MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Sora - 

La scorsa settimana il M5S Sora ha inviato un esposto all'Autorità Nazionale Anticorruzione relativo agli immobili comunali.
Le norme attualmente in vigore prevedono degli obblighi ben precisi riguardo alle informazioni che le pubbliche amministrazioni devono pubblicare nel loro sito web. Infatti, devono essere resi noti i dati identificativi di tutti gli immobili sui quali insiste un rapporto che integri una situazione di possesso a qualsiasi titolo (proprietà e altri diritti reali, concessione ecc.). Inoltre, devono essere pubblicati sia i canoni versati che quelli percepiti dall'Amministrazione. Qualora i canoni non siano previsti, è comunque necessario dare specifica evidenza di tale circostanza.
La ratio della norma è quella di rendere conoscibile, innanzitutto, l'entità del patrimonio immobiliare delle pubbliche amministrazioni e, in secondo luogo, l'importo a qualunque titolo eventualmente corrisposto o ricevuto per il possesso dei singoli beni.
Era lecito attendersi maggiore sensibilità ed attenzione verso il tema della Trasparenza, soprattutto, considerato che il Sindaco De Donatis ha assegnato un'apposita delega "Politica per la trasparenza amministrativa" all'Assessore Gemmiti. Invece, tutti coloro che si aspettavano un cambio di marcia con l'Amministrazione De Donatis stanno constatando che non sembrano esserci differenze - ma al contrario molte somiglianze - con chi ha amministrato in precedenza la città. Infatti, il M5S presentò un analogo esposto durante l'Amministrazione Tersigni.

Allo stato attuale non resta che attendere la decisione dell'Autorità Nazionale Anticorruzione.

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 20 gennaio 2018

Il Portavoce Fabrizio Pintori

Sora - 

Il M5S Sora, mesi fa, ha presentato una proposta di mozione per far redigere ed approvare il Piano Triennale Azioni Positive (P.A.P.) (si veda il link: http://www.sora5stelle.it/proposta-mozione-sulle-pari-opportunita/), considerato che dal lontano 2006 - anno in cui il legislatore introdusse tale strumento - fino ad oggi, nessuna Amministrazione cittadina, né quella scorsa del sindaco Ernesto Tersigni, né quella precedente del sindaco Cesidio Casinelli, lo ha mai approvato.
La proposta di mozione, come è noto, doveva essere esaminata nel Consiglio Comunale dello scorso 29 novembre. Tuttavia, è risaputo che la mozione non venne discussa perché la maggioranza del Sindaco De Donatis abbandonò l'aula prima ancora che venisse letta, e ciò nonostante la delicatezza della materia: la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne.
Si prende atto, ad ogni modo, che la Giunta con delibera del 29 dicembre 2017, n. 334 ha finalmente approvato il P.A.P.. Tuttavia, non sembrano mancare errori sia nella forma che nella sostanza. Infatti, dagli atti risulta che alla seduta della Giunta era presente l'ex Assessore Lucarelli il quale avrebbe anche votato a favore. Francamente si resta allibiti di fronte alla poca attenzione nello svolgere l'azione amministrativa, in particolare da chi si è presentato agli elettori con il nome "Siamo Pronti".
Oltre a questo errore di natura formale, non si deve dimenticare che gli anni di ritardo accumulati potrebbero comportare delle conseguenze, soprattutto in tema di assunzioni del personale. A tal proposito, si resta in attesa di conoscere le determinazioni che la Procura Regionale presso la Corte dei Conti vorrà porre in essere in seguito all'esposto presentato dal M5S Sora.
Infine, sempre in riferimento al Piano Triennale Azioni Positive è stata recentemente presentata un'interrogazione il cui testo è disponibile al seguente link: http://www.sora5stelle.it/interrogazioni/ per chiedere dei chiarimenti ed è stata, altresì, inviata una missiva alla Consigliera di Parità territorialmente competente per segnalare delle presunte irregolarità nella procedura di redazione del Piano.

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 18 gennaio 2018

Il Portavoce
Fabrizio Pintori

Acqua: ancora problemi!


Sora - 

Ancora problemi per l'acqua. Questa volta le segnalazioni pervenute riguardano la zona di via Valfrancesca e il Rione Napoli.

In via Valfrancesca la zona interessata è quella situata nelle vicinanze delle ex scuole, ove si trova la sede del CAI.
I problemi, concernenti l'assenza ovvero il ridotto flusso idrico, sono iniziati a partire dal mese di settembre del 2016 e, se si esclude una breve parentesi nel periodo giugno-ottobre di quest'anno, proseguono ancora.
Le persone sono esasperate, in passato qualcuno è stato costretto a riempire il proprio serbatoio d'acqua utilizzando delle taniche e facendo la spola tra l'abitazione e le fontane pubbliche presenti a Sora.
Sembra che il disservizio sia dovuto ad una perdita presente in vecchio tratto di condotta lungo, circa 200 mt, che passa sotto una strada comunale e in parte attraversa dei terreni privati. Quindi, nonostante, la causa sembra sia stata individuata il problema non viene ancora risolto con gravi disagi per i cittadini.

Nel Rione Napoli, invece, è stato rappresentato che dalle ore 14.00, circa, la pressione regolare dell'acqua che scende notevolmente, mentre la notte il flusso viene sospeso procurando disagi ai cittadini, che in molti casi hanno dovuto comprare serbatoi ed autoclavi. Tra l'altro la zona interessata rientra nell'ambito della Z.F.U. ed il rilancio economico della zona, attraverso l'insediamento di nuove attività non può prescindere dal ripristino di un regolare flusso d'acqua.

Per tali motivi, nei giorni scorsi è stata inviata una lettera al Sindaco per chiedere di diffidare il gestore idrico a voler intervenire prontamente per risolvere le situazioni segnalate.

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 19 dicembre 2017

Il Portavoce Fabrizio Pintori

Sora - 

Un anno fa, per l'esattezza in data 1 dicembre 2016, è stata assunta al prot. n. 44220 l'interrogazione presentata dal M5S Sora avente ad oggetto: "Ex Caserma dei Vigili del Fuoco in via Barca S. Domenico e altre strutture ospitanti migranti".
In base al Regolamento del Consiglio Comunale il Sindaco avrebbe dovuto rispondere entro venti giorni.
Per ottenere una risposta il M5S Sora ha presentato numerosi esposti alla Prefettura segnalando la violazione del regolamento, eppure nemmeno le richieste di chiarimenti del Prefetto sembrano aver sortito effetto e si resta ancora in attesa di un riscontro.

Purtroppo, non è la prima volta che il Sindaco De Donatis non risponde alle interrogazioni presentate dal M5S, tuttavia lascia perplessi che il Primo Cittadino non abbia trovato il tempo - in più di un anno - per rispondere.
In passato, la "spietata" opposizione all'Amministrazione Tersigni si era lamentata per il mancato rispetto del Regolamento. Pertanto, era lecito attendersi una maggiore sensibilità e considerazione delle prerogative dei Consiglieri da parte di chi - almeno a parole - voleva distinguersi dalla precedente Amministrazione, ma nei fatti ancora una volta dimostra il contrario. Non certo un brillante risultato per chi ha assegnato ad un Assessore un'apposita delega sulla trasparenza.
Si ritiene che il comportamento del Sindaco De Donatis - oltre a violare il Regolamento del Consiglio Comunale - non sia rispettoso del galateo istituzionale, nonché delle prerogative riconosciute a chi svolge il ruolo di Consigliere Comunale di opposizione, andando ad incidere negativamente sulla possibilità di esercitare appieno tale compito. Per questi motivi nei prossimi giorni verrà inviato un nuovo esposto al Prefetto.


Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 17 dicembre 2017

Il Portavoce
Fabrizio Pintori


Sora - 

I residenti dei quartieri periferici chiedono maggiori attenzioni, questa volta le segnalazioni sono giunte da Carnello e da S. Giuliano.
Per quanto concerne Carnello i residenti hanno rappresentato i problemi che chiunque può riscontrare facendo una passeggiata dalla piazza di Carnello verso via Ruscitto, soprattutto passando da Via Molino e Vicolo Molino.
Il manto stradale è fatiscente e pieno di buche, alcune di queste sono molte profonde e rappresentano una vera insidia per chi percorre la strada. I residenti, oltre agli interventi di manutenzione stradale chiedono una migliore regolamentazione del traffico nei pressi di Via Molino, Vicolo Molino e via Stella per mezzo dei sensi unici, nonché una maggiore presenza della polizia locale per regolamentare meglio il traffico, anche in considerazione del fatto che nella zona si verificano con un certa frequenza degli incidenti a causa della pericolosità degli incroci.
Nella zona della piazza di Carnello vi è un cassonetto per la raccolta degli indumenti che è stato collocato di fronte alle strisce pedonali, restringendo il marciapiede, e rendendo più difficile ai diversamente abili poter salire o scendere dallo stesso per poter attraversare la strada. Il cassonetto, inoltre, è posto davanti ad uno spazio per le pubbliche affissioni ormai rotto da svariato tempo, e surrogato di fatto dalla pensilina della vicina fermata degli autobus. Il problema del decoro riguarda anche il vicino ponte che necessita di manutenzione e le sponde del Fibreno che avrebbero bisogno di un taglio delle vegetazione.
Per quanto concerne S. Giuliano - senza voler aggiungere nessuna considerazione - è sufficiente vedere le foto che i residenti hanno inviato. Il malcontento tra i cittadini di entrambi i quartieri è tangibile, si è consapevoli che interventi rapidi e risolutori saranno di difficile applicazione. Si chiede, comunque, che vengano almeno pianificati e programmati dei lavori minimi, da svolgere con una certa periodicità, per scongiurare un'eventuale peggioramento della situazione ovvero rispristinare un minimo di decoro.
Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 12 dicembre 2017

Il Portavoce Fabrizio Pintori

Sora - 

Nei giorni scorsi è stata inviata una lettera al Sindaco in merito ai problemi inerenti il servizio idrico che riguardano il quartiere di Pontrinio e la zona di via S. Amasio.
In particolare, i residenti hanno segnalato una carenza del servizio ovvero un abbassamento della pressione dell'acqua. Per quanto riguarda il quartiere di Pontrinio, l'acqua arriva in fasce orarie non fisse e spesso con un flusso ridotto, mentre nella zona di via S. Amasio i disagi sembrano essere estesi a tutti gli edifici della strada.
In questa zona pare che i problemi siano iniziati al termine dell'estate e si sono ripresentati con una certa frequenza. Attualmente l'acqua arriva alle utenze - secondo quanto riportato - ad una pressione molto bassa e viene erogata indicativamente, dalle 6 del mattino fino a mezzogiorno, per poi tornare nuovamente in serata fino alle ore 23.00 circa.
Tuttavia nel sito internet https://www.acea.it/it/acqua/ato-5/avvisi-e-news non risultano comunicazioni od avvisi in merito ad eventuali disservizi nel territorio comunale, l'ultima notizia concernente Sora è stata pubblicata il 2 novembre u.s. ed è relativa a lavori da svolgere nel quartiere di S. Giorgio.
Per tali motivi è stato chiesto al Sindaco di diffidare il gestore idrico ad intervenire con sollecitudine per ripristinare la regolarità del servizio, nonché a farsi fornire i dovuti chiarimenti sui motivi per i quali si sono verificati i disagi.

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 10 dicembre 2017

Il Portavoce Fabrizio Pintori

Sora - 


Nel giorno di Ferragosto il M5S Sora inviò al Comune, a mezzo Posta Elettronica Certificata, una proposta di mozione per chiedere che venisse effettuata la raccolta differenziata dei rifiuti da parte dei vari commercianti ambulanti presenti in occasione del mercato settimanale.

Nell'ultimo Consiglio Comunale del 29 novembre la proposta, finalmente all'ordine del giorno, non è stata neanche discussa, anche se sarebbe stata ritirata in quanto, il giorno prima, era stata pubblicata una Delibera di Giunta proprio sullo stesso tema.

Senza volersi attribuire nessun merito conforta, da semplici cittadini, il pensiero di aver fornito comunque un contributo fattivo per migliorare le condizioni generali della città, ovvero di aver fornito l'input necessario per affrontare il problema.
Per questi motivi si continuerà a presentare delle proposte ogni qual volta si riterrà che la loro approvazione possa portare beneficio a Sora nonostante l'atteggiamento di chiusura registrato in questi giorni da parte dell'Amministrazione De Donatis.
Il M5S Sora non rinuncerà, in nessun caso, a far sentire la sua voce critica e propositiva.

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 7 dicembre 2017


Il Portavoce
Fabrizio Pintori


Sora - 

Nell'ultimo Consiglio Comunale svoltosi lo scorso 29 novembre era stata finalmente messa all'ordine del giorno la proposta di mozione presentata, in data 14 luglio 2017, dal M5S Sora e relativa al C.E.T.A. (Comprehensive Economic and Trade Agreement ovvero "Accordo economico e commerciale globale").
Lo scopo della mozione era di sensibilizzare l'attuale Amministrazione affinché si impegnasse a contrastare la convalida finale del trattato in ogni sede e luogo istituzionale, anche in considerazione del fatto che proposte di mozione analoghe erano già state approvate in molti altri Comuni.
Il C..E.T.A. è un accordo di libero scambio tra Canada ed Unione Europea, che ha destato non poche preoccupazioni sia fra le imprese legate all'agricoltura ed ai prodotti italiani di qualità, che fra le varie associazioni dei consumatori.
La Coldiretti, in particolare, ha espresso in varie occasioni sua contrarietà al C.E.T.A, anche con manifestazioni di protesta, tra le quali si ricorda ad es. quella dello scorso luglio alla quale hanno partecipato varie associazioni fra le quali: Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food International, Federconsumatori, Acli Terra, Fair Watch ed anche la Cgil (al proposito si veda il link: http://www.repubblica.it/economia/2017/07/05/news/in_piazza_contro_il_ceta_coldiretti_contro_il_trattato_commerciale_contro_il_canada-170007763/).
Questo è un periodo storico in cui l'agricoltura torna ad avere la sua importanza, non solo per i risvolti di sostenibilità ambientale, ma anche grazie alle numerose possibilità di finanziamenti europei, erogati attraverso la Regione; la maggioranza politica che amministra il Comune di Sora, composta da persone iscritte a Forza Italia, al Partito Democratico, a Fratelli d'Italia ed al Partito Socialista è stata invece completamente sorda nei confronti di questa proposta di salvaguardarla.
Il rammarico cresce ancora di più se si considera che solo poche settimane fa il Sindaco De Donatis ha assegnato la delega all'agricoltura al Consigliere Mosticone.
Stupisce, quindi, l'indifferenza con la quale l'Amministrazione De Donatis ha trattato la mozione il cui tema ha invece fortemente interessato le varie formazioni sociali di tutta Italia.
I pericoli insiti nel C.E.T.A. sono tanti: questo accordo di scambio infatti tutela solo 41 delle 288 I.G.P. e D.O.P. italiane registrate per evitarne l'imitazione, e non consente di risolvere il problema legato alla loro commercializzazione e vendita quando accompagnati dalla dicitura "-tipo, -stile". Si rischia quindi di avere in commercio prodotti che sembrano originali "Made in Italy" ma in realtà sono delle mere imitazioni, a discapito della riconosciuta qualità italiana.
Secondo una lettera del Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo potrebbero anche aumentare i rischi per la salute, a causa "dell'applicazione del principio di equivalenza delle misure sanitarie e fito-sanitarie che consentirà ai prodotti canadesi di non sottostare ai controlli nei Paesi in cui vengono venduti. Ricordiamo che in Canada è impiegato un numero rilevante di sostanze attive vietate nella Ue".
Sempre la stessa Coldiretti ha chiesto che prima della ratifica si discuta a fondo "senza fretta" sul testo dell'accordo, "che porterebbe ad un'indiscriminata liberalizzazione e deregolamentazione degli scambi con una vera e propria svendita del Made in Italy".
È evidente che ai rappresentanti dei partiti politici che siedono nel Consiglio Comunale di Sora non interessano i problemi sopra menzionati.

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 4 dicembre 2017


Il Portavoce
Fabrizio Pintori


Sora - 

Durante la campagna elettorale il M5S si era assunto l'impegno imprescindibile di difendere la legalità, in tutti i suoi aspetti. Si ritiene, infatti, che chi riveste un ruolo istituzionale deve dare per primo il buon esempio all'intera cittadinanza. I detrattori criticano le obiezioni mosse dal M5S sostenendo che si tratta semplicemente di sterili formalismi privi di reale importanza, in realtà in politica la forma è sostanza.
Chi sono gli eletti rispetto ad un normale cittadino per non tenere conto dei vincoli imposti dalla legge?
Il M5S con una diffida ha sottolineato le presunte irregolarità sul Rendiconto di Gestione del 2016. Purtroppo, l'avviso è caduto nel vuoto. Pertanto, è stato presentato un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica (http://www.sora5stelle.it/approvazione-rendiconto-gestione-2016-presentato-ricorso-lamministrazione-de-donatis/). Da subito l'Amministrazione De Donatis tramite l'Assessore Paolacci ha sostenuto, invece, che non vi erano particolari problemi e che: "......l'Amministrazione si può ritenere soddisfatta del proprio operato e i cittadini possono stare tranquilli.....".
Contrariamente alle dichiarazioni rilasciate nei mesi scorsi, nell'ultimo Consiglio Comunale l'Amministrazione De Donatis ha fatto una clamorosa retromarcia sul Rendiconto. Se come affermato in ripetute occasioni era tutto a posto, perché procedere alla convalida del rendiconto?
Si tratta di un'inversione di rotta con la quale hanno sconfessato il loro precedente operato, di fatto non hanno più difeso la loro posizione iniziale. Tanto è vero che nella delibera di convalida è scritto che: "....l'ente,.... non aveva posto la completezza di tali atti a disposizione dei consiglieri nei 20 giorni antecedenti la seduta;" ed anche che: ".... è stato disposto il deposito di tutti gli atti inerenti il rendiconto 2016......", quindi la maggioranza è stata costretta a convalidare il Rendiconto, sanando le varie irregolarità. Infatti, non si deve dimenticare che la convalida è un istituto del diritto amministrativo impiegato per sanare i vizi di un provvedimento annullabile.
Comunque, meglio tardi che mai!
Adempiere alle formalità imposte dalla legge ha risvolti pratici importantissimi, che un amministratore responsabile non deve mai sottovalutare. Basti pensare a quanto accaduto sempre nell'ultima seduta consiliare, infatti non avendo approvato il Bilancio Consolidato nel termine del 30 settembre scorso il Comune non potrà effettuare nessuna assunzione, con buona pace per la stabilizzazione degli L.S.U..
Alla luce di quanto successo nello scorso Consiglio Comunale i cittadini possono stare veramente tranquilli?

Con l'occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 2 dicembre 2017

Il Portavoce
Fabrizio Pintori

I candidati a Sora


   © 2010 www.movimento5stelle.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons