MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Articoli Giornalino comunale VIGNOLA informa


Vignola - 

L'Italia è uno dei pochi Paesi con un sistema sanitario pubblico ad accesso universale. Due fatti però stanno minando alle basi l'universalità e l'omogeneità del Servizio Sanitario Nazionale:
1) l'affidamento alle Regioni della gestione dell'assistenza sanitaria ed il suo finanziamento, che accentua le differenze territoriali;
2) la sanità privata che sottrae risorse e talenti al pubblico.
Si tende, inoltre, erroneamente, ad organizzare la Sanità come un'azienda e a far prevalere gli obiettivi economici rispetto a quelli di salute e di qualità dei servizi.
Basandoci su queste convinzioni, durante l'ultimo consiglio comunale, discutendo in merito al futuro dell'ospedale di Vignola abbiamo dato voce alle nostre idee che abbiamo raccolto anche attraverso la segnalazione di numerosi cittadini e che possono così essere suddivise:
a) miglioramento dei servizi offerti ai cittadini sia per quel che riguarda l'idoneità degli spazi che la strumentazione. In particolare abbiamo sollevato le criticità del "non reparto" di diabetologia e di tutti i servizi svolti presso i poliambulatori.
b) adeguamento delle infrastrutture che permettono l'accesso alla palestra di riabilitazione.
c) incremento della sicurezza all'interno della struttura ospedaliera evitando anche situazioni di "bivacco" notturno.
Tutti questi punti sono andati ad integrare una petizione promossa dall'amministrazione che ha lo scopo di fornire indicazioni alla Regione in merito agli argomenti ritenuti di maggior incombenza per la popolazione.
Infine, ciò che ci è premuto esprime è il fatto che è vero che non tutti i servizi possono essere offerti n tutti gli ospedali, ma ciascun ospedale deve essere valorizzato per le sue peculiarità che possono diventare eccellenze nel settore e non di certo essere svuotato di quelle funzioni di cui negli anni si è reso "maestro".

Il video relativo al nostro intervento: un primo stralcio al minuto 15.14 cliccando qui e il continuo cliccando qui.

Democrazia è partecipazione


Vignola - 

Le sedute del Consiglio Comunale si svolgono, di norma, in forma pubblica. Chiunque può assistere ai lavori, prendendo posto nella parte della sala riservata al pubblico. Nello Statuto Comunale è sancito il diritto di informazione, ed, in particolare, il Sindaco, la Giunta ed il Consiglio Comunale adottano, anche di propria iniziativa, tutti i provvedimenti idonei ad una completa attuazione del diritto di informazione stesso.
Con l'obiettivo di favorire ed ampliare la partecipazione di tutti i cittadini all'attività politica e, perseguendo finalità di trasparenza e pubblicità, essendo il Comune di Vignola dotato di strumentazione atta ad effettuare riprese audio-visive delle sedute del Consiglio Comunale, abbiamo presentato una mozione nella quale abbiamo richiesto che, contestualmente alla pubblicazione delle delibere, fossero diffuse anche le
videoriprese dei Consigli Comunali, essendo queste ritenute parte integrante della documentazione per quanto riguarda gli interventi uditi durante la seduta, e costituiscono resoconto della stessa.
La nostra mozione è stata approvata all'unanimità. Un'altra vittoria a 5 Stelle.
Tutti i video li potete trovate al link: https://www.youtube.com/user/ComuneVignola


Vignola - 

La Pianura Padana è una delle cinque aree più inquinate del mondo. La logica di sempre è stata: "più produzione, più crescita, più sviluppo" a prescindere dall'impatto ambientale, sanitario, sociale ed economico.
L'inquinamento ambientale maggiore è causato allo smaltimento dei rifiuti. In Italia, infatti, ancora si adottano due modalità di gestione inquinanti: discariche e inceneritori.
I rifiuti devono essere al centro di una visione complessiva che individui il percorso migliore per la loro riduzione, per il loro riuso, riciclo e recupero, applicando la regola delle R:
1) riduzione all'origine dei rifiuti, scegliendo prodotti con imballaggi ridotti e/o riutilizzabili evitando gli sprechi;
2) raccolta differenziata, impegnandosi a separare correttamente i rifiuti gettandoli nei contenitori giusti;
3) riuso degli oggetti ancora utili, riutilizzando barattoli e bottiglie di vetro;
4) riciclo dei materiali utili, perché i materiali che separiamo con la raccolta differenziata diventano nuovi prodotti in vetro, alluminio, plastica, carta.
Persino i nostri scarti alimentari possono essere trasformati e diventare compost, utile per le nostre piante o in agricoltura. Il fine ultimo è quello di poter arrivare ad ottenere gli obiettivi espressi nella strategia Rifiuti Zero.
I servizi che HERA rende ai cittadini necessitano di un profondo ripensamento sia in termini qualitativi, sia di spesa.
Cresce, infatti, di giorno in giorno il malcontento per il costante aumento dei costi, la scarsità della manutenzione,
l'irrilevanza dell'Amministrazione nelle decisioni strategiche di HERA. Per tali ragioni, abbiamo espresso parere contrario all'aumento del 5,3% medio della tassa sui rifiuti per l'anno 2016. Essendo una tassa, essa deve essere applicata secondo il principio della controprestazione, cioè legata ad un pagamento dovuto come corrispettivo per la
prestazione erogata al cittadino di un servizio pubblico offerto da un ente pubblico. Poiché in questo lungo anno di amministrazione sono state tantissime le segnalazioni che ci sono giunte relative al non adeguato smaltimento dei rifiuti in moltissime zone della città, fra cui, la circonvallazione, la zona artigianale, la zona della stazione dei treni, il centro storico, per non parlare poi di pulizie delle strade che avvengono davanti a bar e ristoranti durante l'orario di punta, abbiamo deciso di non avvallare tale decisione.


Vignola - 

La rapina a mano armata avvenuta all'inizio di Marzo in una nota oreficeria vignolese non è che uno degli episodi di violenza che ha interessato la nostra città, saltata agli onori delle cronache nazionali per la finta esecuzione in stile ISIS. Negli ultimi tempi non si contano i casi di rapine nella zona e soltanto di poco più di un anno fa è la rissa a colpi di mazza da baseball avvenuta in una delle zone più centrali del paese, per denunciare la quale scrivemmo l'articolo Vignola come il Bronx (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/vignola/2014/09/vignola-come-il-bronx.html) che, amaramente, suscitò più scalpore per il titolo, che per il fatto che c'era chi a Vignola scendeva in strada armato per farsi giustizia da solo. A ciò si aggiunge che, come ricordato dal nostro deputato Vittorio Ferraresi: "Questo Governo con quattro provvedimenti svuota carceri, che vanno a favorire la criminalità, o con provvedimenti come il reato tenue, di fatto lascia la strada libera ai criminali e non garantisce la sicurezza ai cittadini. Non solo: in Italia manca la formazione per le forze dell'ordine e ci sono forti carenze, sono infatti 18.000 le unità mancanti di Polizia e fino a 40.000 quelle tra tutte le forze dell'ordine impegnate sul nostro territorio". Datata Settembre 2014 è la nostra mozione presentata in Consiglio Comunale in cui richiedevamo l'incremento dell'organico della Polizia Municipale sul nostro comune. Infatti, ciò che noi vogliamo e richiediamo è il rispetto della legge regionale 2071/2013 che definisce gli standard essenziali dei corpi di polizia locale, legge totalmente disattesa nei comuni che hanno delegato tale funzione all'Unione Terre di Castelli. Ciò che risulta essere essenziale è valutare di poter inserire in bilancio nuove assunzione. In questi anni, disattendendo gli accordi stipulati con la Regione ER che avrebbero dovuto portare un incremento dell'organico, i componenti del Corpo Unione di Polizia Municipale dell'Unione Terre di Castelli è addirittura diminuito tra pensionamenti e trasferimenti. Poiché per noi la sicurezza dei cittadini è un diritto primario sul quale si fonda una comunità, riteniamo indispensabile che si pubblichi immediatamente il bando per avviare il procedimento per nuove assunzioni. Proprio del 29 Febbraio 2016 è la nota con cui il dipartimento della funzione pubblica rende noto che anche per la regione Emilia Romagna si può procedere in questo senso. Più agenti sulle strade per presidiare il territorio. Subito.

Movimento 5 stelle - Articolo 7.jpg


Vignola - 

Il Consiglio Comunale ha approvato il Documento di mandato per lo studio di fattibilità redatto dalla commissione consultiva per il progetto di riorganizzazione istituzionale.
Hai capito di cosa si parla?
Si tratta di un documento che sembrerebbe volto alla ricerca dei dati che consentirebbero di ottimizzare l'erogazione dei servizi ai cittadini, andando ad investigare le dimensioni territoriali ottimali, per migliorare i margini di manovra finanziaria dei Comuni in esame.
Tuttavia, i tempi serratissimi di elaborazione e di approvazione, nonché le remore palesate ad una sua modifica, ci hanno rafforzato la convinzione che il vero intento di questo documento sia quello di definire linee politiche di possibili fusioni già ora, senza aver consultato l'intera cittadinanza e fa anche peggio, richiedendo studi di fattibilità su fusioni tra Comuni che già si sono dichiarati contro a tale scelta. Infatti, benché Savignano e Guiglia si siano già espressi chiaramente contro ad ogni tipo di fusione, vengono tenuti in considerazione in tale analisi.
E lo sai che ipotesi di fusione sono state ipotizzate?
Allo studio si chiede di elaborare tre ipotesi di fusione. Una tra i nove comuni dell'Unione Terre di Castelli (più Montese), un'altra prospetta la generazione di un comune montano (Guiglia, Zocca e Montese) e un secondo di pianura (Castelnuovo, Castelvetro, Spilamberto, Vignola, Marano e Savignano), mentre la terza ipotesi prefigura la nascita di tre nuovi comuni (quello montano sopra menzionato, uno comprendente Castelnuovo, Castelvetro, Spilamberto e l'altro Vignola, Marano e Savignano).
Per noi si sta premendo il piede sull'acceleratore per ottenere una fusione sulla quale non si è richiesto il giudizio dei cittadini. Per tali motivazioni, il MoVimento 5 Stelle NON ha approvato tale documento e cercheremo in tutti i modi di informare i cittadini, perché: "Hai scelto tu che la fusione a tre di Vignola potesse avvenire con Marano e Savignano?" Noi no!

Gruppo Consigliare MoVimento 5 Stelle

Articolo 6.jpg


Vignola - 

Con votazione all'unanimità da parte del Consiglio Comunale è stata approvata una mozione (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/vignola/Mozione%20-%20Baratto%20amministrativo.pdf) da noi presentata che favorisce il sostegno al reddito per i cittadini maggiormente colpiti dalla crisi economica.
Con essa si sono impegnati il Sindaco e la Giunta a redigere un regolamento comunale, entro 12 mesi, inerente il baratto amministrativo. Saranno concessi sgravi fiscali a coloro i quali presteranno il loro tempo alla comunità effettuando lavori socialmente utili come la pulizia, la manutenzione, l'abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una zona del territorio.
Durante lo stesso consiglio comunale, grazie all'approvazione all'unanimità di un'altra mozione da noi presentata (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/vignola/Mozione%20-%20INDICAZIONE%20ASSENSO%20DONAZIONE%20ORGANI%20CI.pdf) abbiamo, inoltre, impegnato l'amministrazione a predisporre ogni atto utile per introdurre nelle attuali procedure di rilascio e rinnovo dei documenti di identità la registrazione della propria volontà alla donazione degli organi e la predisposizione di un protocollo d'intesa con il sistema sanitario nazionale, per la trasmissione delle adesioni raccolte nel Sistema Informativo Trapianti del Ministero della Salute.

Gornalino5.jpg

Questione di sicurezza


Vignola - 

Ecco il quarto articolo del MoVimento 5 Stelle di Vignola pubblicato sul giornalino comunale.

Negli ultimi anni si è assistito ad una progressiva trasformazione della società vignolese. Infatti, per la sua peculiare centralità culturale, per la sua media dimensione e per il suo spessore socio produttivo, la città di Vignola costituisce un importante polo di attrazione per cittadini provenienti da altre parti del Paese e da altre nazioni, richiamati dalle numerose opportunità lavorative, dal benessere economico e dal modello di vita di una città tradizionalmente ospitale ed attraente. Se da un lato ciò ha portato all'adozione di azioni coordinate per favorire l'integrazione e la coesione sociale per migliorare la vivibilità del territorio e la qualità della vita, dall'altro è risultata indispensabile la pianificazione di interventi per la tutela ed il rispetto dell'ordine e della sicurezza pubblica.
Ritenendo che sia compito dell'amministrazione comunale rappresentare le istanze di sicurezza della collettività che vive nel proprio territorio ed assumere tutte le iniziative di prevenzione sociale e di qualificazione dei luoghi di vita che possono concorrere a rendere più difficoltoso il manifestarsi dei fenomeni di illegalità e di utilizzo disordinato ed illecito di spazi pubblici, sintomatici di disagio sociale, durante lo scorso consiglio comunale, abbiamo votato in modo favorevole ad un ordine del giorno presentato dalla maggioranza di governo, inerente una necessaria riorganizzazione del corpo unico della polizia municipale.
Tuttavia, come già fatto nel luglio 2014, quando presentammo una mozione relativa all'incremento dell'organico della polizia municipale (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/vignola/Mozione%20-%20Incremento%20Polizia%20Municipale.pdf) , ciò che noi continueremo a richiedere a gran voce, è il rispetto della legge regione 2071/2013 che definisce gli standard essenziali dei corpi di polizia locale, legge totalmente disattesa nei comune che hanno delegato tale funzione all'Unione Terre di Castelli. Ciò che risulta essere essenziale è valutare di poter inserire in bilancio nuove assunzione. In questi anni, disattendendo gli accordi stipulati con la Regione ER che avrebbero dovuto portare un incremento dell'organico, i componenti del Corpo Unione di Polizia Municipale dell'Unione Terre di Castelli è addirittura diminuito tra pensionamenti e trasferimenti.
Poiché per noi la sicurezza dei cittadini è un diritto primario sul quale si fonda una comunità, continueremo con forza a dare voce alle nostre convinzioni.

VI4.jpg

VIGNOLA informa


Vignola - 

Ecco il terzo articolo del MoVimento 5 Stelle di Vignola pubblicato sul giornalino comunale.

La democrazia diretta non si oppone, ma completa la democrazia rappresentativa
Uno dei capisaldi del MoVimento 5 Stelle è proprio la democrazia diretta, che vede il coinvolgimento in prima persona di tutti noi cittadini nelle scelte compiute dall'amministrazione. Ciò che s'intende promuovere è l'effettiva partecipazione, in forma diretta, alla vita pubblica del nostro territorio.
È di prioritaria importanza l'avvio di processi deliberativi popolari che aiutino gli amministratori nel prendere decisioni maggiormente equilibrate.
Si tratta dell'introduzione di norme, in linea con il principio della democrazia, idonee per introdurre equità e giustizia sociale al fine di consentire a tutti i cittadini di decidere dove e come destinare risorse della comunità. La partecipazione non filtrata dal potere consente, infatti, sia di aumentare il senso di consapevolezza in tutti noi, sia di concorrere concretamente alla gestione della cosa pubblica. Concretezza che si materializza, innanzitutto, tramite l'introduzione nello Statuto Comunale di strumenti quali il bilancio partecipato e il referendum propositivo senza quorum.
Proprio per stimolare questa discussione e dare voce alle idee riportate nel nostro programma elettorale (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/vignola/programma.html), il gruppo vignolese del M5S, assieme al suo Consigliere Comunale, hanno preso parte all'iniziativa denominata "La Giornata della Democrazia", organizzata dall'amministrazione comunale.
È per noi assoluta la convinzione della necessità di nuove forme che rendano maggiormente democratiche le scelte effettuate nella nostra Città. Spinti da tale convinzione, non ci tireremo indietro nel collaborare alla riscrittura dello Statuto Comunale al fine di introdurre strumenti indispensabili alla cittadinanza per intervenire in maniera più incisiva nelle scelte da compiere per il miglioramento dell'intera collettività.

Articolo3.jpg

VIGNOLA informa


Vignola - 

Ecco il secondo articolo del MoVimento 5 Stelle di Vignola pubblicato sul giornalino comunale

5 Stelle in Consiglio Regionale
Sono cinque i consiglieri M5S eletti in regione: Piccinini, Gibertoni, Sassi, Bertani, Sensoli. Rispetto alle elezioni del 2010 abbiamo raddoppiato la percentuale, sebbene in questa tornata elettorale abbia sicuramente vinto il grande astensionismo.
Detto questo, ciò che al gruppo M5S di Vignola preme ricordare sono le scelte compiute che hanno portato verso queste elezioni, successi ottenuti dal M5S e dall'intera comunità vignolese. Per la prima volta a queste consultazioni, grazie all'approvazione all'unanimità da parte del consiglio comunale di una mozione da noi presentata (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/vignola/movimento-in-consiglio-comunale.html), è stata data la priorità per svolgere il ruolo di scrutatori elettorali a disoccupati e studenti. I restanti posti sono poi stati assegnati mediante sorteggio casuale tra tutti gli iscritti e, dunque, è stata data, dopo decenni, a tutti la possibilità di prendere parte attivamente a queste elezioni, organizzandosi insieme alla comunità locale, non limitandosi, perciò, soltanto all'espressione di voto. In questo modo giovani e meno giovani hanno trovato un momento di incontro, momenti che spesso è difficile vivere. Nonostante i timori fisiologici da parte di tutti i componenti direttamente coinvolti nell'organizzazione di queste elezioni, presidenti, segretari, scrutatori, rappresentanti di lista, commissione elettorale, uffici elettorali, dovuti alla novità del metodo utilizzato per la nomina della composizione dei seggi, sebbene piccoli aggiustamenti di tiro siano certamente possibile, uditi molti degli attori in gioco, riteniamo di poter tirare un bilancio assolutamente positivo di queste elezioni e dei processi che si sono svolti senza particolari problemi da evidenziare.
Nuove persone si sono avvicinate ai seggi, hanno capito l'importanza dell'espressione del voto, hanno cercato, anche loro nel loro piccolo, di diminuire l'astensionismo e ciò che è oltremodo importante hanno compreso come la politica non sia qualcosa d'inconsistente ed estremamente lontano da loro.

Giornalino2.jpg

VIGNOLA informa


Vignola - 

Ecco il primo articolo del MoVimento 5 Stelle di Vignola pubblicato sul giornalino comunale.

MoVimento in consiglio comunale
Il MoVimento 5 Stelle si presenta ai cittadini. Il 21 giugno la Dott.ssa Nadia Piseddu è stata nominata vice presidente del consiglio comunale. Le sue parole racchiudono lo spirito che ci contraddistingue: "Il M5S non farà opposizione giudicando le proposte in base a quale schieramento le formula. Il nostro metro di valutazione sarà esclusivamente il merito. Non esiteremo a lavorare insieme per realizzare quelle proposte in cui ci riconosceremo. Vigileremo affinché le scelte compiute siano effettuate esclusivamente per favorire il bene dell'intera comunità e, sebbene dai banchi dell'opposizione, porteremo avanti la nostra visione politica. Vignola deve tornare ad essere una comunità in cui vengono valorizzate le capacità di ciascun individuo, dove oltre ogni disponibilità di risorse economiche, sono le persone con le loro passioni e talenti il valore dal quale non si deve prescindere. Dove la cultura deve essere considerata come il propulsore in grado di rinnovare la socializzazione tra le persone. Dove l'agricoltura viene salvaguardata e la terra viene considerata frutto di vita e non sterile aree da cementificare. Dove il know-how delle PMI venga considerato patrimonio che genera ricchezza sociale e per questo tutelato. Dove le idee viaggiano veloci tramite internet, garantendo una condivisione gratuita delle conoscenze e costruendo in tal modo un'intelligenza collettiva che non uniforma le menti e garantisce la democrazia. Una città dove i giovani, l'istruzione e lo sport vengano considerati come volano per il rilancio della nostra società. Dove la sanità sia un servizio garantito a tutti e dove nessuno deve essere lasciato indietro".

Articolo 1 - Giornalino Vignola.jpg

I candidati a Vignola

Archivio

Questa pagina è l'archivio dei post nella categoria Articoli Giornalino comunale VIGNOLA informa.

Ambiente è la categoria precedente.

Consigli Comunali è la categoria seguente.

Partecipa ai nostri eventi