#GentiloniSfornaPrecari

gentiloni_sforna_precari_jobsact.jpg


di Laura Agea, Efdd - Movimento 5 Stelle Europa.

"Gentiloni fa il compitino dettato da Bruxelles. Annunciando l'inizio della fase sperimentale dell'assegno di ricollocazione, strumento messo a disposizione dal Jobs Act, non ha imparato la lezione.

Il Jobs Act è una delle riforme strutturali che l'Europa ha imposto all'Italia. Si parla di mobilità del lavoro ma invece porta con se solo una forte precarizzazione. Gentiloni sforna precari e disoccupati. Ci vogliono politiche espansive che spingano determinati settori come il sociale, l'economia circolare, l'economia verde. Il metodo Gentiloni, che poi è la fotocopia di quello Renzi, è creare posti di lavoro a basso costo per le multinazionali. Copiano il mini job tedesco che produce solo milioni di precari. Stanno togliendo i diritti ai lavoratori.

L'assegno di ricollocazione è un sistema che si regge su un principio completamente sbagliato: si danno fino a 5.000 euro ai disoccupati per reinserirli nel circuito dei centri per impiego e agenzie interinali. Così non si crea lavoro ma si fa assistenza. Ecco perché:

1)
manca una vera riforma dei centri per l'impiego (sono inadeguati).
2) manca una riforma del mercato del lavoro sostanziale.
3) servono politiche espansive per sostenere settori vitali dell'economia.
4) si alimenta il lavoro sommerso e il nero.
5) non è previsto un reinserimento professionale per i lavoratori qualificati che hanno perso il posto di lavoro.
6) non è stata prevista una adeguata riqualificazione per chi non competenze importanti.
7) si parla di occupabilità e non occupazione. L'occupabilità prevede che il lavoratore deve prendere o lasciare il posto di lavoro offerto. Le sue competenze e la sua esperienza non contano".

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo