"Difesa del Parco Sud da speculazione e cementificazione" - 50 sfumature di delusione arancione: 20 di 50


Milano - 


Parco_adda_sud.JPG50 sfumature di delusione arancione, hitparade di promesse disattese dalla maggioranza milanese a guida Pd: 20di50

"difesa del Parco Sud da speculazione e cementificazione"

- la promessa in dettaglio: dal programma ufficiale del candidato sindaco Giuliano Pisapia e delle liste che lo sostengono http://bit.ly/VB4c4z - Pag. 15: "...per difendere e rilanciare il Parco Sud".

E ancora: "Il Parco Sud è un complesso paesaggistico, storico e agricolo unico al mondo. 47.000 ettari di verde e di storia che insieme difenderemo dalla speculazione, dalla cementificazione, da un modello vecchio di sviluppo economico basato sul consumo indiscriminato di quanto abbiamo di più prezioso" (dichiarazioni di Pisapia raccolte dall' Associazione per il Parco Sud Milano, in dettaglio nei 2 link successivi in questa stessa pagina).

- come è stata disattesa:

Pisapia ha delegato il consigliere Pd Natale Comotti a rappresentare il Comune di Milano nelle Assemblee del Parco. Comotti a gennaio 2012 si astenne su uno stralcio di territorio a Rosate (motivandolo come "eccezione irripetibile"), per poi votare a giugno 2012 a favore dello stralcio di altri 100mila mq. di aree agricole nel comune di Vignate (seconda eccezione irripetibile).

L'associazione per il Parco Sud Milano, costernata, richiese un incontro chiarificatore al sindaco Pisapia il 28 giugno 2012, e dopo due mesi senza alcun riscontro, pubblicò sul proprio sito questa nota intitolata "i silenzi di Pisapia sul Parco Sud" http://bit.ly/1246JM8.  

Il 31 dicembre 2012, dopo ulteriori solleciti anche all'indirizzo di Paolo Limonta - braccio destro di Pisapia, e alla segreteria dell'assessore De Cesaris, l'Associazione pubblicò un'ulteriore laconica nota titolata "continua il silenzio di Pisapia" http://bit.ly/WRdn3f.

A cosa sono dovuti i silenzi di Pisapia? Con ogni probabilità alle stesse ragioni che vedono il Comune di Milano soggiogato alle attitudini cementificatrici del Pd milanese, che evidentemente prende "ispirazioni" in luoghi diversi rispetto a tante altre realtà locali dello stesso partito: ecco infatti un appello di altre realtà Pd che vogliono davvero difendere il parco Sud: http://bit.ly/XpzCyv.

- come sarebbe andata col #M5S al governo cittadino?

A differenza di Pisapia e della sua maggioranza arancione, il MoVimento 5 Stelle milanese e lombardo non limita le proprie attenzioni alle aree del Parco Sud entro i confini cittadini, ma ne considera sempre la difesa nella sua globalità. Lo stop al consumo di suolo com'è noto resta un elemento chiave della strategia ambientale #M5S, che guida con coerenza - dalla campagna elettorale del maggio 2011 ad oggi - tutte le votazioni, le proteste e le proposte del MoVimento 5 Stelle Milano, e si collega con continuità al programma del M5S Lombardia per le elezioni regionali 2013, sintetizzato in questa infografica http://bit.ly/Y4hnLq. Non si gioca con il Parco Sud.