MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Evento su Microcredito


Magnago - 


Giovedì 25 maggio si è tenuto presso il Ristorante Pizzeria San Michele l'evento incentrato sul Microcredito. Grazie alla presenza di Stefano Buffagni, portavoce in Regione Lombardia, si sono illustrate le caratteristiche di questo importante strumento sostenuto dalla restituzione della metà degli stipendi dei portavoce del Movimento 5 Stelle. Infatti, grazie a oltre 20 milioni di stipendi restituiti dagli eletti M5S sono già state finanziate più di 4.000 imprese, generando oltre 10.000 posti di lavoro.
Il microcredito rappresenta una vera forma di aiuto per la piccola media impresa oppure per le star up innovative in quanto rappresenta una forma di finanziamento, gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico, che permette l'erogazione di fondi a micro imprenditori con partita Iva da meno di 5 anni, imprese personali con meno di 5 dipendenti, srl con meno di 10 e una dotazione patrimoniale ridotta oppure, appunto, per l'avvio di nuove start up.
I portavoce del MoVimento 5 Stelle rappresentano, allo stato attuale, uno dei soggetti finanziatori del "fondo per il microcredito", che viene erogato attraverso gli intermediari finanziari abilitati completamente estranei al MoVimento 5 stelle. Questo ultimo aspetto garantisce una trasparenza nell'erogazione dei fondi a progetti meritevoli.
Il tetto finanziabile è 25mila euro - in alcuni casi è possibile arrivare a 35mila euro - per aziende esistenti o idee imprenditoriali legate all'agricoltura, all'artigianato, al commercio, ai servizi e a tutte le start up innovative.
Per accedere occorre tenere in considerazione 3 semplici step:
1) Elaborazione della domanda. In caso di dubbio o difficoltà sono a disposizione consulenti del lavoro e commercialisti dell'Associazione Nazionale Commercialisti che gratuitamente si sono resi disponibili a fornire tutte le informazioni necessarie per la compilazione della domanda.
2) Prenotazione della finanziamento. Dal 27 maggio 2015, è possibile farlo comodamente online sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. La prenotazione resterà valida per i 5 giorni lavorativi successivi in attesa che l'interessato presenti il proprio progetto imprenditoriale al soggetto finanziatore (operatore del microcredito, istituto bancario o intermediario finanziario).
3) Accesso alla credito. Entro 5 giorni lavorativi dal rilascio della ricevuta di prenotazione il richiedente dovrà recarsi presso un intermediario finanziario (banche, poste e altri enti accreditati che ti verranno indicati dal consulente) che dovrà concludere la pratica entro 60 giorni. Non servono garanzie reali, cioè non rischi nessuna ipoteca.
La semplicità della procedura rappresenta un elemento fondamentale per essere un reale aiuto per avviare o sviluppare un'attività di lavoro autonomo o di microimpresa, organizzata in forma individuale.

Il progetto Equostop


Magnago - 


PROGETTO EQUOSTOP

Nel nostro programma inerente a "Trasporti e mobilità" abbiamo inserito l'avvio del Progetto Equostop, ideato da Terre di Lago, la rete di economia solidale del luinese.
Si tratta di un progetto di mobilità sostenibile che punta a costruire una "comunità locale" di persone che hanno capito che è necessario fare qualcosa per evitare la catastrofe ambientale a cui siamo destinati e questo qualcosa è trovare una nuova solidarietà per vincere l'indifferenza, contrastare il degrado e trovare insieme nuove soluzioni per una mobilità più sostenibile.

Trovate tutte le informazioni presso la pagina www.terredilago.it

http://www.italiachecambia.org/2016/11/equostop-viaggiare-senza-spendere-e-inquinare/

www.m5smagnagobienate.it

#dallefavolealleidee


Magnago - 

Il programma amministrativo del M5S per il comune di Magnago e Bienate affronta i temi dell'urbanistica e della mobilità mettendo in primo piano le esigenze dei cittadini e del territorio puntando sulla partecipazione sulla condivisione e sulla trasparenza.
Concretamente mira a progettare oggi la città di domani, seguendo i principi della sostenibilità cioè usando le risorse presenti oggi sul territorio in modo da non pregiudicarne l'uso alle prossime generazioni.
L'obbiettivo del vasto programma è quello di ottenere una nuova qualità urbana attraverso la realizzazione delle piccole opere che possano dare benefici veri.
Pertanto alla manutenzione ordinaria affiancheremo la realizzazione di nuovi marciapiedi di cui la cittadinanza sente un grande bisogno, potenzieremo l'illuminazione pubblica, realizzeremo nuove aree verdi attrezzate, aumentando inoltre le aree pedonali e ciclabili, quest'ultime pressoché inesistenti.
Il Punto di forza del programma sarà contrastare la tendenza al consumo del territorio e alle cementificazioni.
Riteniamo infatti che il suolo non sia solo un elemento produttivo ma un bene primario e assoluto che necessita di tutela. E' per questo che punteremo al recupero e restauro del patrimonio edilizio esistente e la riqualificazione delle aree dismesse poiché tali aree rappresentano una occasione di rilancio per il comune senza compromettere il consumo di suolo e quindi il territorio.
Altro punto importante è il tema dell'uso produttivo e sociale del patrimonio immobiliare pubblico ma anche privato. Su questi punti intendiamo varare dei provvedimenti che aiuteranno ad affrontare la questione della mancanza di lavoro giovanile e l'aumento della povertà.
In base alla recente normativa regionale rivedremo il PGT e lo faremo attraverso la formula dell'Urbanistica Partecipata che coinvolge i cittadini nelle scelte dell'amministrazione in materia di progettazione e sviluppo della città futura
Anche la nostra politica sulla MOBILITA' nasce nel rispetto dell'ambiente del territorio e della salute dei cittadini.
Puntiamo quindi a migliorare la sicurezza, i tassi di inquinamento atmosferico, il traffico, lo spreco di carburante di tempo e di denaro attraverso la messa in sicurezza delle fermate degli autobus, la realizzazione di una rete di percorsi ciclabili sicuri, sia per ciclisti che per disabili e l'incoraggiamento ai comportamenti virtuosi di condivisione dei mezzi di trasporto privato come il carpooling, il carsharing ed il Progetto Equostop, promosso da Terre di Lago, la Rete di Economia Solidale del Luinese.


Magnago - 

Anche questo weekend saremo presenti sul territorio di Magnago Bienate con i nostri banchetti informativi per accogliere ogni segnalazione, consiglio e critica, o semplicemente per farci conoscere.
Vi aspettiamo dalle 9 alle 12:
SABATO 22 APRILE, PIAZZA SAN MICHELE, MAGNAGO.
DOMENICA 23 APRILE, PIAZZA TRICOLORE, BIENATE.
I prossimi eventi:
- Evento di presentazione candidati lista e programma elettorale (Sicurezza, Politiche sociali, Scuola, Salute, sport e cultura);
- Evento di prevenzione patologie cardiovascolari.
www.m5smagnagobienate.it


Magnago - 

RACCOLTA FIRME PRESENTAZIONE LISTA ELETTORALE
MOVIMENTO 5 STELLE MAGNAGO BIENATE

E' da oggi disponibile presso l'ufficio anagrafe del Comune di Magnago
il modulo per la raccolta firme, necessarie per presentare la nostra
elettorale alle prossime elezioni amministrative dell'11 giugno.

E' estremamente importante raggiungere un numero adeguato di firme.

Potete firmare se iscritti alle liste elettorali di Magnago e nessun
elettore può firmare per più liste elettorali.

Orari ufficio anagrafe:

Lunedì - Martedì - Mercoledì - Venerdì: dalle 9.00 alle 13.00.

Giovedì: dalle 16.00 alle 18.30.

Sabato: dalle 9.00 alle 12.00.

Vi ringraziamo sentitamente della vostra disponibilità.


Il candidato sindaco:

Brunini Emanuele. 35 anni, laureato presso l'Università degli Studi dell'Insubria in Infermieristica e infermiere strumentista e di anestesia in Cardiochirurgia.

I candidati consiglieri:

Marco Varisco, anni 33, libero professionista, ex imprenditore nella ristorazione e attualmente nel mondo del fitness, referente nazionale di Spartan Arena per il Csen, ente di promozione sportiva riconosciuta dal Coni.

Daniela Brondolin, gallaratese di nascita, magnaghese di adozione, nata 44 anni fa a Gallarate, diplomata al liceo scientifico e laureata alla Bocconi in economia e commercio, mi inserisco prontamente nel settore creditizio ove ho avuto modo di maturare presso la stessa azienda, esperienze diverse spaziando dalla filiale ai centri specialistici, dal comparto fidi alle competenze in ambito "estero".
Da donna e mamma, mi confronto quotidianamente con le difficoltà di conciliare con equilibrio gli impegni lavorativi con le molteplici esigenze familiari, conscia dei sacrifici e delle soddisfazioni che però tale sfida mi regala.
Responsabilità, determinazione e senso del dovere sono alcune caratteristiche che contraddistinguono i miei comportamenti. Onestà, rispetto e libertà, sono invece quei valori fondamentali a cui mi sono sempre ispirata per effettuare una scelta.

Roberto Signorelli, 48 anni, impiegato nel campo delle Telecomunicazioni e dell'Informatica, pendolare milanese da quasi 30 anni. Con la nascita di Lorenzo ha scoperto la gioia di essere padre e la cordialità dei concittadini. Ama leggere e tenersi informato su
svariate tematiche.

Ornella Viapiano, 50 anni, casalinga, attenta nell'assistenza di anziani e disabili.

Asia Truglio, 18 anni, studentessa in operatore del benessere e parrucchiera, conoscente delle tematiche giovanili ed esempio di coraggio e determinazione rara per la sua giovane età.

Isabella Tascone, 47 anni, impiegata contabile, determinata ed equilibrata, per anni attiva negli organi collegiali scolastici e nell'associazionismo, partecipando attivamente con alcune Onlus, dedicando tempo e realizzando progetti per le persone più fragili.

Alberto Mondini, 62 anni, fotografo e commerciante di materiale fotografico e ottica in Magnago e Legnano. Appassionato all'attività politica da sempre, rispettoso delle nuove idee e sempre disponibile al cambiamento e all'ascolto.

Alberto Mondini, magnaghese, 62 anni, fotografo e commerciante di materiale fotografico e ottica in Magnago e Legnano. Ovviamente conoscente delle esigenze e problematiche del settore commerciale di Magnago e Bienate, la sua importanza all'interno della giunta comunale si evince nella nostra volontà di prestare particolare attenzione al commercio ed alle attività produttive del nostro paese, in modo tale sia gli stessi commercianti ma anche tutti i cittadini possano usufruire degli effetti positivi che un attività commerciale florida da a livello sociale, dove piazze più vive e degne di essere vissute sono anche la conseguenza della presenza di esercizi commerciali attivi e vegeti.

Fabio Filippelli, 35 anni, libero professionista, imprenditore nel settore della comunicazione e del marketing per le imprese. Musicista poliedrico e per molti anni cantante professionista. Credo che l'onestà, la trasparenza e la voglia di fare sono la chiave per un cambiamento significativo.

Fabio Pirola, 48 anni, ex imprenditore nel settore della piccola ristorazione e bar, attualmente gastronomo e attivo nella gestione delle risorse umane. Capace nel confronto con realtà differenti, vuole migliorare le condizioni lavorative e di vita dei cittadini di Magnago e Bienate.


Magnago - 

AMBIENTE E TERRITORIO
La pianura Padana in cui si trovano Bienate e Magnago è una delle 5 aree più inquinate del mondo. Bisogna diminuire considerevolmente l'inquinamento e in tempi molto brevi. In un paese la presenza di aree verdi, parchi, alberi, aiuole permette ai cittadini di vivere meglio; la possibilità di passeggiare senza l'assillo del traffico, di sostare in un parco lontano dai rumori delle auto, di far giocare i bambini in aree sicure e pulite della città, deve essere considerato prioritario per il benessere della collettività.

RIFIUTI
Ambiente e Rifiuti sono due tematiche strettamente correlate fra di loro. Molta parte dell'inquinamento ambientale è causata dallo smaltimento dei rifiuti, considerato che in Italia ancora si adottano principalmente due modalità di gestione altamente inquinanti: discariche e inceneritori.
Il problema dei rifiuti non si risolve costruendo inceneritori sempre più grandi, ma attraverso interventi tesi a ridurre la produzione degli stessi.
L'amministrazione precedente ha sempre sostenuto la nocività degli inceneritori e ovviamente continueremo con fermezza sulla riduzione del loro utilizzo e loro chiusura, spingendo alla ottimizzazione della raccolta differenziata e alla gestione a freddo del rifiuto residuo.
Il nostro piano alternativo di corretta gestione dei rifiuti è già stato sperimentato in altre realtà grandi e piccole italiane, con ottimi risultati: adottare il percorso "Rifiuti Zero", ossia quella strategia di gestione di rifiuti che permette di riprogettare la vita ciclica dei rifiuti considerati non come scarti ma risorse da riutilizzare come materie prime, tendendo ad annullare o diminuire sensibilmente la quantità di rifiuti da smaltire, dato fondamentale consentendo ai cittadini anche un notevole risparmio di costi.
Tale percorso di gestione l'abbiamo sostenuto anche mediante proposte locali; l'introduzione della tariffa puntuale è stata la prima delle nostre proposte avanzate all'amministrazione in questa tematica e la sua applicazione ha permesso di aumentare considerevolmente la percentuale di raccolta differenziata stimata in 11 punti percentuali.
In questo senso intendiamo:
• promuovere campagne di sensibilizzazione, in collaborazione con le attività commerciali interessate, rivolte all'utilizzo di prodotti "alla spina" e con "vuoto a rendere";
• favorire l'incremento del compostaggio domestico e collettivo attraverso compostiere comuni al fine di eliminare materiale organico dai rifiuti;
• valutare e proporre all'interno del "Patto dell'Alto Milanese" l'avvio per favorire l'apertura di una struttura privata volta al conferimento ed interscambio per la riparazione e il riuso;
• agevolare l'organizzazione di mercatini di baratto e riuso, che incentivino il riciclo e il riutilizzo degli oggetti;
• incentivare la raccolta di oli esausti da cucina;
• attivare progetti di educazione ambientale per insegnanti, alunni sulla questione dei rifiuti e sulle buone pratiche da attuare a scuola, nonché per cittadini, enti, aziende e associazioni del territorio;
• sensibilizzare continuamente al consumo di acqua di rete volto a ridurre la produzione di plastica;
• valutare l'installazione di eco compattatori (macchine mangia rifiuti) che permettano l'emissione di voucher da utilizzare presso le attività commerciali locali aderenti;
• sensibilizzare e promuovere l'utilizzo di pannolini lavabili;
• estendere la raccolta differenziata anche agli spazi pubblici più frequentati come giardini, piazze e strade con maggiore transito pedonale;
• organizzare raccolta differenziata di pannolini e prodotti similari;
• studiare meccanismi di premialità per i cittadini che conferiranno direttamente presso la piattaforma ecologica determinate categorie di rifiuto;
• estendere la raccolta differenziata agli eventi pubblici e durante i due mercati settimanali;
• sensibilizzare e promuovere il "Green Pubblic Procurement" per l'acquisto di materiali riciclati.

