MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Spoleto ed Orvieto due facce della stessa mancanza di politica culturale per i più giovani.


Orvieto - 

BISOGNA FARE POLITICA CULTURALE PARTENDO DALL'INFANZIA

La buona notizia è che ripartono le aperture pomeridiane dedicate ai più piccoli nella principale biblioteca di Orvieto, la Nuova Biblioteca Pubblica Luigi Fumi, e che questa oasi settimanale in una città che ha visto chiudere il Centro Rodari e praticamente tutte le biblioteche e ludoteche scolastiche cittadine, è qualcosa di cui si sentiva il bisogno quasi fisico, tangibile. E' affollata quando è aperta la biblioteca, e chi ci entra di solito resta a lungo, usufruendo a pieno di quel servizio che è innanzitutto una delle responsabilità delle amministrazioni cittadine ed un punto di riferimento dell'approfondimento culturale delle popolazioni di un territorio. Gli spazi alla Fumi sono equilibrati e armonici, hanno quel magnifico parco circolare e avvolgente esterno, contraltare del severo quadrato di corte interna all'edificio. Ci sono aree ragazzi, un angolo lettura per le fiabe, giochi per divertirsi e imparare allo stesso tempo. I colori del giardino si accordano con i colori delle opere d'arte esterne. C'è l'accesso alla rete e distribuiti sui vari livelli terminali computer, c'è la possibilità di fare copie per approfondimenti successivi, ricevere prestiti, ordinare libri, fare bookcrossing. Al secondo piano la Sala Eufonica, un piccolo gioiello alta fedeltà musicale progettato dall'audiofilo Giuliano Bastianello, è con i suoi 8500 watt di amplificazione in un ambiente assolutamente isolato un grande esempio di multimedialità immersiva ed è anch'essa sottoutilizzata quantomeno rispetto a progetti di educazione sonora per ragazzi.

Insomma il fatto che una biblioteca riparta anche se solo per un giorno alla settimana a fare attività coi ragazzi, che faccia un evento di rilancio con una fiaba dalla raccolta di Italo Calvino (e non di Gianni Rodari) va bene, ma vedere che ci sono le infrastrutture e per la maggioranza restino chiuse o sottoutilizzate fa male davvero.
Ed in questo tra l'ex maggioranza che ha di fatto chiuso Centro Rodari, biblioteche scolastiche e ludoteche cittadine, e la nuova maggioranza che non ha mostrato alcuna discontinuità in tale senso non possiamo fare altro che sperare che ad amministrare arrivi un portavoce del Movimento, una persona che non sopporta gli sprechi e che riconosca il valore che la cultura aggiunge alle cose, ai luoghi ed ai lavori, che la cultura arricchisce l'anima e, spesso, fa bene al portafoglio e, assieme allo sport, distrae i giovani da altri modi di impegnare il tempo che possono essere invece dannosi per loro e per la società.

inspiring-boy-readibookcrossing photo -book-in-a-boat-artistic-vintage-high-resolution-wallpaper-for-desktop-background-.jpg

Dal meetup non si è fatta attendere una proposta che doverosamente come portavoce mi impegnerò a rilanciare ed è quella di rompere gli schemi e tentare di creare una rete culturale con altri centri con una maggiore affinità con le nostre idee.

Thumbnail image for silvio torre.jpg«E' sicuramente la città del Festival dei Due Mondi, Spoleto, uno dei primi punti di riferimento con cui accordarsi per recuperare il patrimonio culturale orvietano. Mentre la loto politica mostra la corda, il suo limite, nel rendere vivo e di valore ad esempio la "Fondazione per la conservazione ed il restauro dei beni librari" così come Orvieto è incapace del rilancio del Centro Studi Gianni Rodari. Realtà che potrebbero e dovrebbero veicolare l'interesse filantropico e l'investimento pubblico in funzione di risultati duraturi anzi permanenti e che invece sono quasi dismessi. L'intervento possibile è nella progettualità europea ed il punto di riferimento è la salvaguardia della letteratura dell'infanzia. Nelle prossime settimane proporremo una proposta progettuale ai portavoce sul territorio in tal senso per rilanciare entrambi gli asset culturali e per creare un nuovo circuito che faccia rivivere e valorizzi le storie scritte per i nostri ragazzi e per i più piccini in quest'epoca di comunicazione immateriale che diventa immediatamente obsoleta. Quale miglior risposta alla mancanza di politiche culturali e per l'infanzia che ripartire dalle basi?» Silvio Torre, Orvieto

I candidati a Orvieto

  • user-pic
    Adelina Bonavera
  • user-pic
    alberto tavani
  • user-pic
    Alessio Paesano
  • user-pic
    Andrea Montanucci
  • user-pic
    Anna Patrone
  • user-pic
    davide torre
  • user-pic
    Elena Rusu
  • user-pic
    giuseppe ambrosino
  • user-pic
    Lucia vergaglia
  • user-pic
    Manuel Mariani
  • user-pic
    mojodave
  • user-pic
    nicla

   © 2010 www.movimento5stelle.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons