italia-PD-sfascia-italia-infrazione-euro-bilancio-PIL-grillo-beppe-movimento-5-stelle-m5s.jpg


I contratti a tempo indeterminato nel 2016 sono crollati di quasi il 40% rispetto al 2015. Per la precisione di un -37,6%, lo fa sapere l'INPS proprio mentre in questi giorni da Bruxelles la Commissione europea chiede al Governo del PD una manovra correttiva dello 0,2% del PIL entro aprile. Per un ammontare di circa 3,4 miliardi di Euro, che a quanto pare pagheranno in gran parte i cittadini con nuove tasse. Questi due dati, incassati con nonchalance dall'esecutivo italiano, sono la dimostrazione plastica del totale fallimento di una classe dirigente imbarazzante. Concentrata sulle "beghe" di partito, interessata solo alle poltrone e incurante delle sorti del Paese che dovrebbe guidare.

La portavoce Laura Agea, impegnata nella commissione Lavoro del Parlamento europeo: "Il famigerato jobs-act si è rivelato per quello che abbiamo sempre denunciato, una riforma studiata e dettata dai burocrati UE asserviti alle grandi corporazioni e applicata dai burattini di turno come Renzi, per precarizzare il mondo del lavoro e svalutare i salari. Hanno creato inflazione di assunzioni e pompato i dati con gli incentivi solo per agevolare l'introduzione della riforma e farla digerire all'opinione pubblica, sbandierando dati statistici fuorvianti. Venuti meno questi incentivi le assunzioni sono crollate come previsto".

Per quanto riguarda la manovra correttiva richiesta da Bruxelles, il portavoce Marco Valli: "Bruxelles ci ricatta come al solito, "fate la manovra o vi beccate l'infrazione", ma questa volta la colpa è tutta del Governo. Inaccettabile dover pagare per le mance elettorali di Renzi e del PD. Che oltre a non aver condotto in questi anni una seria battaglia per eliminare i vincoli economici europei nei quali ci hanno infilato, stanno dando continuamente motivazioni ai falchi in Europa per bacchettarci e professare la ricetta sbagliata dell'austerità".

All'Italia serve un Governo che la smetta di sprecare risorse per fini elettorali, che sia il più trasparente possibile nella gestione della cosa pubblica e che programmi manovre economiche lungimiranti per rilanciare la domanda. Solo con questi presupposti sarà possibile affossare i falchi che professano austerità in Europa, dimostrando con credibilità come sia più che giusto abbandonare i vincoli insostenibili su spesa, banche e moneta.

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo