MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Spoleto - 
banner graticola m5s umbriaDEMOCRAZIA  5 STELLE
Confronto tra i candidati presidenti aperto al pubblico.
 
Nonostante i gravi ritardi da parte del Consiglio Regionale Umbro nel dotare la regione Umbria della nuova legge elettorale per la scelta dei prossimi consiglieri, il MoVimento 5 stelle, dopo il primo turno delle primarie interne chiamate"regionalie", si appresta a scegliere il Presidente portavoce organizzando due confronti elettorali pubblici che si terranno Venerdì 23 gennaio alle ore 21 presso il Park hotel di Perugia (uscita Ponte San Giovanni) e, in seconda battuta, a Terni Domenica 25 gennaio ore 16,00 presso il Centro Multimediale della città di Terni. Il confronto é aperto a tutti i cittadini e non solo agli iscritti al MoVimento, in nome di una vera trasparenza e un vero grande passo verso quella democrazia diretta che tanto auspichiamo e cerchiamo di adottare.Una modalità di scelta simile e un confronto fra candidati della stessa parte politica non è stato mai fatto nella nostra regione, né da partiti politici né da movimenti o liste civiche, e per noi tutto ciò è già una grande vittoria.
I Gruppi Umbri del MoVimento 5 Stelle e i Meetup locali.

Al bando... i soliti noti!


Spoleto - 

Presentazione standard1.jpg
Apprendiamo dalla conferenza stampa di fine anno del Comune che l' "evergreen" Sandro Frontalini è stato destinato ai bandi europei nel ruolo di "esperto in programmazione europea".


La notizia ci ha subito ricordato alcuni buoni propositi del programma elettorale di Fabrizio Cardarelli che così recitava : "Per affrontare le varie problematiche, a cominciare da quelle più impellenti, è imprescindibile riorganizzare la macchina amministrativa secondo criteri funzionali agli obiettivi". E ancora: "[...] Nostro compito sarà quello di recuperare, valorizzandole, le tante risorse attualmente sottoutilizzate, affidando loro compiti specifici e di responsabilità. Un ruolo centrale sarà affidato all'utilizzo dei fondi di sostegno della Comunità Europea fino ad ora utilizzati come puro annuncio, senza alcun seguito concreto".


Il Rinnovamento voluto dal Sindaco Cardarelli assume un sapore sempre più gattopardesco; al "cambiare tutto perché non cambi niente" è subentrato "non cambiare nulla perché non cambi niente".


Quali sono per il sindaco "le tante risorse sottoutilizzate" da valorizzare? Frontalini era già stato riconfermato alla Cultura fino al 31 dicembre. Ci saremmo aspettati un cordiale commiato con l'anno nuovo, non certo la destinazione ad un ruolo di così alto profilo e fondamentale per il "rinnovamento " di questa città.


Ci piacerebbe vedere i CV degli scartati visto che non se ne trova traccia spulciando nel Sito Istituzionale del Comune, dove invece troviamo quello di Frontalini che, però, non ha titoli relativi alla progettazione europea.


Che avranno fatto di male gli scartati di questa selezione? Quanti giovani in città con una laurea specialistica e un master in Europrogettazione stanno a spasso oppure, peggio, sono stati costretti a migrare in altre città, se non quando addirittura in altri paesi? Perché chi accede ai piani alti delle gerarchie comunali passando per la carriera politica diventa una specie di jolly buono per tutte le stagioni ed evenienze?


Vorremmo capire le specializzazioni del Sig. Frontalini e, infine, proporremmo uno stipendio a provvigione in base ai risultati raggiunti. Fino ad allora un classico rimborso spese, come accade per milioni di giovani laureati.


Spoleto - 

Il MoVimento 5 Stelle di Spoleto ed in particolar modo il Gruppo di Lavoro Ambiente - Agricoltura - Protezione Civile ringraziano tutti i cittadini che hanno partecipato all'evento "L'agricoltura contadina ci salverà".

Vi informiamo che questo sarà solo il primo dei tanti eventi dove discuteremo di proposte e di punti programmatici e politici.

Grazie.
Movimento 5 Stelle Spoleto - Meetup "Spoleto 5 Stelle"
m5s-agricoltura-spoleto.png


Spoleto - 

rifiuti-zero_logo1
Mozione MoVimento 5 Stelle di Spoleto su Rifiuti Zero: dalla commissione Ambiente  c'è condivisione. Bene, ora passiamo alla pratica.

Dati alla mano, nel 2013 la percentuale di raccolta differenziata nel territorio Comunale si è fermata al 36,7%, un risultato che costantemente segna il mancato rispetto delle percentuali minime di Raccolta Differenziata previste dalla normativa italiana.

Quanto ci costa questa inefficienza? La mancanza di un piano razionale della gestione dei rifiuti pesa sui cittadini per un terzo del bilancio della spesa complessiva del comune (per un importo di 7 milioni e 200 mila euro su un totale di spese di 21 milioni e 600 mila), tradotto in TARI, tariffa sui rifiuti urbani: ci costa veramente cara.

E quali servizi abbiamo in cambio? Da tempo abbiamo proposto delle alternative concrete basate su esperienze e pratiche virtuose già esistenti nel territorio italiano: abbiamo invitato l'amministrazione a osservare e ripetere la buona pratica di Vedelago  e l'impianto di differenziata nel comune di Capannori, che ha portato la raccolta riciclata ad essere una risorsa economica e quindi anche una fonte di posti di lavoro, abbiamo ospitato a Spoleto il fondatore della Strategia Rifiuti Zero Paul Connett e raccolto firme per la proposta di legge nazionale di iniziativa popolare Rifiuti Zero.

Studi e numeri ci dimostrano che la soluzione del CSS (bruciare il Combustibile Solido Secondario nei Cementifici) è inefficiente dal punto di vista energetico ed anche dal punto di vista economico, perché spinge verso l'incenerimento di materiali che, se recuperati e trattati, avrebbero un maggior valore di mercato!

La discarica di S.Orsola a servizio del territorio dell'ATI 3 è destinata a breve alla chiusura. Questa situazione si conosce già da tempo ed è per questo che è sbagliato parlare di "Emeregenza rifiuti", come ci vogliono far credere solo per giustificare l'incenerimento dei rifiuti come ultima spiaggia. La realtà è che fino ad ora non c'è stata una volontà concreta di cercare altre soluzioni e di intervenire tempestivamente condividendo e realizzando proposte alternative quali, appunto, quella della Strategia Rifiuti Zero. Di fatto, per risolvere la questione dobbiamo considerare i rifiuti come una possibile fonte di ricchezza e non come scarti.

Rifiuti Zero significa: Ridurre, Riusare, Recuperare, Riciclare. La strategia Rifiuti Zero consente di farci risparmiare milioni di euro e di abbattere drasticamente il pericolo di inquinamento, favorisce il coinvolgimento di tutta la popolazione in un processo di partecipazione e rieducazione verso un tema che è la sfida di oggi e di domani.

Questi i contenuti della Mozione 5 Stelle depositata in Commissione Ambiente su Rifiuti Zero. La stessa commissione ha già, a parole, condiviso e dichiarato di volere appoggiare la nostra proposta. Abbiamo accolto l'invito a non presentarla nel Consiglio del 3 novembre per dare tempo a tutte le forze politiche (che in commissione hanno condiviso l'iniziativa e le finalità) di approfondire l'argomento e di incontrare i soggetti interessati (Assessore e Vus). Dunque, ora è giunto davvero il momento di passare dalla teoria alla pratica, dalle parole ai fatti. Chiediamo quindi che sia deliberato:

- il principio della non partecipazione della città di Spoleto alla produzione del CSS;

- di dare mandato alla Commissione ambiente di collaborare strettamente con l'Assessore all'Ambiente per individuare le soluzioni più efficienti sotto il profilo economico e ambientale, in linea con le migliori pratiche sperimentate nell'ambito dell'applicazione della Strategia Rifiuti Zero ed i suoi principi di misurazione puntuale dei conferimenti che incentivino la Riduzione, il Riuso, la Riparazione ed il Riciclo dei materiali, per tendere nel più breve tempo possibile a limitare l'uso della discarica a quantità marginali e sempre decrescenti;

- di predisporre un piano di informazione/educazione della cittadinanza;

- di perseguire la condivisione delle scelte con gli altri comuni del comprensorio;

- di chiedere alla regione Umbria di rinunciare all'idea di produrre il CSS in tutto il territorio regionale.

Ribadiamo ancora una volta la nostra collaborazione per i progetti che rispettino il nostro programma e la nostra volontà di mettere a disposizione le nostre competenze e gli studi cui abbiamo lavorato fino ad oggi per fare di Spoleto... un comune virtuoso.

Scarica la mozione cliccando qui


Spoleto - 

bandiera 5 stelle

Passano le mozioni 5 stelle presentate nella scorsa legislatura.

Ci fa davvero piacere l'iniziativa dell'associazione "I Cento Comuni" sul tema "Spoleto città Cardio-Protetta" svoltasi il 20 di Settembre a Palazzo "Leti Sansi".

Non ci interessa da dove provengono le iniziative, l'importante è che siano ben fatte, soprattutto se, oltre all'associazionismo, anche il Comune di Spoleto le fa proprie.

Ci saremmo comunque aspettati di essere coinvolti direttamente, dato che questo è un tema che il Gruppo Consiliare Rinnovamento aveva sottoscritto e condiviso quando la mozione era stata presentata nel 2013 dall'ex consigliere del Movimento 5 Stelle, Davide Placidi, dal titolo "Promozione della diffusione di postazioni pubbliche di defibrillazione sul territorio del Comune di Spoleto" (Prot. n. 26490/18.06.2013) e con la quale si chiedeva di:

"impegnare una quota del bilancio

- per promuovere la diffusione di defibrillatori semiautomatici esterni tramite il loro acquisto;

- a promuovere la diffusione di defibrillatori semiautomatici esterni presso tutti gli impianti sportivi del territorio comunale nonché sensibilizzare le associazioni sportive amatoriali e dilettantistiche affinché individuino ciascuna uno e più operatori volontari abilitati al funzionamento delle apparecchiature salvavita;

- a prevedere l'installazione di postazioni pubbliche d'emergenza con defibrillatore in punti strategici della città quali parchi, ipermercati, associazioni di volontariato o comunque nei luoghi decentrati rispetto alle strutture ospedaliere, al fine di garantire una riduzione dei decessi per arresto cardiaco dovuti alla mancanza di un rapido soccorso con utilizzo

dell'apparecchio salvavita".

Altro punto nevralgico è quello che riguarda la strategia "Rifiuti Zero". Chi ha avuto modo di seguire le ultime sedute del Consiglio Comunale è rimasto di stucco. Avevamo già notato qualche lieve cambiamento di pensiero tempo fa, ma le scene di questi giorni sembrano quelle di una cena delle beffe: parti politiche storicamente favorevoli ai CSS si sono improvvisamente schierate verso una politica dei Rifiuti Zero.

Nelle scorse settimane il Sindaco ha chiamato le Associazioni che negli anni si sono occupate del progetto Rifiuti Zero, peccato però che al tavolo di confronto, ci hanno riferito, fossero presenti personaggi che con le vicende fin qui osservate non siano sinonimo di garanzia.

Insomma quando si parla di tematiche sulle quali le forze politiche convergono, noi non veniamo coinvolti, nonostante vengano copiati interi stralci dei nostri documenti (sul tema di CDR oggi trasformati in CSS vi rimandiamo ad altra mozione presentata a Gennaio 2014 dal M5S e approvata in Consiglio Comunale).

Come abbiamo risposto al Sindaco a seguito dell'invito pubblico rappresentato subito dopo il risultato elettorale, non ci interessa acquisire poltrone ma collaborare ad un serio progetto per la città che garantisca al cittadino efficacia del servizio, concretezza nel risparmio e certezza del recupero delle materie prime.

Se fossimo stati invitati a partecipare per fornire il nostro modesto contributo avremmo garantito il nostro apporto quale, spesso, unica forza politica in grado di combattere, in maniera disinteressata, per la difesa della salute e del territorio. Vogliamo infatti ricordare che abbiamo ospitato a Spoleto nel 2009 Paul Connett fondatore della Strategia Rifiuti Zero, e partecipato all'incontro organizzato dal "Comitato Rifiuti Zero di Spoleto" che vedeva come ospiti grandi fautori della strategia Rifiuti Zero, tra i quali Carla Poli, creatrice del Centro di Riciclo di Vedelago, a cui la precedente Amministrazione Comunale, pur definendo l'argomento interessante, declinò la partecipazione.

Spoleto - 

A.SE.jpg
L'A.SE. di Spoleto, nella sua pagina Facebook, scrive questo post (http://on.fb.me/1kRvSUY):

"Spoleto ha ottenuto il riconoscimento EMAS (...) Detta certificazione dovrebbe precludere la possibilità di utilizzare prodotti chimici (perfettamente compatibili e autorizzati dalle autorità sanitarie nazionali) per debellare le infestanti delle banchine stradali.
Decespugliare le oltre 1.040 km. di banchine stradali senza l'ausilio dei prodotti chimici è IMPOSSIBILE!
Le Ferrovie dello Stato, la provincia e l'ANAS usano regolarmente nel territorio del Comune i prodotti chimici per contenere le infestanti, l'A.Se. NO! (...)"

Ecco la nostra risposta:

"Ma non dovevate essere l'alternativa alle precedenti amministrazioni? Leggendo questo post ci sembra di capire che invece proseguite nella stessa direzione, e ci dispiace.

Dei rischi, reali e concreti, del diserbante che celebrate tanto, ne abbiamo già parlato più e più volte (leggi qui: http://bit.ly/YgVaSt). 

Le alternative ci sono, e le abbiamo segnalate (ad esempio, leggi qui: http://bit.ly/1iHBld4), pertanto chiediamo all'Ase, e al suo nuovo Presidente, di fare un passo indietro, e farne un altro in una direzione diversa davvero alternativa, virtuosa e che sappia di "rinnovamento".

PS: citare le Ferrovie come esempio, non ci sembra calzante, visto quello che successe mesi fa (http://bit.ly/YgSd4j) quando spruzzarono di notte e senza preavviso il diserbante lungo la linea, causando anche seri problemi per chi tiene animali, giardini e orti a ridosso della ferrovia. 

Ovviamente, questo del diserbante usato dalle Ferrovie dello Stato, non è un problema nuovo e che riguarda solo Spoleto: 
Ferrara - Ravenna (http://bit.ly/YtPwfK)
Sindia (http://bit.ly/1pFaguT)
Viterbo (http://bit.ly/1w4A5d1)

PPS: Proporremo di nuovo sui banchi del Consiglio Comunale la mozione NO DISERBANTE (http://bit.ly/1cv5gmu) presentata nella scorsa legislatura, sperando che questa nuova amministrazione l'accolga in maniera positiva, dimostrando di essere davvero di cambiamento e non a passo di gambero, come questo post, a favore del diserbo, dimostra.

MoVimento 5 Stelle Spoleto"


Spoleto - 

Avevamo già parlato della questione Scuola di Polizia di Spoleto (http://bit.ly/1q2drLa) e, come promesso, il nostro Portavoce al Senato del MoVimento 5 Stelle Stefano Lucidi, con l'aiuto degli attivisti 5 stelle di Spoleto, ha formulato un'interrogazione ai Ministri dell'Interno e del Lavoro e delle Politiche Sociali.

L'interrogazione, pubblicata il 1 Luglio 2014, a firma di Lucidi, Montevecchi, Girotto, Bertorotta, Paglini, ripercorre la storia della scuola di polizia e chiede ai Ministri competenti:

- se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza della motivazione che ha determinato la dismissione di una proprietà pubblica in favore di una società privata;

- se ritenga che sia stata conveniente la scelta di prevedere una cessione per la cifra di 4 milioni di euro, con commissione di gestione dell'1,9 per cento, di un immobile di proprietà statale per poi diventare affittuario nello stesso immobile;

- quali siano i motivi per cui il passaggio della proprietà sarebbe avvenuto mediante cessione azionaria anziché tramite cessione pecuniaria;

- se sia a conoscenza delle modalità con cui sarà gestito l'immobile alla scadenza del "fondo Beta" di cui in premessa e se siano previste penali di rescissione contrattuale.

Il documento completo è visibile anche qui: http://bit.ly/1qulB0V

Vi terremo aggiornati.

Grazie di cuore


Spoleto - 

grazie.gifMentre i due schieramenti che sono al ballottaggio hanno davanti alla porta delle loro sedi consiglieri in fila con il loro mucchietto di preferenze da far pesare a prescindere da meriti, demeriti e curricula personali, noi siamo sicuri di essere all'opposizione.

Abbiamo onestamente fatto la nostra proposta alla città, lo abbiamo fatto senza soldi e solo utilizzando la passione e il senso civico di quei cittadini che hanno deciso di complicarsi la vita candidandosi e facendosi strumento per soluzioni agli annosi problemi che affliggono questa comunità.

Il 13% degli elettori ci ha dato fiducia e ha condiviso il nostro progetto e, oltre al sentito ringraziamento, vogliamo dire loro che sentiamo forte la responsabilità e l'onore di quanto ci hanno concesso con il loro voto.
Se gli altri schieramenti non ricorreranno alla truffa elettorale legalizzata, qual'è l'uso degli apparentamenti, avremo o uno o due consiglieri e porteremo avanti tutte le proposte presenti nel nostro programma.

A causa della pessima eredità che ci ha lasciato la passata amministrazione del PD, chi andrà a governare, avrà l'obbligo di confrontarsi da subito con enormi problemi: piano regolatore, bilancio, parcheggio della Posterna, Palatenda, discarica e gestione dei rifiuti, solo per fare alcuni esempi.

Si dovrà, poi, affrontare con sollecitudine molti temi importanti per colmare un enorme deficit di indirizzo e di governo che ha di fatto lasciato in completo abbandono pezzi interi dell'amministrazione locale, con l'obbligo di trovare, quanto prima, soluzioni per un rilancio dell'economia locale ridotta ai minimi termini.
Insomma, ci sarà tanto lavoro da fare.

Noi, come sempre, saremo vigili e presenti: vigili al fine di garantire le doverose dosi di trasparenza e legalità della pubblica amministrazione e presenti al fine sia di osteggiare le scelte che riterremo nocive per la comunità e il territorio, che per sostenere tutte quelle altre iniziative che invece presenteranno connotati virtuosi e utili al bene comune.

Come nostra prassi, tutte le nostre energie e le nostre competenze nei vari settori saranno utilizzate per proporre soluzioni e progetti nella speranza di trovare, al contrario di quanto avvenuto fino ad OGGI (con la passata amministrazione ), una amministrazione onestamente e concretamente attenta e interessata a ragionare insieme per il bene di tutti e al di là di schieramenti o interessi di bottega.

In buona sostanza desideriamo rasserenare i nostri elettori e tutti gli spoletini che il gruppo del MoVimento 5 Stelle a Spoleto c'è e ci sarà con tutta l'onestà, la passione e la determinazione che lo ha sempre contraddistinto e sarà sempre aperto a tutti coloro che vorranno partecipare e condividerne lo spirito e l'impegno.

Grazie ancora e a presto.

MoVimento 5 Stelle Spoleto

I candidati a Spoleto

  • user-pic
    alessandra de feudis
  • user-pic
    Anna Chiara Giorgetti
  • user-pic
    Antonio Biribao
  • user-pic
    BRUNA SABBATINI
  • user-pic
    Carlo Leoni
  • user-pic
    Christian CURSI
  • user-pic
    cinzia stella
  • user-pic
    Davide Placidi
  • user-pic
    diego bacchettini
  • user-pic
    dr.slump
  • user-pic
    Elisa Bassetti
  • user-pic
    emanuele baldini
  • user-pic
    Fiorella Campelletti
  • user-pic
    Florentina Ricciarelli
  • user-pic
    giovanni tardocchi
  • user-pic
    giuseppe capputo
  • user-pic
    Ludovica Raggi
  • user-pic
    Marco Capoccia
  • user-pic
    Michèle Suzanne Thérèse Leroux
  • user-pic
    Nino
  • user-pic
    Samuele.Bonanni
  • user-pic
    SERGIO IANDOLO
  • user-pic
    tebro politi
  • user-pic
    Tommaso Biondi

Pagine

Partecipa ai nostri eventi