VERDE E AREE PUBBLICHE
Il verde e gli spazi pubblici rappresentano elementi irrinunciabili per ogni paese. La qualità della nostra vita è data anche dalla possibilità di fruire di servizi essenziali come questi.
Rigenerare e proteggere i parchi cittadini è elemento distintivo di un amministrazione che abbia cura della collettività amministrata e coscienza della funzione del patrimonio naturalistico e del suo ruolo ai fini del miglioramento della qualità della vita.
I giardini pubblici, dove occorra, vanno resi più fruibili e attrezzati di panchine, cesti portarifiuti, fontanelle, giochi per bambini. In alcuni casi sarà necessario un serio intervento di recupero e di riqualificazione puramente ispirata a fornire al giardino pubblico la funzione sociale - ricreativa, ambientale e culturale.
La cura e la manutenzione di questi spazi può rappresentare un modo concreto per molti nostri concittadini, di riappropriarsi di parti di città attraverso iniziative pratiche e di utilità sociale; crediamo sia estremamente importante il diretto coinvolgimento della comunità locale nella gestione delle aree verdi.
In questo senso intendiamo:
• proteggere giardini e alberi da abbattimenti e cementificazioni;
• avviare progetti volti a sensibilizzare associazioni locali e di gruppi spontanei di cittadini coinvolgendoli attivamente nella cura dei giardini pubblici e aiuole del paese;
• aumentare, ove possibile, il verde urbano e manutenerlo con periodico controllo e cura degli alberi;
• programmare cicli di educazione ambientale per tutte le scuole, sia di tipo teorico-conoscitivo sia operativo, al fine di aumentare la conoscenza del patrimonio boschivo e arboricolo di Bienate e Magnago ed i comportamenti eco-compatibili;
• avviare progetti volti a individuare e attuare idee eco-compatibili, per rendere più gradevole e interessante la fruizione di parchi e giardini;
• valorizzare il patrimonio boschivo per renderlo fruibile in attività culturali e ricreative;
• riqualificare i parchi comunali valorizzando la loro vocazione aggregativa attraverso:
 l'incremento della aree giochi per bambini;
 incremento del numero di panchine;
 aumento dell'accessibilità ai disabili;
 realizzazione di aree ludico/sportive (da individuare per i parchi più adatti), per ragazzi e adolescenti con piste da skate, pattinaggio, campi sportivi (basket, pallavolo, calcetto);
 individuazione di superfici o altro supporto, all'aperto, a disposizione della creatività giovanile (writers e altre forme di ricerca artistica);
 creazione di un area per cani affinché gli animali domestici siano liberi di muoversi e correre.
Quando sarà necessario sostituire o aumentare la vegetazione pubblica esistente (ad esempio per rendere finalmente fruibili tutte le aree verdi previste da un nuovo Piano Regolatore), prenderemo a riferimento le seguenti modalità di scelta:
• ricorso a specie autoctone (e a ridotto sviluppo vegetativo) e resistenti agli eventi meteo estremi (vento, siccità), al fine di ridurre i costi di manutenzione;
• impiego di specie che inducano il meno possibile lo sviluppo di reazioni allergiche;
• diffusione, ove possibile, di piante in grado di assorbire le sostanze inquinanti. (Si tratta per lo più di piccole piante e cespugli perenni in grado di prosperare anche su terreni poveri, e che richiedano poca o nessuna manutenzione).


AGRICOLTURA
Il territorio di Bienate e Magnago è storicamente legato ad una forte tradizione agricola.
Il nostro programma in ambito agricolo punta a favorire la preservazione del territorio agricolo attraverso pratiche sia in campo rurale che sociale. Lo scopo è quello di promuovere produttori, commercianti e artigiani locali attraverso una serie di iniziative concrete di aiuto e sostegno, oltre favorire l'aggregazione sociale intorno al mondo rurale.
In tal scopo intendiamo:
• promuovere l'avvio all'esperienza degli orti urbani e valutare la stipula di una convenzione con i comuni circostanti;
• sensibilizzare le mense scolastiche all'utilizzo di prodotti di stagione e biologici;
• incentivare la nascita di un mercato di contadini comunali, quali luoghi dove si realizza la filiera corta ossia vendita diretta tra produttori e consumatori;
• sostenere le imprese locali nei settori agricolo e artigianale attraverso un ufficio/sportello di aiuto e con indicazioni circa la possibilità di accesso a fondi regionali, nazionali ed europei;
• promuovere feste locali a sfondo agricolo i cui protagonisti siano i prodotti tipici di stagione;
• promuovere corsi di formazione gratuiti aperti a persone di ogni età, per fare educazione alimentare alla cittadinanza;
• sensibilizzare e promuovere l'importanza dei gruppi di acquisto solidali.

URBANISTICA
Il territorio comunale deve essere percepito e trattato come bene comune, come risorsa per lo sviluppo da condividere con tutta la comunità.
La pianificazione urbanistica del passato era fondata su ipotesi di crescita della popolazione che non si sono mai realizzate e sulla base di tali previsioni rendeva possibile la costruzione di superfici e volumetrie non coerenti con le reali esigenze di cittadini e imprese.
Di fronte alla stazionarietà della popolazione e all'enorme consistenza del patrimonio edilizio destinato a residenze, uffici e attività commerciali che è rimasto inutilizzato, è arrivato il momento di ripensare l'organizzazione degli spazi del nostro paese.
Il settore urbanistica è per noi un importante settore dell'amministrazione comunale, il cui scopo dovrebbe essere quello di far coincidere le esigenze di sviluppo con quelle di vivibilità. Si tratta di proporre nuove forme di organizzazione dello spazio urbano fondate sull'esigenza di limitare il consumo di suolo, promuovendo forme di riuso del patrimonio edilizio esistente.
Riteniamo pertanto che anche in questo caso si debbano realizzare:
• fermo contrasto ad ulteriori cementificazioni ed alla tendenza di consumo del territorio. Favoriremo invece il recupero, il restauro del patrimonio edilizio esistente e l'edificazione su aree da riqualificare o su siti industriali dismessi e non su aree verdi e agricole;
• incremento delle dotazioni infrastrutturali quali marciapiedi, pubblica illuminazione, verde attrezzato;
• adeguamento degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria premiando la costruzione di edifici "passivi" e tutti gli interventi che miglioreranno le prestazioni energetiche degli edifici finalizzati ad aumentare la sostenibilità e la qualità del costruito;
• sostegno alle ristrutturazioni qualitative che prevedano, ad esempio, l'abbattimento di barriere architettoniche, soluzioni per il risparmio energetico, l'adeguamento a norme antisismiche e di sicurezza in generale, fornendo consulenza ai cittadini sugli incentivi statali in materia;
• partecipazione diretta dei cittadini alle scelte urbanistiche e la valorizzazione del metodo del concorso di idee al fine di non imporre scelte alla cittadinanza ma di condividerle;
• coinvolgimento degli Istituti scolastici e delle Università nella progettazione delle opere pubbliche e di riqualificazione del tessuto urbano anche al fine di limitare il ricorso a consulenze esterne;
• sensibilizzazione all'utilizzo di materiale riciclato per i lavori di ristrutturazione di edifici;
• introduzione di norme tese al recupero delle acque piovane nelle nuove costruzioni;
• aumento della quantità e qualità delle aree verdi create durante le riconversioni urbanistiche;
• definizione di una politica comunale per la casa che prenderà avvio dalla constatazione che a Bienate e Magnago esiste un amplissimo patrimonio immobiliare che rimane sfitto e dunque si individueranno soluzioni che incentivino i proprietari a ricollocare sul mercato tale patrimonio abitativo;
• valutazione della possibilità di erogare incentivi ai proprietari che diano in locazione abitazioni sfitte a giovani coppie;
• in caso di operazioni di riqualificazioni negoziazione con la proprietà per stabilire una quota di alloggi con affitto calmierato o a riscatto allo scopo di offrire una casa a prezzi accessibili a famiglie con necessità;
• censimento dei locali commerciali e dei capannoni, inclusi quelli sfitti, che alimentino una banca dati in costante aggiornamento. In questo modo, tra l'altro, i privati alla ricerca di spazi per insediare le loro aziende o espandere il loro business saranno in tal senso agevolati;
• identificazione delle strutture/opere sottoutilizzate (per esempio ex edificio Coop), prendendo idonee iniziative per quelle che, a fronte di un costo per il Comune, non offrano benefici per la cittadinanza. Daremo la massima rilevanza alla manutenzione dell'esistente, partendo dalle situazioni più urgenti;
• pulizia e cura del manto stradale e pronta riparazione delle buche e delle discontinuità, ricorrendo anche alle segnalazioni di cittadini;
• monitoraggio dei tratti di viabilità cittadina soggetti ad allagamento durante gli eventi meteo estremi, intervenendo sulla rete di drenaggio con opportuni adeguamenti.
• aumento delle aree pedonali anche nelle periferie, creare una rete di viabilità pedonale e ciclabile in tutto il paese;
• progettazione, in collaborazione con i comuni circostanti, di un percorso ciclo pedonale che metta in collegamento punti di interesse storico-culturale-naturale della zona;
• designazione di edifici di proprietà comunale inutilizzati ad associazioni, giovani imprenditori, a fini sociali;
• attenzione alle aree industriale dismesse che rappresentano un potenziale danno territoriale, sociale ed economico. La conoscenza e valorizzazione delle aree dismesse permettono di ridurre al minimo il consumo di nuovo territorio.

TRASPORTI E MOBILITA'
La nostra politica di mobilità nasce rispettosa della salute, del territorio e dell'ambiente. Questa politica deve puntare a scelte urbanistiche di protezione del territorio e allo sviluppo di spazi vivibili per pedoni e ciclisti.
Utilizzare i mezzi pubblici è il miglior modo per evitare l'inquinamento, l'accumulo di traffico, lo spreco di carburante, di tempo e di soldi. Spostarsi con i mezzi pubblici è meno costoso rispetto all'utilizzo dell'auto, sia nei tragitti lunghi sia negli spostamenti brevi; permette di vivere meglio e di evitare lo stress da traffico.
A Bienate e in Magnago la mobilità pedonale e ciclabile è quasi inesistente e chi ne usufruisce è costretto ad affrontare una serie di pericoli dovuti alla mancanza di sicurezza.
La nostra azione si focalizzata su due aree principali:
• le infrastrutture, investendo le risorse solo sugli interventi che siano veramente utili alla comunità;
• la mobilità alternativa e sostenibile, promuovendo comportamenti virtuosi tra i cittadini.
Con questa premessa pensiamo di attuare le seguenti azioni:
TRASPORTO PUBBLICO
• riqualificazione e messa in sicurezza delle fermate degli autobus;
• valutazione di un possibile aumento della frequenza delle corse dei trasporti pubblici per i punti di interesse maggiore (ospedali, centri città, aeroporto, scuole dei paesi limitrofi, stazione, ecc...);
• ampia comunicazione di orari e altre informazioni su tutti i mezzi di trasporto pubblico tramite web ed ogni altro supporto informatico;
• avvio di un programma volto a sensibilizzare e incentivare l'utilizzo dei trasporti pubblici per gli studenti;
• introduzione progressiva di un sistema di sconti per le famiglie;
• installazione di "countdown" semaforici cioè di contasecondi installati al di sopra del semaforo, in modo da ottimizzare la fermata;
• pressione attiva del comune per il miglioramento del servizio ferroviario;
• valutazione per l'accesso ai contributi regionali, nazionali e europei per progetti di trasporto urbano.
MOBILITA' PEDONALE E CICLABILE
• potenziamento e sviluppo di una rete ciclabile tale da permetterne il più ampio utilizzo in tutta sicurezza per i ciclisti e i disabili;
• campagna di sensibilizzazione, comunicazione e promozione della mobilità ciclabile;
• avvio di iniziative volte all'educazione all'uso della bici e delle piste ciclabili tramite accordo con istituto scolastico e polizia municipale;
• avvio di iniziative ed eventi volti a stimolare l'utilizzo della bicicletta anche come mezzo di socializzazione, in collaborazione con i comuni limitrofi;
• predisposizione di una mappa dettagliata (accessibile anche on line) dei percorsi esistenti con indicazione dei ciclo parcheggi e rastrelliere;
• avvio di una collaborazione con i comuni confinanti al fine di allacciare le rispettive piste ciclabili e costruirne di nuove;
• valutazione per l'accesso ai contributi regionali, nazionali e europei per progetti di mobilità sostenibile;
• introduzione del Bicibus ovvero un "autobus a due ruote" formato da un gruppo di scolari in bicicletta che vanno e tornano da scuola accompagnati da genitori volontari, lungo percorsi prestabiliti e messi in sicurezza;
• riqualificazione dei marciapiedi esistenti e creazione di nuovi.


MOBILITA' PRIVATA
• organizzazione e promozione del carpooling come ulteriore strumento per ridurre il traffico veicolare, anche soprattutto verso istituti scolastici frequentati dagli studenti del Comune;
• avvio del progetto Equostop promosso da Terre di Lago, la Rete di Economia Solidale del Luinese e sostenuto dal Distretto Equo Solidale di Varese;
• contenimento degli eccessi di velocità mediante la predisposizione di dissuasori di tipo elettronico, cioè semafori che diventano rossi al superamento della velocità limite.

www.m5smagnagobienate.it


Magnago - 


Abbiamo messo online il nostro sito internet dove nelle prossime settimane caricheremo tutto ciò che riguarda la nostra attività.

E' attualmente disponibile il programma per gli argomenti presentati durante la serata del 7 aprile:
1) Democrazia diretta e trasparenza;
2) Ambiente e territorio;
3) Energia;
4) Lavoro, imprese, artigiano e commercio.

www.m5smagnagobienate.it

Candidati e assessori


Magnago - 


Venerdì 7 aprile si è tenuto il primo evento di presentazione della lista dei candidati del Movimento 5 Stelle di Magnago e Bienate.

Come attivisti del Movimento 5 Stelle abbiamo sempre pensato di evitare quelle strategie e liturgie della politica tradizionale e quindi abbiamo deciso di comunicare nella stessa serata, quindi con largo anticipo quella che sarà la squadra di governo in caso di vittoria.
Tra gli assessori selezionati risulta che 2 dei 4 assessori sono esterni, cioè non presenti nella lista dei candidati che invece prevede solo cittadini di Magnago e Bienate, in quanto dotati di importanti capacità tecniche fondamentali per svolgere un ruolo di cambiamento e di raccolta dei bisogni generali e locali, pubblici e privati, delle imprese e dei cittadini.

Siamo infatti partiti dal principio che per amministrare come abbiamo in programma, senza perdere del tempo prezioso per fornire immediatamente e costantemente risposte ai cittadini, rappresenta un
aspetto fondamentale la competenza e la professionalità delle persone a cui si attribuiscono la responsabilità di prendere decisioni.

Occorrono politici davvero competenti per svolgere un reale ruolo di qcambiamento e per intavolare un rapporto paritario con i tecnici e i.dipendenti comunali in grado di superare le difficoltà e impedimenti
per avviare progetti qualitativi sul territorio.

E' con questa concezione che abbiamo selezionato i futuri assessori non per anzianità o diritto di prelazione o per clientelismo, bensì per capacità di realizzare il programma elettorale.

Durante la serata sono stati presentati anche alcuni argomenti del programma amministrativo; esso è costituito da 8 paragrafi, che a sua volta sono suddivisi ulteriormente in varie sotto sezioni.

I punti sui quali abbiamo approfondito durante la presentazione sono stati "Ambiente e territorio", "Energia" e il 7° punto denominato "Lavoro, imprese, artigianato e commercio".

L'Ambiente e Territorio, rappresenta tema che deve essere considerato prioritario per il benessere della collettività. La pianura Padana in cui si trovano Bienate e Magnago è una delle 5 aree più inquinate del mondo. Bisogna diminuire considerevolmente l'inquinamento e in tempi molto brevi. In un paese la presenza di aree verdi, parchi, alberi, aiuole permette ai cittadini di vivere meglio; la possibilità di
passeggiare senza l'assillo del traffico, di sostare in un parco lontano dai rumori delle auto, di far giocare i bambini in aree sicure e pulite della città, deve essere considerato prioritario per il benessere della collettività.

Tale tematica viene sviluppata attraverso azioni inerenti a Rifiuti,
verde e aree pubbliche, agricoltura, urbanistica, trasporti e
mobilità.

Ambiente e Rifiuti sono due tematiche strettamente correlate fra di loro. Molta parte dell'inquinamento ambientale è causata dallo smaltimento dei rifiuti, considerato che in Italia ancora si adottano
principalmente due modalità di gestione altamente inquinanti:
discariche e inceneritori. Il nostro piano alternativo di corretta gestione dei rifiuti è già stato sperimentato in altre realtà grandi e piccole italiane, con ottimi risultati: adottare il percorso "RifiutiZero", ossia quella strategia di gestione di rifiuti che permette di
riprogettare la vita ciclica dei rifiuti considerati non come scarti ma risorse da riutilizzare come materie prime, tendendo ad annullare o diminuire sensibilmente la quantità di rifiuti da smaltire, dato
fondamentale consentendo ai cittadini anche un notevole risparmio di costi.

Tale percorso di gestione l'abbiamo da sempre sostenuto anche mediante proposte locali; l'introduzione della tariffa puntuale è stata la
prima delle nostre proposte avanzate all'amministrazione in questa
tematica e la sua applicazione ha permesso di aumentare considerevolmente la percentuale di raccolta differenziata stimata in
11 punti percentuali.

Per quanto riguarda invece il verde e le aree pubbliche, essi
rappresentano elementi irrinunciabili per ogni paese. Rigenerare e
proteggere i parchi cittadini è elemento distintivo di un
amministrazione che abbia cura della collettività amministrata e
coscienza della funzione del patrimonio naturalistico e del suo ruolo
ai fini del miglioramento della qualità della vita. I giardini
pubblici, dove occorra, vanno resi più fruibili e attrezzati di
panchine, cesti portarifiuti, fontanelle, giochi per bambini. In
alcuni casi sarà necessario un serio intervento di recupero e di
riqualificazione puramente ispirata a fornire al giardino pubblico la
funzione sociale - ricreativa, ambientale e culturale.

Il settore urbanistica è per noi un importante settore
dell'amministrazione comunale, il cui scopo dovrebbe essere quello di
far coincidere le esigenze di sviluppo con quelle di vivibilità. Si
tratta di proporre nuove forme di organizzazione dello spazio urbano
fondate sull'esigenza di limitare il consumo di suolo, promuovendo
forme di riuso del patrimonio edilizio esistente.

La nostra politica di mobilità nasce rispettosa della salute, del
territorio e dell'ambiente. Questa politica deve puntare a scelte
urbanistiche di protezione del territorio e allo sviluppo di spazi
vivibili per pedoni e ciclisti.

In merito al tema Energia, è nostro obiettivo promuovere a tutti i
livelli la diffusione delle pratiche di efficienza e risparmio
energetico ed in generale delle risorse ambientali. Adotteremo
strategie atte a favorire una diffusione capillare di impianti di
produzione energia da fonti rinnovabili, partendo dagli edifici
pubblici, dimostrando che è possibile ridurre i consumi energetici e
di conseguenza rispettare l'ambiente.

In merito al tematica del lavoro, imprese, artigianato e commercio,
nell'attuale panorama economico riteniamo che sia necessario adottare
delle politiche per aiutare le famiglie di chi ha perso il lavoro,
favorire il commercio locale ed, in generale, lo sviluppo di attività
produttive o del terziario sul nostro territorio.

Le politiche economiche e legate al mondo del lavoro le fa lo Stato,
ma il Comune deve intervenire ponendo in essere una moltitudine di
iniziative che incidano direttamente e indirettamente sul Lavoro e
sulla tutela delle risorse e delle persone. Lo deve fare ponendo
attenzione alle fasce deboli per rinsaldare il collante sociale che è
determinante per affrontare con la forza di una città unita questo
periodo di forte difficoltà.

E' sotto gli occhi di tutti che le imprese e il commercio locale
stanno vivendo un momento di difficoltà senza precedenti. La nostra
visione di Bienate e Magnago è quella di un paese che deve riportare i
suoi abitanti a fare acquisti nelle attività locali creando un circolo
virtuoso che genererà benefici per tutta la popolazione. Il commercio
è l'anima economica di un paese, e noi intendiamo sostenerlo con tutti
gli strumenti a disposizione dell'amministrazione.

Tra le nostre azioni riportate, abbiamo il desiderio di incrementare
il numero di eventi culturali e iniziative di grande richiamo nel
periodo primavera/estate, in sinergia con imprenditori, artigiani,
commercianti, associazioni e giovani, in modo da assicurare il massimo
indotto possibile alle attività economiche del territorio.

A breve sarà attivo il nostro sito web all'indirizzo www.m5smagnagobienate.it

Sarà caricato il nostro programma amministrativo per Magnago e Bienate, nella versione completa e tutta la squadra dei candidati e assessori.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------


Magnago - 

COMUNICATO STAMPA

A seguito della conferma di certificazione da parte dello Staff Liste Civiche del Movimento 5 Stelle, gli attivisti del Movimento 5 Stelle
di Magnago e Bienate comunicano che il Candidato Sindaco per le elezioni amministrative del 2017 è Brunini Emanuele.

Riportiamo di seguito una breve presentazione:

Brunini Emanuele
35 anni, sposato con Alessandra da 6 anni e sono papà di Giorgia e Lorenzo, rispettivamente di 4 e 2 anni.

Sono Laureato presso l'Università degli Studi dell'Insubria in Infermieristica e dal 2004 ho lavorato come infermiere strumentista in
Cardiochirurgia presso l'Ospedale di Varese. Dal 2011 ho scelto di intraprendere un percorso professionale presso il Dipartimento
Cardiovascolare dell'Ospedale di Legnano, sviluppando anche competenze
nell'assistenza anestesiologica e nelle procedure endovascolari e di emodinamica.

Insieme ad altri cittadini, sono amministratore del gruppo Whatsapp di Microcriminalità, nato con lo scopo di fornire uno strumento in più
agli iscritti su eventi di criminalità nel territorio.

Partecipo come attivista del Movimento 5 Stelle dal 2014, anno di fondazione e di inizio dell'attività del gruppo di Magnago e Bienate e
sono onorato di essere stato scelto come candidato sindaco e di guidare il Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni comunali.

A 35 anni, ora più che mai, sento la necessità di portare avanti un nuovo modo di amministrare ispirato prima di tutto sul dialogo con le
persone, cercando di trasmettere quella voglia di stare insieme e di collaborazione che un po' si è persa e che invece dovrebbe
contraddistinguere ogni comunità paesana.

Tutti i candidati alle prossime elezioni e tutti gli attivisti locali del Movimento si muovono in questa direzione; è con questa idea che
esprimiamo tutto il nostro entusiasmo per portare un cambiamento spinto a rendere più vivo il nostro paese.

Sono un cittadino comune, un ragazzo che non ha mai fatto politica, fuori dai giochi di potere, senza secondi fini né interessi personali
se non quello di provare a migliorare questo paese, per noi e per i nostri figli.

Gli anni di attività sul territorio ci hanno dato la possibilità di approfondire numerose problematiche e tematiche nonché di avanzare un ampio numero di proposte che, spesso, sono state ignorate e non attuate.

E' da qui che siamo partiti per costruire il nostro programma amministrativo per i prossimi 5 anni.

Voglio invitare tutti i cittadini interessati, venerdì 7 aprile presso la Biblioteca Comunale dove alle ore 20.45 presenteremo la nostra
lista dei candidati e del programma elettorale.

Inoltre, nella stessa serata presenteremo tutti gli assessori poiché ci sentiamo la responsabilità di trasmettere un messaggio alla
cittadinanza di trasparenza, organizzazione e consapevolezza del ruolo che vogliamo svolgere.

Sappiamo che amministrare qualsiasi paese non è facile ma abbiamo scelto fin da subito di contare su diverse professionalità e
competenze che ci stanno dando e daranno il contributo necessario per mettere in atto il nostro programma.

#dalleFAVOLEalleIDEE

I candidati a Magnago

Pagine

Partecipa ai nostri eventi