Stato e cittadini

Questa mattina Stefano Buffagni, consigliere M5S Lombardia, ha incontrato una rappresentanza dei dipendenti delle Tre Marie che rischiano il posto di lavoro a causa di tagli annunciati dall'azienda nei giorni scorsi.

"M5S Lombardia è particolarmente sensibile al tema dell'occupazione e siamo preoccupati per l'annuncio, non motivato da problemi economici, della messa in mobilità dei lavoratori", spiega il consigliere Stefano Buffagni.

"Il noto marchio dolciario milanese va salvaguardato e tutelato. Auspichiamo, che l'azienda e i lavoratori possano tornare a sedersi ad un tavolo per elaborare una strategia che salvaguardi il posto di lavoro di tutti. I lavoratori ci hanno anticipato che lunedì saranno a Empoli per un sit-in di protesta di fronte alla sede dell'azienda. A loro va il nostro sostegno e la nostra solidarietà e, sin da ora, l'impegno concreto per trovare una soluzione soddisfacente", conclude il consigliere.

E' stata respinta dal Consiglio regionale della Lombardia una mozione del Movimento 5 Stelle che chiedeva, sulla base del principio di trasparenza e di totale accessibilità egli atti pubblici, la pubblicazione sul sito istituzionale della regione eventuali provvedimenti, sentenze o procedure di infrazione o interdizione alla partecipazione a bandi, appalti o all'apertura di contratti con il pubblico impiego.

Il provvedimento, voluto anche per la difficoltà di accesso a questi provvedimenti, avrebbe voluto premiare la legalità e avrebbe riportato l'Istituzione a quel ruolo di controllo, del tutto ignorato nelle ultime legislature.

Lega, Pdl e Fratelli d'Italia hanno respinto il provvedimento. Tutta l'opposizione ha votato compattamente per chiedere più trasparenza.

Silvana Carcano, portavoce e capogruppo M5S Regione Lombardia

Aler.jpg M5S si è astenuto nel voto sulla delibera del progetto di legge che regolamenta la fase transitoria della governance delle ALER con l'introduzione della figura dei Supercommissari.

Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S dichiara: "in Commissione Territorio avevamo ottenuto l'accoglimento delle nostre proposte di mettere un tetto alle indennità dei Super-commissari e di vietare la cumulabilità delle cariche. Oggi in Aula, abbiamo ritenuto doveroso presentare in alcuni emendamenti per meglio garantire un processo di riforma che andasse a premiare le nomine per competenza e non per cooptazione politico-partitica, richiedendo che i commissari avessero "comprovata esperienza in campo gestionale ed amministrativo" e fossero dotati di diploma di laurea, requisito ormai obbligatorio per i dirigenti di numerosi enti pubblici.

Avevamo inoltre inserito un emendamento che regolamentasse i casi di incompatibilità, ineleggibilità e conflitto di interesse per la figura dei Super Commissari ai quali verrà affidata una gestione con ampi poteri, sebbene per un arco di tempo limitato, di tutte le ALER. Purtroppo, in aula, nonostante avessimo ottenuto il voto favorevole e compatto di tutta l'opposizione ai nostri emendamenti, la maggioranza ha votato contro".

"Con queste premesse - dichiara il consigliere regionale M5S Gianmarco Corbetta - non vi sono più garanzie effettive e segnali concreti per i cittadini che vadano nella direzione - da noi auspicata e più volte declamata dalla maggioranza - di una riforma ALER per l'efficientamento. ALER oggi è percepita come luogo di spartizione partitica e, in una congiuntura negativa come quella che i nuclei familiari lombardi stanno vivendo, sarebbe stato auspicabile dare un segnale forte di cambiamento, almeno sui criteri di nomina".

E' on line (al link http://www.youtube.com/watch?v=lnerBozhK_E) la una video denuncia di Movimento 5 Stelle Lombardia relativa all'assenza di due consiglieri regionali in Commissione sanità, che avevano comunque firmato il foglio di presenza e la diaria.
Nel video Silvana Carcano e Iolanda Nanni, portavoce di Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale Lombardia, denunciano che questa mattina i consiglieri Umberto Ambrosoli e Giulio Gallera del PdL, si sono presentati in Commissione Sanità, convocata questa mattina alle 10 e conclusasi intorno alle 12 e 30, hanno firmato il foglio di presenze e si sono assentati.

Un tweet inequivocabile di Ambrosoli (AmbrosoliTwwet.jpg) attesta che Umberto Ambrosoli, intorno alle 11 e 20 era intento a seguire i lavori dell'assemblea di Assolombarda.

"Peccato che avrebbe dovuto essere presente in Commissione, o almeno, non avrebbe dovuto firme il foglio di presenza e la diaria. Abbiamo notato che questo atteggiamento è comune ad altri consiglieri e in altre commissioni. D'ora in avanti denunceremo queste pratiche molto sorrette da parte degli amministratori, che invece di seguire i lavori del consiglio si assentano e, peggio, si intestano, con una firma, la diaria senza averne diritto", dichiara Silvana Carcano, capogruppo M5S in Regione Lombardia.

expo20151.jpgUna delegazione di M5S Lombardia ha incontrato oggi l'amministratore delegato e commissario unico di Expo Giuseppe Sala.

Movimento 5 Stelle, già nel corso della campagna elettorale, aveva espresso forti perplessità sull'organizzazione della manifestazione e chiesto un cambio di rotta. Il movimento vorrebbe un meeting internazionale condiviso dai cittadini lombardi, diffuso su tutto il territorio regionale e sostenibile per l'ambiente così come ipotizzato sin dal 2009 negli studi di www.expodiffusa.it.

Nel corso dell'incontro, al quale hanno partecipato i portavoce Silvana Carcano e Dario Violi, il commissario unico di Expo si è mostrato molto attento nell'ascoltare le argomentazioni del Movimento 5 Stelle.

Sala, oltre a illustrare l'avanzamento dei lavori del sito di Expo ha aggiornato i portavoce sul progetto, che coinvolge oggi 129 paesi, e evidenziato i punti di forza della manifestazione. Tra questi, per esempio, la creazione di posti di lavoro e relazioni internazionali politiche, istituzionali e commerciali solide.

M5S, molto attento al problema dello sviluppo e del lavoro in Lombardia, ha illustrato a Sala la sua contrarietà ad onerose opere descritte come accessorie all'evento come ad esempio, la Pedemontana, la TEM , la Rho-Monza, infrastrutture che avrebbero un impatto ambientale insostenibile. M5S ha poi sollecitato Sala per ottenere rassicurazioni sulla trasparenza economica-finanziaria, garanzie sui controlli alle infiltrazioni della criminalità organizzata nell'evento e di immaginare un dopo Expo. Questi temi saranno affrontati in altri appuntamenti tra M5S e Expo.

"Abbiamo incontrato un interlocutore disponibile all'ascolto e con il quale auspichiamo di instaurare un rapporto duraturo. Vorremmo limitare almeno i danni che il progetto dell'era Moratti di Expo avrebbe inferto al territorio. Forniremo a Sala, come da sua richiesta, documentazione integrativa relative alle opere accessorie. Restiamo dell'idea che si è ancora in tempo per ripensare l'evento in modo che sia diffuso, sostenibile e distante dal business della cementificazione a tutti i costi", dichiara Silvana Carcano, portavoce e capogruppo M5S Lombardia.

Con la fine di aprile sono arrivati i primi "stipendi" per i consiglieri regionali della Lombardia. Per il primo mese e mezzo di attività (dal 17 marzo al 30 aprile) la somma percepita è pari a 16.384, 76 euro, senza contare le indennità di funzione (per i membri dell'ufficio di presidenza del consiglio regionale, i presidenti delle commissioni, ecc).
Ecco il cedolino di uno di noi:

bustapaga-MarApr13.jpg

Durante le campagna elettorale i candidati del MoVimento 5 Stelle hanno preso un impegno preciso con i cittadini: tratterremo per noi 5.000 euro lordi mensili e i rimborsi per le spese effettivamente sostenute, tutto il resto lo destineremo ad un fondo di sostegno per le piccole imprese della Lombardia. Per questo motivo ci siamo fatti calcolare una "busta paga virtuale" da 5.000 euro:

Busta-virtuale-MarzoAprile131.jpg

Ebbene, solo da questo primo stipendio ricevuto, i 9 consiglieri 5 stelle restituiranno una somma pari a 100 mila euro!

Ancor prima dell'insediamento abbiamo chiesto ai funzionari della Regione di indicarci il modo concreto per effettuare questa "restituzione", ma evidentemente questa nostra volontà li ha colti di sorpresa.... Nei giorni scorsi abbiamo quindi formalizzato la nostra richiesta, nella speranza di ricevere finalmente una risposta chiara e definitiva.

Finché non ci sarà data la possibilità concreta di restituirli, i soldi promessi rimarranno depositati nei nostri conti correnti di Banca Etica, appositamente aperti allo scopo.

Ora aspettiamo di vedere se e quali consiglieri dei vari partiti ci seguiranno: terranno tutti i soldi per sé o si dimostreranno - non solo a parole - solidali con le piccole aziende lombarde che vivono un momento particolarmente difficile? Da questa strada passa la differenza tra chi "fa politica" per soldi e carriera e chi si "occupa di politica" per senso civico.

Staremo a vedere!

Il M5S avvia la ricerca degli assessori; per candidarsi si parte dall'invio di un curriculum


"L'anti-politica" sceglie le persone destinate alla gestione della macchina amministrativa sulla base di convenienze, scambi di favori e bacini elettorali che poi si traducono in decisioni che vanno a favore del partito o della lobby che le ha sostenute, con gravi danni per la collettività.

Il M5S Lombardia vuole porre fine a questa vergognosa consuetudine e  tornare a mettere la competenza al centro delle scelte politiche della nostra Regione. Gli stessi assessorati verranno ridotti e accorpati in base alla logica del nostro programma (es: valuteremo l'accorpamento dell'assessorato allo Sport e Tempo Libero in quello della Sanità).

Per questo, nella selezione degli assessori che andranno a lavorare per la prossima giunta regionale a 5 stelle,  abbiamo deciso di seguire l'esempio di Parma, la cui amministrazione  ha scelto i propri sulla base dei loro curricula e della loro competenza specifica.
Lanciamo, quindi, un appello pubblico a chi ritiene di avere le competenze adatte per ricoprire il ruolo di assessore regionale e per chiedere a queste persone di inviarci il curriculum con lettera di presentazione alla seguente mail:lavoraconoi@lombardia5stelle.org

Per ogni candidatura è necessario allegare le seguenti informazioni:
1) Curriculum vitae
2) Lettera di presentazione che includa:
  • a) per quale assessorato ci si propone
  • b) il consenso alla pubblicazione della propria autocandidatura e, nel caso contrario, le motivazioni
  • c) eventuali ruoli politici svolti in passato (anche di semplice candidatura o di organizzazione interna) per un qualsiasi movimento politico/lista civica
  • d) eventuali iscrizioni ad altri partiti
  • e) cosa si pensa del programma regionale del M5S nella parte relativa alla propria competenza, specificando eventuali critiche o proposte aggiuntive
  • f) l'indicazione di eventuali partecipazioni o ruoli dirigenziali nei consigli di amministrazione in società pubbliche/private che hanno interessi economici con Regione Lombardia
Poiché un altro punto fondamentale del nostro modo di intendere la politica è la trasparenza, renderemo pubbliche sui nostri canali informativi tutte le autocandidature, con relativi CV. Ci impegniamo comunque a garantire la riservatezza ove richiesta e motivata.
Il processo di selezione valorizzerà le competenze pregresse e la sua attinenza con il nostro programma.
I curricula saranno conservati e utilizzati nel caso in cui il risultato elettorale affidi al M5S la scelta degli assessori.

Qualora non dovessimo avere l'opportunità di nominare la giunta, metteremo a confronto i nostri candidati con quelli indicati dalla maggioranza. E vedremo se le nomine politiche che oggi tutti dichiarano di voler abolire saranno davvero basate su concetti di competenza e non di affiliazione al partito.


Silvana Carcano

Per saperne di piu':  Programma Lombardia 5 Stelle 2.0

La scorsa settimana gli altri candidati hanno lanciato una gara per l'attribuzione del titolo di "candidato più virtuoso", sostenendo di autofinanziare le spese della propria campagna.

"Ancora una volta ci stanno prendendo in giro - dice Silvana Carcano - nessuno di loro ha risposto alla mia lettera aperta inviata 5 giorni fa che ripropongo e riproporrò ogni giorno di questa campagna fino a quando non otterrò una risposta".

 

Caro Ambrosoli, caro Albertini,

ho letto con interesse la polemica che avete sviluppato con Maroni rispetto all'uso del finanziamento pubblico per la campagna elettorale. Entrambi vi siete detti contrari a tale uso  dichiarando di voler utilizzare esclusivamente fondi provenienti dai vostri sostenitori.

Non posso che essere felice di questa vostra presa di posizione perchè il rifiuto del finanziamento
pubblico è da sempre alla base del nostro programma. Vorrei però capire se davvero mi trovo di fronte a un mutamento delle posizioni dei partiti che vi esprimono o come spesso accade, alla solita propaganda elettorale.
Per fare chiarezza vi chiedo di rispondere a una semplice domanda. Come ben sapete la regione Lombardia, durante la prossima legislatura, effettuerà un rimborso spese elettorali pari a 35 milioni. Il M5S si è impegnato per iscritto - e gli eletti in Sicilia, Piemonte ed Emilia lo hanno già fatto nel
concreto - a non toccare neanche un euro della somma che gli toccherebbe, oltre 7 milioni nel caso di un  risultato pari al 20%.

Siete pronti a fare altrettanto? E, in caso positivo, a far si che la prima legge del nuovo Consiglio cancelli completamente tale contributo?
In attesa di una vostra pronta e, spero positiva, risposta vi saluto cordialmente.

Silvana Carcano

 

Investi sul tuo futuro!
Fai una donazione con bancomat o carta di credito su Paypal, o con bonifico su

IT24A0501801600000000153783 intestato a: Mandatario per Silvana Carcano

 

 
Comunicato Stampa Numero 12
data: 24/01/2013

Sabato 26 gennaio i candidati del Movimento 5 Stelle lombardo alle Elezioni Regionali e alle Politiche 2013, incontreranno attivisti e rappresentanti delle principali associazioni LGBT a "PAVIA PER I DIRITTI".

Per il Movimento 5 Stelle saranno presenti:
Silvana Carcano, candidata Presidente Regione Lombardia
Paola Carinelli, candidata capolista alla Camera in Lombardia 1 
Luis Alberto Orellana, candidato al Senato
Laura Castelli, candidata capolista alla Camera in Piemonte 1
Vito Crimi, candidato al Senato

Parteciperanno i Presidenti nazionali delle quattro principali associazioni LGBT:
Flavio Romani, Presidente di ARCIGAY
Rita De Santis, Presidente di AGEDO
Giuseppina La Delfa, Presidente di FAMIGLIE ARCOBALENO
Yuri Guaiana, Presidente di CERTI DIRITTI

Qui l'evento su facebook e l'evento sul MU regionale

"PAVIA PER I DIRITTI",
Sabato 26 gennaio 2013, dalle 10.30
al Broletto in Piazza della Vittoria, Pavia

Oggi, in contemporanea con il banchetto a Lodi, si è svolto l'evento di inaugurazione della rinnovata sede della biblioteca Laudense, a cui ha preso parte, tra gli altri, anche il Ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri.
A pochi minuti dal mio arrivo a Lodi, poco distante dal nostro banchetto, è iniziata una protesta da parte degli Agenti della Polizia di Lodi (delegazione UIL), approfittando della presenza del Ministro.

Abbiamo chiesto di poter fare due chiacchiere con loro, riprendendo tutto quanto ci saremmo detti, e abbiamo ascoltato, come giusto che sia, le loro istanze.
Gli agenti ci hanno spiegato che il rapporto tra criminalità organizzata e abitanti lodigiani è tra i più alti della Lombardia e il crescente aumento della penetrazione mafiosa sul territorio richiederebbe un potenziamento degli apparati investigativi.

In città invece opera solo una volante, guidata spesso da due agenti a bordo di autovetture non blindate, mentre le disposizioni ministeriali prevedono che su tali auto ci siano almeno tre operatori. Non solo. A Lodi, mancano le volanti e mancano anche i computer e tutti gli altri mezzi tecnologici per l'attività di prevenzione e repressione dei reati.
Infine, come se non bastasse, gli agenti trasferiti d'ufficio in provincia, devono pagarsi vitto e alloggio, al contrario di quanto previsto per il questore i cui gratuiti, comodi e ben arredati appartamenti sono a carico dei contribuenti.

Gli Agenti devono, quindi, garantire la tutela dei cittadini e lo devono fare accettando uno stipendio assolutamente non adeguato, condizioni lavorative inaccettabili, mentre qualcuno posto al vertice della catena di comando gode dei classici privilegi della Casta.

Dopo la nostra chiacchierata, la delegazione sindacale ha chiesto al Ministro Cancellieri di essere ricevuta. Nel momento in cui scrivo non so ancora quale sia stata la risposta del Ministro. Verificheremo con gli interessati il prosieguo della giornata.

Abbiamo chiesto ai rappresentanti della Polizia di Stato cosa ne pensavano di alcune nostre proposte di programma, che qui riporto, e di suggerirci altri interventi a livello regionale per dare loro ossigeno e forza:

  • proposta di una centrale operativa unica a livello regionale per la polizia locale lombarda.
  • Numero Unico di Emergenze europee, (NUE): avviare un progetto sperimentale di una vera centrale operativa che ottimizzi l'operato di tutte le forze dell'ordine (polizia, carabinieri, guardia di finanza, etc.).

L'accordo è unanime, come potete sentire nel video.

Speriamo che altri consigli arrivino, da tutte le Forze dell'Ordine, al M5S così da poter essere anche i loro portavoce. C'è uno spesso muro da abbattere, abbiamo bisogno di tutti coloro che vogliono migliorare il nostro paese, la nostra Regione. Anche delle Forze dell'Ordine

A tutti i lavoratori delle Forze di Polizia diciamo "Buon lavoro". Siamo con Voi