Marzo 2014 Archives

- Home Politiche europee -

La sacra regola del 3% si può sforare! Lo dicono i Trattati Ue

user-pic
 

spinato.png

Uno spot pubblicitario a oltranza, Renzi non riesce più a distinguere la realtà dalla fantasia. Va sventolando la rinegoziazione del parametro del 3 per cento in Europa e poi i suoi, alias "il governo", bocciano una mozione presentata ieri dal MoVimento 5 Stelle che invitava l'esecutivo a discostarsi temporaneamente dagli obiettivi fissati dal Patto di Stabilità stipulato nel 1997, in particolare per le questioni urgenti riguardanti la disoccupazione, la qualità e il costo delle abitazioni, i salari, la sicurezza dell'impiego, l'educazione, la coesione sociale, la qualità dell'ambiente, la salute e la sicurezza.

La famigerata "regola del 3%", secondo cui il rapporto tra il deficit e il prodotto interno lordo di uno Stato non può superare la suddetta soglia altrimenti si aprirebbe - in questo caso nei confronti dell'Italia- una procedura di infrazione per inadempimento ad una norma del trattato che istituisce l'Ue, è infatti un criterio scellerato d'intendere l'Unione sottoscritto dagli esecutivi Monti e Letta. Un inchino alle avances economiche di Berlino, che ora rischia di compromettere il futuro di migliaia di imprese e cittadini.

Vi ricordiamo che la soglia del 3% è stata elaborata negli anni 80' da uno sconosciuto funzionario francese del governo di Francois Mitterand. Successivamente è stata poi scelta come criterio per l'accesso all'Unione Monetaria Europea. Dopo di che, attraverso un protocollo, è entrata a far parte del Trattato di Maastricht nel 1992; nel 1997 è rientrata nel Patto di Stabilità e più tardi è stata riprodotta nel Fiscal Compact, così tradotta nel pareggio di bilancio inserito in Costituzione nel 2012 ed entrata in vigore a partire da quest'anno.

In sostanza, da oltre vent'anni il limite del 3% è un vincolo oramai strutturale nelle scelte pubbliche dei governi che fin oggi si sono succeduti. Ormai gran parte dei media italiani e dei politici ci ha abituati a previsioni catastrofiche per l'Unione europea se il vincolo del 3 per cento non sarà rispettato. Ma la verità è che rispettando questa soglia i cittadini rischierebbero di sprofondare nella miseria economica: aumento delle tasse e zero servizi.

Il punto è che se andiamo a vedere la legge, questa dice tutt'altra cosa. La norma 243 del 2012, emanata in seguito agli impegni presi col Fiscal Compact, prevede infatti che "scostamenti temporanei del saldo strutturale dall'obiettivo programmatico - cioè scostamento dai limiti europei - sono consentiti in caso di eventi eccezionali, quali ad esempio periodi di grave recessione economica o gravi crisi finanziarie", il che è proprio ciò che stiamo vivendo.

Questo dice la legge! Perciò noi del MoVimento 5 Stelle invitiamo i cittadini a non credere ciecamente alle informazioni diffuse per generare in loro terrore e disperazione. È fondamentale, invece, verificare. E noi lo abbiamo fatto.

Ad ulteriore dimostrazione che sforare i limiti europei è possibile, ricordo che altri Stati già si sono mossi in questo senso: sono Germania e Francia nel 2003. E se lo hanno fatto loro possiamo farlo anche noi. Dove vuole arrivare il governo? A far suicidare altri imprenditori? Vi stiamo dando una possibilità: sforiamo il 3%, aiutiamo le famiglie e le imprese. Adesso!


Membri Camera
- BATTELLI Sergio
- NESCI Dalila
- FRACCARO Riccardo
- VIGNAROLI Stefano
- DI MAIO Luigi
- PETRAROLI Cosimo

Membri Senato
- DONNO Daniela
- FATTORI Elena
- LEZZI Barbara

Ultimi video Camera

Titolo

Ultimi video Senato

Titolo

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video
Copia e incolla il codice nel tuo sito:



Newsletter Parlamento 5 Stelle

Iscriviti per rimanere aggiornato
  * campi obbligatori
* Email:
* Città:
Privacy: Ho preso visione della nota informativa.
Do il consenso al trattamento dei dati.