Programma 2016

scriviMi copia.png


La realizzazione del programma per Milano 2016 è iniziata 6-7 anni fa con le riunioni dei Gruppi di Quartiere (poi diventata SentiNIL) , si è poi arricchita negli ultimi 2 anni con le 1200 istanze raccolte ai banchetti.
La domanda di partenza era sempre la stessa : "Se tu/lei fossi il sindaco di Milano, cosa vorresti? cosa cambieresti? Cosa non va? Come vorresti che funzionasse?"
Tutti restavano interdetti dopo queste domande. Evidentemente i cittadini hanno completamente perso l'attitudine ad esprimere proposte per risolvere i problemi. Il blocco si superava dopo un poco leggendo cosa avevano scritto le altre persone sul Quaderno aperto sul tavolino dedicato a questo scopo . Sfogliandolo le idee venivano a fiumi tanto che spesso dovevamo fermarli pregando di concentrarsi su quelle che ritenevano le idee più importanti.
Naturalmente è più facile enunciare lamentele e ingiustizie che suggerire soluzioni.
E siamo arrivati a circa 1200 istanze/proposte/criticità, espresse dai cittadini grazie ai quali siamo stati in grado di avere il polso del "sentire comune" e capire quali siano le priorità percepite della gente al di là di ogni inquadramento politico.
Quello che emerge dalla analisi di questa raccolta è stato catalogato ed inserito in un semplice programma che ci ha dato immediatamente il grafico delle priorità (vedi grafico sotto).

grafico programma.png

Il lavoro di ascolto si è ulteriormente consolidato con i Tavoli di lavoro tematici aperti ai cittadini, ai comitati, alle associazioni organizzati tra Novembre 2015 e Febbraio 2016 e che hanno visto la partecipazione di oltre 500 cittadini. Nella fase finale abbiamo coinvolto esperti ed operatori di settore, integrato le proposte e svolto verifiche tecniche e stime finanziarie.
Le istanze più condivise sono entrate nel nostro programma, con umiltà e rispetto per i desideri dei cittadini, abbiamo recepito ed eseguito la loro volontà tesa al "bene comune". Forse è la prima volta che un programma di governo della città si fonda su 2 anni di paziente ascolto e coinvolgimento dei semplici cittadini : il più bell'esercizio di Democrazia Diretta che il Movimento abbia fatto. Ora dobbiamo governare per applicarlo!

Ma l'idea M5S è che il programma per Milano 2016 continui ad essere un gigantesco "work in progress" che prosegua anche dopo le elezioni; gli incontri tematici aperti sui vari argomenti verranno riproposti periodicamente per consultare i cittadini prima di realizzare i progetti, per raccogliere i commenti, per ascoltare le proposte.
La partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica deve tornare ad essere il normale modo di fare politica, per una politica che torni quindi a nascere proprio dai cittadini !