tale da innescare fenomeni di dissesto idrogeologico ad ogni evento meteorico intenso. La gestione dei sistemi di protezione e drenaggio urbano è di competenza del Comune solo per una minima parte, mentre il grande delle responsabilità in materia idrogeologica è posto a carico di enti diversi. Ciò comporta ovviamente grandi difficoltà di coordinamento, e la mancanza di una gestione univoca impedisce di fatto,​la possibilità di affrontare con efficacia le problematiche idrogeologiche del territorio romano. Sarà primario obiettivo dell’amministrazione capitolina identificare una strategia che garantisca un coordinamento strategico e maggiore efficienza nella salvaguardia idrogeologica del territorio. Altro aspetto da tutelare è l’esposizione della città ai rischi ambientali delle aree ad elevata criticità. Sarà quindi un onere dell’Amministrazione capitolina garantire, in collaborazione con gli enti di governo e verifica preposti, un controllo attento delle attività di risanamento ambientale della Discarica di Malagrotta,​e delle azioni di protezione delle aree limitrofe agli otto stabilimenti a rischio incidente rilevante e al deposito provvisorio dei rifiuti nucleari, presso il sito della Casaccia. Il contesto romano si apre ad altre necessità territoriali diffuse e rilevanti per il benessere cittadino e a carico dell’amministrazione Capitolina quali, il monitoraggio della qualità dell’aria, la rimozione dell’amianto, la gestione dell’acqua del Servizio Idrico Integrato, il controllo dell’elettrosmog, la zonizzazione acustica e il risparmio energetico. Per ognuno di questi aspetti, le proposte di risoluzione dell’amministrazione a 5 Stelle punteranno a riportare la tutela del territorio e dell’ambiente al centro delle strategie di governo cittadino.


    LINEE DI AZIONE

    Dissesto idrogeologico
    ● Razionalizzazione della difesa del suolo attraverso una Cabina di Regia Comunale sul Dissesto Idrogeologico, con i seguenti compiti assegnati: rapporti istituzionali con gli enti di governo del territorio che curano la tematica; coordinamento delle attività dei dipartimenti comunali interessati; identificazione di strategie efficaci per monitoraggio, controllo e gestione della problematica; informazione, formazione e comunicazione.

    Risanamento ambientale e gestione delle aree critiche
    ● Discarica di Malagrotta: attivazione di adeguati strumenti di pressione e verifica sulla bonifica di Malagrotta a carico del gestore;

    ● Stabilimenti a Rischio Incidente Rilevante: controllo e divulgazione delle informazioni sulle criticità degli Stabilimenti e verifica e aggiornamento dei Piani di Emergenza per il Rischio Incidente Rilevante nel rispetto della nuova Direttiva Seveso III;

    ● Area di Stoccaggio Rifiuti Radioattivi della Casaccia: azioni di verifica per avere aggiornati tutti gli elementi di tutela e garanzia di salvaguardia della cittadinanza.

    Inquinamento atmosferico
    ● Miglioramento della rete di monitoraggio della qualità dell’aria urbana, per rendere più efficace il rilevamento delle sorgenti di contaminazione.

    ● adozione di misure di reale contrasto all’inquinamento atmosferico, come ad esempio la riduzione progressiva del traffico veicolare privato e l’incentivazione all’uso dei mezzi ibridi e/o elettrici; il sostegno alla riqualificazione energetica degli edifici; la progressiva riduzione dell’utilizzo di energia da fonti fossili.

    Servizio idrico integrato
    ● Riorganizzazione dell’assetto societario di ACEA ATO2 S.p.A in ottemperanza al Referendum sull’Acqua;

    ● Riformulazione della Convenzione di Gestione con ACEA ATO2 S.p.a. attraverso l’ente di governo d’ambito;

    ● Inserimento nello Statuto di Roma Capitale del concetto del “Diritto all’Acqua”;

    ● Maggiore trasparenza delle attività di ACEA ATO2 verso la cittadinanza;

    ● Monitoraggio degli interventi sui sistemi di depurazione e fognatura;

    ● Coinvolgimento del Garante del servizio idrico integrato, nelle attività di controllo del Servizio Idrico;

    ● Avvio di un monitoraggio delle fontanelle pubbliche.​

    Amianto
    ● Progressiva bonifica dell’amianto presente nelle strutture pubbliche comunali;

    ● Apertura in ogni Municipio di uno sportello informativo sull’amianto.

    Elettrosmog
    ● Revisione del regolamento comunale attualmente in vigore e, ove possibile, applicazione di criteri maggiormente stringenti per la tutela della salute pubblica.

    Zonizzazione acustica
    ● Elaborazione delle Mappature Acustiche,

    ● Strategie e di Piani di Azione per la riduzione dell’esposizione al rumore, ove questi non siano già attuati.

    Risparmio energetico
    ● Elaborazione di Audit Energetici degli immobili comunali per identificare gli interventi di efficientamento energetico idonei;

    ● Aggiornamento e/o definizione di piani e programmi di manutenzione degli impianti più energivori;

    ● Progressiva sostituzione dei lampioni stradali con sistemi più efficienti; ● Attività di formazione e informazione sulle norme di risparmio energetico nell’amministrazione Capitolina;

    ● Implementazione di soluzioni contro lo spreco di acqua nelle strutture capitoline; ● Attivazione di Sportelli Informativi sull’Efficienza Energetica.


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Creazione di una Cabina di Regia Comunale per una gestione efficiente delle problematiche legate al dissesto idrogeologico ed azioni conseguenti;

    ● Progressiva bonifica dell’amianto presente nelle strutture comunali;

    ● Maggior attenzione allo spreco energetico degli edifici pubblici comunali;


    IL VERDE PUBBLICO

    Negli ultimi vent’anni la città di Roma ha subito profondi cambiamenti dal punto di vista urbanistico ma fortunatamente e ciononostante, rimane una città “verde”. Circa il 64% dell’intera estensione capitolina comprende, infatti, un patrimonio di verde estremamente diversificato, composto da parchi e riserve naturali, aree agricole, giardini e parchi pubblici, ville storiche e verde urbano, le cui competenze sono a loro volta distinte fra più gestori. Le aree verdi urbane costituiscono un patrimonio di grande valore e un parametro fondamentale per determinare il livello di qualità della vita nella nostra città. Il Movimento 5 Stelle presterà particolare attenzione ad aumentare gli standard qualitativi e di gestione del medesimo, offrendo anche la diretta partecipazione alla cittadinanza.


    LINEE DI AZIONE

    Identificazione di regole chiare sulle aree verdi e sulle modalità di gestione del Verde
    ● Redigere e Approvare un Regolamento per la Gestione del Verde Urbano;

    ● Redigere un protocollo sulle Best Practice da seguire per la progettazione dei nuovi interventi di qualificazione del Verde Urbano;

    ● Ridefinizione della mappatura delle aree verdi della città.

    Riorganizzazione della Direzione Gestione Territoriale Ambientale e del Verde del Dipartimento di Tutela Ambientale, con ruolo operativo di Program Management
    ● Elaborare Programmi annuali di Manutenzione del Verde e delle alberature;

    ● Migliorare la manutenzione del Verde e delle aree gioco;

    ● Ottimizzare l’utilizzo delle risorse umane, mezzi e attrezzature disponibili;

    ● Definire un rinnovato regolamento per gli acquisti delle forniture necessarie alla gestione del Verde (materiali, pezzi di ricambio, ecc.);

    ● Avviare un progressivo processo di riduzione dell’affidamento dei servizi connessi alla gestione del Verde a società esterne;

    ● Elaborare delle linee guida per promuovere lo sviluppo di impiantistica sportiva leggera pubblica;

    ● Definire programmi agronomici di ricerca e sviluppo con le Università;

    ● Individuare metodi di riutilizzo dei prodotti della manutenzione del Verde, con le tecniche più resilienti e di maggior risparmio economico per il Comune.

    Iniziative per il coinvolgimento della cittadinanza attiva e riorganizzazione e controllo delle concessioni a terzi
    ● A​ffidare alla collettività aree verdi comunali da manutenere;

    ● O​ffrire una “Seconda Vita” agli alberi abbattuti, dando la possibilità di realizzare opere scultoree del tronco residuato dal taglio;

    ● Promuovere lo sviluppo degli Orti Urbani;

    ● Attivare degli Osservatori Municipali sulla gestione del Verde;

    ● O​ffrire la possibilità di realizzare chioschi bar nelle aree verdi, a condizione che venga effettuata la manutenzione del Verde dell’area, attraverso la stipula di convenzioni, annualmente monitorate dall’amministrazione;

    ● R​ipristinare la legalità in tutte le concessioni e affidamenti di aree verdi già affidate ai privati (Punti Verde Qualità, Infanzia, Ristoro).


    SPIAGGE

    La complessa gestione delle spiagge del litorale romano è influenzata anche dall’utilizzo e dai bisogni connessi al turismo stagionale, il che richiede necessariamente un’attenzione simultanea nei confronti di diversi aspetti. Il Movimento 5 Stelle intende rendere il mare totalmente accessibile, valorizzare le aree costiere e tutelare i processi naturali per la ricostituzione delle dune e la morfologia costiera. Sarà quindi realizzata una fruizione nuova del lungomare, anche attraverso un rinnovato rapporto virtuoso con gli stabilimenti balneari del litorale.


    LINEE DI AZIONE

    ● Identificazione di nuovi parametri per le future concessioni delle spiagge che puntino al rispetto e alla tutela del delicato ambiente costiero;

    ● Attività di ripristino della legalità sulle spiagge dal punto di vista urbanistico, commerciale e ambientale;

    ● Definizione e approvazione del Piano attuativo di Utilizzazione degli Arenili (P.U.A.) e dello Strumento Urbanistico per gli Arenili (S.U.A.)

    ● Istituzione di un Tavolo Partecipato per l’individuazione di una nuova spiaggia per cani;


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Elaborare Programmi annuali di Manutenzione del Verde e delle alberature;

    ● Avvio di iniziative per il coinvolgimento della cittadinanza nella gestione del Verde;

    ● Definizione e approvazione di un piano di utilizzo sostenibile delle spiagge del litorale romano.


    M5S PROGRAMMA PER I DIRITTI E LA TUTELA DEGLI ANIMALI ROMA CAPITALE 2016

    A Roma si è riscontrato in passato un sistema di gestione inadeguato degli animali sia randagi che selvatici e la totale assenza della messa a regime delle norme vigenti. Il Movimento 5 Stelle ed il Sindaco, responsabile civilmente e penalmente degli animali del suo territorio e come massima autorità sanitaria, si impegneranno a ripristinare l’Ufficio Diritti Animali per far fronte ai casi di randagismo, e di concerto con le forze dell’ordine opereranno per vigilare sul rispetto della normativa vigente costantemente disattesa, per prevenire i reati a danno degli animali. La gestione dei canili/gattili pubblici sarà affidata tramite bandi di gara e non più tramite affidamento diretto, con la finalità principale di aumentare il potenziale di adottabilità degli animali anche tramite la creazione di un’a​rea del portale w​eb.


    LINEE DI AZIONE

    ● Ripristino dell’U​fficio comunale Diritti Animali e istituzione di un numero telefonico da contattare in caso di necessità

    ● Nuovo R​egolamento Tutela Animali​ del Comune di Roma

    Abolizione delle Botticelle r​omane e​ divieto di esercitare sul territorio comunale qualunque servizio di trasporto a trazione animale

    ● Progressiva riconversione del “Bioparco” in una struttura destinata all’accoglienza di animali esotici che siano frutto di sequestri e confische, ed estensione dell’attuale Centro Recupero Fauna Selvatica per gli animali che necessitino di assistenza o riabilitazione. Abbandono delle logiche commerciali legate alla strumentalizzazione degli animali tramite il loro acquisto, la creazione di nuove aree e la loro esposizione al pubblico

    ● Disincentivare l’attendamento di circhi con animali t​ramite emanazione di un Regolamento comunale N​o circhi e mostre itineranti con animali

    ● Affidamento della gestione dei cani e gatti randagi presenti all’interno delle strutture capitoline tramite bando di gara atto a garantire il benessere ed i diritti degli animali.

    Unita ̀mobile di pronto soccorso H24 i​n collaborazione c​on la Asl p​er animali randagi e selvatici

    ● Aumentare il numero di a​ree cani


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Abolizione delle Botticelle r​omane e divieto di esercitare sul territorio comunale qualunque servizio di trasporto a trazione animale​

    ● Riconversione del “Bioparco” mediante l’estensione del Centro Recupero Fauna (destinandolo all’accoglienza di animali che necessitino di assistenza, riabilitazione, e/o che siano frutto di sequestri e confische)

    ● Affidamento della gestione dei cani e gatti randagi presenti all’interno delle strutture capitoline tramite bando di gara

SCARICA E DIFFONDI
GLI 11 PUNTI PER ROMA

 

DONA



Per far uscire Roma da questa situazione di stallo non ci accontentiamo più delle promesse, c’è bisogno di legalità e trasparenza ma soprattutto c'è bisogno di te. Il Movimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato ai rimborsi elettorali anche per l’attuale legislatura, si sostiene con l’autofinanziamento e il supporto di tutti gli Italiani convinti che la nuova politica non debba avere niente in comune con le pessime abitudini della vecchia. Contribuisci con una donazione su questo sito o durante una delle nostre manifestazioni, è importante che tu ci sia, perché la tua partecipazione attiva è per noi l’aiuto più grande. Ogni spesa sostenuta per questa campagna sarà rendicontata su questo sito e l'eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S.
Grazie del tuo supporto.


CARTA DI CREDITO


La raccolta delle donazioni tramite il mandatario si e' conclusa. Grazie a tutti per il supporto che ci avete dato.


BONIFICO




Il MoVimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali per l'attuale legislatura. La campagna per Virginia Raggi sindaco di Roma viene interamente finanziata dalle libere donazioni dei sostenitori del M5S, come avvenuto per tutti gli eventi precedenti. Ogni spesa sarà rendicontata e l'eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S. Grazie del tuo supporto.


Donazioni raccolte

€ 170.400,66


Donatori

9410

 
Spese sostenute

€ 177.012,77