Archivio

INCENERITORE DI TORINO, COSA C'E' DA NASCONDERE?

| 1 commento

<


< >
Giovedì scorso siamo andati con Davide Bono ed altri amici del MoVimento presso il cantiere dell'inceneritore del Gerbido, dove era in programma un sopralluogo della Commissione Ambiente del Comune di Torino. Sul posto erano presenti anche attivisti del CARP e di Rifiuti Zero Torino.

Al nostro arrivo abbiamo constatato con stupore che l'accesso al sito veniva impedito a tutti coloro che non erano stati preventivamente autorizzati; inoltre, quel che è più grave, veniva interdetto l'ingresso anche ad alcuni dei Consiglieri Comunali che fanno parte della Commissione. All'interno dell'area venivano ammessi solo i funzionari dell'Assessorato, oltre al Presidente della VI Commissione Vincenzo Cugusi, il quale per protesta sceglieva di non partecipare.

Tutto ciò è gravissimo, perchè ci troviamo di fronte ad un vero esproprio della politica.
Siamo nella situazione in cui dei responsabili di un cantiere possono impedirne l'accesso a rappresentanti dei cittadini, alcuni dei quali eletti nel Comune che detiene il 93% delle quote di TRM e membri di una Commissione Comunale regolarmente convocata, in spregio totale ai più elementari principi di trasparenza e di democrazia.

Certamente non c'era bisogno anche di ciò che è successo ieri per considerare l'inceneritore un'opera dannosa per la salute e l'economia, ma questo non fa che rafforzarne la convinzione.

Circoscrizione 5 - "Villaggio E14 l'ISOLAto che non c'è"

| commenti


Il villaggio E14 è situato tra via Reiss Romoli e Corso Grosseto ed è stato abbandonato. Da tutto e da tutti. Ogni tanto viene a trovarci qualche personaggio istituzionale, perlopiù della circoscrizione 5 (ma anche persone di rilievo quali l'assessore Sestero) e ci promettono una rinascita. Io però vorrei focalizzare l'attenzione sul fatto che da qualche anno siamo stati completamente lasciati soli. Niente scuole, niente negozi e una concessionaria Fiat che sta diventando il solo polo di (sotto)sviluppo del quartiere. Ma un problema per volta. Stiamo parlando di circa 600 famiglie che sono residenti da circa 30 anni e altre 200 famiglie appena insediate nelle nuove case costruite sul proseguimento di via Paolo Veronese. Per un totale di 800 famiglie non c'è un solo negozio. Gli abitanti sono COSTRETTI ad utilizzare i mezzi pubblici o privati anche solo per comprare un litro di latte. Di fronte al capolinea del 52 in via Scialoja esiste un basso fabbricato nel quale un tempo c'erano una panetteria, un macellaio, una farmacia, una cartoleria e per un certo periodo anche un minimarket. Tutto questo è sparito e al posto di questi servizi sono comparsi un Kebab e una sala giochi. Gli abitanti del villaggio mi sollecitano nel promuovere iniziative atte a far tornare i negozi. Dopo aver raccolto informazioni in circoscrizione ho scoperto che i locali sono stati dati in cessione temporanea ad una cooperativa, la CE.VE.DA che dovrebbe da contratto utilizzarli per inserire negozi di pubblica utilità che trattino beni a prezzi di mercato. La cooperativa però, contattata più volte da alcuni ragazzi interessati ad avviare attività, si è sempre negata. La Circoscrizione informa i cittadini cheè in corso una causa per togliere l'affidamento a questa cooperativa fantasma ma non vediamo nessun risultato. Dobbiamo batterci perché i comuni la smettano di creare quartieri dormitorio e costruire ipermercati in ogni angolo della città. Ogni volta che si avvicinano le elezioni viene qualche personaggio a raccontarci un sacco di frottole sullo sviluppo del quartiere.
Ovviamente ho messo l'accento sulla questione negozi, ma le priorità sono anche l'ambiente, l'aria dalle 7 alle 10 del mattino è irrespirabile perché ammorbata da non sappiamo quale nuova fabbrica, e la scuola che per il quartiere una volta comprendeva elementari e medie mentre ora c'è solo quella materna.

Alberto Unia

video di Alberto Unia e Antonino Iaria

Categorie

Acqua (9)
Ambiente (77)
comunicatistampa (3)
Connettività (5)
Energia (16)
Servizi ai cittadini (141)
Sviluppo (60)
Trasporti (60)

Per mese

Febbraio 2017 (6)
Novembre 2016 (2)
Ottobre 2016 (1)
Giugno 2016 (2)
Maggio 2016 (4)
Aprile 2016 (4)
Marzo 2016 (6)
Febbraio 2016 (3)
Gennaio 2016 (2)
Dicembre 2015 (5)
Novembre 2015 (2)
Ottobre 2015 (4)
Settembre 2015 (10)
Agosto 2015 (1)
Luglio 2015 (10)
Giugno 2015 (11)
Maggio 2015 (7)
Aprile 2015 (4)
Marzo 2015 (4)
Febbraio 2015 (4)
Gennaio 2015 (5)
Dicembre 2014 (4)
Novembre 2014 (3)
Ottobre 2014 (11)
Settembre 2014 (4)
Luglio 2014 (1)
Giugno 2014 (3)
Maggio 2014 (4)
Aprile 2014 (5)
Marzo 2014 (5)
Febbraio 2014 (14)
Gennaio 2014 (11)
Dicembre 2013 (10)
Novembre 2013 (7)
Ottobre 2013 (15)
Settembre 2013 (12)
Agosto 2013 (5)
Luglio 2013 (6)
Giugno 2013 (10)
Maggio 2013 (12)
Aprile 2013 (11)
Marzo 2013 (12)
Febbraio 2013 (11)
Gennaio 2013 (10)
Dicembre 2012 (11)
Novembre 2012 (15)
Ottobre 2012 (12)
Settembre 2012 (11)
Agosto 2012 (5)
Luglio 2012 (11)
Giugno 2012 (14)
Maggio 2012 (11)
Aprile 2012 (9)
Marzo 2012 (24)
Febbraio 2012 (28)
Gennaio 2012 (10)
Dicembre 2011 (16)
Novembre 2011 (22)
Ottobre 2011 (18)
Settembre 2011 (27)
Agosto 2011 (8)
Luglio 2011 (24)
Giugno 2011 (24)
Maggio 2011 (24)
Aprile 2011 (18)
Marzo 2011 (21)
Febbraio 2011 (13)
Gennaio 2011 (12)
Dicembre 2010 (6)
Novembre 2010 (2)
Ottobre 2010 (2)
Settembre 2010 (10)
Agosto 2010 (2)
Luglio 2010 (3)
Giugno 2010 (5)
Aprile 2010 (1)
Marzo 2010 (3)
Febbraio 2010 (2)
Gennaio 2010 (1)
Settembre 2009 (1)
Giugno 2009 (3)
Maggio 2009 (10)
Aprile 2009 (3)
Marzo 2009 (2)
Febbraio 2009 (1)

Contatti

E-mail: info@movimentotorino.it
Phone: 011 011 22845
Fax: 011 011 23118

Indirizzo

Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle c/o Municipio
Piazza Palazzo di Città 1
10121 Torino

Scrivici