sbarchi_migranti_m5s_ue.jpeg


Il Parlamento europeo finalmente ammette la realtà! In Italia la crisi migratoria ha raggiunto un punto di non ritorno e l'unica Istituzione europea eletta direttamente dai cittadini lo riconosce approvando un emendamento del gruppo Efdd - MoVimento 5 Stelle al mandato per il trilogo del bilancio 2018. Il Parlamento europeo "si rammarica - recita l'emendamento approvato dall'aula - dell'assenza finora di un sistema efficace di redistribuzione, che ha provocato un carico disomogeneo per alcuni Stati membri, segnatamente Italia e Grecia; ricorda che nel 2016 sono arrivati nell'Unione europea 361.678 rifugiati e migranti, di cui 181.405 in Italia e 173.447 in Grecia, e che finora nel 2017 l'Italia ha già accolto l'85% dei rifugiati e migranti arrivati nell'Unione europea; si rammarica che l'Italia abbia ricevuto finora solo 147,6 milioni di euro a titolo dell'AMIF, importo che copre solamente il 3% delle spese totali sostenute dal paese per la gestione della crisi migratoria".


Stiamo facendo di tutto al Parlamento europeo per svegliare questa ipocrita Europa. Mercoledì 12 luglio, si terrà nella Commissione Libertà Civili, Giustizia e Affari Interni l'audizione sulle ONG che avevamo proposto. Vogliamo trasparenza sul loro ruolo nelle operazioni di ricerca e soccorso e combattere i trafficanti di uomini che si nascondono dietro gli sbarchi: ci sono comunicazioni satellitari e telematiche, movimenti delle navi delle ONG e persino flussi finanziari che devono uscire dall'ombra in cui sono oggi.


Il governo invece brancola nel buio e prende solo schiaffi: il piano della Commissione europea è una presa in giro per gli italiani. A Tallinn i Paesi europei fanno fronte comune contro l'apertura dei porti alle navi che trasportano i migranti. Un fiasco che ha un solo responsabile: Matteo Renzi. È lui che ha voluto l'operazione Triton che apre i porti italiani a tutte le imbarcazioni che operano nel Mar Mediterraneo. È lui il responsabile di tutti questi sbarchi in Italia e lo ha ammesso persino Emma Bonino".

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo