AMG e RAP a Palermo svolgono illegittimamente servizi pubblici

| commenti


Schermata 2016-03-30 alle 16.52.27.pngAlcuni servizi dati a AMG e RAP violano la legge e per questo abbiamo presentato un'interrogazione parlamentare alla Camera.
In particolare parliamo dell'affidamento alle società partecipate palermitane dei servizi strumentali, un affidamento che violaprecise disposizioni di legge, che vietano il cumulo di servizi pubblici a rilevanza economica e quelli strumentali: ad esempio la società di igiene ambientale, la R.A.P., non può occuparsi contemporaneamente di rifiuti e manutenzione delle strade.

Per questo motivo abbiamo chiesto l'invio degli ispettori governativi al Comune di Palermo per conformare le società partecipate agli obblighi di legge: infatti, alcune società non osservano le disposizioni della legislazione nazionale e delle direttive europee, che stabiliscono chiaramente questo divieto, con lo scopo di favorire la concorrenza e le imprese locali.

In altre parole queste società non possono contemporaneamente svolgere attività per realizzare fini sociali o promuovere lo sviluppo delle comunità locali, definiti Servizi pubblici locali a rilevanza economica (come ad esempio produzione e distribuzione di energia elettrica, luce, acqua, gas, raccolta e smaltimento rifiuti, trasporto pubblico locale, il trasporto ferroviario regionale), e allo stesso tempo svolgere attività destinate a favore dello stesso comune, definiti Servizi strumentali (come ad esempio progettazione e sviluppo di programmi informatici; supporto ad attività tecnico-amministrative della P.A., gestione e manutenzione del patrimonio immobiliare, manutenzione delle strade, manutenzione del verde pubblico).

In parole povere, per restringere il campo ad Amg e a Rap, la prima non potrebbe occuparsi contemporaneamente, da un lato, della gestione del servizio di distribuzione e vendita del metano a mezzo rete, del servizio di illuminazione pubblica e del servizio di controllo degli impianti termici, e, dall'altro, della gestione del servizio energia, cioè il riscaldamento degli edifici comunali, ed Energy auditing, cioè realizzazione gestione dei distributori di metano per mezzi pubblici.

La Rap, dal canto suo, non potrebbe invece assumersi la responsabilità sia del servizio di igiene ambientale che della manutenzione stradale.

La normativa vigente lo vieta espressamente: la legge (d.l. 223/2006) imponeva, infatti, pena la nullità dei contratti, un termine, più volte prorogato, per provvedere a scindere servizi pubblici e strumentali in capo a soggetti diversi. Termine scaduto il 4 gennaio 2010 senza che questa scissione sia mai avvenuta, e ovviamente senza alcuna conseguenza per le società e i loro amministratori.

A Palermo vengono assegnati più servizi possibili alle aziende partecipate dal Comune per poter regalare loro più soldi. Il Comune viene visto da queste partecipate come una vacca da mungere. I servizi spesso non vengono svolti o vengono svolti molto male, ma al Comune e al Consiglio comunale poco importa, l'importante per loro è trovare il modo di raggiungere la cifra da regalare all'azienda partecipata di turno. Cosa comporta questo? Che i servizi strumentali, come ad esempio la manutenzione stradale, costano di più e hanno una qualità pessima anziché essere oggetto di una gara che vedrebbe delle offerte con probabile diminuzione del costo per tutti i cittadini e con una potenziale maggiore qualità dei servizi. Il monopolio dei (dis)servizi pubblici locali di queste aziende mangiasoldi e piene di clientele deve terminare e finché non cesserà a pagarne le conseguenze saranno i cittadini palermitani e i turisti.

Sulla coesistenza, vietata per legge, di servizi pubblici e strumentali in seno alla Rap nel 2014, aveva fatto sentire la sua voce di dissenso pure il segretario generale del Comune, in occasione dell'approvazione del nuovo contratto di servizio della municipalizzata.

Nell'interrogazione, il M5S segnala altre anomalie a carico di numerose partecipate del Comune, come la mancata pubblicazione nel proprio sito internet della relazione con i requisti e le motivazioni che giustificano l'affidamento alle partecipate di servizi pubblici locali a rilevanza economica.

Da qui la richiesta del M5S dell'invio degli ispettori della Ragioneria generale di Stato e del dipartimento della Funzione pubblica per operare le opportune verifiche amministrative-contabili e di responsabilità all'interno dell'amministrazione comunale di Palermo.

Cerca

Loading

Post Recenti

Palermo 2017 - Aggiornamento tavoli programma partecipato
Continua il lavoro dei tavoli tematici per l'elaborazione del programma partecipato per le elezioni comunali del 2017. Di seguito aggiornamenti…
VOLONTARI ITALIA 5 STELLE PALERMO 24-25 SETTEMBRE
Italia 5 Stelle ha bisogno di te! Cerchiamo volontari, seri e responsabili che giorno 24 e 25 settembre a…
Verso Palermo 2017: scrivi con noi il programma partecipato
Mentre in vista delle elezioni amministrative del prossimo anno a Palermo negli altri schieramenti si assiste a candidature (Scoma), ricandidature…