MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Liguria - 

Sono da poco rientrata dopo una bellissima e costruttiva serata in compagnia di attivisti 5 Stelle. Abbiamo parlato di ciclo dei rifiuti, di energia, di depurazione, abbiamo confrontato proposte e soluzioni innovative per alcuni gravi problemi che attanagliano la nostra terra di Liguria.

Ma dopo due anni di mandato e dopo le innumerevoli esperienze sul territorio ligure, il quadro è sempre più chiaro.
Esiste una causa alla base dell'immobilismo e dell'apparente incapacità gestionale delle amministrazioni pubbliche di Liguria, qualcosa che spiega perché qui non ci si evolva e non si mutuino sistemi meno impattanti sulla salute e sull'economia per la raccolta dei rifiuti, per la depurazione delle acque e per la produzione di energia. Ma anzi si fa l'esatto contrario. Qualcosa che spiega perché la nostra regione è isolata nei collegamenti (via terra, via aria, via mare), con aeroporti declassati, traghetti carissimi, treni -quando non soppressi- da terzo mondo (con rispetto parlando per il Terzo Mondo), e autostrade minimamente corrispondenti nei servizi al pedaggio salatissimo che ci tocca pagare, pagare, pagare.
È qualcosa di ormai profondamente radicato nella terra di Liguria malgrado tutto e tutti, di cui pochi parlano e che alcuni (evidentemente invischiati) negano: la Ndrangheta.
L'analisi della commissione antimafia di poche settimane fa è chiara.
Tra le prime notifiche che ho visto sul telefono al mio rientro, due erano su questo tema, che diventa onnipresente, sempre più evidente. Tutto finisce lì, tutto si spiega così: siamo in mano a organizzazioni criminali che penetrano o premono con i loro tentacoli dai colletti bianchi i vertici di ogni cda e di ogni amministrazione pubblica, e quando ci chiediamo perché non c'è nuova occupazione in Liguria, ricordiamoci delle nostre risorse costantemente depredate e domandiamoci chi sono i parassiti che paralizzano la nostra società.
Come membro del Tavolo della Legalità in Regione Liguria non posso ignorare il gioco allo scaricabarile sta inscenando Toti con l'imprenditore che si oppone alle cosche. Dimostri Toti di essere completamente estraneo alla malavita dando seguito agli impegni che ha preso due mesi fa, e dimostri di essere un amministratore credibile e non uno che fa promesse in campagna elettorale per poi lavarsene le mani, senza nascondersi più dietro i dirigenti o gli assessori.

Ecco la prima notifica:

"QUANTI CAMION PORTA IL TERZO VALICO?
257, OGNI GIORNO, SOTTO LE TUE FINESTRE.

Il 25 luglio abbiamo eseguito la conta dei mezzi pesanti che attraversano la Valverde.
Dalle 5 di mattina, per 24 ore, ci siamo alternati al punto di osservazione in Via 2 Agosto 1980 a Isoverde.
Alle 5 di mattina del giorno successivo erano transitati 257 mezzi pesanti; suddivisibili in camion per il trasporto di inerti e betoniere, ricondubili, praticamente nella totalità, ai lavori del Terzo Valico.
Un numero impressionante di camion salgono la Valverde vuoti, caricano inerti in cava Castellaro a Cravasco e scendono la valle per dirigersi nei cementifici di Serra ricco'. Da qui il cemento viene caricato su betoniere che ripercorrono la Valverde a ritroso fino alla galleria di Cravasco.
Altri camion scendono, sempre carichi di inerti, dalla cava Grandi posta sulla sponda opposta della cava Castellaro e a lato del cantiere della galleria Cravasco. Questa cava chiusa da decenni, venne riaperta a causa del Terzo valico dopo un tavolo di concertazione tra la proprietà (Grandi), Co.Civ e le Istituzioni, tavolo che garanti' a tutti lauti profitti e alla valle nuove insanabili ferite sul Monte Carlo.
Altri camion ancora salgono la valle carichi, trasportano detriti provenienti dai cantieri di modifiche di viabilità della zona e si dirigono all'interno della cava Castellaro, nell'area destinata a discarica di smarino. Questi mezzi sono di proprietà COSPEF srl, la ditta stessa a cui sono stati affidati gli allargamenti delle strade in Valverde. Il titolare Antonio Furfaro, calabrese impiantato a Genova, da sempre molto vicino a Gino Mamone risulta coinvolto in varie vicende di traffico illecito di rifiuti. In un'intervista del 2012 al secolo xix, Furfaro dichiaro' di non partecipare alle gare per guadagnare, ma per la necessità di "CAMBIARE I SOLDI". Intervista che, chiaramente, fece molto scalpore, ma che a quanto pare non gli impedisce di continuare ad aggiudicarsi lavori pubblici.
I passaggi di camion che attraversano la Valverde terminano poco prima del buio, mentre, i passaggi di betoniere continuano h24 allietando il sonno degli abitanti durante tutta la notte.
Se al numero di mezzi pesanti aggiungiamo ogni auto, camioncino, furgone... riconducibile ai lavori del Terzo Valico si puo' affermare con buona approssimazione che il 50 per cento dei mezzi che transitano per Isoverde è imputabile al Terzo Valico.
I numeri, in quanto tali, sono dati oggettivi, come oggettive sono la devastazione che a Cravasco ogni giorno avanza inesorabile, nonché gli scandali di mafia che riguardano le ditte che lavorano anche qui a Campomorone.

- Valpolcevera e Valverde No Tav Terzo Valico -"

Ed ecco la seconda:

http://www.ninin.liguria.it/2017/08/07/leggi-notizia/argomenti/mezza-politica-1/articolo/come-si-uccide-unazienda-dopo-le-promesse-il-presidente-toti-scarica-rolando-fazzari.html


Liguria - 

OPEN DAY ROUSSEAU APRE IL "GOLFO SOTTO LE 5 STELLE", L'EVENTO ESTIVO DEL M5S A LERICI
Appuntamento venerdì 28 luglio (ore 18) con Bugani, Salvatore, Sabatini e Morra. Si prosegue con tre giorni di eventi, dibattiti e gastronomia. Atteso anche Ferdinando Imposimato

Dopo le tappe di Genova e Pescara, Open day Rousseau sbarca anche a Lerici. Accade venerdì 28 luglio, alle ore 18, nel Parco di Falconara, in apertura de "Il Golfo sotto le 5 Stelle", la tradizionale festa estiva a Lerici curata e organizzata dal MoVimento 5 Stelle Liguria, giunta quest'anno alla 7^ edizione.

Sarà l'occasione per conoscere da vicino le potenzialità di Rousseau, il sistema operativo online che permette ai cittadini di partecipare direttamente e in modo attivo alla vita politica, in una logica di democrazia diretta e partecipazione dal basso che da sempre contraddistingue il M5S. Interverranno Massimo Bugani, responsabile nazionale del Progetto Rousseau; Alice Salvatore (M5S Liguria); Enrica Sabatini (M5S Pescara); Nicola Morra (M5S Senato).

Ma è solo il primo di una lunga tre giorni di eventi, informazione, dibattiti e gastronomia a chilometro zero, sino a domenica 30 luglio. Oltre ai portavoce regionali e ai parlamentari liguri del MoVimento 5 Stelle, saranno presenti decine di portavoce europei, nazionali, regionali e comunali del M5S, tra cui Sara Paglini (Senato), Massimo Baroni (Camera), Tiziana Beghin (Europa), Roberto Falcone e Raimondo Innamorato, rispettivamente sindaci di Venaria (To) e Noicattaro (Ba), insieme ad avvocati, giornalisti e giuristi esperti, tra cui anche Ferdinando Imposimato, Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione.

MoVimento 5 Stelle Liguria



Liguria - 

Appuntamento venerdì 21 luglio h 20.00 alla Rabina di Imperia (Via Angelo Silvio Novaro 8 - Anfiteatro la Rabina - Imperia) con i consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle.

Ecco l'evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1592361347471731/?ti=cl

Qui di seguito gli 8 quesiti sorteggiati che saranno discussi in assemblea:

1. Buongiorno, oggi sabato 15 luglio su La Stampa è pubblicato un articolo riguardante le multe che la Regione ha inflitto ai comuni che non hanno raggiunto le percentuali prefissate delle raccolta differenziata. Sarebbe interessante interrogare la giunta sull'utilizzo dei fondi derivanti dalle multe, che sono comunque soldi dei cittadini e valutare se in questo caso non è configurabile un danno erariale per le amministrazioni dei comuni interessati. Grazie. Cordiali saluti


2. La messa in funzione del tratto di raddoppio del binario ferroviario da San Lorenzo ad Andora ha evidenziato la mancanza di visione strategica della Regione per la costruzione dei servizi adeguati di collegamento tra i centri urbani e le nuove stazioni:
Mancano nuove strade saranno costruite?
I servizi navetta da e per le stazioni hanno un costo che si somma a quello del biglietto del treno. I sindaci si dichiarano vittime del sistema non avendo deciso la locazione delle nuove stazioni e spesso sopperiscono con iniziative a carico del Comune quindi a discapito delle eventuali spese conto capitale. La sensazione che si ha da utenti e sentendo anche i commenti di molti è che tutto il sistema è improvvisato e funziona molto male. Le stazioni nuove erogano servizi al di sotto della decenza. Mi aspettavo una aperta denuncia di queste sciatteria, che non c'è stata

3. Siete favorevoli alle macroregioni: Liguria con Piemonte e Valle d'Aosta? Siete favorevoli all'accorpamento obbligato di tutti i comuni con meno di 2000 abitanti?

4. Scrivo nelle vesti di membro operativo di una Protezione Civile. Sarei davvero curioso di capire se a livello regionale, a seguito del passaggio di incarichi da Corpo Forestale Dello Stato a Vigili Del Fuoco, il corpo AIB - Anti Incendio Boschivo della Protezione civile, (ovvero personale volontario) sia finalmente in preventivo il cercare di ottenere, e dunque a seguito operare, delle linee guide alle quali sottostare. In questo momento dovete sapere che il sistema regionale AIB è del tutto allo sbando purtroppo e noi della protezione civile non sappiamo bene come e che cosa avverà in futuro. Avendo notato la vostra attenzione verso il corpo dei Vigili Del Fuoco, sono a chiedervi anche una lente su quello che è la componente volontaristica nell'ambito delle operazioni di spegnimento incendi boschivi.

5. La manutenzione degli edifici pubblici trasformandoli in energeticamente efficienti mi pare un argomento che dovrebbe avere un'importanza fondamentale nel dibattito regionale. Da noi sembra che non si voglia investire in rinnovabili, cappotti e finestre di ultima generazione perchè?

6. Buon giorno! come sappiamo ormai da anni tante piccole medie imprese nel settore edile nella provincia di Imperia son costrette a chiudere, domanda: perché quando escono bandi di lavori pubblici vengono assegnati sempre alle solite imprese? secondo voi è tutto regolare? si potrebbe non far partecipare ai bandi pubblici a chi si è aggiudicato più di un appalto durante l'anno, dando la possibilità alle piccole imprese di lavorare. grazie.

7. mia figlia infermiera a volte deve fare 12 ore di seguito, non sarebbe meglio assumere qualche giovane infermiere e fare un orario più normale?

8. Vorrei sapere come intendete agire per far sì che i Centri per l'Impiego, e più nello specifico i Centri per il Collocamento Mirato, divengano veramente una risorsa per chi come me ha dovuto lasciare il lavoro,ed ora, a 51 anni, si ritrova a dover sopravvivere con il solo Assegno di Invalidità di 289.90 €, cifra vergognosa, e l'aiuto dei genitori ottantenni!!! I Centri per l'Impiego ed il Collocamento Mirato sono inutili, uno spreco di denaro pubblico per dare uno stipendio ai "soliti noti", ed assicurarsi il bacino di voti! Fino a quando non ci sarà giustizia sociale, questo Paese, questo Nostro Territorio, saranno destinati a morire! Grazie.


Liguria - 

BANDO SAN MARTINO IST, M5S ANNUNCIA ESPOSTO IN PROCURA
La portavoce Alice Salvatore: "Possibile caso di favoritismo. Serve chiarezza e trasparenza"

"Siamo di fronte a un caso di possibile favoritismo che metterebbe a nudo, se tutto fosse confermato, l'uso spregiudicato e personalistico che Toti fa delle risorse e degli incarichi pubblici, in barba ai più elementari principi di trasparenza. Presenteremo al più presto un esposto alla Procura di Genova per far luce sul caso e verificare eventuali condotte illegittime da parte dei dirigenti sanitari locali."

Lo dice Alice Salvatore, portavoce del M5S Liguria, intervenendo sul caso dell'incarico dell'addetto stampa del San Martino Ist, che sarebbe stato selezionato con un "bando per pochi intimi", come ha denunciato l'Associazione ligure dei giornalisti.

"Stupisce la scarsissima pubblicità per il bando e la conseguente, inevitabile, esigua partecipazione, di fronte alla prospettiva di un incarico prestigioso da 44mila euro + iva, in un momento in cui la crisi colpisce duramente tutti i settori professionali, specialmente quello giornalistico - prosegue Salvatore - È doveroso sgombrare il campo da ogni minimo dubbio o sospetto. Per questo abbiamo deciso di rivolgerci direttamente alla magistratura, convinti che principi come trasparenza e meritocrazia debbano essere sempre al centro della vita politica e, in particolare, da parte di chi riveste ruoli di governo e di management."

MoVimento 5 Stelle Liguria


Liguria - 

DEL DEBBIO, M5S: "100MILA EURO PER ENNESIMA MARCHETTA DI TOTI. REGIONE È ORMAI LA SUCCURSALE DI MEDIASET"

100mila euro di soldi pubblici per quattro serate in piazza condotte dal giornalista Paolo Del Debbio, volto di Rete Quattro, amico ed ex collega di Toti che poche settimane fa aveva presentato il comizio di chiusura della campagna elettorale di Bucci in piazza Matteotti. Nell'ultima marchetta della Regione Liguria c'è una quantità di conflitti di interessi e spreco di denaro pubblico da far invidia a Berlusconi. D'altronde, che piazza De Ferrari fosse ormai diventata una succursale di Mediaset era ormai sotto gli occhi di tutti. Ma Toti sembra voler far di tutto per ricordarcelo ad ogni occasione, in totale sprezzo del ruolo di istituzionale che dovrebbe rappresentare.

Il presidente della Regione faccia al più presto chiarezza sulle procedure con le quali si è scelto di investire i soldi dei cittadini liguri in questo tour. Qual è il valore culturale dell'operazione? Quali ricadute ci si attendono sul territorio? Non sarebbe stato più opportuno investire la stessa cifra per eventi culturali, sociali o turistici che interessano davvero i liguri, invece di propinargli l'ennesimo talk show politico con i soliti noti, di cui gli italiani ormai hanno piene le tasche?

MoVimento 5 Stelle Liguria


Liguria - 

MOBILITÀ SOSTENIBILE, DE FERRARI (M5S): "500MILA EURO ALLA LIGURIA PER LE PISTE CICLABILI GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE"
Decisivo l'emendamento Dell'Orco del 2013 al decreto del Fare e il pressing del portavoce pentastellato in Regione

Dopo quattro anni di dure battaglie a livello nazionale e negli ultimi mesi in Regione, siamo riusciti finalmente a far sbloccare 500mila euro per la messa in sicurezza delle piste ciclabili e pedonali in Liguria. È l'ultimo atto di un lungo lavoro del MoVimento 5 Stelle, tra Roma e le regioni, cominciato nel 2013 alla Camera con l'emendamento a prima firma Michele Dell'Orco al Decreto del Fare affinché le risorse previste venissero riassegnate allo sviluppo e alla messa in sicurezza di piste e percorsi ciclabili e pedonali. Parliamo di circa 12 milioni e mezzo di euro a livello nazionale, di cui 500mila per la nostra regione.

Da allora sono seguiti quattro anni di battaglie burocratiche e amministrative, fino al 10 febbraio di quest'anno, quando la Corte dei Conti ha reso finalmente operativo il riparto delle risorse tra le regioni, rendendo esecutivo l'emendamento del M5S.

La Regione Liguria, a quel punto, aveva a disposizione 150 giorni per assegnare quei fondi. In caso contrario, avremmo disperso 500mila euro di fondi pubblici. In questi mesi abbiamo fatto pressing sulla Giunta Toti con una interrogazione scritta ad aprile e una interrogazione a risposta immediata nelle settimane scorse, per chiedere che la maggioranza si esprimesse al più presto. Sforzi che sono stati premiati dal recente atto con cui la Regione ha deliberato la definitiva assegnazione dei fondi a quattro differenti progetti distribuiti tra le province di Imperia (Camporosso e Vallecrosia), Savona e La Spezia.

Ciò dimostra come anche all'opposizione si possano portare a casa risultati importanti e preziosi. Se avessimo mollato la presa, smettendo di fare pressione, probabilmente ora la Liguria avrebbe disperso mezzo milione di soldi pubblici a tutela di un territorio già fragile e martoriato. Ora vigileremo sull'iter dei progetti, affinché le risorse siano investite nel modo giusto e in tempi rapidi, ma da oggi, anche grazie al M5S, pedoni e ciclisti liguri possono muoversi in modo sempre più sostenibile e sicuro.

Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria

Conosci Rousseau


Liguria - 

Vuoi conoscere il MoVimento 5 Stelle?
Vuoi iscriverti al MoVimento 5 Stelle e diventare un iscritto certificato con diritto di voto sulla piattaforma online Rousseau? Oppure conosci persone interessate che vorrebbero saperne di più? Invitale a OpenDayRousseau:

Appuntamento venerdì 30 giugno alle 18.30 in sala CAP, Via Ariberto Albertazzi 3, Genova.
Presentazione del sistema operativo Rousseau e del MoVimento 5 Stelle, con Max Bugani, Enrica Sabatini e Alice Salvatore.
Questo appuntamento è aperto al pubblico ed è rivolto specialmente a chi intende saperne di più sul MoVimento 5 Stelle e sul nostro innovativo sistema operativo online: Rousseau. Caso unico nella Storia, che viene studiato in tutto il mondo 🌎😄
Invitate parenti, amici, curiosi, scettici!
Facciamo conoscere a tutti il MoVimento 5 Stelle in presa diretta, non quello riportato da stampa e TV.
Esperienza 5 Stelle da non perdere.

Parte #OpenDayRousseau! Spazi di confronto e condivisione per conoscere il valore degli strumenti messi a disposizione dal nostro sistema operativo Rousseau e per scoprire la ricchezza delle esperienze di partecipazione maturate negli anni dalle comunità locali del Movimento 5 stelle.

Dal lancio dei Meetup nel 2005 fino alla nuova applicazione Call to Action, dalla raccolta firme nel 2007 per la presentazione della legge di iniziativa popolare "Parlamento Pulito" fino alle nuove funzioni di Lex Iscritti, Lex Parlamento, Europa e Regione. Dai piccoli gruppi fino alla nascita di una comunità diffusa che apprende attraverso la piattaforma E-learning, condivide atti e proposte con l'applicazione Sharing ed esercita la libertà coma autonomia per difendere la propria sovranità.

Un viaggio all'interno del mondo Rousseau attraverso straordinari percorsi di democrazia diretta, intelligenza collettiva e cittadinanza attiva.
Vi aspettiamo!

Iscriviti all'evento: https://www.facebook.com/events/1703021409727333/?active_tab=discussion&__xt__=33.%7B%22logging_data%22%3A%7B%22profile_id%22%3A1703021409727333%2C%22event_type%22%3A%22clicked_view_event_posts%22%2C%22impression_info%22%3A%22eyJmIjp7Iml0ZW1fY291bnQiOiIwIn19%22%2C%22surface%22%3A%22www_events_permalink%22%2C%22interacted_story_type%22%3A%221058178634193603%22%2C%22session_id%22%3A%22f141e6cbd6556503e6c82718f3c0cd42%22%7D%7D

openDay Genova Definitivo.png


Liguria - 

Leggo su Il Giornale (che evidentemente un giornale non è e probabilmente è diventato un magazine di fanfaluche), che mi si attribuisce un virgolettato fasullo dove avrei esortato gli elettori genovesi a mettere la croce al ballottaggio di Genova su entrambi i simboli dei due candidati!? Col chiaro intento di svilire e tentare di ridicolizzare, tanto per cambiare, le nostre posizioni e la nostra immagine. Non scherziamo e non diciamo sciocchezze. Chiederò formale rettifica al pennivendolo, se non la otterrò procederò per le vie legali.
Ciò che penso è riportato fedelmente nell'articolo che riporto qui sotto (ammetto la mia sorpresa questa volta per Repubblica... forse dovevano in qualche modo rimediare allo strafalcione imperdonabile di Calabresi?).
Ciò che penso è che per senso civico e amore delle istituzioni ogni cittadino dovrebbe recarsi al seggio come è suo diritto fare, e secondo me dovere civico. Scegliendo liberamente se votare un candidato o l'altro, o se piuttosto richiedere al Presidente di seggio di poter rifiutare formalmente la propria scheda elettorale, richiedendo quindi che la cosa sia messa a verbale, manifestando così pubblicamente il proprio dissenso di fronte ai due candidati se reputati indegni (qui trovate le istruzioni per compiere questa operazione correttamente: http://www.imolaoggi.it/2014/05/23/astensione-al-voto-io-non-voto-non-mi-sento-rappresentato-da-nessuno-istruzioni-per-luso/).
Allego anche la video intervista di qualche giorno fa, dove dico che cosa sappiamo e pensiamo di Lega Nord, poiché ripetutamente in questi giorni vorrebbero darla a bere che ci sia una qualche alleanza, del Pd sappiamo già abbastanza, rinfreschiamoci quindi la memoria sui truffatori e ladri del Carroccio che devono ancora spiegarci dove sono "finiti" 56 milioni di Euro: http://www.alicesalvatore.it/2017/06/19/m5s-nessun-legame-lega-1906-tgcom24/

Il MoVimento 5 Stelle non appoggia nessun candidato al ballottaggio di domenica.
Buona partecipazione al voto a tutti, senza mai dimenticare che: "se non ti occupi di politica, la politica si occupa di te".

http://genova.repubblica.it/cronaca/2017/06/16/news/_piu_forti_dopo_gli_errori_sulla_selezione_alice_salvatore_e_la_sconfitta_positiva_-168196692/

Alice Salvatore


Liguria - 

Ciao a tutti, ci avviciniamo all'11 Giugno, il giorno in cui possiamo davvero rendere le nostre amate città Comuni a 5 Stelle!

VENERDI' 9 GIUGNO dalle ore 17:00 alle ore 22.30 ci vediamo tutti in Piazza Matteotti a Genova per chiudere insieme questo grande percorso della campagna elettorale. Sono stati mesi intensi, abbiamo ascoltato e incontrato tantissimi nostri concittadini, abbiamo costruito un programma che è un vero atto di amore per Genova, abbiamo una squadra pronta per amministrare la nostra città.
Insieme a Beppe Grillo, ci saranno i candidati sindaci della Liguria, Luigi Di Maio, Filippo Nogarin, Tiziana Beghin e tanti altri ospiti, portavoce e amici.
Scoprite tutta la lista sull'evento ufficiale Facebook CLICCANDO QUI

Inoltre, domani, 8 giugno 2017, i consiglieri regionali 5 Stelle faranno il RESTITUTION DAY di fronte alla cosiddetta "Reggia" di Regione Liguria, alle 11.00 in Piazza De Ferrari a Genova! Vieni, partecipa anche tu a questo evento straordinario: finalmente cittadini nelle istituzioni che restituiscono denaro alla collettività anziché toglierglielo! Evviva il MoVimento 5 Stelle!!!

GUARDATE IL VIDEO: GENOVA CAMBIA MUSICA

Sei residente a Genova e vuoi aiutare Genova a diventare 5 Stelle con Luca Pirondini Sindaco? Compila questo form: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfBbivoA3yCYBb6I00y29bV4LgJsfqxrOYgCa9_DhNqxQObSQ/viewform
Diventa anche tu rappresentante di lista e aiutaci a monitorare sulle procedure di voto l'11 giugno. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per far diventare Genova una città a 5 Stelle!
Segui questo video per imparare tutto sui rappresentanti di lista (è il video che avevamo fatto per i rappresentanti di lista per il Referendum sulla Costituzione di dicembre, le procedure sono identiche ogni volta che si va al voto!): https://www.facebook.com/Alice.Salvatore.M5S/videos/601667056701138/
MoVimento 5 Stelle Liguria


Liguria - 

Il caso della discarica rapallese al centro di un'interrogazione del MoVimento 5 Stelle in Regione


"Dall'assessore Giampedrone sconfortante superficialità e assenza di risposte sul caso Tonnego."
Lo dice il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria, Fabio Tosi, primo firmatario di un'interrogazione sulla situazione drammatica in cui versa la discarica di Rapallo.

"L'assessore si è limitato, come al solito, a leggere il compitino passato dagli uffici, dimostrando di non avere alcuna conoscenza delle condizioni reali dell'impianto - spiega Tosi - Come ha già denunciato in tempi non sospetti il consigliere comunale Solari, i rifiuti indifferenziati stoccati nell'area superiore superano da mesi il termine delle 24 ore previsto dall'autorizzazione del 2011. Denuncia per cui la Giunta ha addirittura deliberato di procedere per vie legali per "danni di immagine alla città": un fatto mai accaduto prima nel Comune di Rapallo."

"Restano, inoltre, intatti tutti i nostri dubbi sull'eventuale presenza rilevante di rifiuti biodegradabili all'interno dell'indifferenziato, a causa dell'impossibilità di fare una verifica approfondita sulle modalità di differenziazione all'interno dell'impianto - aggiunge Tosi, che pone poi l'accento sul tema della sicurezza - Sebbene l'area di Tonnego sia inserita nell'Anagrafe regionale dei siti di bonifica ed essendo da tempo approvato il progetto di messa in sicurezza, la bonifica della vecchia discarica non è mai stata avviata. Ciò significa - prosegue il portavoce M5S - che si è realizzato un nuovo impianto di raccolta rifiuti in un'area che non è mai stata bonificata, con tutte le possibili conseguenze in termini di sicurezza per i dipendenti, i cittadini e l'ambiente."

"Dall'assessore Giampedrone ci saremmo attesi ben altra padronanza della materia e la volontà politica di dare quelle risposte e garanzie che il territorio da troppo tempo attende - conclude Tosi - Invece abbiamo assistito ad un mero compitino, sotto dettatura degli uffici tecnici: tante parole, qualche generica rassicurazione, ma nessuna risposta chiara su un tema che invece meriterebbe un impegno serio da parte della Regione."

MoVimento 5 Stelle Liguria

Partecipa ai nostri eventi

LISTE CIVICHE A 5 STELLE