Parla il falco Katainen e ammette: in Europa siamo troppo diversi

m5s-parlamentoeuropeo-katainen-beppegrillo-efdd-commissioneeuropea-juncker.png


Il punto 2 del programma europeo del Movimento 5 Stelle prevede l'adozione degli Eurobond. Se l'Europa fosse davvero una UNICA comunità economica e politica dovrebbe condividere anche gli stessi rischi e interessi, così come accade per esempio fra i cinquanta Stati americani. Così non sarà mai per il falco della Commissione europea, il finlandese Jyrki Katainen, che ieri ha partecipato al Parlamento europeo alla riunione del gruppo Efdd.

I portavoce del Movimento 5 Stelle Europa hanno chiesto al potente Commissario, strenuo difensore della linea dell'austerity, come mai a una moneta unica non corrisponda un debito unico.

ECCO COSA PENSA KATAINEN SUGLI EUROBOND:

"Dal punto di vista economico gli Eurobond potrebbero avere un senso, però dobbiamo considerare anche la dimensione politica. Qualcuno potrebbe trovare ingiusto e iniquo dover pagare tassi di interesse alti rispetto a ciò che meriterebbe la sanità economica del proprio Paese. In qualche modo, queste obbligazioni andrebbero a garantire il debito di altri Paesi europei. Sarebbe più facile condividere gli Eurobond se le economie dei Paesi europei fossero più simili le une alle altre. Perché dare una garanzia a politiche economiche irresponsabili? Questa è domanda che verrebbe subito presentata da un punto di vista politico", ha detto Katainen.

Perché allora se siamo così diversi dobbiamo condividere una stessa moneta unica? La verità è che l'euro ha amplificato le differenze economiche fra i Paesi europei. Con tassi molto bassi la Germania attira più facilmente i capitali (mentre il Portogallo, la Grecia, la Spagna, l'Italia sono costretti a praticare un interesse tre volte superiore dissanguandosi) e vanta surplus commerciali da record da dieci anni. L'euro ha fallito la sua ragione d'essere. #FuoriDallEuro perché economie così dissimili non sono in grado di determinare il valore universale di una moneta unica. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.

ECCO COSA PENSA KATAINEN SUL REDDITO DI CITTADINANZA:
"Io sono d'accordo a un maggiore Welfare State. Siamo una unione di valori, dobbiamo dunque rafforzare l'integrazione sociale anche se la Commissione europea non ha poteri in questo ambito. Il reddito di cittadinanza è cruciale per la giustizia sociale e la crescita economica", ha detto Katainen.

Katainen parla così perché nel suo Paese d'origine, in Finlandia, il reddito di cittadinanza esiste già dal 1997. Una famiglia finlandese che attraversa un periodo di difficoltà ha diritto a 1.190 euro al mese. E' questa l'Europa che vogliamo.


Durante il faccia a faccia con Katainen sono stati toccati anche tantissimi altri temi di interesse europeo. I portavoce del Movimento 5 Stelle Europa hanno pungolato il Commissario su fondo Juncker, lotta alla corruzione, investimenti nelle energie rinnovabili, trasporti e difesa delle piccole e medie imprese.

Ecco il video integrale dell'incontro, trasmetto in diretta sul canale M5S Europa di Periscope.

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo