Il G7 è un insulto alla gente che soffre

g7taormina.jpg


di Ignazio Corrao e Fabio Massimo Castaldo, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa.


"In Sicilia la disoccupazione giovanile sfiora il 60%, le infrastrutture sono ridicole, le ferrovie sono allo stesso stato di 100 anni fa e dei ponti autostradali sono caduti. Il territorio, l'agricoltura e la pesca sono saccheggiati sistematicamente dalle multinazionali, c'è emigrazione di massa, povertà ed esclusione sociale. In un contesto del genere i grandi della terra hanno deciso di costruirsi una gabbia dorata a Taormina spendendo 40 milioni di euro di soldi pubblici di cui 10 soltanto per le riunioni, creando disagio alla popolazione e facendo un'operazione di polvere sotto il tappeto, di fatto bloccando anche gli sbarchi per un periodo di tempo.

Ora, questi signori probabilmente si riuniscono soltanto per decidere come fare ulteriori danni al nostro pianeta e lo fanno abbattendo ulivi secolari, creando un'altra pista di atterraggio per elicotteri per stare più comodi. Questa pista è inutile. Se questi potenti della terra volessero risolvere qualche problema dovrebbero dovrebbero viaggiare da Trapani a Pozzallo in treno, dovrebbero riunirsi allo Zen a Palermo o a Librino a Catania oppure dovrebbero andare davanti al MUOS di Niscemi.

Il tema di questa presidenza del G7 italiana è "costruire le basi di una fiducia rinnovata". A giudicare dai leader che interverranno, dovremmo dire che prima di chiedere di rinnovarla, dovrebbero dimostrare quanto meno di meritarla, una fiducia.

Il programma di lavoro della Presidenza poggia su tre pilastri.

1) il cambiamento climatico: si parla di un'azione ambiziosa per attuare la COP21 di Parigi, con Trump che vorrebbe addirittura sconfessare quel poco ottenuto, e l'Italia, Presidente, ha il maggior numero di morti in Europa per inquinamento dell'aria, ben 84.000 nel 2012, e con siti catastrofici come Taranto e Civitavecchia.

2) Si parla di sostenibilità economica e sociale e riduzione delle diseguaglianze, e come si vogliono ottenere? Ce l'avete detto prima: con il libero commercio selvaggio. Le disuguaglianze infatti crescono, mentre la transizione energetica e la lotta all'evasione fiscale restano ancora un miraggio.

3) L'innovazione verso la rivoluzione della produzione. Con l'Italia, il mio paese, ultimo paese europeo del G7 per investimenti nel settore. Insomma, il governo italiano del premier Gentiloni più che sparare slogan dovrebbe dimostrare di avere le competenze e la volontà di dare l'esempio, facendo i compiti a casa. Così si guadagnano fiducia e credibilità, anche per non lasciare l'intera Unione in mano alla Francia e alla Germania".


VIDEO. Il G7 di Taormina è un insulto ai siciliani che soffrono. L'intervento nella plenaria di Strasburgo di Ignazio Corrao.




VIDEO. G7. Gli errori del governo italiano. Ecco l'intervento nella plenaria di Strasburgo di Fabio Massimo Castaldo.


Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo