SOFTWARE LIBERO: RISPARMIO, LIBERTÀ E SVILUPPO PER I CITTADINI.

(di MoVimento Torino) 03.04.17 10:52


Oggi in Consiglio Comunale è stata approvata la mozione riguardante il "software libero". Con questo termine non vogliamo intendere qualcosa di "gratuito", ma qualcosa che sia libero di essere riusato, migliorato, ridistribuito a piacimento.

L' adozione del software libero risponde all'interesse pubblico sotto molti aspetti: apporta dei benefici in termini economici, permette di l'indipendenza del software dall'hardware, e poi si può riusare tra pubbliche amministrazioni, assicurando l'interoperabilità dei sistemi informativi, anche mutualizzandone i costi.
In tal senso ricordiamo che il Codice dell'Amministrazione Digitale da precise indicazioni in merito all'adozione del software libero.

Volendo fare un esempio in tal senso un servizio o un software può essere sviluppato su spinta dell'amministrazione di Torino in collaborazione con quella di Verona o di Salerno, suddividendone i costi di sviluppo e mantenimento. Proprio la spesa del mantenimento potrebbe ricadere su imprese locali, sviluppando quindi un'economia di prossimità e conseguente nuovo indotto; infatti come afferma il prof. Moretti "Per ogni posto altamente qualificato se ne generano non meno di 3 nelle attività e nei servizi collegati".

Ma il risparmio riguarda anche l'interscambialità di dati tra pubbliche amministrazioni: il software libero usa formati aperti che possono essere letto, aggiornati e redistribuiti in modo semplice ed efficace, anche verso la cittadinanza; i dipendenti di amministrazioni diverse tra loro quindi possono utilizzare gli stessi sistemi, software e formati dati, potendo parlare una lingua comune.

"Questi strumenti e i dati aperti- commenta il consigliere Federico Mensio - favoriscono la partecipazione e la crescita socio culturale dei cittadini, anche in termini collaborativi; il regolamento dei beni comuni della città prevede come "Beni comuni urbani: i beni, materiali, immateriali e digitali, che i cittadini e l'Amministrazione riconoscono essere funzionali all'esercizio dei diritti fondamentali della persona, al benessere individuale e collettivo, all'interesse delle generazioni future, per garantirne e migliorarne la fruizione collettiva e condividere con l'Amministrazione la responsabilità della loro cura, gestione condivisa o rigenerazione;".

La mozione riguarda anche la proprietà dei sistemi e dei dati e la sicurezza, infatti è noto che molte grandi aziende private concedono l'utilizzo gratuito di loro sistemi o servizi, ma per far ciò utilizzano i dati degli utenti privati per generare i loro profitti.
Quando un cittadino decide di privarsi di una sua "libertà" per utilizzare un software o un servizio, lo fa in modo più o meno consapevole, ma è una sua scelta personale.
"Nel caso della Pubblica Amministrazione le operazioni informatiche sono eseguite per conto delle persone, in particolare quando si trattano i dati, anche sensibili. L'ente pubblico non dovrebbe affidare a terzi la propria attività digitale, senza poter avere la certezza di esercitare un controllo sull'intero processo. L'attività computazionale del Comune deve quindi essere trasparente, controllabile e sicura, per servire i cittadini e proteggere i loro dati" aggiunge il consigliere Federico Mensio.

Conclude affermando che: "Torino ha competenze e capacità per diventare il polo dello sviluppo sociale del software e dei sistemi liberi e aperti e può essere la città motore di una "nuova" rivoluzione digitale che metta l'uomo ed il bene comune al centro. Siamo convinti che in tal senso potrà proporsi per lo sviluppo economico digitale legato al software libero, in Italia e anche in Europa, creando un ecosistema che può portare nuova occupazione e crescita culturale ed economica"

L'assessora Pisano ha accolto favorevolmente la mozione, riconoscendone l'importanza delle indicazioni politiche che ne stanno alla base. Si è quindi data disponibile per costituire il tavolo tra amministrazione, associazioni, enti ed esperti, che possano sviluppare le piattaforme, come FirstLife o basate su Openstack.

Categorie

Acqua (9)
Ambiente (79)
comunicatistampa (32)
Connettività (5)
Energia (16)
Programma (4)
Servizi ai cittadini (142)
Sviluppo (61)
Trasporti (63)

Per mese

Aprile 2017 (5)
Marzo 2017 (25)
Febbraio 2017 (12)
Gennaio 2017 (1)
Dicembre 2016 (8)
Novembre 2016 (9)
Ottobre 2016 (1)
Giugno 2016 (2)
Maggio 2016 (4)
Aprile 2016 (4)
Marzo 2016 (6)
Febbraio 2016 (3)
Gennaio 2016 (2)
Dicembre 2015 (5)
Novembre 2015 (2)
Ottobre 2015 (4)
Settembre 2015 (10)
Agosto 2015 (1)
Luglio 2015 (10)
Giugno 2015 (11)
Maggio 2015 (7)
Aprile 2015 (4)
Marzo 2015 (4)
Febbraio 2015 (4)
Gennaio 2015 (5)
Dicembre 2014 (4)
Novembre 2014 (3)
Ottobre 2014 (11)
Settembre 2014 (4)
Luglio 2014 (1)
Giugno 2014 (3)
Maggio 2014 (4)
Aprile 2014 (5)
Marzo 2014 (5)
Febbraio 2014 (14)
Gennaio 2014 (11)
Dicembre 2013 (10)
Novembre 2013 (7)
Ottobre 2013 (15)
Settembre 2013 (12)
Agosto 2013 (5)
Luglio 2013 (6)
Giugno 2013 (10)
Maggio 2013 (12)
Aprile 2013 (11)
Marzo 2013 (12)
Febbraio 2013 (11)
Gennaio 2013 (10)
Dicembre 2012 (11)
Novembre 2012 (15)
Ottobre 2012 (12)
Settembre 2012 (11)
Agosto 2012 (5)
Luglio 2012 (11)
Giugno 2012 (14)
Maggio 2012 (11)
Aprile 2012 (9)
Marzo 2012 (24)
Febbraio 2012 (28)
Gennaio 2012 (10)
Dicembre 2011 (16)
Novembre 2011 (22)
Ottobre 2011 (18)
Settembre 2011 (27)
Agosto 2011 (8)
Luglio 2011 (24)
Giugno 2011 (24)
Maggio 2011 (24)
Aprile 2011 (18)
Marzo 2011 (21)
Febbraio 2011 (13)
Gennaio 2011 (12)
Dicembre 2010 (6)
Novembre 2010 (2)
Ottobre 2010 (2)
Settembre 2010 (10)
Agosto 2010 (2)
Luglio 2010 (3)
Giugno 2010 (5)
Aprile 2010 (1)
Marzo 2010 (3)
Febbraio 2010 (2)
Gennaio 2010 (1)
Settembre 2009 (1)
Giugno 2009 (3)
Maggio 2009 (10)
Aprile 2009 (3)
Marzo 2009 (2)
Febbraio 2009 (1)