Roma

11 passi per portare a Roma il cambiamento di cui ha bisogno


  • TURISMO

    Il patrimonio artistico e culturale di Roma è uno straordinario bene comune da salvaguardare. Il turismo deve essere il punto di forza per il rilancio della città di Roma, sia a livello nazionale che internazionale. La reputazione turistica della capitale è peggiorata per via di vari problemi che affliggono la città e che si riflettono pesantemente anche nella percezione che ne ricava il turista,con conseguente ricaduta negativa che ne deriva a livello mediatico. E’ incredibile come Roma sia solo al quattordicesimo posto delle classifiche internazionali delle città più visitate al mondo e che due turisti su tre non ritornino dopo il primo soggiorno. Un altro indicatore significativo è la costante diminuzione del numero dei giorni che mediamente un turista trascorre a Roma. Le azioni che intendiamo intraprendere per riposizionare Roma tra le città più visitate al mondo sono: il contrasto all’abusivismo turistico/ricettivo in ogni sua forma; la lotta all’evasione del contributo di soggiorno e la effettiva destinazione del 10% dei relativi introiti a fini turistici; la cura del decoro cittadino, il miglioramento del trasporto, l’efficientamento dei sistemi di carico, scarico e sosta dei bus turistici; lo sviluppo di sistemi più evoluti di informazione e di promozione turistica; la promozione del turismo fieristico, congressuale e formativo attraverso la riorganizzazione dipartimentale, la costituzione di un “Convention Bureau” e la promozione di circuiti turistici alternativi.


    LINEE DI AZIONE

    ● Contrasto all’abusivismo in ogni sua forma;

    ● Sviluppo di sistemi evoluti di informazione e di promozione turistica, anche mediante l’utilizzo delle nuove tecnologie;

    ● Lotta all’evasione del Contributo di Soggiorno e destinazione del 10% a fini turistici ;

    ● Promozione del turismo fieristico, congressuale e formativo ;

    ● Promozione di percorsi turistici alternativi a carattere Municipale e tematico, con obiettivo la riqualificazione delle periferie, l'occupazione giovanile e il pieno impiego delle Guide Turistiche autorizzate.


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Potenziare l’efficacia dei siti del Comune con l’incremento del numero di lingue supportate.

    ● Promuovere accordi con le maggiori Agenzie di prenotazione on­line per contrastare l’evasione del Contributo di Soggiorno e l’abusivismo;

    ● Promozione del turismo fieristico, congressuale e formativo.


    GESTIONE EFFICIENTE E MIGLIORI SERVIZI

    Il nostro impegno primario sarà quello di rendere più efficiente la spesa dell’amministrazione, mediante il progressivo taglio di sprechi ed il recupero graduale di entrate. Questa azione decisa di “recupero di risorse” consentirà per un verso di migliorare i servizi in favore dei cittadini quali trasporto, asili, servizi sociali, per l’altro di ridurre prospetticamente il carico fiscale sugli stessi e sulle imprese, attraverso una contribuzione certa, equa e sostenibile. Intendiamo promuovere ­ in un’ottica di tutela e graduale miglioramento dei servizi pubblici ­ una gestione più efficiente ed economica delle società partecipate del Comune attraverso una profonda riorganizzazione della compagine societaria e il potenziamento degli organi comunali di controllo, volti a costituire poli di servizi in cui poter valorizzare le tante competenze e professionalità interne dell’amministrazione capitolina e delle aziende. Nello spirito del Movimento, verrà restituita centralità alla volontà dei cittadini con l’introduzione di strumenti di partecipazione diretta, in particolare a supporto di una corretta allocazione delle maggiori risorse disponibili, da destinarsi a spese per servizi e investimenti sulla base di decisioni assunte in maniera partecipata: saranno i cittadini, correttamente informati sul bilancio, a stabilire i settori su cui investire, i servizi da migliorare, le forme di tutela alla povertà (“Reddito di cittadinanza comunale”).
    PMI
    O​biettivo strategico è rappresentato dal rilancio dell’economia romana, in particolare delle piccole e medie imprese locali e artigiane. Saranno programmati investimenti essenziali per la cura e il decoro degli edifici e luoghi pubblici (strade, scuole, parchi e giardini), con il duplice obiettivo di rendere la città più vivibile e favorire lo sviluppo delle PMI. In tale ottica, le collaborazioni tra il settore pubblico e quello privato possono trasformarsi, se adeguatamente normate, in valide opportunità di crescita economica, di nuova occupazione e di maggiore offerta di beni e servizi a vantaggio di tutti i cittadini. Inoltre, il comune potrà rendersi parte attiva, tramite i propri uffici e sportelli dedicati, per favorire la nascita ovvero la crescita delle imprese locali, in particolare nelle fasi di c​onsulenza per il r​eperimento di nuovi finanziamenti (garanzie per l’accesso al credito, fondi nazionali, fondi europei, ecc.); nella costruzione di una rete reputazionale delle aziende romane più virtuose, che intendono affacciarsi oltre i confini nazionali, ovvero promuovere progetti di produzione integrati con altre aziende romane.Promuoveremo,infine, specialmenteperigiovani,nuoveformeemodellid'impresa nonché spazi in cui condividere idee, professionalità, progetti.


    LINEE DI AZIONE

    ● Razionalizzazione della spesa e recupero delle entrate.

    ● Destinazione delle nuove risorse all’istituzione del reddito di cittadinanza comunale.

    ● Riorganizzazione ed efficientamento delle società partecipate.

    ● Rafforzamento della struttura di controllo e indirizzo delle partecipate.

    ● Predisposizione del “bilancio partecipato”.

    ● Rilancio delle imprese locali con investimenti mirati sulla cura ed il decoro urbano.

    ● Semplificazione amministrativa e tutela delle imprese virtuose.

    ● Promozione di iniziative imprenditoriali anche in rete.


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Eliminazione degli sprechi.

    ● Riorganizzazione ed efficientamento delle società partecipate.

    ● Valorizzazione della professionalità dei dipendenti e rotazione dei dirigenti.


    COMMERCIO E ATTIVITA’ PRODUTTIVE

    L’impegno del Movimento 5 stelle per Roma Capitale in materia di tutela, crescita e sviluppo delle attività artigianali e commerciali parte da un principio semplice, ma trascurato da troppo tempo, ovvero che per fare impresa l’amministrazione debba essere il primo partner dell’imprenditore romano. Occorre predisporre una regolamentazione uniforme delle attività produttive che faciliti la nascita delle nuove imprese e che al tempo stesso tuteli la concorrenza e la sostenibilità. Dare nuova linfa ai mercati rionali, oggi in condizioni fatiscenti, promuovendo le economie locali e incentivando la rapida riassegnazione dei numerosi banchi inutilizzati. Agevolare la riapertura delle numerose botteghe e degli esercizi commerciali chiusi in modo tale da far rinascere un tessuto produttivo a Roma e creare, al contempo, un vero e proprio presidio del territorio.
    Roma Capitale deve favorire e supportare le nuove iniziative, in un’ottica di crescita e sviluppo per la città. Il commercio come chiave di successo per turismo e lavoro richiede una piena integrazione dei sistemi e servizi di trasporto all’interno della città, orari, biglietti, frequenze dei mezzi pubblici diventano essenziali per massimizzare gli spostamenti dei cittadini che desiderano curiosare tra negozi, mercati e mercatini. Occorre, quindi, combattere l’odioso fenomeno dell’abusivismo che mortifica tutti quegli imprenditori e artigiani che, nonostante le difficoltà, continuano faticosamente a difendere la propria attività ed il proprio lavoro. Bisogna favorire forme di partecipazione dei cittadini promuovendo i gruppi di acquisto solidale e agevolando l’incontro tra produttori e consumatori o gruppi di consumatori. Inoltre, al fine di sostenere il commercio locale intendiamo promuovere l’utilizzo di monete complementari per sviluppare un sistema di sconti che consenta ai cittadini un aumento del potere di acquisto.
    Allo stesso tempo, occorre procedere a una seria revisione e semplificazione burocratica che sia uniforme per tutti i municipi e preveda tempi certi per l’evasione delle richieste: a tal fine, appare necessario procedere ad una seria digitalizzazione dei processi e dei documenti, aprendo ove possibile, sportelli telematici che agevolino il rapporto tra imprese e amministrazione. Saranno creati, quindi, degli Uffici dedicati alle imprese al duplice scopo di fornire attività di consulenza e raccogliere suggerimenti utili per tutte le imprese, coinvolgendo maggiormente le imprese nei processi decisionali che riguardano il settore.


