Gennaio 2013 Archives

Newsletter Settimanale M5S Lazio

user-pic
 

Salve a tutti!
La campagna elettorale sta entrando nel vivo e attivisti e candidati del MoVimento 5 stelle moltiplicano gli sforzi e le iniziatie per incontrare i cittadini.
Potete vedere tutti i nostri incontri nell' AGENDA EVENTI.

L'incontro principale della settimana sarà mercoledì 30, a partire dalle
ore 14:00, alla Citta Dell'Altra Economia (CAE)
in Largo Dino Frisullo a
Roma, dove sarà realizzata la CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE PROGRAMMA

Venite a conoscere le PROPOSTE del MoVimento 5
Stelle
(si puo' scaricare il programma partecipato del M5S per
il governo della Regione Lazio QUI... .leggetelo e diffondetelo ovunque)

Vi aspettiamo numerosi!
Aderite all'evento su Facebook


Segnatevi le date dello TZUNAMI TUOR NEL LAZIO e non prendete altri impegni :)
Rieti: 21 febbraio Piazza Vittorio Emanuele II ore 16:30
Viterbo: 21 febbraio Piazza del Blebiscito ore 20:30
Roma: 22 febbraio
Sarà un Piacere Day

Infine, vi ricordiamo che non prendiamo rimborsi elettorali, e che tutte le
nostre iniziative sono autofinanziate e frutto del lavoro volontario di
tanti cittadini attivi. Se potete, contribuite con una donazione.
Abbiamo bisogno del vostro aiuto !

Noi siamo pronti al BOOM 5 STELLE anche nel Lazio...e voi ? :-)))

MoVimento 5 Stelle Lazio

Presentazione Programma Regionale

user-pic
 

602734_10200494093943678_1140865793_n.jpg

Mercoledì 30 gennaio alle ore 14,00 presso i locali della Città dell'Altra Economia, in largo Dino Frisullo a Roma (ex mattatoio di Testaccio), il candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della regione Lazio, Davide Barillari, insieme agli altri candidati alla Regione presenteranno il programma elettorale. 

Si tratta del primo programma regionale costruito interamente dai cittadini, che hanno iniziato prima dell'estate a riunirsi in tavoli di lavoro tematici in cui sono state messe a punto le linee guida, aprendolo quindi alla consultazione pubblica. E così dal 13 al 18 gennaio i cittadini hanno potuto partecipare on line alla redazione del programma inviando oltre 1000 tra proposte e commenti che hanno modificato e integrato il lavoro già fatto. Dal 19 al 22 gennaio i cittadini hanno invece votato le priorità da dare nell'attuazione delle proposte contenute nel programma. Alcune saranno proposte attuabili fin da subito, a costo zero, e altre saranno proposte più complesse che necessiteranno di più tempo e più impegno economico. 

Ma il programma del Movimento 5 Stelle per il Lazio è un lavoro che non si fermerà mai, infatti a partire dal giorno successivo alle elezioni, quando i nostri portavoce saranno entrati nei palazzi della regione, i cittadini potranno continuare a inviare le loro proposte per il governo del Lazio. In questo modo i nostri portavoce saranno sempre aggiornati sui problemi del territorio, e potranno aprofittare dei contribuiti di tutti alle possibili soluzioni.


fontana_tarquinia.jpg

Il Comune di Tarquinia cerca urgentemente un dearsenificatore al prezzo di 448mila euro ma non ha pubblicato il bando di gara. Così abbiamo deciso di aiutare l'amministrazione comunale diffondendo il più possibile alle imprese interessate la documentazione per partecipare all'appalto (capitolato appalto.pdf).

 La decisione di acquistare con la procedura di urgenza, che consente di evitare la preventiva pubblicazione del bando e di invitare le ditte a partecipare alla selezione senza dare troppa pubblicità, è prevista dalla legge.

E che l'urgenza ci sia è innegabile visto che dal 31 dicembre del 2012 i cittadini di Tarquinia non possono più usare l'acqua che esce da loro rubinetti, neppure per sciacquare la verdura a causa dell'eccessiva quantità di arsenico contenuta.

Quel che invece desta qualche perplessità è il perché si sia aspettato tanto tempo, prima di decidere di acquistare il dearsenificatore, visto che già da ottobre 2011 il sindaco di Tarquinia aveva vietato a donne incinte e bambini fino a 3 anni di usare quell'acqua, mentre per gli adulti era stata fatta dall'Europa una deroga che consentiva di non vietarne l'uso umano fino al 31 dicembre 2012.

