Servizi ai cittadini

Questa mattina Stefano Buffagni, consigliere M5S Lombardia, ha incontrato una rappresentanza dei dipendenti delle Tre Marie che rischiano il posto di lavoro a causa di tagli annunciati dall'azienda nei giorni scorsi.

"M5S Lombardia è particolarmente sensibile al tema dell'occupazione e siamo preoccupati per l'annuncio, non motivato da problemi economici, della messa in mobilità dei lavoratori", spiega il consigliere Stefano Buffagni.

"Il noto marchio dolciario milanese va salvaguardato e tutelato. Auspichiamo, che l'azienda e i lavoratori possano tornare a sedersi ad un tavolo per elaborare una strategia che salvaguardi il posto di lavoro di tutti. I lavoratori ci hanno anticipato che lunedì saranno a Empoli per un sit-in di protesta di fronte alla sede dell'azienda. A loro va il nostro sostegno e la nostra solidarietà e, sin da ora, l'impegno concreto per trovare una soluzione soddisfacente", conclude il consigliere.

Con la fine di aprile sono arrivati i primi "stipendi" per i consiglieri regionali della Lombardia. Per il primo mese e mezzo di attività (dal 17 marzo al 30 aprile) la somma percepita è pari a 16.384, 76 euro, senza contare le indennità di funzione (per i membri dell'ufficio di presidenza del consiglio regionale, i presidenti delle commissioni, ecc).
Ecco il cedolino di uno di noi:

bustapaga-MarApr13.jpg

Durante le campagna elettorale i candidati del MoVimento 5 Stelle hanno preso un impegno preciso con i cittadini: tratterremo per noi 5.000 euro lordi mensili e i rimborsi per le spese effettivamente sostenute, tutto il resto lo destineremo ad un fondo di sostegno per le piccole imprese della Lombardia. Per questo motivo ci siamo fatti calcolare una "busta paga virtuale" da 5.000 euro:

Busta-virtuale-MarzoAprile131.jpg

Ebbene, solo da questo primo stipendio ricevuto, i 9 consiglieri 5 stelle restituiranno una somma pari a 100 mila euro!

Ancor prima dell'insediamento abbiamo chiesto ai funzionari della Regione di indicarci il modo concreto per effettuare questa "restituzione", ma evidentemente questa nostra volontà li ha colti di sorpresa.... Nei giorni scorsi abbiamo quindi formalizzato la nostra richiesta, nella speranza di ricevere finalmente una risposta chiara e definitiva.

Finché non ci sarà data la possibilità concreta di restituirli, i soldi promessi rimarranno depositati nei nostri conti correnti di Banca Etica, appositamente aperti allo scopo.

Ora aspettiamo di vedere se e quali consiglieri dei vari partiti ci seguiranno: terranno tutti i soldi per sé o si dimostreranno - non solo a parole - solidali con le piccole aziende lombarde che vivono un momento particolarmente difficile? Da questa strada passa la differenza tra chi "fa politica" per soldi e carriera e chi si "occupa di politica" per senso civico.

Staremo a vedere!

La burocrazia in Italia

A cura della Lista 5 Stelle di Como


Como Burocrazia 1.jpeg Come ben sappiamo, per poter presentare le liste e candidature il Movimento 5 Stelle ha dovuto raccogliere migliaia di firme. Poiché si voterà domenica 24 e lunedì 25 febbraio 2013, gli attivisti hanno dovuto sacrificare tutti i fine settimana e anche giorni lavorativi del mese di dicembre e la prima settimana di gennaio. Le temperature medie sono state piuttosto rigide, ma il freddo non è stato sufficiente a spegnere il coraggio, lo spirito e la voglia degli attivisti a 5 Stelle, come pure la preziosa collaborazione dei certificatori e, soprattutto, il senso democratico di chi è venuto a firmare.

Quando il grosso del lavoro sembrava ormai alle spalle, si è dovuto prendere atto che invece era solo l'inizio di un'interminabile trafila di lavoro estenuante e meticolosa: smistamento firme, centinaia di fotocopie per la presentazione delle medesime al Comune di pertinenza, richieste, ritiro moduli certificati, invio di quest'ultimi con l'augurio che non accadesse nulla di imprevisto.

Questa esperienza dimostra, ancora una volta, come uno dei temi che l'Italia dovrà apprestarsi ad affrontare e a mettere al centro della sua Agenda, per essere competitiva verso gli altri Paesi europei, è quello della burocrazia. Per la realizzazione di un'ottimale sburocratizzazione occorre prima esaminare quelli che sono gli aspetti salienti che rendono impossibile la sua gestione.

E' necessario innanzitutto riformare il sistema burocratico-amministrativo concernente anzitutto i seguenti punti:

  • Como Burocrazia 2.jpegsemplificazione degli obblighi informativi per le imprese, anche sulla base dei modelli già sperimentati in altri Paesi europei quali Germania, Gran Bretagna, Olanda e Norvegia;
  • riduzione dei tempi delle procedure autorizzative, anche tramite un maggiore utilizzo degli strumenti elettronici;
  • promuovere un ulteriore ricorso all'autocertificazione, prevedendo nel contempo sanzioni certe per le dichiarazioni false.

Possiamo immaginarci tre punti fondamentali, di cui una P.A. dovrebbe tenere conto per essere competitiva:

1. obiettivi e misurazione dei risultati:
Occorre misurare in modo sistematico i risultati ottenuti dalla Pubblica Amministrazione
e compararli in una prospettiva competitiva con gli altri Stati della Comunità Europea; ad
esempio, sotto il profilo della qualità e della professionalità, a tutti i livelli, dei funzionari
pubblici;

2. trasparenza:
Occorre combattere sistematicamente e seriamente gli sprechi, per esempio rendendo sempre pubblici gli incarichi affidati dalla P.A. a soggetti terzi. Il grado di trasparenza è strettamente connesso all' accessibilità delle informazioni da parte dei cittadini. Soprattutto in questo periodo di crisi, in cui si sente spesso pronunciare la fatidica parola 'sacrificio', è necessario introdurre dei meccanismi che consentano ai cittadini di verificare come vengono gestite le risorse pubbliche.
Quando tutto rimane nell'ombra, le occasioni per abusi e appropriazioni illegittime si moltiplicano e le recenti cronache giudiziarie ci hanno insegnato quanto poco la vecchia classe politica abbia saputo resistere alle tentazioni.
Sotto un altro profilo, la lotta agli sprechi si combatte anche tramite una gestione oculata delle informazioni già in possesso degli enti pubblici. È noto a tutti quanto eterogenea sia la nostra Pubblica Amministrazione, considerati scuole, università ed enti di ricerca, magistratura, Province autonome, sicurezza e difesa, sistema sanitario, sistema penitenziario ecc. Una gestione centralizzata, su piattaforme elettroniche condivise, consentirebbe di evitare la frammentazione delle informazione, con un conseguente risparmio, a beneficio dei cittadini, di tempo e costi per reperire e presentare le informazioni richieste negli atti pubblici.

Per questo sarà altresì necessario offrire le condizioni ideali di lavoro ai dipendenti della P.A., affinché accrescano in loro gli stimoli per fare al meglio e con maggiore responsabilità il proprio lavoro in cambio di opportuni riconoscimenti remunerativi, oltre a offrire loro l'opportunità di fare carriera, onde evitare inclinazioni al clientelismo e insediamenti della corruzione.
Un funzionario pubblico più motivato crea meno assenteismo e meno 'menefreghismo', con
un conseguente aumento della produttività, che va a beneficio di tutti i cittadini. In ogni Stato democratico dovrebbero esserci regole e regolamenti per attuare decisioni, assicurandone la massima trasparenza, garantendo di diritto la tutela dell'individuo contro un'azione arbitraria. In sostanza, meno burocrazia e più diritti.

Como Burocrazia 3.jpeg

3 uguaglianza,
Ultimo, ma non meno importante desiderio è chesituazioni simili debbano essere trattate allo stesso modo in Lombardia come in Campania, onde evitare l'aumento conflittuale tra cittadini e Stato.

In Italia deve essere risvegliata la consapevolezza che non solo la politica e la P.A. sono in grado di garantire una buona burocrazia, ma anche l'economia, la società e il sistema giudiziario, su cui grava maggiormente la responsabilità della sua riduzione, al fine di garantire a tutti di andare avanti insieme, riducendo così gli eccessivi oneri amministrativi.

Il M5S avvia la ricerca degli assessori; per candidarsi si parte dall'invio di un curriculum


"L'anti-politica" sceglie le persone destinate alla gestione della macchina amministrativa sulla base di convenienze, scambi di favori e bacini elettorali che poi si traducono in decisioni che vanno a favore del partito o della lobby che le ha sostenute, con gravi danni per la collettività.

Il M5S Lombardia vuole porre fine a questa vergognosa consuetudine e  tornare a mettere la competenza al centro delle scelte politiche della nostra Regione. Gli stessi assessorati verranno ridotti e accorpati in base alla logica del nostro programma (es: valuteremo l'accorpamento dell'assessorato allo Sport e Tempo Libero in quello della Sanità).

Per questo, nella selezione degli assessori che andranno a lavorare per la prossima giunta regionale a 5 stelle,  abbiamo deciso di seguire l'esempio di Parma, la cui amministrazione  ha scelto i propri sulla base dei loro curricula e della loro competenza specifica.
Lanciamo, quindi, un appello pubblico a chi ritiene di avere le competenze adatte per ricoprire il ruolo di assessore regionale e per chiedere a queste persone di inviarci il curriculum con lettera di presentazione alla seguente mail:lavoraconoi@lombardia5stelle.org

Per ogni candidatura è necessario allegare le seguenti informazioni:
1) Curriculum vitae
2) Lettera di presentazione che includa:
  • a) per quale assessorato ci si propone
  • b) il consenso alla pubblicazione della propria autocandidatura e, nel caso contrario, le motivazioni
  • c) eventuali ruoli politici svolti in passato (anche di semplice candidatura o di organizzazione interna) per un qualsiasi movimento politico/lista civica
  • d) eventuali iscrizioni ad altri partiti
  • e) cosa si pensa del programma regionale del M5S nella parte relativa alla propria competenza, specificando eventuali critiche o proposte aggiuntive
  • f) l'indicazione di eventuali partecipazioni o ruoli dirigenziali nei consigli di amministrazione in società pubbliche/private che hanno interessi economici con Regione Lombardia
Poiché un altro punto fondamentale del nostro modo di intendere la politica è la trasparenza, renderemo pubbliche sui nostri canali informativi tutte le autocandidature, con relativi CV. Ci impegniamo comunque a garantire la riservatezza ove richiesta e motivata.
Il processo di selezione valorizzerà le competenze pregresse e la sua attinenza con il nostro programma.
I curricula saranno conservati e utilizzati nel caso in cui il risultato elettorale affidi al M5S la scelta degli assessori.

Qualora non dovessimo avere l'opportunità di nominare la giunta, metteremo a confronto i nostri candidati con quelli indicati dalla maggioranza. E vedremo se le nomine politiche che oggi tutti dichiarano di voler abolire saranno davvero basate su concetti di competenza e non di affiliazione al partito.


Silvana Carcano

Per saperne di piu':  Programma Lombardia 5 Stelle 2.0

Oggi, in contemporanea con il banchetto a Lodi, si è svolto l'evento di inaugurazione della rinnovata sede della biblioteca Laudense, a cui ha preso parte, tra gli altri, anche il Ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri.
A pochi minuti dal mio arrivo a Lodi, poco distante dal nostro banchetto, è iniziata una protesta da parte degli Agenti della Polizia di Lodi (delegazione UIL), approfittando della presenza del Ministro.

Abbiamo chiesto di poter fare due chiacchiere con loro, riprendendo tutto quanto ci saremmo detti, e abbiamo ascoltato, come giusto che sia, le loro istanze.
Gli agenti ci hanno spiegato che il rapporto tra criminalità organizzata e abitanti lodigiani è tra i più alti della Lombardia e il crescente aumento della penetrazione mafiosa sul territorio richiederebbe un potenziamento degli apparati investigativi.

In città invece opera solo una volante, guidata spesso da due agenti a bordo di autovetture non blindate, mentre le disposizioni ministeriali prevedono che su tali auto ci siano almeno tre operatori. Non solo. A Lodi, mancano le volanti e mancano anche i computer e tutti gli altri mezzi tecnologici per l'attività di prevenzione e repressione dei reati.
Infine, come se non bastasse, gli agenti trasferiti d'ufficio in provincia, devono pagarsi vitto e alloggio, al contrario di quanto previsto per il questore i cui gratuiti, comodi e ben arredati appartamenti sono a carico dei contribuenti.

Gli Agenti devono, quindi, garantire la tutela dei cittadini e lo devono fare accettando uno stipendio assolutamente non adeguato, condizioni lavorative inaccettabili, mentre qualcuno posto al vertice della catena di comando gode dei classici privilegi della Casta.

Dopo la nostra chiacchierata, la delegazione sindacale ha chiesto al Ministro Cancellieri di essere ricevuta. Nel momento in cui scrivo non so ancora quale sia stata la risposta del Ministro. Verificheremo con gli interessati il prosieguo della giornata.

Abbiamo chiesto ai rappresentanti della Polizia di Stato cosa ne pensavano di alcune nostre proposte di programma, che qui riporto, e di suggerirci altri interventi a livello regionale per dare loro ossigeno e forza:

  • proposta di una centrale operativa unica a livello regionale per la polizia locale lombarda.
  • Numero Unico di Emergenze europee, (NUE): avviare un progetto sperimentale di una vera centrale operativa che ottimizzi l'operato di tutte le forze dell'ordine (polizia, carabinieri, guardia di finanza, etc.).

L'accordo è unanime, come potete sentire nel video.

Speriamo che altri consigli arrivino, da tutte le Forze dell'Ordine, al M5S così da poter essere anche i loro portavoce. C'è uno spesso muro da abbattere, abbiamo bisogno di tutti coloro che vogliono migliorare il nostro paese, la nostra Regione. Anche delle Forze dell'Ordine

A tutti i lavoratori delle Forze di Polizia diciamo "Buon lavoro". Siamo con Voi

All'interno del Meetup di Monza
è nato il Laboratorio Liste Civiche a 5 Stelle Brianza 2011.

Tutti i cittadini residenti ad ARCORE, BIASSONO, LAZZATE, LIMBIATE, VAREDO, VEDANO AL LAMBRO, VERANO BRIANZA e VIMERCATE sono invitati a partecipare all'incontro che si terrà lunedì 17 maggio 2010, ore 21:15, presso L'Osteria, Via Borgazzi 97, Monza.

Sul meetup di Monza, nell'area "discussioni", sono aperte le cartelle dedicate ai singoli comuni, dove si può cominciare a segnalare il proprio interesse e a scambiarsi le prime informazioni!

Meetup Amici di Beppe Grillo di Monza

A voi, amici, un sincero benvenuto. Questo sito è attualmente in costruzione, speriamo di renderlo operativo a breve. Servirà come strumento di confronto e organizzazione per il "MoVimento 5 Stelle" in Lombardia. Tutti noi rappresentiamo un tesoro di inestimabile valore, nella nostra esperienza di vita, passione civile, voglia di cambiare. Insieme possiamo raggiungere il cambiamento. Insieme possiamo fare quel passo in più che da soli fatichiamo a compiere, unire i nostri sentimenti e speranze, camminare, muoverci. Liberi di scegliere qualcosa in cui crediamo per davvero. Liberi di riprenderci il futuro. Liberi di provarci, verso valori ed obiettivi comuni, senza colori nè volti di rappresentanza. Un programma, milioni di cittadini. In Lombardia, come in altre regioni, il MoVimento ha avviato il percorso che porterà alla partecipazione del "MoVimento 5 stelle" alle prossime elezioni regionali di marzo 2010. Tutti possono partecipare e contribuire fattivamente alla realizzazione di questo progetto collaborando alla stesura del programma, alla scelta dei candidati, alla diffusione del Movimento.