juncker-separazione-bancaria-valli-m5s.jpg

di Marco Valli, EFDD - M5S Europa

La Commissione Europea spinge politicamente per abbandonare l'idea della separazione bancaria tra gli istituti di credito d'affari e quelli commerciali. È scritto nero su bianco nel programma di lavoro per il 2018, che dice: "La separazione bancaria non si farà più, perché nessuno la vuole e perché, in fin dei conti, non serve". Il riferimento si trova qui, nella lista delle proposte ritirate.

La cosa più paradossale è che, sempre secondo il testo, ci sarebbe ormai il bail-in a proteggere i contribuenti dai salvataggi pubblici delle banche in dissesto (e chi se ne importa di correntisti e risparmiatori). Quindi non serve portare avanti una proposta che impedirebbe alle banche di usare i risparmi della gente per finanziare attività speculative ad alto rischio e che farebbe ricadere le perdite dei dissesti sui veri responsabili di scelte di investimento sbagliate, lasciando in pace chi non c'entra nulla.

Una larga fetta di questa UE germanocentrica si schiera costantemente dalla parte degli speculatori e delle potenti banche d'affari. Nella visione teutonica che li permea non interessa, come era già chiaro da tempo, azioni folli come l'affidamento al londinese Jonathan Hill - lobbista finanziario di spicco - del portafoglio per la stabilità finanziaria da parte dell'impresentabile presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.

Queste storture, anche a livello della semplice logica delle parti, sono sempre passate con l'approvazione della maggioranza del Parlamento europeo. Dove tra i due grandi gruppi dei socialisti e popolari siedono gli europarlamentari italiani di PD e Forza Italia. Scelte inspiegabili, contro l'interesse nazionale e comunitario, che costantemente ci penalizzano e rendono sempre più faticoso un'inversione di tendenza di questa Europa verso un modello che metta al centro il cittadino e non le lobby finanziarie.

Noi comunque non molleremo mai. Continueremo a batterci a tutti i livelli istituzionali, affinché sia i risparmiatori sia i contribuenti siano tutelati una volta per tutte. La proposta di separazione bancaria votata su Rousseau è uno dei pilastri del nostro programma, l'unica soluzione per avere una finanza equa e responsabile.

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo