Ottobre 2010

gelmini à raggione!

inceneritore_Desio-570.jpg

Serata storica quella del 25 ottobre per il MoVimento 5 Stelle di Monza e Brianza!
La lista civica Desio 5 Stelle ha ottenuto in consiglio comunale la prima grande vittoria nella lotta che ci vede coinvolti da tempo contro l'inceneritore cittadino.
Andiamo con ordine: il consigliere 5 Stelle Paolo Di Carlo ha presentato in discussione un ordine del giorno in base al quale il Consiglio Comunale impegna la Giunta, entro data certa (giugno 2011), a:

  • commissionare approfondite analisi dei terreni circostanti l'inceneritore per verificare la presenza di diossine , metalli pesanti e polveri;
  • in caso fosse verificata la presenza di sostanze inquinanti, richiedere la bonifica dei terreni;
  • richiedere un'indagine epidemiologica per accertare gli effetti della presenza dell'inceneritore sulla salute dei cittadini.
Hanno espresso parere favorevole, oltre a tutta la minoranza, i capigruppo della (ex) maggioranza della Lega Nord e della lista civica Desio 2000, mentre UDC-Indipendenti ha sollevato alcune obiezioni e il capogruppo del Pdl Filippo Ielo ha espresso invece parere contrario. Tutti i capigruppo della minoranza si sono resi disponibili ad emendare l'ODG , in modo che la Giunta potesse coinvolgere nel progetto anche i Comuni confinanti, in quanto titolari di quote della società pubblica che gestisce l'impianto d'incenerimento (Bea). Conclusasi la fase di discussione in cui ogni gruppo consiliare ha espresso i propri distinguo si è portato in votazione l'ODG emendato. Il successo è stato totale: hanno votato a favore tutti i consiglieri di tutte le forze politiche presenti tranne il consigliere Filippo Ielo del Pdl, che ha preferito astenersi, forse a causa di un conflitto di interessi piuttosto palese, dato che lavora per Bea nell'ambito del Teleriscadamento. Non sono mancati piccoli diverbi nella zona riservata al pubblico tra alcuni simpatizzanti del comitato NoIncDesio e alcune persone "filo inceneritoriste" vicine a Bea, evidentemente contrariate dalla piega che stava prendendo la votazione! Bruno Marton - Desio 5 Stelle

Ecco il testo dell'ordine del giorno approvato:
ORDINE DEL GIORNO
Preso atto che:
gli inceneritori emettono in atmosfera una vastissima gamma di inquinanti, in particolare diossine, polveri e metalli pesanti, che in gran parte ricadono sul territorio circostante e si accumulano nel terreno e negli organismi vegetali e animali, inclusi gli esseri umani;

  • da oltre 30 anni sul territorio desiano è attivo l'inceneritore di rifiuti solidi urbani ed ospedalieri di via Agnesi;
  • sussiste l'ipotesi di costruzione di un nuovo inceneritore dalla capacità doppia rispetto all'impianto esistente;
  • in relazione all'ipotesi di potenziamento dell'inceneritore di Trezzo sull'Adda, i comuni della zona interessata (tra i quali: Grezzago, Trezzo, Pozzo d'Adda, Busnago, Vaprio) hanno incaricato l'Istituto dei Tumori di Milano per la redazione di uno studio epidemiologico sugli effetti prodotti dalla convivenza con l'inceneritore sulla salute dei cittadini;
il consiglio comunale impegna la giunta, entro il termine del 30 giugno 2011, a:
  1. commissionare ad ente specializzato e indipendente approfondite analisi dei terreni circostanti l'inceneritore per verificare l'inquinamento da diossina, polveri e metalli pesanti;
  2. nel caso che i terreni risultino inquinati, richiedere la bonifica degli stessi secondo quanto previsto dal D.Lgs. 22/97, (Decreto Ronchi);
  3. richiedere ad un ente specializzato e indipendente un'indagine epidemiologica accurata per accertare gli effetti della presenza dell'inceneritore sulla salute dei cittadini.
  4. Fermo restando la data del 30 giugno 2011 e la scelta degli enti specializzati da parte del Comune di Desio, la giunta potrà coinvolgere altri Comuni ed Enti interessati.
Paolo Di Carlo

La Giunta regionale della Lombardia consegna la gestione ai privati e comunica che l'acqua resterà pubblica. Sono costretti a mentire nei comunicati stampa perché le scelte che fanno sono insostenibili.
Riceviamo dal Coordinamento Regionale dei Comitati per l'Acqua pubblica:

Nonostante la mobilitazione dei Comitati Acqua della Lombardia e le oltre 7 mila e-mail inviate ieri agli Assessori regionali, oggi (25 ottobre n.d.r.) pomeriggio la Giunta della Regione Lombardia ha approvato il Progetto di Legge sulla gestione dell'acqua, che di fatto consegnerà ai privati la gestione dell'acqua di tutta la Lombardia!
La Giunta Formigoni con la solita mistificazione respinge le accuse di privatizzazione, intitolando il proprio comunicato stampa: "Riforma del servizio idrico: l'acqua rimane un bene pubblico".
La verità è invece che l'affidamento della gestione dei servizi idrici (che nel comunicato appare solo alla fine con 2 righe) avverrà secondo i dettami del Decreto Ronchi, cioè tramite gara europea o tramite società miste pubblico-private, quindi di fatto sarà una vera e propria svendita degli acquedotti ai privati e alle multinazionali!
Inoltre le competenze in materia di servizio idrico vengono consegnate alle Province (ma resta l'ATO della città di Milano, ) e pertanto sottratte ai Comuni, i quali si dovranno accontentare di esprimere un parere alla loro Provincia.
Il progetto di legge passa ora al vaglio del Consiglio Regionale, che dovrà votarlo il prossimo 23 novembre.
L'invito è quindi quello di partecipare numerosi sabato 13 novembre (dalle ore 10) alla manifestazione a Milano in piazza Duca D'Aosta (Pirellone), organizzata dal Coordinamento Regionale dei Comitati Acqua, col sostegno della Cgil Lombardia.
Saluti fraterni,
Roberto Fumagalli

il lavoro per questa delicata fase2 della campagna referendaria prosegue senza sosta:

MORATORIA
L'appello per la giornata di mobilitazione del 4 dicembre
L'appello per la moratoria

AVVISO

Per problemi dell'ultimo momento la quarta Riunione della Lista Civica Milano 5 stelle cambia luogo di incontro e si terra presso il Roca's Cafè in Viale Pasubio, 16 dove avremo una saletta riservata.

Ci scusiamo per il disagio

La riunione (che è aperta a chiunque voglia partecipare) di domenica 24 ottobre non si terrà più nella sede comunicata in precedenza ma presso il Roca's Cafè in Viale Pasubio, 16.
Dalla fermata Moscova sono circa 500 mt: prendere Via Volta e percorrerla fino a Piazza Baiamonti, girare a sinx verso il cimitero monumentale, superare il casello del vecchio dazio e girare a destra in viale Pasubio: il Roca's Café è a 30 mt sul lato sinistro.
Anche dalla fermata di Porta Garibaldi sono poco più di 500 mt: prendere Corso Como e percorrerlo tutto, dove termina con i lavori girare a destra in viale Pasubio, prima del termine sulla destra c'è il Roca's Café.
In caso di difficoltà, contattate Mau al cellulare 335,274149
Diretta web sul seguente canale webTV

L'ordine del giorno sarà il seguente:

1) Breve presentazione delle attività svolte finora per i nuovi arrivati e spiegazione del forum della lista civica, invitando chi ancora non è iscritto a farlo.
Ettore relazionerà sull'esito della presentazione allo staff dei documenti richiesti per la costituzione del Gruppo Promotore della lista civica, necessario per ottenere l'autorizzazione all'uso ufficiale del simbolo del Movimento (15 minuti)

2) Stato avanzamento lavori attività del piano e punto della situazione dei gruppi di lavoro e dei gruppi di zona (responsabili, riunioni fatte e in previsione) (30 minuti)

3) i gruppi di lavoro si riuniscono fra di loro con il seguente compito:
nominare il responsabile
metter giu la lista delle mail di ogni aderente al gruppo
pianificare un incontro di gruppo in settimana
comunicare alla segreteria il giorno dell'incontro previsto con un minimo di ODG
segnare nell'apposita discussione sul forum il giorno dell'incontro e poi fare un verbalino (20 minuti)

4) proposta apertura pagina facebook della lista civica (Marco) e apertura utenza Twitter della lista civica (10 minuti)

5) progetto di Stefano.f di togliere la suddivisione fra zone e hinterland e creare una cartella unica che divida Milano e provincia in 4 grandi aree ( Stefano.f 10 minuti )

6) Punto della situazione circa i banchetti presenti agli spettacoli Grillo al Teatro Smeraldo (10 minuti)

7) Proposta di autotassazione per affrontare le prime spese (10 minuti)

8) Discussione di una proposta operativa già abbozzata per il voto alle Primarie (1 ora)

9) Metodologia di aggiunta di punti al programma (Eugenio, 30 minuti)

Riceviamo l'invito dal Coordinamento Regionale Lombardo dei Comitati per l'Acqua Pubblica, per una operazione di mail bombing nei confronti degli assessori regionali.
Salve,
dopo che ad agosto (con la mailbombing e il presidio davanti al Pirellone) siamo riusciti a bloccare le intenzioni della Regione Lombardia, il 26 ottobre la Giunta Formigoni intende di nuovo mettere in votazione il Progetto di Legge sulla gestione dell'acqua, in applicazione del Decreto Ronchi, lo stesso di cui si chiede l'abrogazione attraverso il Referendum nazionale che ha raccolto 1 milione e 400 mila firme in Italia, di cui ben 237 mila in Lombardia.
Quindi anche il Progetto di Legge della Giunta Regionale porterà a consegnare ai privati la gestione dell'acqua.
Vi invitiamo quindi a mandare un'EMAIL agli Assessori Regionali per dire NO alla privatizzazione dell'acqua in Lombardia.
Concentriamo la spedizione delle email il giorno LUNEDI' 25 OTTOBRE, in modo da intasare la posta degli Assessori.
In fondo vi riportiamo gli indirizzi e il testo dell'appello (se volete modificate l'oggetto, per evitare che cancellino l'email come spam).
Vi ricordiamo che il Coordinamento Regionale dei Comitati Acqua sta organizzando per sabato 13 novembre una manifestazione a Milano.
Saluti fraterni,
Roberto Fumagalli

INDIRIZZI:
roberto_formigoni@regione.lombardia.it, marcello_raimondi@regione.lombardia.it, andrea_gibelli@regione.lombardia.it, giulio_decapitani@regione.lombardia.it, romano_colozzi@regione.lombardia.it, domenico_zambetti@regione.lombardia.it, stefano_maullu@regione.lombardia.it, massimo_buscemi@regione.lombardia.it, Giulio_Boscagli@regione.lombardia.it, raffaele_cattaneo@regione.lombardia.it, gianni_rossoni@regione.lombardia.it, romano_la_russa@regione.lombardia.it, Luciano_Bresciani@regione.lombardia.it, carlo_maccari@regione.Lombardia.it, Alessandro_Colucci@Regione.Lombardia.it, monica_rizzi@regione.lombardia.it, daniele_belotti@regione.lombardia.it
p.c. roberto@circoloambiente.org

OGGETTO: NO alla privatizzazione dell'acqua in Lombardia.

TESTO:
Agli Assessori della Giunta Regionale della Lombardia
Egregio Assessore,
ci riferiamo alle intenzioni della Giunta Regionale di approvare un Progetto di Legge inerente la gestione dei servizi idrici integrati (S.I.I.), in applicazione del cosiddetto Decreto Ronchi (art. 23 bis della Legge 133/2008, così come modificato dall'art. 15 della Legge 166/2009).
Le anticipazioni sui contenuti del PDL riguardo le modalità di affidamento dei S.I.I. ci preoccupano, poichè obbligherebbero alla privatizzazione della gestione dell'acqua.
Infatti con l'applicazione del Decreto Ronchi, l'affidamento della gestione dei S.I.I. a soggetti privati - ovvero a imprese italiane o straniere interessate solo a fare profitto - diventa la modalità ordinaria di assegnazione del servizio; in tal modo si porrebbe fine alle virtuose gestioni pubbliche che, in alcune province della Lombardia, risultano all'avanguardia a livello europeo.

Ricordiamo in questa occasione che a sostegno del Referendum per l'abrogazione del Decreto Ronchi e per la ripubblicizzazione del servizio idrico, in Italia sono state raccolte 1 milione e 400 mila firme, delle quali ben 237 mila nella sola Lombardia (www.acquabenecomune.org).
Si rammenta inoltre che ben cinque Regioni hanno impugnato per incostituzionalità l'art. 23 bis (così come modificato dall'art. 15 del Decreto Ronchi), ritenendo la norma lesiva delle prerogative delle Regioni stesse in materia di servizio idrico.

E' inopportuno che vengano adottati provvedimenti fintanto che la Corte Costituzionale non si esprima sui ricorsi delle Regioni e sull'ammissibilità dei Referendum abrogativi sottoscritti da 1 milione e 400 mila cittadini.

Inoltre è utile ricordare che negli scorsi anni in Lombardia si è attivata una vasta mobilitazione popolare contro le precedenti Leggi Regionali in materia di servizi idrici, in particolare contro le L.R. n. 21/1998 e n. 18/2006, per le parti che imponevano la privatizzazione dell'erogazione dell'acqua. A sostegno di tali mobilitazioni si sono attivati i Comuni; nel 2007 ben 144 Consigli Comunali della Lombardia hanno deliberato contro la L.R. 18/2006; con la successiva L.R. 1/2009, "concordata" coi sindaci referendari, è stata reintrodotta la possibilità dell'affidamento diretto ad aziende totalmente pubbliche.

A tale proposito, ci preoccupa l'eventuale attribuzione delle competenze del governo dei S.I.I. alle Province, che di fatto esautorerebbe i Comuni (ovvero gli Enti più vicini ai cittadini) dalle decisioni su un bene vitale e di interesse per tutti i cittadini qual è l'acqua, cancellando il federalismo rappresentato dai Comuni stessi.

Alla luce di quanto sopra, si chiede di non approvare il suddetto Progetto di Legge per le parti in cui si applica il Decreto Ronchi (che di fatto consegnerà ai privati la gestione dell'acqua) e in cui si esautorano i Comuni delle decisioni in materia di governo dei servizi idrici.
Certi che prenderete in considerazione le nostre richieste, porgiamo distinti saluti.

COMITATO _________ oppure NOME COGNOME

Il comune di Solza, dopo aver adottato a luglio un PGT a crescita zero ha organizzato un convegno per presentarlo per venerdì 22 ottobre al quale parteciperà anche il sindaco Finiguerra, il primo ad approvare un PGT che non prevede ulteriore consumo del territorio.
In questi giorni saranno anche affidati i lavori per il rifacimento dell'intera pubblica illuminazione che prevede la sostituzione di tutte le vecchie lampade con quelle a Led.
Ecco il programma del convegno:

Un PGT per un altro mondo possibile
Si può ridurre il consumo di suolo e far quadrare il bilancio di un piccolo comune?
Convegno sul Piano di Governo del Territorio

15.00 Registrazione

15.15 Introduzione e saluti del sindaco di Solza Maria Carla Rocca
Damiano Di Simine, presidente regionale Legambiente
Cenni alla situazione lombarda, riferimenti all'Osservatorio sul Consumo di suolo.

15.50 L'esperienza di Osnago Paolo Strina, sindaco
Il PGT approvato a Osnago nel dicembre 2008 propone una pausa di riflessione nel tumultuoso sviluppo del paese innestato dal PRG del 1991 e punta sulla qualità piuttosto che sulla quantità degli interventi.

16.20 L'esperienza di Cassinetta di Lugagnano Domenico Finiguerra, sindaco Consumo di suolo zero: chi l'ha già fatto.
Nel 2007 ha definitivamente approvato un Pgt a crescita zero, un piano, cioè, che non contiene previsioni di crescita dell'insediamento e che punta a mantenere il più possibile intatto il proprio territorio agricolo. I cittadini amministrati dal sindaco Finiguerra accolgono con favore la piccolarivoluzione: per loro vale la pena pagare un po' più di soldi, ma avere un territorio e un paesaggio intatti.

16.50 Il Piano di Governo del Territorio del comune di Solza Mauro Baioni, urbanista
Adottato a luglio 2010 un PGT che non prevede ulteriore consumo del territorio.

17.20 Chiusura dei lavori

17.30 Buffet

Castello Colleoni, Solza, BG
venerdì 22 ottobre 2010 - ore 15

Diffondete la notizia più che potete!!

Busto Arsizio 5 Stelle Parte ufficialmente da OGGI!

La lista civica proposta dal Movimento 5 Stelle di Busto Arsizio, vuole porsi come uno strumento, attraverso il quale le persone, che vogliono partecipare alla vita politica, possano usare.

Nel sito internet bustoa5stelle.it è possibile partecipare alla stesura del programma, alla sua votazione, alla presentazione dei candidati e alla loro votazione.

Finita la tornata elettorale, la lista non terminerà il suo lavoro. Sempre in maniera partecipata, formulerà proposte, e le metterà a votazione. Queste, nel caso gli esiti elettorali garantiscano almeno un consigliere comunale, verranno proposte direttamente in consiglio comunale, se no verranno proposte dal Movimento come istanze, proposte o petizioni.

continua su www.bustoa5stelle.it

scritto da Frando Dell'Alba

Sull'esperienza del modello svizzero, unica vera democrazia completa, che dura in varie forme da centinaia di anni (nessun sistema politico al mondo è mai durato cosi' tanto ed un motivo dovrà pur esserci), propongo che venga adottato nei Comuni, nelle Province (sino a che esisteranno) nelle Regioni e nello Stato il REFERENDUM DELIBERATIVO O LEGISLATIVO (CIOE' IL SUO RISULTATO DIVENTA IMMEDIATAMENTE DELIBERA O LEGGE) SENZA QUORUM. La parola DEMOCRAZIA non ha e non deve avere aggettivi. Significa letteralmente "Governo del popolo" e, come tale, il popolo deve poter governare se stesso delegando ai suoi rappresentanti, MA RESTANDO LIBERO SEMPRE DI FARLO DIRETTAMENTE. Il popolo può legittimare o abrogare quello che fanno i rappresentanti eletti ( in questo modo i leader, che sono sempre esistiti, esistono ed esisteranno sempre, verranno enormemente ridimensionati, perchè il problema non sono loro ma IL LORO CONTROLLO) MA PUO' ANCHE SE E QUANDO LO DESIDERA, FARSI LE LEGGI DA SOLO. Se si ritiene che il popolo non sia in grado di intendere e di volere, allora anche il sistema rappresentativo và delegittimato ed occorre pensare ad un sovrano o a un dittatore. Hummm...che strano...manca la voce "democrazia" o "rapporti tra cittadini e istituzioni" tra le opzioni in cui inserire la proposta, spero sia soLo una grave dimenticanza O SONO NEL MOVIMENTO SBAGLIATO.

Se sei d'accordo, Vota la proposta sul Forum Nazionale del Movimento 5 Stelle

Franco Dell'Alba

1) RIUNIONE:
ATTENZIONE, LA SEDE E' CAMBIATA RISPETTO ALLE PRIME DUE RIUNIONI!!!
Ci si troverà Sabato 16 Ottobre alle 14:30 presso il "Salone delle Grigne" della S.E.M. (Società Escursionisti Milanesi) in via Volta 22 a Milano.
Il luogo è più o meno equidistante dalle fermate MM2 (linea verde) di Moscova e di Porta Garibaldi.
Dalla fermata Moscova sono 450 mt: prendere Via Volta e percorrerla fino a Piazza Baiamonti, girare a sinx verso il cimitero monumentale, il casello del vecchio dazio è quello di destra.
Dalla fermata di Porta Garibaldi sono 550 mt: prendere Corso Como e percorrerlo tutto, dove termina con i lavori girare a destra in viale Pasubio, la sede è in fondo sulla sinistra.
In caso di difficoltà, contattate Mau al cellulare 335,274149
Come sempre per chi non potrà venire sarà assicurata la Diretta web sul nostro attuale canale webtv

2) ORDINE DEL GIORNO
Per quanto riguarda l'ODG orientativamente dovrebbe essere il seguente:

  • Riepilogo veloce del lavoro fin qui fatto per gli eventuali nuovi presenti (gruppi di lavoro, zone, punti del programma); lettura dell'ODG; decisione di quando fare prox riunione (15 minuti)
  • Ettore riferisce dell'incontro con lo staff di Grillo. Occorre formare il Gruppo Promotore della Lista Civica (Ettore) (45 minuti)
  • Organizzazione banchetti/volantini/video per lo spettacolo di Beppe (45 minuti)
  • Nomina amministratori pagina Facebook della Lista Cvica e apertura utenza Twitter della Lista Civica (10 minuti)
  • Resoconto delle riunioni svolte dal gruppo programma e dal gruppo informatico in settimana (20 minuti)
  • Stato avanzamento dei lavori rispetto al programma fatto (Eugenio) (10 minuti)
  • Punto della situazione dei gruppi di lavoro e nomina ufficiale dei responsabili/coordinatori dei gruppi di lavoro e dei gruppi di Zona (proposta di Stefano F. di unire le cartelle Zone di Milano e Hinterland dividendo Milano e provincia in 4 grandi macroaree) (30 minuti)
  • Eventualmente se ce la facciamo proposta di Eugenio su varie possibilità di voto a distanza per le primarie (15 minuti)
Invitiamo chi è interessato alla lista civica ma ancora non ha partecipato, di iscriversi al nostro forum

Legalità a 5 stelle
















A seguito delle proposte fatte sul forum della lista civica, l'ODG della seconda riunione, che vi ricordo si terrà domani, domenica 10 dalle 14:30 alle 18:00 nella sede Umanista di Via Mazzali 5 a Milano vicino alla fermata della metro Udine, sarà il seguente:

1) presentazione lista civica e lavoro fin qui fatto (10 minuti)

2) questione associazioni: come contattarle e come presentarci (45 minuti)

3) punto della situazione dei gruppi di lavoro:
creiamo anche il gruppo banchetti che si occupi di preparare e organizzare i banchetti?
creiamo il gruppo bilancio?
nominiamo un portavoce della lista civica?
raccolta di nuove adesioni ai gruppi
(1 ora)

4) primarie: come le prepariamo? quando le facciamo? regole e lista candidati? (1 ora)

5) proposta di incontri con dei consiglieri comunali per farsi spiegare l'attità e l'impegno del consigliere comunale (10 minuti)


Ricordiamo a tutti di leggersi il documento elaborato dal Meetup di Milano questa estate e portato alla lista civica come documento dal quale partire nell'organizzazione della lista
Qui il documento in questione

Qui gli altri documenti elaborati finora:


Chi non potrà essere presente potrà seguire la diretta sul canale webtv

Parco cave.png
Anche Beppe Grillo sarà presente alla manifestazione

Dopo aver bloccato i lavori per la costruzione della discarica di amianto in Via Brocchi, "Il Co.Di.S.A. ed il "Comitato spontaneo contro le nocività" stanno conducendo un'assidua battaglia per evitare che il terrreno destinato da tempo al Parco Cave venga invece destinato ad altri progetti quali La Cittadella Dello Sport, il nuovo stadio e un polo logistico.
"I cavatori, di concerto con le amministrazioni locali, vorrebbero sfruttare ulteriormente queste zone per cementificare (stadio, palazzetto, centri commerciali, palazzine, strade + parcheggi = inquinamento, aree industriali ecc.) e per realizzare altre discariche. Questo non dobbiamo assolutamente permetterlo.
Per questo abbiamo deciso di organizzare una grande manifestazione che dia un segno tangibile della volontà popolare, per questo ci permettiamo di chiedere la vostra adesione, il sostegno, la partecipazione.
L'argomento è troppo importante per l'ambiente, la nostra salute, il territorio, per noi che lo viviamo, per chi verrà dopo."
La data è prevista per il 9 ottobre 2010 alle ore 14.30, muoverà da un corteo che da San Polo arriverà a Buffalora.

Il percorso isarà il seguente:
Concentramento alla rotatoria tra le vie Merisi e Fiorentini (Sanpolino)
Percorso: via Merisi, via Fiorentini, via S. Polo, via Bettole, via Serenissima, via Buffalora, via Balardini, via Serenissima.

Fine corteo:
Laghetto F.I.P.S. di via Serenissima (ottimo esempio di recupero di una cava).

Soste a tema:
Parcheggio Alfa Acciai: inquinamento industriale, ex campo con PCB ed analisi ARPA.
Via Bettole: Bonomi Metalli e discarica di amianto.
Via Buffalora (piazzale della chiesa): "Parco delle cave".
Via Serenissima: Polo logistico Gaburri/Italgros e "Cittadella dello sport".
Lago F.I.P.S.: Il parco come lo intendiamo noi.

Data la lunghezza del percorso, al termine si cercherà di organizzare il trasporto dei partecipanti in difficoltà presso il luogo di partenza, invitandovi a seguire il corteo a piedi o con bicicletta a mano.

VOLANTINO

Comitato Contro Le nocività

Domenica 10 Ottobre si svolgerà la seconda riunione organizzativa per la lista civica 5 stelle Milano.
Ci troviamo alle 14:30 ancora presso la sede Umanista in Via Mazzali 5
L'ordine del giorno lo stiamo discutendo insieme qui
Vi ricordiamo che nel forum della lista civica abbiamo aperto l'area Zone di Milano, l'area Tematica e l'area Gruppi di Lavoro.

Aspettiamo i vostri eventuali contributi.

Per la diretta della riunione seguite la nostra webtv.
Qui trovate tutti i documenti che finora abbiamo prodotto.

A domenica

www.lombardia5stelle.org