"Un nuovo sistema per le nomine" - 50 sfumature di delusione arancione: 9 di 50


Milano - 


16937281815_a7906527f3_b.jpgHitparade di promesse disattese dalla maggioranza milanese a guida Pd: 9di50

"un nuovo sistema per le nomine, con modalità pubbliche di esame preventivo delle competenze"

- la promessa in dettaglio (dal programma ufficiale del candidato sindaco Giuliano Pisapia e delle liste che lo sostengono: http://bit.ly/VB4c4z)

pag. 5: per la legalità e l'etica pubblica, un nuovo sistema per le nomine, introducendo modalità pubbliche di esame preventivo delle competenze, (di affidamento di precisi mandati, di controllo su quanto fatto)

- come è stata disattesa:

niente di meglio della testimonianza che arriva dall'interno della stessa coalizione arancione, questa volta da parte dell'IDV: http://movimen.to/1SU1CEj "Contestiamo soprattutto il tentativo di confondere i cittadini, scrivendo nella delibera che sono stati selezionati 13 candidati e che 5 di questi hanno sostenuto un colloquio con il direttore generale Corritore (da lei assunto per 210mila euro di stipendio annui) e con il suo capo di gabinetto Baruffi (da lei assunto per 140mila euro di stipendio annui). E, guarda caso, al termine di questi colloqui è risultato idoneo proprio il suo compagno di partito Confalonieri.

Sono metodi della vecchia politica sui quali IdV non intende lasciar correre. Chi chiede sacrifici ai cittadini non può elargire stipendi favolosi a quanti hanno contribuito alla sua campagna elettorale."

- come sarebbe andata col #M5S al governo cittadino? 

L'ottimizzazione delle risorse interne esistenti e la conseguente riduzione del ricorso a nuove assunzioni o all'affidamento di nuovi incarichi esterni, è stata dimostrata sul campo dall'amministrazione M5S a Parma, con la drastica riduzione delle assunzioni (da 45 a 2 !!) e con la riorganizzazione della macchina comunale in macro-strutture e con l'eliminazione della direzione generale http://movimen.to/23uTYFr. I principi di vera trasparenza che il M5S pratica concretamente, han poi consentito di cancellare la tradizione partitocratica delle assunzioni clientelari, che trasforma in un ufficio di collocamento per amici ogni amministrazione pubblica conquistata dai partiti tradizionali.

Il MoVimento 5 Stelle procede infatti per obiettivi messi nero su bianco, nell'interesse della cittadinanza: devono essere resi pubblici in primo luogo i processi di definizione di ogni esigenza che motiva un'assunzione o un incarico esterno, per poi procedere alla raccolta delle candidature e alla loro valutazione pubblica, con trasparenza 100%.   

Grazie poi all'esempio che gli eletti M5S danno in prima persona - con la riduzione dei propri compensi ad importi sensati - terminerà anche la stagione dei compensi d'oro.