MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Parma - 

Parma, 14 ottobre 2012. L'assessore all'Ambiente del Comune di Parma, Gabriele Folli, ha preso parte all'incontro svoltosi sabato 13 ottobre 2012 nella cittadina toscana di Capannori , il primo Comune italiano ad aver aderito nel 2007, alla rete internazionale dei "Rifiuti Zero" per l'abbattimento dei rifiuti entro il 2020, dove è nata, proprio sabato l'associazione "Comunità rifiuti zero" a cui hanno aderito 107 Comuni italiani, fra cui Parma, La Spezia, Benevento e Napoli e molte associazioni tra cui quella dei Comuni Virtuosi e l'Anpas - Associazione pubbliche assistenze italiane. L'adesione all'associazione diverrà formalmente esecutiva dopo l'approvazione da parte del consiglio comunale. Una giornata di studio e di approfondimento particolarmente importante. Lo scopo dell'Associazione è quello di promuovere attività mirate alla riduzione dei rifiuti, all'abbattimento della produzione di plastica, alla valorizzazione della filiera corta. La neonata realtà associativa avrà sede nel Comune di Capannori, dove sabato, durante l'incontro nazionale, è stato approvato lo statuto. All'incontro hanno partecipato il sindaco di Capannori, Giorgio Del Ghingaro, il professore americano Paul Connett che ha fatto riferimento alle politiche di "Rifiuti zero" in America e in Europa, l'assessore all'ambiente del comune di Capannori, Alessio Ciacci, il coordinatore del Centro di ricerca "Rifiuti Zero" del Comune toscano, Rossano Ercolini, oltre ai rappresentanti di numerosi Comuni e Associazioni. Parma è il secondo comune più popoloso, dopo Napoli, ad aver aderito alla strategia Rifiuti Zero, lanciata da Paul Connett, il chimico americano della St. Lawrence University. La strategia perseguita dalla neonata associazione prevede tre importanti passaggi per raggiungere traguardi significativi a partire dall'eliminazione dell'incenerimento dei rifiuti, passando a un sistema di raccolta che aumenti la quantità di materiale differenziabile che ottimizzi la qualità del materiale da riciclare, diminuendo contestualmente la quantità di rifiuti prodotti. A cui si aggiunge una politica volta ad incentivare il riuso del materiale riciclato, la riparazione di oggetti e promuovendo scelte di vita che diminuiscano la percentuale di scarti (es. uso di prodotti alla spina); oltre a sostenere la progettazione e la produzione di prodotti totalmente riciclabili, riutilizzabili e riparabili. "La nostra intenzione - ha spiegato l'assessore Folli - è quella di impostare un sistema di raccolta ottimizzato al massimo recupero dei materiali attraverso riduzione e prevenzione, riuso, riciclo; riducendo così al minimo e progressivamente a zero il rifiuto residuo. Una prospettiva evidentemente in contrasto con l'utilizzo di un inceneritore. La neonata associazione "Comunità rifiuti zero", a cui abbiamo aderito, rappresenta in questo senso un punto di riferimento e una risorsa significativa". La nuova associazione intende operare nel campo dell'assistenza, della formazione, promozione e valorizzazione della cultura della strategia "Rifiuti Zero", attraverso campagne di sensibilizzazione e informazione sulle buone pratiche nell'ambito dei rifiuti, creando una rete per lo scambio di informazioni tra Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati. Per maggiori informazioni è possibile consultare il link del Centro ricerche Rifiuti Zero:

http://www.rifiutizerocapannori.it/rifiutizero/


Parma - 

Parma 28 settembre 2012 - Si è chiuso alle 23 un Consiglio Comunale fiume nel quale sono stati approvati 7 milioni di debiti fuori bilancio. "Per troppo tempo a Parma si è brindato con Champagne e caviale" ha spiegato metaforicamente il sindaco Pizzarotti al Consiglio Comunale, lasciando intendere che le casse del Comune sono ora vuote. Nel video il Primo Cittadino di Parma chiarisce l'attuale situazione economica.


Parma - 

Si è tenuto questa mattina il consueto incontro della Giunta con gli organi di informazione. Era presente all'appuntamento l'assessore al Welfare Laura Rossi, la quale ha informato i presenti dell'avvio della seconda fase riguardante il nuovo e partecipato progetto Welfare del Comune di Parma. La prima fase - consultazione tra assessorato e tecnici esperti del sociale - si è conclusa dopo ben oltre un centinaio di tavoli di lavoro. A breve, invece, saranno pubblicizzate le date dei giorni in cui l'assessore Rossi incontrerà i cittadini, per la presentazione, relativa ai tavoli, della nuova politica sociale.


Parma - 

Parma 13 settembre 2012 - estratto video dell'ultima conferenza stampa svoltasi martedì 11 settembre in Sala Stampa del Comune di Parma: l'argomento trattato dall'assessore all'Urbanistica Michele Alinovi riguardava la progettazione della scuola Racagni.


Parma - 

Parma 20 settembre 2012 - La questione del debito del Teatro Regio, e l'uscita dei soci dalla Fondazione, infiamma il Consiglio Comunale. I consiglieri di minoranzs esprimono preoccupazione per la vicenda accusando la Giunta Pizzarotti di isolamento politico. Il sindaco (dal MIN 4.50) risponde e controbatte, punto per punto, a tutte le critiche dell'opposizione del Pdl, Pd, Udc e civici


Parma - 

"La notizia della pubblicazione del piano economico finanziario dell'inceneritore di Ugozzolo ha destato molta sensazione in città, e ha messo a nudo quella che è stata da sempre considerata una necessità da parte dei sostenitori del forno: costruire l'impianto per far fronte ai costi, effettivamente alti, che attualmente interessano i cittadini per destinare i rifiuti fuori provincia.

I costi per lo smaltimento dei rifiuti differenziati, lo ricordiamo, sono di 168 Euro a tonnellata, sproporzionati rispetto ad altre realtà in Italia e all'estero. Un esempio su tutti è l'inceneritore di Torino, in procinto di essere dato in gestione ad Iren, che dichiara sul proprio sito un costo di conferimento di  97,5 Euro a tonnellata (fonte: Piano Economico Finanziario sito TRM http://www.trm.to.it/index.php?option=com_content&view=article&id=203&Itemid=215&lang=en )

È dunque palese che l'inceneritore non porterà alcun vantaggio economico al territorio, e su questo dovrebbero interrogarsi coloro che hanno sempre sostenuto il contrario, anche durante l'ultima campagna elettorale, in primis il Presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli quando ripeteva, come un mantra, che l'impianto avrebbe ridotto i costi di smaltimento.

Se così è, allora invitiamo il Presidente Bernazzoli a rettificare i dati, pubblicati sugli organi di stampa, riguardanti le tariffe di smaltimento rifiuti.

Crediamo inoltre sia giunto il momento, alla luce della sempre più evidente non convenienza economica di una gestione dei rifiuti incentrata sull'incenerimento, di rivedere il Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti concepito a partire dal 2003, approvato nel 2005 e revisionato solo per quanto riguarda gli obiettivi nel 2008.

A questo fine siamo disponibili a partecipare insieme alla Provincia, Atersir e agli altri comuni interessati, alla costituzione di un tavolo tecnico in cui far confluire le esperienze di gestione alternativa già avviate in altri territori.

Non crediamo vi siano più motivi per indugiare oltre."

Assessore all'ambiente Gabriele Folli

 


Parma - 

"Buongiorno a tutti, la nostra battaglia contro l'amianto continua: come avevamo già promesso precedentemente, abbiamo cominciato la rimozione dell'eternit dai nostri edifici scolastici. Nello specifico il cantiere della scuola media Ferrari è partito da circa una settimana, e la rimozione dell'eternit è in atto. Questo dà la possibilità di sostituire una copertura fatiscente e pericolosa per la salute dei bambini, con una nuova copertura in lamiera, inossidabile e quindi adeguata ai regimi energetici che la legge ci impone. Il costo dell'opera è di 182mila e 200 euro interamente finanziati: tale opera si concluderà prima dell'inizio delle scuole. Insieme a questo stiamo affrontando una serie di bandi di gara che troveranno luce entro la fine dell'anno: l'obiettivo è la rimozione dell'eternit negli altri edifici scolastici attraverso il lavoro di società private, le quali realizzeranno impianti fotovoltaici nelle coperture delle scuole. Questi impianti resteranno in conto energia per alcuni anni a queste società, le quali ne trarranno beneficio, ammortizzando così il costo dell'intervento. Dopo un certo lasso di tempo questi impianti resteranno a noi. Potremo quindi abbattere i consumi delle bollette con energia pulita e sostenibile. Questo è uno dei punti del nostro programma di mandato, e come vedete lo stiamo già mettendo in atto dopo poco più di due mesi dal nostro insediamento".

Assessore all'urbanistica Michele Alinovi


Parma - 

"Buongiorno a tutti, io sono Michele Alinovi assessore all'urbanistica del Comune di Parma. Ho deciso di pubblicare questo video per mettervi al corrente della decisione di Giunta, di alcuni giorni fa, di bandire dalle opere pubbliche del Comune l'utilizzo delle pietre ofiolitiche, che sono pietre con contenuto variabile di amianto, che viene utilizzato correntemente nei cantieri, non solo pubblici ma anche privati, del Comune di Parma. Il primo obiettivo di questa Giunta è quello di eliminarle dai cantieri pubblici, questo per ovviare ad un annoso problema già alla conoscenza degli addetti ai lavori, che è quello di esporre gli operai che lavorano in questi cantieri, principalmente stradali, alle inalazioni di fibre di amianto. Visto che non esistono sistemi di protezione individuale adatti a questo tipo di lavorazione, per questa Giunta e per il Movimento era una operazione doverosa. Sappiamo che è una decisione iniziale: noi puntiamo ad eliminare totalmente queste pietre anche se potremmo toccare legittimi interessi di parte: per noi, comunque, la salute dei cittadini e degli operatori di settore viene al primo posto di quelli che sono gli interessi di parte. Volevo rendervi dotti di questa situazione, e teneteci d'occhio perché questo  sarà l'inizio di un processo di trasformazione virtuoso di quello che è e che sarà la salute dei cittadini. Vi saluto e vi ringrazio".
Assessore all'Urbanistica Michele Alinovi


Parma - 

In riferimento alla delibera per un nuovo Piano di gestione rifiuti per il 2012, approvata lo scorso Consiglio Comunale, l'assessore all'ambiente Gabriele Folli ha voluto rilasciare queste seguenti dichiaraizoni:

"Parma deve diventare punta di diamante in Italia per la raccolta differenziata. E' per questo che l'amministrazione ha deciso di studiare a fondo un progetto complessivo e chiedere anche il sostegno di consulenti esperti, per poter risolvere in modo coerente ed omogeneo la gestione dei rifiuti di Parma. Ci siamo trovati, appena arrivati al governo della città, con un piano finanziario 2012 ancora da approvare e con contenuti che non condividevamo. L'estensione del porta a porta nel quartiere Lubiana non avrebbe fatto compiere alla città il salto di qualità, ma solo un timido passo in avanti, mentre invece occorre un salto possente per portarsi in testa alle graduatorie dei capoluoghi virtuosi. Se avessimo applicato al quartiere Lubiana-San Lazzaro il porta a porta con le criticità già sperimentate e non risolte nel quartiere Cittadella, si sarebbe ripresentato pari pari l'effetto turismo del sacchetto indifferenziato anche nella zona limitrofa ed alcuni difetti non sarebbero stati risolti.

Abbiamo così deciso di guardare al 2013 come l'anno di una vera svolta nella gestione dei materiali post utilizzo, mentre per la parte rimanente del 2012 si provvederà all'ampliamento della raccolta dell'organico anche in parte del centro storico. Un piccolo segnale per dare alla città un messaggio, i lavori sono in corso per rivoluzionare totalmente la gestione dei nostri scarti. Certamente non possiamo nasconderci che per le grandi rivoluzioni sono indispensabili dei piani dettagliati, e tali piani necessitano di tempo, di impegno, di sostegno finanziario. Proprio quest'ultimo, come sanno i parmigiani, è la risorsa più scarsa a Parma oggi e non possiamo fingere che il problema economico sia irrilevante, perché è vero esattamente il contrario. Ciò non significa che il lavoro sia fermo. Già a settembre sarà pronto il piano di fattibilità, dal quale partire per affinare il progetto complessivo.
Naturalmente guarderà alle migliori esperienze italiane di raccolta differenziata efficace, a Ponte nelle Alpi, a Capannori, a Salerno.

Un sistema esteso a tutta la città con raccolta puntuale porta a porta, con tariffe legate alla effettive produzione di rifiuto indifferenziato. Raccolte differenziate di qualità, con il vetro raccolto come monomateriale per preservarne il valore e il conseguente prezzo pagato al comune. Un piano fatto anche di azioni che sollecitino la riduzione e la prevenzione dei rifiuti, la massimizzazione del riciclo ma anche e soprattutto del riuso. Dopo anni di immobilismo e di risorse gettate al vento, finalmente Parma si incamminerà insieme ai comuni virtuosi e a quelli a rifiuti zero, verso una stagione nuova, fatta di sostenibilità e di rispetto, di risparmio delle risorse e di riduzione di sprechi e inefficienze".

Come già detto, in Consiglio Comunale, giovedì 26 luglio, è stata approvata la delibera 1894 "Presa d'atto e approvazione del Piano Finanziario degli interventi relativi al Servizio di gestione dei rifiuti urbani per l'anno 2012 e recepimento del regolamento dei rifiuti urbani". Hanno votato favorevolmente 20 consiglieri, mentre i restanti 11 si sono astenuti

Chi siamo


Parma - 

Non abbiamo sorrisini ironici di altri tempi che dicono "beata gioventù!", né caldi sguardi di paziente condiscendenza, come maestre di altri tempi che guardano incorreggibili monelli.

No.

Abbiamo occhi lucidi, di entusiasmo, commozione, a volte stanchezza.

Abbiamo sorrisi con i quali riflettiamo i mille sorrisi che per la strada tante persone ci indirizzano.

Abbiamo mani consunte dal tanto stringerne altre.

Siamo persone diverse da come eravamo ieri, perché arricchite dalle mille esperienze che tanti ci riversano addosso.

Poi leggiamo, ascoltiamo gente dai sorrisi svogliati, che parla di noi, che sembra conoscerci dalla nascita sapere tutto, forse perché taluni, se non sanno, hanno molta fantasia.

Ci scopriamo allora a non avere passato, non avere professionalità, non sapere cosa vuol dire disabilità, non sapere cos'è un bilancio, non avere idea dei meccanismi scolastici, insomma persone improvvisamente azzerate.

Ci fermiamo ci guardiamo in faccia e vediamo un imprenditore, un commercialista, un sindacalista, una maestra, un'amministratrice che fa bilanci aziendali, numerosi informatici dal pc al mainframe, ingegneri, responsabili di sicurezza, assistenti agli anziani, studenti universitari, insomma la società civile quasi totalmente rappresentata.

Non abbiamo esperienza? Siamo incoscienti? No signori miei, noi maneggiamo soldi per lavoro, soldi di cui dobbiamo veramente rendere conto fino al centesimo, siamo abituati ad assumerci le nostre responsabilità, e quelli di noi che hanno posti di coordinamento ad assumerci anche le responsabilità dei collaboratori.

Noi siamo abituati a guardare negli occhi tutti i giorni gli anziani bisognosi di cure e di affetto, non solo quando andiamo a pietire voti.

Noi ci assumiamo quotidianamente la responsabilità di educare i bambini a crescere adulti responsabili e preparati.

Noi sappiamo anche relazionare a direttori di banca su progetti aziendali.

Noi facciamo quadrare bilanci aziendali in tempi duri e famigliari in tempi durissimi.

Non abbiamo esperienza? State scherzando, vero?

Noi abbiamo fatto formazione sulla macchina comunale per prepararci alle elezioni, abbiamo riletto la costituzione per farcene forti. Abbiamo tirato giù dagli scaffali i testi di diritto amministrativo già studiati a suo tempo. Stiamo caricando ogni istante il nostro zaino già carico di tanta esperienza e abbiamo trovato chi condivide con noi importanti professionalità.

Non sottovalutateci perché noi siamo abituati a lavorare, a produrre, a prenderci le nostre responsabilità sempre e comunque nella famiglia, nel lavoro e ora nella politica.

Trent'anni di politica fanno strani scherzi nella percezione del mondo ed è per questo che noi non andremo mai oltre i dieci, promesso.

 

I candidati a Parma

Partecipa ai nostri eventi

Donazioni