Deputata scappa davanti alle telecamere. Cosa nasconde?

rachidadati-5stelleeuropa-m5s-beppegrillo-parlamentoeuropeo-conflittodinteresse.jpg


Un muro di guardie del corpo e un silenzio imbarazzato, poi quando arrivano le domande incalzanti della giornalista (a proposito, all'estero i giornalisti le domande scomode le fanno per davvero) ecco la reazione stizzita e piena di insulti. Rachida Dati è l'ex delfino politico di Nicolas Sarkozy, è stata per ben due volte Ministro della Giustizia e dal 2010 è parlamentare europeo. E' una donna avvezza alle telecamere, eppure davanti alla giornalista francese Élise Lucet scappa come se avesse qualcosa da nascondere...

Come riportato nel dossier "Whose representatives?" commissionato dalle tre ONG europee Friends of the earth Europe, Corporate Europe Observatory e LobbyControl, durante la scorsa legislatura, la deputata Rachida Dati ha denunciato redditi da capogiro: 625 mila euro nel 2010, 539 mila euro nel 2011, 704 mila euro nel 2012, 205 mila euro nel 2013. Tutto legittimo perché Rachita Dati è un avvocato di grido, tuttavia uno dei suoi clienti più importanti è la compagnia energetica Gdf Suez, una multinazionale le cui attività vengono influenzate e disciplinate dalle norme europee.

Chi rappresenta Rachida Dati nell'esercizio del suo mandato? I cittadini o i suoi potenti clienti? Ascolta e condividi questa incredibile denuncia raccolta dalla portavoce del M5S Europa Isabella Adinolfi.

Il caso di Rachida Dati non è l'unico al Parlamento europeo.

ECCO LA LISTA DEGLI IMPRESENTABILI:

- Dariusz Rosati

- Guy Verhofstadt
- Birgit Collin-Langen
- Michal Boni
- Renato Soru

Isabella Adinolfi sta lottando in Commissione Affari Costituzionali per cambiare le regole di condotta dei parlamentari europei e renderle più trasparenti. Durante l'ultimo gruppo di lavoro ha chiesto che venga messo all'ordine del giorno la modifica delle regole relative ai conflitti di interessi. Gli altri gruppi politici hanno risposto che questa non è una priorità e che non si può stabilire l'agenda politica sotto le pressioni giornalistiche. Nessun gruppo politico ha difeso la proposta del Movimento 5 Stelle Europa. Quando si tratta di difendersi, la casta si trincera nella sua torre d'avorio.

Chi esce dalla casta, però, il coraggio lo trova. Così ha fatto l'ex parlamentare europeo Gerald Häffner, che del Comitato sulla condotta è stato il Presidente. In questa intervista ha detto di essere rimasto molto sorpreso sul comportamento dell'attuale Presidente del Parlamento europeo Martin Shultz che non ha mai investigato sul possibile conflitto di interessi di Rachida Dati.

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo