MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

CERTIFICATI !!!


Vigonovo - 

La nostra lista di Vigonovo 5 Stelle
è stata certificata dallo Staff di Beppe Grillo
per le elezioni Amministrative 2016 di Vigonovo VE.

Siamo pronti... a breve i candidati !


Vigonovo - 

VIDEO Resoconto Consiglio Comunale Ottobre 2015 - Immigrazione e altro

In 4 anni e mezzo abbiamo presentato circa 15 proposte di mozione, "proposte" appunto perchè lo Statuto anomalo ci obbliga a chiedere la sottoscrizione agli altri consiglieri. Anomalia che rende lo statuto discriminatorio nei confronti delle minoranze politiche comunali e degli elettori stessi, ed in contraddizione nei confronti del TUEL.
Sottoscrizioni mai arrivate, nonostante abbiamo sempre inoltrato via mail le mozioni ai capigruppo per avere un contributo anche sul contenuto della mozione stessa.
Ci sono state anche 5 mozioni condivise tra tutte le forze di minoranza e non ci siamo mai tirati indietro per il bene del nostro territorio.
Ora mi ritrovo questa mozione delle minoranze che ufficialmente mi arriva a 3 giorni dal voto, senza nessun tipo di coinvolgimento, non capisco il senso di questo comportamento.
Veniamo al contenuto, una mozione è o dovrebbe essere:
un testo sottoposto al voto del Consiglio Comunale teso ad indirizzare la politica della Giunta su un determinato argomento.
Ce la siamo letta tutta attentamente, più volte, non c'è nessuna indicazione su come trattare il tema profughi/rifugiati.
O meglio troviamo qualcosa nel deliberato al punto 1 "attivando tutte le iniziative necessarie a garantire una corretta gestione dei flussi dei profughi nel nostro territorio",
tutto il resto è politichese senza una presa di posizione precisa, anzi una serie di raccomandazioni che a parere nostro sono ovvie , nemmeno da citare e alcune fuori dalle competenze di un Sindaco e della Giunta Comunale, ad esempio "sollecitare l'accorciamento dei tempi delle richieste di asilo" ditemi voi un Sindaco di un Comune di 10.000 abitanti cosa puo' o dovrebbe sollecitare.
Paradossale poi quando si chiede nel punto 3 di pretendere la massima trasparenza nell'utilizzo dei fondi per i profughi, da che pulpito, proprio da voi che rappresentate a livello locale chi in altre parti d'Italia si sta arricchendo proprio sui profughi (Vedi Mafia Capitale o il Cara di Mineo...)

Veniamo al punto 1: arrivate in ritardo, già lo scorso 6 Luglio abbiamo presentato una interrogazione (questa si per noi è corretto presentare) per capire la situazione a Vigonovo e il Sindaco ci ha risposto (a voce, la risposta scritta cosi' come tante altre non l'abbiamo ancora vista) che non abbiamo la possibilità di accogliere nessuno, non abbiamo strutture idonee o agibili, l'unico modo in cui possano arrivare profughi è tramite le domande dei privati, argomento che esula dalle competenze dell'Amministrazione Comunale.
Allora mi chiedo: a cosa serve questa mozione?
Per inciso, un commento personale, lasciamo fare solidarietà a chi puo' farla, non certo il Comune di Vigonovo. Abbiamo numerose famiglie Vigonovesi bisognose, una situazione molto difficile, peraltro mal compensata, a nostro avviso, dai servizi sociali comunali alle prese con un bilancio molto ridotto (basta chiedere ai Vostri rappresentanti della Commissione Sociale).
E non mi riferisco solo alle persone senza lavoro, ma anche e soprattutto alle famiglie monoreddito, con più figli, considerate "ricche" per il solo fatto che conseguono uno stipendio minimo e si trovano a combattere tutti i giorni per sopravvivere tartassati dalle tasse nazionali e comunali.


Vigonovo - 

Protocollata il 2 Ottobre la Nostra Proposta di Mozione per chiedere il Baratto Amministrativo anche qui a Vigonovo:

Proposta di Mozione

Baratto Amministrativo

Il gruppo consigliare del Movimento 5 Stelle Vigonovo

PREMESSO CHE:
la legge dello Stato n°164 del 2014, all'art. 24
"Misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del
territorio", al comma 1 cita: "I comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la
realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al
territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l'abbellimento di aree verdi,
piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e
beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano. In
relazione alla tipologia dei predetti interventi, i comuni possono deliberare riduzioni o esenzioni di tributi inerenti al
tipo di attività posta in essere. L'esenzione è concessa per un periodo limitato e definito, per specifici tributi e per
attività individuate dai comuni, in ragione dell'esercizio sussidiario dell'attività posta in essere. Tali riduzioni sono
concesse prioritariamente a comunità di cittadini costituite in forme associative stabili e giuridicamente
riconosciute".

CONSIDERATO CHE:
ogni Amministrazione Pubblica dovrebbe sensibilizzare i cittadini a rispettare e tutelare il territorio in cui vivono,
invitandoli anche a migliorare il decoro urbano;
la legge n. 164/2014, Art. 24, Comma 1 prevede che i Comuni definiscano criteri e condizioni per realizzare
interventi su progetti presentati dai cittadini, deliberando riduzioni o esenzioni da tributi che, specialmente in
questo particolare momento di crisi economica, sarebbero un chiaro segnale di vicinanza dell'Amministrazione ai
problemi della cittadinanza tutta;
la fattiva collaborazione tra Amministrazione e cittadini rappresenterebbe anche uno stimolo a diffondere maggiore
senso civico e senso di appartenenza, fornendo esempio di vicinanza delle Istituzioni alle problematiche
quotidiane degli abitanti del territorio.

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA:
a definire un Regolamento Comunale che introduca la possibilità del "Baratto Amministrativo" inerente alla
collaborazione tra cittadini e amministrazione, e che ne definisca i criteri, le modalità e le reciproche garanzie. Le
attività individuate, a titolo esemplificativo, possono essere indicate tra quelle relative a: manutenzione ordinaria,
pulizia e vigilanza dei parchi, giardini ed aiuole e dei luoghi pubblici, assistenza alle scolaresche, sgombero neve
ecc. Il sistema di calcolo del valore economico delle ore di lavoro svolte potrà essere attuato in funzione del tipo di
incarico e del relativo costo orario.
Grazie, distinti saluti.

Andrea Danieletto
Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Vigonovo

Mozione per l'ospedale di Dolo


Vigonovo - 

Protocollata venerdì 25 Settembre 2015 la seguente proposta di mozione per la salvaguardia dell'Ospedale di Dolo (VE) in vista della conferenza dei sindaci di Lunedi 28/9.

Vigonovo, 25 Settembre 2015

Al Sindaco di Vigonovo

Gruppo consiliare
MOVIMENTO 5 STELLE VIGONOVO

PROPOSTA DI MOZIONE
RICHIESTA BLOCCO ATTO AZIENDALE E SCHEDE OSPEDALIERE

Premesso
Che in vista della nuova riorganizzazione "Azienda 0" e della ridefinizione dei nuovi bacini di utenza (peraltro non ancora definitivi), non ha alcun senso logico ed economico rendere operativo l'atto aziendale della ASL13, con il conseguente spostamento di alcuni reparti da Dolo a Mirano e da Mirano a Dolo, almeno fino a quando non si conoscerà esattamente la rimodulazione degli stessi e della nuova ASL.
Infatti solo a quel punto sarà, infatti, possibile valutare correttamente servizi-costi-benefici evitando di eseguire da subito spostamenti illogici dei quali non sono chiari costi, risparmi ed eventuali ripercussioni a livello di servizi per i cittadini.
Sembra inutile, ad esempio, trasferire nuovamente Ortopedia da Dolo a Mirano già trasferita da Mirano a Dolo non molto tempo addietro.

Impegna quindi Sindaco e Giunta
ad intervenire presso la Regione Veneto chiedendo il congelamento dell'atto aziendale della ASL 13 e delle schede ospedaliere fino alla definizione del nuovo assetto ospedaliero regionale, al fine di prevenire spese inutili e disservizi per i cittadini.

Andrea Danieletto
Movimento 5 Stelle Vigonovo


Vigonovo - 

Non avendo potuto partecipare al Consiglio Comunale di Lunedì 14 Settembre 2015 dove si deliberava l'approvazione al PAT del Comune di Vigonovo, il Movimento 5 Stelle Vigonovo ha voluto comunque rilasciare delle brevi considerazioni che pubblichiamo qui di seguito:

CONSIDERAZIONI SUL PAT DI VIGONOVO 2015

l Movimento 5 Stelle di Vigonovo ha analizzato e discusso il Piano di Assetto del Territorio oggetto di Deliberazione questa sera Lunedi' 14 Settembre 2015 presso il Comune di Vigonovo.
Ringraziamo le esaurienti spiegazioni fornite in Commissione Territorio anche se fornite a sole 4 giorni dalla discussione in aula.
Accogliamo favorevolmente la dichiarata volontà dell'Amministrazione Comunale di non prevedere zone di espansione di edificabilità.
Tuttavia non possiamo essere d'accordo sulla enorme quantità di metri cubi di cosiddetto "dimensionamento" quantificabili in 100.000, soprattutto se sommiamo a questi un residuo di 220.000 metri cubi non ancora edificati che potenzialmente costituiscono insieme un quantitativo pericoloso e dannoso per il nostro territorio.
Confidiamo che questi 100.000 mc. siano gestiti in maniera moderata e virtuosa dalla presente e dalle successive Amministrazioni Comunali di Vigonovo.

Ci dispiace non essere presenti in Consiglio Comunale questa sera,

cordialmente ringraziamo e salutiamo.

Andrea Danieletto

Gruppo Consiliare
Movimento 5 Stelle Vigonovo.

Queste invece le osservazioni fatte al Documento Preliminare sul PAT presentato a Settembre 2014:

Considerazioni del Movimento 5 Stelle alla presentazione del preliminare PAT di Vigonovo


In occasione dell'incontro di Giugno scorso in cui è stato presentato lo studio ed il documento preliminare sul PAT/PI di Vigonovo, come Consigliere Comunale portavoce del Movimento 5 Stelle Vigonovo ho esposto queste osservazioni:

Si è parlato del fatto che nel Comune di Vigonovo i consumi elettrici sono in aumento e che la rete elettrica avrebbe bisogno di un ammodernamento. Ho obiettato sostenendo che in realtà in questi ultimi anni i consumi si sono fermati o sono addirittura in diminuzione, evidenziando che lo studio dei consumi è riferito a qualche anno fa, come viene confermato dai relatori.
Incombe inoltre su Vigonovo la minaccia dell'elettrodotto aereo da 380 Kilovolt, che tutte le forze politiche del paese sono impegnate a combattere, ed un'affermazione di questo genere, per niente aggiornata, potrebbe avvalorare le tesi dei sostenitori di quest'opera.

Anche il sistema viario è stato messo in discussione da questo preliminare, i relatori sostengono la necessità di aggiornare e implementare la rete viaria a causa di aumento di traffico su gomma. La mia obiezione è stata simile alla precedente, anche in questo caso i dati statistici non sono aggiornati, il traffico è in diminuzione e dobbiamo cercare di non dare supporto a forze politiche esterne a Vigonovo che chiedono la strada cosiddetta "camionabile" lungo il tracciato dell'idrovia Padova-Mare, le quali si possono avvalere dei dati in parte obsoleti prodotti da questo preliminare.


Grazie e saluti.

Andrea Danieletto
M5S Vigonovo


Vigonovo - 

Presentata in Consiglio Comunale la nostra mozione contro gli aumenti ACTV urbani ed extraurbani imposti dal Comune di Venezia.
Attenzione, questi aumenti non sono dovuti per il miglioramento del servizio (come dice la legge), ma per risanare i debiti di bilancio di Venezia, debiti prodotti grazie anche alla corruzione e alla mala politica.

Vigonovo, 28 Luglio 2015

Al Sindaco del Comune di Vigonovo

PROPOSTA DI MOZIONE:
DELIBERA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL COMUNE DI VENEZIA CON POTERI DELLA GIUNTA DI AUMENTO DELLE TARIFFE DI TRASPORTO PUBBLICO

Il gruppo consigliare del Movimento 5 Stelle Vigonovo
PREMESSO CHE
AVM SpA è una Società per azioni, controlla aziende di trasporto pubblico ed è soggetta alla direzione ed al coordinamento del Comune di Venezia
Actv SpA è una società per azioni che svolge servizi di Trasporto pubblico locale
Il Comune di Vigonovo è socio di Actv SpA con una quota pari allo 0,084%
VISTA
La Delibera del Commissario Straordinario del comune di Venezia, n°200 del 26/05/2015: "AVM S.p.A.: Servizi di trasporto pubblico locale di competenza del Comune di Venezia. Modifica del sistema tariffario relativamente ai titoli di viaggio con e senza Carta Venezia ed integrazione contratto di servizio";
che a seguito di quanto deliberato nell'atto sopracitato sono a realizzarsi aumenti tariffari che interessano le tratte urbane della rete di trasporto pubblico ACTV da e per Venezia;
che tali aumenti inciderebbero sul supplemento urbano e quindi anche sul costo complessivo del biglietto e degli abbonamenti extraurbani andando ulteriormente a penalizzare l'utenza pendolare costituita da lavoratori, studenti o comunque cittadini che per esigenze proprie utilizzano il mezzo pubblico per recarsi nella città di Venezia;
Che il provvedimento ha evidentemente lo scopo di reperire risorse aggiuntive a favore del bilancio comunale di Venezia già a decorrere dal corrente anno, attraverso l'attribuzione in via sperimentale di una quota parte degli introiti tariffari percepiti nella gestione dei suddetti servizi, come consentito dall'art. 4 par. 2 del Regolamento (CE) n. 1370/2007 che recita "I contratti di servizio pubblico ... definiscono le modalità di ripartizione dei ricavi derivanti dalla vendita dei titoli di viaggio che possono essere trattenuti dall'operatore del servizio pubblico, riversati all'autorità competente o ripartiti fra di loro";
Che a tale scopo è modificato mediante integrazione, il vigente contratto di servizio con AVM S.p.A., inserendo all'art. 9 "Tariffe" il seguente nuovo comma 2-bis: "Spetta al Comune di Venezia una quota parte degli introiti tariffari di cui al comma 1, ai sensi dell'art. 4, paragrafo 2, del Regolamento (CE) n. 1370/2007, nella misura che potrà essere stabilita annualmente dallo stesso, anche attraverso eventuali adeguamenti tariffari necessari per assicurare la sostenibilità del risultato economico dei servizi, previsto dal budget aziendale, e che gli sarà attribuita secondo modalità concordate direttamente tra l'Affidatario e il Comune di Venezia.";
Considerato CHE
La giurisprudenza in materia è concorde nello stabilire che gli aumenti tariffari debbano essere strettamente connessi al servizio offerto e non ad altre esigenze economiche della P.A., per di più imponendo un ulteriore aumento tariffario a brevissima distanza di tempo, da quello già molto penalizzante attuato lo scorso febbraio 2015;
La delibera in oggetto, intervenendo direttamente su prerogative dell'organo di gestione del servizio di trasporto, non fornisce alcuna attestazione del prevedibile impatto degli aumenti tariffari sulla fruizione del servizio di trasporto e, conseguentemente, sul risultato economico della partecipata;

Per quanto visto e considerato a tutela dei cittadini chiede di impegnare il sindaco
1. Ad intervenire nei confronti del sindaco di Venezia, invitandolo all'immediato annullamento, in via di autotutela, della Delibera del Commissario Straordinario n°200 del 26/05/2015;
2. Ad intervenire nei confronti del sindaco di Venezia, invitandolo a provvedere al rimborso della quota di aumento dei titoli di viaggio già pagati dagli utenti per effetto del provvedimento stesso in vigore dal 1° luglio 2015;
3. Nel caso il Comune di Venezia decida di non aderire alle richieste di cui ai precedenti punti 1 e 2, ad impugnare presso tutti i competenti organi la deliberazione suddetta e di chiedere ai responsabili il ristoro dei danni che direttamente o indirettamente ne possano derivare;
4. Ad ottenere, nell'ambito della città metropolitana di Venezia, un comportamento del Comune di Venezia rispettoso dei diritti dei Comuni soci di minoranza delle proprie partecipate e dei loro cittadini.

Andrea Danieletto
Movimento 5 Stelle Vigonovo


Vigonovo - 

Ricordando che "prevenire è meglio che curare" abbiamo presentato questa interrogazione in Consiglio Comunale affinchè tutti noi cittadini Vigonovesi siamo informati sullo stato delle cose:

Vigonovo, 6 Luglio 2015

INTERROGAZIONE

Al Sindaco del Comune di Vigonovo.

MOVIMENTO 5 STELLE VIGONOVO

Con questa interrogazione saremo molto diretti Signor Sindaco,
il Movimento 5 Stelle Vigonovo chiede se l'Amministrazione Comunale di Vigonovo è stata resa partecipe o quantomeno informata sulla vicenda immigrati/profughi che si sta venendo a delineare su tutta l'area della Riviera del Brenta.
Voci, comunicati, e notizie di giornale (confermate da Nostri Consiglieri in comuni della Riviera) sostengono di gestione diretta da parte della Prefettura per quanto riguarda alloggi e ricoveri di emergenza in alcuni Comuni della Riviera del Brenta.
Vorremmo essere informati anche noi Cittadini Vigonovesi sulla situazione attuale e se la Prefettura può agire e prendere possesso di strutture pubbliche senza l'avallo dell'Amministrazione Comunale.
Temiamo infatti che prima o poi anche Vigonovo sarà coinvolto direttamente al dramma immigrati/profughi, in questo caso cosa si risponderà ad eventuali richieste della Prefettura?

Grazie, Distinti saluti.

Andrea Danieletto

Gruppo Consiliare
Movimento 5 Stelle Vigonovo.


Vigonovo - 

Un ringraziamento a tutti i cittadini Vigonovesi che continuano a sostenerci in questa battaglia a 5 Stelle !

Anche in queste elezioni Vigonovo si conferma il migliore Comune pentastellato della Provincia di Venezia e, dopo aver consultato un centinaio di Comuni in tutto il Veneto ci sentiamo di dire che abbiamo anche la più alta percentuale in Regione: 18,7 %

Grazie a tutti, la battaglia continua,
l'onestà andrà di moda !

Alleghiamo una tabella ripeilogativa del Voto del Movimento 5 Stelle in Provincia di Venezia negli ultimi 3 anni:

Percentuali M5S prov.di venezia.pdf


Vigonovo - 

In risposta al post dell'Amministrazione Comunale di Vigonovo:
Se fossimo un qualsiasi partito politico vi manderemmo direttamente a quel paese.
Ma siccome siamo il Movimento 5 Stelle vogliamo spiegarvi come stanno veramente le cose.
Non per Voi dell'Amministrazione che probabilmente continuerete a non capire nulla o a far finta di non capire, ma per quei cittadini di Vigonovo che leggono queste pagine.
Il nostro articolo elencava una serie di incarichi legali per una serie di cause, NON tutte quelle intraprese dal Comune di Vigonovo, infatti abbiamo tralasciato quelle cause che ad un primo nostro approccio sembravano giustificate.
Abbiamo evidenziato almeno 3 tipi di chiamiamoli problemi :
Spese assolutamente ingiustificate e faziose dell'amministrazione di Vigonovo per incarichi spese legali per cause quantomeno "allegre". In almeno 3 casi ci sono decine di migliaia di euro spesi in avvocati contro privati o società con il fine di imporre la legge per piccole beghe risolvibili in altre forme, prima fra tutte lasciare il normale decorso giudiziale con la sentenza del T.A.R.
Incarichi diretti rivolti sempre allo stesso Studio Legale da almeno 5 anni a questa parte: non si può fare, a meno di prosecuzione di cause già aperte o specifica professionalità in un determinato settore.
Un terreno espropriato dalla precedente Amministrazione Galenda e risarcito come stabilito da criteri di legge come terreno agricolo. Chiunque e tantopiù l'Amministrazione Comunale sapeva che questo terreno non era propriamente agricolo, era potenzialmente edificabile, solo che al momento dell'esproprio non era inserito ancora in nessun Piano particolareggiato di edificabilità. Successivamente su tutta l'area che vi sta attorno è stato attuato un piano edificabile, quindi giustamente i proprietari hanno fatto ricorso, vincendolo, facendo riconoscere il proprio terreno come edificabile e ottenendo dal comune un indennizzo di centinaia di migliaia di euro dei cittadini Vigonovesi. L'avete scelto voi quel terreno !

Quanto ai ridicoli riferimenti alle spese legali del Comune di Mira, sappiate che l'Amministrazione Maniero ha ereditato diverse decine di migliaia di euro in cause aperte dalla precedente Amministrazione Carpinetti PD (sempre là siamo, PD e PDL/Lega li abbiamo già smascherati a Roma essere la stessa identica minestra...),
e in quanto a incarichi legali intrapresi negli ultimi 3 anni sono ridotti ai minimi termini strettamente necessari.

