La Circoscrizione 2 NON sperimenterà il Bilancio Partecipativo

(di Serena Imbesi) 23.10.12 12:30

bp.jpgIeri, dopo 11 mesi dalla data del protocollo, è arrivato in aula il nostro ordine del giorno sul bilancio partecipativo.
Come abbiamo già detto riteniamo che il bilancio sia uno tra gli atti fondamentali dell'amministrazione, aprire quindi un reale confronto partecipato su tale strumento significa voler mantenere un rapporto di reciproca fiducia con i cittadini che non finisce al momento del voto ma perdura durante gli anni del mandato.
Si tratta, quindi, di impiegare una parte delle risorse economiche e, attraverso assemblee o e eventuali paittaforme on-line in cui si snoda il confronto e la discussione, i cittadini decidono in modo autonomo come utilizzarle.
Ciò non coinvolge solo cittadini e amministratori ma anche gli uffici tecnici e fa si che i cittadini possano capire il lavoro che esiste dietro alla macchina Comunale/Circoscrizionale, mentre ai Consiglieri permette una vera e propria consultazione con la popolazione per capirne le necessità.
Credendo fortemente nello strumento, con queste premesse abbiamo nella pimavera scorsa ritirato questo ordine del giorno, su richiesta della giunta, in favore di una commissione per meglio approfondire il tema, ringraziamo ancora Enrico Bertacchini (ricercatore della Facoltà di Economia) che ha magistralmente esposto le caratteristiche e le esperienze del bilacio partecipativo.
Le speranze di sperimentarlo in circoscrizione 2 crollano ieri sera durante l'intervento del Coordinatore alla I Commissione che, pur riconoscendo la validità di questo strumento e pertanto del nostro atto, e aggiungendo che anche in Comune l'Assessore Passoni ci sta lavorando, ci dice che questo non è il momento giusto, e chiede a me - prima firmataria del documento- nuovamente di ritirarlo perché "ogni cosa a suo tempo".
Gli interventi successivi della maggioranza portano alla luce due fatti, è un buono strumento che è presente anche nel programma della maggioranza ma l'Assessore non si è ancora espresso quindi anche loro non se la sentono di approvarlo. Ha dell'incredibile poi capire che alcuni Consiglieri giustificano il voto non favorevole poichè si tratta di una proposta avanzata dal Movimento 5 Stelle. Ennesima dimostrazione di una politica non basata sui contenuti e sulle idee, incapace di giudicare nel merito, ma pronta a sostenere le proposte esclusivamente in base alla forza politica proponente. E pensare che eravamo convinti che la politica si basasse sulla qualità delle proposte e delle idee e non sulle bandierine...
Ritroviamo i soliti amministratori circoscrizionali che preferiscono approvare i soliti progetti piuttosto che studiare e introdurre novità, come un buon amministratore dovrebbe fare, questo riguarda quasi tutta la maggioranza, solo un Consigliere si è astenuto, mentre il PDL e la Lega hanno abbandonato i banchi del Consiglio ancor prima della presentazione del documento, al mio voto favorevole si aggiungono quello della lista civica la Piazza, UDC e FLI.
Da parte mia posso dire che ho passato questo anno - insieme ai miei colleghi di altre circoscrizioni e in comune- ad approfondire il tema, a documentarmi tra le altre realtà che già lo sperimentano, e - nonostante le critiche per aver ritirato la prima volta il documento - sono contenta di averci comunque provato. Sono riuscita a dare spazio ad un importante momento informativo che ha coinvolto un esperto di Bilancio Partecipativo nonché molti cittadini interessati al tema.
Concludo con un'osservazione che ci tengo a fare per chiarire eventuali polemiche da parte dei consiglieri colleghi della nostra circoscrizione.
Come tutti ben sanno più di una volta mi sono resa disponibile a mettere da parte i simboli e riscrivere le idee su un foglio bianco nonostante, in qualità di Consigliere di minoranza, io abbia solo la possibilità di portare avanti i documenti condivisi con il gruppo di cittadini che orgogliosamente rappresento o fare semplicemente ostruzionismo. A fronte di questo sul tema bilancio partecipativo non c'è stato alcun segnale reale e concreto di interesse ma solo la continua volontà di rimandare la votazione di un documento che, ieri, non ho più ritenuto opportuno rinviare.
Mai nessuno in quel Consiglio potrà dire che le lotte che portiamo avanti possano essere mere lotte di facciata per compiacere quei cittadini che assistono ai Consigli.
Si ringrazia chi se ne è occupato, chi se ne sta occupando e chi se ne occuperà!

Categorie

Acqua (9)
Ambiente (77)
comunicatistampa (3)
Connettività (5)
Energia (16)
Servizi ai cittadini (141)
Sviluppo (60)
Trasporti (59)

Per mese

Febbraio 2017 (6)
Novembre 2016 (1)
Ottobre 2016 (1)
Giugno 2016 (2)
Maggio 2016 (4)
Aprile 2016 (4)
Marzo 2016 (6)
Febbraio 2016 (3)
Gennaio 2016 (2)
Dicembre 2015 (5)
Novembre 2015 (2)
Ottobre 2015 (4)
Settembre 2015 (10)
Agosto 2015 (1)
Luglio 2015 (10)
Giugno 2015 (11)
Maggio 2015 (7)
Aprile 2015 (4)
Marzo 2015 (4)
Febbraio 2015 (4)
Gennaio 2015 (5)
Dicembre 2014 (4)
Novembre 2014 (3)
Ottobre 2014 (11)
Settembre 2014 (4)
Luglio 2014 (1)
Giugno 2014 (3)
Maggio 2014 (4)
Aprile 2014 (5)
Marzo 2014 (5)
Febbraio 2014 (14)
Gennaio 2014 (11)
Dicembre 2013 (10)
Novembre 2013 (7)
Ottobre 2013 (15)
Settembre 2013 (12)
Agosto 2013 (5)
Luglio 2013 (6)
Giugno 2013 (10)
Maggio 2013 (12)
Aprile 2013 (11)
Marzo 2013 (12)
Febbraio 2013 (11)
Gennaio 2013 (10)
Dicembre 2012 (11)
Novembre 2012 (15)
Ottobre 2012 (12)
Settembre 2012 (11)
Agosto 2012 (5)
Luglio 2012 (11)
Giugno 2012 (14)
Maggio 2012 (11)
Aprile 2012 (9)
Marzo 2012 (24)
Febbraio 2012 (28)
Gennaio 2012 (10)
Dicembre 2011 (16)
Novembre 2011 (22)
Ottobre 2011 (18)
Settembre 2011 (27)
Agosto 2011 (8)
Luglio 2011 (24)
Giugno 2011 (24)
Maggio 2011 (24)
Aprile 2011 (18)
Marzo 2011 (21)
Febbraio 2011 (13)
Gennaio 2011 (12)
Dicembre 2010 (6)
Novembre 2010 (2)
Ottobre 2010 (2)
Settembre 2010 (10)
Agosto 2010 (2)
Luglio 2010 (3)
Giugno 2010 (5)
Aprile 2010 (1)
Marzo 2010 (3)
Febbraio 2010 (2)
Gennaio 2010 (1)
Settembre 2009 (1)
Giugno 2009 (3)
Maggio 2009 (10)
Aprile 2009 (3)
Marzo 2009 (2)
Febbraio 2009 (1)