Maggio 2016 Archives

- Home Politiche europee -

TTIP, in Italia è Segreto di Stato come Ustica e le stragi

user-pic
 

ttip stop_M5s.jpg

La consultazione del TTIP in Italia è soggetta alla stessa normativa che regola il Segreto di Stato, che fino a poco tempo fa ha interessato drammi storici come il disastro aereo di Ustica e le stragi degli anni '70-'80. Lo abbiamo verificato e vissuto sulla nostra pelle oggi quando siamo entrati con una nostra delegazione di portavoce di Camera e Senato nella sala di lettura del TTIP presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

Sapevamo che sul Ttip ci fosse una mancanza di trasparenza, denunciata più volte dal M5S con numerosi atti parlamentari, ma non avremmo mai immaginato che si arrivasse ad applicare la legge sul Segreto di Stato, come si può leggere tra i riferimenti normativi della stessa direttivaper la consultazione del testo disposta dal Mise, che cita in primis un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 novembre 2016 n. 5.

Inoltre il TTIP si presenta come un documento composto da quasi mille pagine suddivise in otto faldoni, ciascuno con un doppio timbro, uno del Ministero degli Esteri, l'altro del Ministero dello Sviluppo Economico; timbri che in entrambi i casi fanno riferimento ad un ufficio NATO sempre in seno ai predetti ministeri. Alla quale si accede scortati dai Carabinieri, senza poter introdurre cellulari o altri apparecchi in grado di riprodurre il testo. Il M5S oggi ha iniziato a raccogliere gli appunti e, fatti gli opportuni riscontri, si riserva di diffonderli nelle prossime ore.

- Home Politiche europee -

Ttip: Renzi ascolti gli italiani, non la Merkel

user-pic
 

renzi merkel.jpg

Il siparietto tra Merkel e Renzi sul dover convincere i cittadini tedeschi ad accettare il TTIP e l'invito a fare altrettanto con gli italiani, a cui il premier ha risposto 'sono d'accordo' non ci fa per niente ridere. Renzi piuttosto che convincere i cittadini italiani contrari al TTIP dovrebbe ascoltarli, e con loro i movimenti, le associazioni e i parlamentari che dicono no a questo trattato e che sabato saranno in piazza in una grande manifestazione.

"La contrarietà del Movimento 5 stelle l'abbiamo espressa in tutte le sedi italiane ed europee - spiega la portavoce in Senato Elena fattori -. Abbiamo appena depositato una interpellanza al governo con la quale chiediamo di fermare il negoziato. Non ci stupisce che la Germania faccia queste affermazioni. La loro industria trarrebbe dei vantaggi da questo trattato mentre per la produzione agroalimentare italiana sarebbe un disastro".

In particolare, chiediamo di sapere se il Governo intenda riferire con urgenza circa il contenuto del TTIP tra UE e USA. Considerando che gli stralci pubblicati da Greenpeace dimostrerebbero l'esistenza di un accordo commerciale che rischia di recare un consistente danno all'economia europea, riducendo la sfera dei diritti dei lavoratori e dei consumatori e creando un grave sbilanciamento del risultato negoziale a favore degli USA.

Chiediamo anche nell'interpellanza se il governo non ritenga di dover assumere iniziative finalizzate a ottenere la sospensione della trattativa TTIP in corso. Al fine di tutelare i diritti e i beni comuni a garanzia di un modello sociale ed economico equo e democratico che non metta in discussione i principi essenziali per la nostra agricoltura, la nostra cultura e per la reciprocità all'accesso dei mercati pubblici.


- Home Politiche europee -

TTIP, Il Governo riferisca in Aula e pretenda stop negoziati!

user-pic
 

ttip stop_M5s.jpg

Il Governo venga a riferire in Aula per aver tenuto parlamentari e cittadini italiani all'oscuro dei contenuti allarmanti del TTIP diffusi oggi. Perché in Germania per i parlamentari tedeschi è stato possibile consultare il testo del TTIP mentre in Italia l'Esecutivo non si è mai degnato di rispondere alle interrogazioni del M5S sull'apertura della sala di lettura e sulle relative modalità di accesso? Anzi il Governo ha appoggiato diverse risoluzioni in vista del Consiglio Ue che tra i punti prevedevano proprio la conclusione dei negoziati dell'accordo di libero scambio Usa-Ue.

Le informazioni diffuse oggi sui contenuti del TTIP confermano i timori già espressi dal M5S e dalla società civile sui rischi per tutela di salute, ambiente, agroalimentare made in Italy e diritti dei consumatori europei, divenuti merce di scambio per cedere nuove fette di mercato alle multinazionali statunitensi. Tra i più allarmanti, l'omissione nel testo della regola delle 'Eccezioni Generali', che permette agli Stati di regolare il commercio 'per proteggere la vita o la salute umana, animale o delle piante' o per 'la conservazione delle risorse naturali esauribili'. Nessuna menzione nemmeno del 'principio di precauzione', che punta a prevenire i rischi legati alle sostanze pericolose, e quindi ad evitarle, diversamente dall'approccio Usa che ne gestisce gli effetti negativi quando ormai già sono avvenuti.

Chiediamo che il Governo, oltre a riferire in Aula, d'ora in poi metta in campo al più presto tutte le azioni necessarie per fermare i negoziati, anche in vista della mobilitazione nazionale contro il TTIP che si terrà sabato prossimo, 7 maggio, a Roma alle ore 14.


Membri Camera
- BATTELLI Sergio
- NESCI Dalila
- FRACCARO Riccardo
- VIGNAROLI Stefano
- DI MAIO Luigi
- PETRAROLI Cosimo

Membri Senato
- DONNO Daniela
- FATTORI Elena
- LEZZI Barbara

Ultimi video Camera

Titolo

Ultimi video Senato

Titolo

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video
Copia e incolla il codice nel tuo sito:



Newsletter Parlamento 5 Stelle

Iscriviti per rimanere aggiornato
  * campi obbligatori
* Email:
* Città:
Privacy: Ho preso visione della nota informativa.
Do il consenso al trattamento dei dati.