Buona continuazione.


Vigonovo - 

A Vigonovo non ci sono 300 euro per sistemare una giostra di un parco giochi che cade a pezzi ma si possono letteralmente gettare dalla finestra decine di migliaia di euro.

Questo in poche parole il sunto di quanto stiamo per esporvi, fate attenzione:

23.02.2015 si delibera la spesa di 5.075,20 euro
30.06.2014 si delibera la spesa di 7.372,80 euro
24.08.2012 si delibera la spesa di 3.945,66 euro *
23.06.2011 si delibera la spesa di 3.744,00 euro
23.06.2011 si delibera la spesa di 2.496,00 euro
08.04.2011 (Giunta Galenda) si delibera la spesa di 1.872,00 euro *
14.12.2010 (Giunta Galenda) si delibera la spesa di 7.488,00 euro *
19.03.2010 (Giunta Galenda) si delibera la spesa di 15.000,00 euro *

Si tratta di "Affidamenti incarichi legali per costituzione in giudizio avanti al T.A.R." o "prosecuzioni di incarichi legali", chissà di quali argomenti così complessi stiamo parlando, per avvalersi della consulenza di un legale esterno.

Ebbene, per i due incarichi più recenti stiamo parlando di ristrutturare un'abitazione rurale e del rivestimento di una tettoia !
Avete letto bene, il Comune nega (avrà le sue ragioni) la possibilità ad una società privata di sistemarsi l'abitazione (non sta bloccando una lottizzazione di chissà quale speculatore edilizio...) rinunciando cosi' a qualche decina di migliaia di euro di oneri di urbanizzazione, e ad un'altra di ampliare la propria attività perchè tra l'altro sulla tettoia non sono tollerati i finti coppi (il Comune vuole i coppi veri), le controparti ritengono infondati i divieti dell'Amministrazione Comunale e ricorrono al T.A.R. Veneto.
In questi due ultimi esempi il Comune di Vigonovo spende circa 12.500 euro per pagare un avvocato che faccia in modo di bloccare la ristrutturazione di un edificio e per far ottemperare a prescrizioni assurde..... finti coppi con veri coppi su di una tettoia !!!
In realtà poteva benissimo lasciare che il T.A.R. facesse il suo lavoro, giudicare e sentenziare senza bisogno che le parti si avvalessero di avvocati o studi legali.

Questi incarichi, sempre a spese nostre, vengono assegnati con la massima naturalezza, quasi fosse una sorte di prassi, affidandosi sempre allo stesso Studio Legale, in netto contrasto con vari pareri della Corte dei Conti già chiamata a pronunciarsi in passato su questioni similari.
Infatti la Corte dei Conti del Veneto nella Delibera 11.06.2013 nell'indagine incarichi esterni affidati dagli Enti Locali dice chiaramente:

La giurisprudenza della Corte dei conti ha ribadito che il conferimento dell'incarico deve essere preceduto da procedure selettive di natura
concorsuale, adeguatamente pubblicizzate, escludendosi, se si tratta di incarichi, la possibilità di affidamento diretto dell'incarico.


Tornando all'elenco delle Consulenze esterne, soprattutto nella passata Amministrazione Galenda (la Giunta Zecchinato è in perfetta linea politico-amministrativa con la precedente), alcune spese legali sembrano giustificate, altre servono in realtà a porre rimedio ad uno dei più grandi errori costati decine di migliaia di euro ai cittadini Vigonovesi come un esproprio di terreno agricolo che in realtà si scopre essere edificabile, dovendo così pagare ai proprietari una cifra enorme di risarcimento, più gli interessi, più le spese legali (ancora con lo stesso studio...).

Indovinate chi paga tutto questo ? E poi mancano 300 euro per mettere in sicurezza dei giochi per i bambini..........sarebbe buona gestione della cosa pubblica questa?

MoVimento 5 Stelle Vigonovo

I candidati a Vigonovo

  • user-pic
    Alberto Rubin
  • user-pic
    Andrea Danieletto
  • user-pic
    Andrea Marigo
  • user-pic
    CARLA CARTURAN
  • user-pic
    emanuele giacomelli
  • user-pic
    Luisa Sattin
  • user-pic
    Nicola Moressa
  • user-pic
    Sabrina Zuin
  • user-pic
    susanna michieli