    LINEE DI AZIONE

    ● Contrasto all’abusivismo commerciale, alla contraffazione e alla concorrenza sleale a sostegno delle realtà imprenditoriali e artigianali in regola;

    ● Apertura tavolo permanente di confronto con le imprese, i piccoli imprenditori, gli artigiani e tutti gli operatori del settore, al fine di riorganizzare e rilanciare le attività produttive e di verificare, costantemente, l’andamento del settore;

    ● Agevolazione di creazione di reti di impresa;

    ● Agevolazione e incentivazione di nuove attività produttive e start­up innovative;

    ● Rilancio dei mercati rionali, valutando la possibilità di somministrazione nelle ore pomeridiane e serali, ristrutturando gli immobili anche attraverso coperture fotovoltaiche e agevolando la riassegnazione dei banchi chiusi;

    ● Promozione dei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS);

    ● Promozione di monete complementari che favoriscano una rete locale di scambio aumentando il potere di acquisto dei cittadini;

    ● Pianificazione efficiente della “turnazione” di licenze con l’obiettivo di creare lavoro e aumentare l’offerta, armonizzando anche il sistema di assegnazioni;

    ● Riorganizzazione delle le modalità e degli orari di consegna e carico/scarico merci;

    ● Rilancio imprese e botteghe storiche;

    ● Riorganizzazione e semplificazione burocratica, implemento della digitalizzazione: rendendo le procedure trasparenti, uniformi in tutti i municipi e prevedendo tempi certi per l’evasione delle richieste;

    ● Costituzione di un Ufficio per le Imprese che coinvolga gli operatori del settore nelle scelte decisionali e fornisca attività di consulenza;


    LE TRE PRIORITÀ

    ● Lotta all’abusivismo commerciale, alla contraffazione e alla concorrenza sleale;

    ● Semplificazione amminisitrativa e burocratica con procedure trasparenti, uniformi e con tempi certi;

    ● Riorganizzazione dei mercati rionali, promozione e rilancio delle attività artigianali e del commercio di vicinat​o;

SCARICA E DIFFONDI
GLI 11 PUNTI PER ROMA

 

DONA



Per far uscire Roma da questa situazione di stallo non ci accontentiamo più delle promesse, c’è bisogno di legalità e trasparenza ma soprattutto c'è bisogno di te. Il Movimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato ai rimborsi elettorali anche per l’attuale legislatura, si sostiene con l’autofinanziamento e il supporto di tutti gli Italiani convinti che la nuova politica non debba avere niente in comune con le pessime abitudini della vecchia. Contribuisci con una donazione su questo sito o durante una delle nostre manifestazioni, è importante che tu ci sia, perché la tua partecipazione attiva è per noi l’aiuto più grande. Ogni spesa sostenuta per questa campagna sarà rendicontata su questo sito e l'eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S.
Grazie del tuo supporto.


CARTA DI CREDITO


La raccolta delle donazioni tramite il mandatario si e' conclusa. Grazie a tutti per il supporto che ci avete dato.


BONIFICO




Il MoVimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali per l'attuale legislatura. La campagna per Virginia Raggi sindaco di Roma viene interamente finanziata dalle libere donazioni dei sostenitori del M5S, come avvenuto per tutti gli eventi precedenti. Ogni spesa sarà rendicontata e l'eventuale residuo sarà utilizzato per finanziare le prossime iniziative del M5S. Grazie del tuo supporto.


Donazioni raccolte

€ 170.400,66


Donatori

9410

 
Spese sostenute

€ 177.012,77