Ma ora la deroga è scaduta e così la lungimirante amministrazione della cittadina laziale ha deciso di riunirsi lo scorso 27 dicembre e ha deliberato di procedere all'acquisto (delibera.pdf).

Dello stesso tempismo sono stati la Asl competente e la Regione Lazio che sembrerebbero essersi accorti del problema rispettivamente il 27 novembre 2012 e il 18 dicembre 2012, visto che la delibera del comune di Tarquinia spiega come in tali date entrambi gli organi abbiano sollecitato l'amministrazione cittadina a trovare una soluzione al problema dell'arsenico.

A leggere il bando si capisce solo che è richiesto un impianto di dearsenificazione che sia in grado di filtrare fino ad un massimo di 70 litri al secondo garantendo una presenza di arsenico non superiore a 7 mg/l (rel. tecnica.pdf e disciplinare tecnico.pdf), ma nulla si dice relativamente al tipo di tecnologia, visto che attualmente esistono dearsenificatori in grado di potabilizzare l'acqua producendo pochissime scorie mentre ce ne sono altri che  generano elevate quantità di residui della depurazione che poi devono essere smaltiti come rifiuti tossici.

Quel che sembra certo é che le procedure di appalto fatte con procedura di urgenza e con vistose limitazioni alla trasparenza amministrativa, come per l'emergenza rifiuti in Campania o per il terremoto dell'Aquila, andrebbero forse ripensate, e il ricorso alle stesse, dove é possibile, sostituito da una maggiore lungimiranza degli amministratori, visto che a Tarquinia si poteva iniziare a cercare una soluzione almeno 14 mesi fa


MoVimento 5 Stelle Lazio

Mercoledì 23 gennaio il Movimento 5 Stelle Lazio incontra il Comitato Pendolari FR8 Carrozza.

Vista la loro battaglia e le loro proposte lasciamo pieno spazio per dare loro visibilità e forza nell'ottica della partecipazione del M5S.

Chi Siamo

Siamo un gruppo di Cittadini che sta cercando di far valere le proprie ragioni e diritti. La nostra azione non ha finalità di demonizzare alcuno o di scatenare conflitti, al contrario, si vuole esigere ciò che per diritto dovrebbe essere garantito al cittadino, nella modalità più trasparente e nello spirito della nonviolenza.

NOI amiamo il treno, lo rispettiamo e lo abbiamo eletto quale mezzo di trasporto del futuro, in quanto più sostenibile, a minor impatto ambientale, luogo di incontro, arricchimento e coesione sociale, patrimonio pubblico realizzato con il denaro pubblico e attraverso questo riteniamo debba essere gestito per fornire un servizio ottimizzato, efficiente, attraente.

Se solo fosse gestito adeguatamente e non trasformato in una fonte di stress e danno!

Cosa Chiediamo

A Trenitalia

Materiale: rileviamo carrozze da rottamazione. Porte d'uscita guaste in sequenza (gente intrappolata), scalini impossibili per bimbi, passeggini, valigie, anziani e disabili; filtri mai sostituiti, vagoni vandalizzati e indecenti.

Orari: formulare orari compatibili con i tempi di pulizia e con la domanda dell'utenza. Assolutamente da evitare la soppressione di fermate nelle stazioni della tratta.

Frequenza: indispensabile effettuare il servizio ogni mezz'ora in corrispondenza degli orari di punta. Aumentare le frequenze nei festivi, inaccettabile un treno ogni due ore. Prevedere ultimo treno dopo le 23 da e per Roma festivo e feriale. Assolutamente improponibile soppressione treni.

Risarcimenti:
garantire rimborso spese per i viaggiatori che abbiano subìto ritardi superiori a 20 minuti sull'orario previsto (25% della durata intera tratta) e per le soppressioni dei treni.

Fermate:
evitare la soppressione di stazioni come Pomezia e Torricola per risparmiare sul tempo di percorrenza. Piuttosto, evitare le ordinarie attese all'incrocio di Campoleone ed eliminare tutti i passaggi a livello realizzando sottopassi.

Raddoppio binario:
estendere tale potenziamento all'intera linea. Raddoppiare binari per 6 km non servirà assolutamente a risolvere i problemi della FR8. La motivazione addotta della presenza di edifici sulla fascia di rispetto dell'infrastruttura è doppiamente fraudolenta: a)un edificio abusivo non può pregiudicare lo sviluppo/adeguamento di un servizio strategico di pubblica utilità, soprattutto di un bacino di utenza potenzialmente superiore a 100.000 fruitori; così come non c'è stato vincolo o proprietà rimasta inviolata per la realizzazione della TAV; b)avallare la presenza di edifici abusivi, ancorchè sanati illecitamente, su fascia di rispetto vuol dire non mettere il servizio in sicurezza. Si chiede che tale obiettivo venga riportato nel contratto di servizio in revisione.

Capienza:
garantire almeno 7 carrozze a due piani. Vivalto inadeguato nella fascia oraria 6.00-9.00 e 16.00-19.00; oltretutto è stato mal progettato per impianto d'areazione pernicioso e la limitata disponibilità di posti. Da evitare assolutamente carrozze ad un piano o vecchi leonardo express.

Controllo:
garantire presenza personale di bordo per rilevare disfunzioni, anomalie, avarie, criticità, segnalazioni guasti, malesseri, atti vandalici, comportamenti scorretti,...e nel vostro interesse, documenti di viaggio.

Sicurezza:
troppo spesso le condizioni di viaggio determinano malesseri, svenimenti, intossicazioni, per il sovraffollamento di carrozze fatiscenti e insufficienti, freni fumanti in avaria. Si chiede adeguamento alle norme sulla sicurezza, oltre che alle misure sopra citate. Dotare le carrozze di dispositivi antincendio e vie di fuga, nel rispetto delle norme vigenti.

Alla Regione

Contratto: pubblicare il contratto di servizio, in quanto atto pubblico, sul portale Regione(L. 241/90). rispondere della gestione del servizio stesso.

Verifiche: prevedere ispezioni sulle linee regionali e nelle stazioni, non concordate o pianificate. Vigilare sull'adempimento dell'articolato contrattuale.

Trasparenza: rendiconti mensili pubblicati su sito sugli orari eff>ettivi registrati dai treni regionali. Ci riserviamo di incrociare il dato con i nostri rilievi giornalieri.

Investimenti: pubblicare il bilancio del capitolo trasporti ferroviari per verifica dell'impiego fondi pubblici destinati ai regionali e alle linee Alta Velocità.

Tariffe: a compensazione parziale dei disservizi subiti negli ultimi 10 anni, congelare le tariffe per 3 anni, al termine dei quali si farà un bilancio dei risultati conseguiti in termini di efficienza, qualità, sicurezza del servizio erogato. Solo alla verifica di effettivo miglioramento delle prestazioni è ammissibile un adeguamento tariffario nell'ordine del 15% massimo. I fondi destinati al trasporto non vanno distratti per TAV e caselli di pedaggio di inutili autostrade cieche, ma per acquistare nuovo materiale, sviluppare la rete e adeguare le stazioni.

Policy: dare priorità agli investimenti su rete ferroviaria rispetto alla rete stradale, incentivare il trasporto pubblico aumentando l'efficienza e il comfort. Disincentivare l'uso mezzo privato.

Risarcimenti: garantire ai cittadini che scelgono il servizio ferroviario le stesse tutele riservate a chi eroga il servizio.

Incentivi: nel programma Roma Capitale prevedere incentivazione mezzi pubblici meno impattanti sull'ambiente con campagne di sconti.
Estendere tali incentivi alle province, così come fatto dalla Provincia di Roma.

A RFI (Rete Ferroviaria Italiana)

Display di stazione: verificare il funzionamento display in tutte le stazioni (Campoleone riempito di inutili display da 4 anni), con info reali relative a ora, orario treno, orario effettivo, destinazione.

Personale di stazione: prevedere almeno un addetto per biglietti, informazioni al pubblico, COMUNICAZIONI con altoparlante e segnalazioni in ogni stazione.

Le piccole stazioni: garantire il decoro e la funzionalità del servizio, attraverso display informativi, acqua potabile e bagni pubblici fruibili e puliti.

Servizi in stazione: ripristinare le fontanelle dell'acqua pubblica lungo tutti i binari, dotandole, per il risparmio del bene primario, di dispositivo per l'erogazione.
Vergognosa l'azione effettuata. Chi scende a Termini dopo ore di viaggio non trova più nemmeno un goccio d'acqua per ristorarsi e rinfrescarsi.

Thumbnail image for IMG_1859.jpg

Dal nostro attivista Marcello De Vito.

Venerdì 25 gennaio 2013 ho avuto l'onore e l'onere di depositare le firme della lista regionale presso la Corte d'Appello di Roma. Proprio come me, i delegati delle liste provinciali (Alessandro Canali e Gennaro Pullo per Roma, Luca Cerquatelli e Valerio Chiezzi per Viterbo, Paolo Patini e Luca Frusone per Frosinone, Cristian e Gabriele Lorenzoni e Gaspare Nacchia per Rieti) hanno depositato i loro fascicoli presso i
rispettivi Tribunali.

Devo dire che mi ha fatto un certo effetto depositare il fascicolo proprio nello stesso identico edificio dove, esattamente 9 anni fa (il 27/1/2004), sostenevo l'orale dell'esame di avvocato. Era l'aula in corrispondenza al piano di sopra...
Sempre nella serata di venerdì sono stato richiamato dalla Corte di Appello (per poco non mi prende un infarto, ho fatto l'Olimpica tipo in 3 minuti e mezzo!) che mi ha notificato il verbale di ammissione della lista regionale.
Poi via via sono arrivati gli "ok" di Roma, Frosinone, Rieti, Latina. Infine Viterbo.

La nave è in porto!

Con questi atti si chiude un periodo di lavoro folle, iniziato con la costituzione del comitato elettorale e la nomina dei delegati di lista nell'assemblea regionale dello scorso 18 novembre.

Ho avuto l'opportunità ed il privilegio di lavorare fianco a fianco di persone incredibili e straordinarie come (l'ordine è puramente casuale): Andrea Puggioni, Roberta Capoccioni, Walter Curti, Marzio Casa, Andrea Cugnetto, Gennaro Pullo, Roberto Giardi, Alessando Canali, Cristina Vignapiano, Carlo Pesce, Daniele Mancini, Gaspare Nacchia, Christian Bellincampi, ...

Un enorme grazie va a Roberta Lombardi, che all'inizio ci ha letteralmente trascinato.
Spesso e volentieri, guardandoli lavorare, mi sono chiesto: "perché lo fanno?"; e credo che la risposta sia la stessa che ho dato sempre per me stesso e che Grillo ripete continuamente nei suoi comizi: vale a dire che ognuno di noi ha l'obbligo di dedicare una parte della propria vita agli altri ed all'impegno civile, rischiando anche a livello personale.

Negli ultimi mesi, della nostra vita, ne abbiamo data parecchia... Siamo passati sopra difficoltà di ogni sorta. Abbiamo conformato le liste ai paletti normativi, ma anche a tutti i possibili risvolti dei vari ricorsi pendenti al Tar: sarebbero andate bene in qualunque caso!

Siamo passati sopra contestazioni, minacce, diffide... Anche da parte di chi ha pensato bene di giocarsi prima la carta nazionale, per poi riservarsi il "jolly" delle regionali.
Siamo rimasti fermi, irremovibili e convinti della correttezza del nostro operato.
Abbiamo fatto nottate su nottate. Ci siamo posti quesiti e ancora quesiti.
Abbiamo superato gli errori degli altri... MA ANCHE GLI ERRORI NOSTRI!

Ci siamo divertiti; ma ci siamo anche letteralmente disperati, imprecando con le mani nei capelli, nelle occasioni che ben immaginate...
A volte mi sono detto: "Non ce la faccio più!" Ma il gruppo è stato superiore ed ha sopperito alle mancanze del singolo, consentendogli di rifiatare, ridandogli forza!

Li ringrazio tutti, ad uno ad uno, per avermi supportato e sopportato.

Abbiamo coordinato la raccolta firme e ricevuto migliaia di moduli firmati.
Li abbiamo ricontrollati, riletti, verificati, "spulciati", contati, catalogati e inseriti in file di ogni sorta, ordinati e infine ... fascicolati!
Grazie Gennaro, Roberta Capoccioni, Roberto, Andrea Puggioni, Marzio!
Abbiamo approntato tutta la modulistica: gli atti di accettazione della candidatura, i moduli di collegamento delle liste provinciali alla lista regionale e da quest'ultima alle prime, le deleghe ed altro.
Abbiamo accompagnato i candidati da notai (grazie Alessandro) e cancellieri (grazie Walter).
Abbiamo studiato tutta la normativa, per poi ristudiarla ancora, e ancora, e poi ancora fino allo sfinimento! Ed anche fino a che abbiamo preso atto che il Governo, in data 31/12/2012... (!), emetteva un decreto con cui rimischiava le carte, costringendoci e rifare gli atti di accettazione della candidatura.
E NOI GLIELI ABBIAMO RIFATTI CA...!!!
C'è una scena che rimarrà per sempre scolpita nella mia testa e che per me rappresenta l'emblema di tutto questo periodo: Walter Curti che all'1.30 di notte si disperava come un matto perché, in due a lavorare a casa mia, non trovavamo più 4 moduli di firme, di quelli "preziosi". Quasi in lacrime diceva: "MA ERANO 80 FIRMEEEEE!!". Walter, ora te lo posso dire,.... eri proprio un "tajoooo"!
Un mix perfetto tra un pazzo ed un ragazzino... bello spirito!!
Alla fine i moduli sono venuti fuori alle 2.00 di notte, LI AVEVO SISTEMATI MALE IO...
In questa squadra si COMBATTE per una firma! Figuriamoci per 80...

Ringrazio anche Roberto Di Palma, Paolo Ferrara e Federica Daga ("Nostra Signora delle Firme") per il lavoro fatto insieme nel periodo conclusivo. E voglio congratularmi con loro per quanto hanno fatto a livello nazionale e soprattutto per l'Estero.
Grazie a Dario D'Innocenti che negli ultimi giorni ha richiesto e ritirato più di un migliaio di certificati elettorali.

Un ultimo GRANDE GRAZIE va all'intero MOVIMENTO ROMANO, al gruppo logistica, al gruppo comunicazione, ai singoli municipi, ai vecchi e nuovi attivi che hanno comunemente messo in atto uno sforzo PODEROSO per e nei week end di raccolta delle firme (anche qualcuno in più del dovuto...). Sotto la pioggia e sotto il sole, nelle piazze, tra la gente, a raccogliere le firme delle persone ma anche e soprattutto il loro malcontento ed il loro calore: OGGI CREDONO IN NOI (OSSIA IN LORO) E NOI ABBIAMO
L'OBBLIGO DI NON DELUDERLI(CI)!

Il 25 gennaio abbiamo consegnato 6 FASCICOLI PERFETTI, ricevendo riconoscimenti in tal senso da parte dei cancellieri che ci rilasciavano "l'agognato" provvedimento di ammissione.
Con la coda dell'occhio notavamo il lavoro altrui; e ci accorgevamo di una netta differenza qualitativa a nostro appannaggio. Questa è una differenza che DEVE necessariamente uscire fuori.

SIAMO PIU' FORTI, PIU' CONVINTI, PIU' COMPATTI, PIU' TECNOLOGICI, PIU' DETERMINATI E PIU' INCAZZATI!
SIAMO SOPRATTUTTO CITTADINI ONESTI!
POSSIAMO VINCERE, CREDIAMOCI!!!

Il mio lavoro finisce qui... fatti salvi eventuali ricorsi che io e gli altri delegati dovremo proporre e fatta comunque salva la nomina da parte nostra dei rappresentanti di seggio e gli ulteriori adempimenti di natura burocratica.
Abbiamo finito il nostro compito da gregari.
Adesso restano i candidati nella dirittura d'arrivo finale, per la loro personale e comune volata...
Un intero Movimento a spingerli e incoraggiarli.
Rivolgo quindi a loro ed a Davide Barillari il grande augurio di avere nelle gambe, nella testa e nel cuore la forza per piazzare lo sprint vincente e per portare a casa il grande risultato che l'intero Movimento merita.

Forza Davide, Forza ragazzi!
Un grande in bocca al lupo!!!

Marcello De Vito

Hanno paura.

user-pic
 

Acqua Pubblica, Ambiente, Connettività, Sviluppo, Trasporti, Salute, Legalità, Stato e Cittadini, Programma Partecipato. Pensate che i media diano spazio alle idee in moVimento? Alle soluzioni concrete proposte dai cittadini, che interessano al grande pubblico? Macché!

Al contrario, così come impone l'informazione di proprietà della casta banche+monopoli, i giornalisti con la tessera "tengo famiglia" sono occupati a trovare ogni minimo pretesto per omologare i 5 Stelle al teatrino della vecchia politica, dove si parla solo del NULLA.

È una strategia molto chiara. Da decenni sempre la stessa. Diffondono l'aria fritta e fanno di tutto per friggere qualsiasi volontà contraria ai loro interessi. Poi ci appiccicano sopra un sondaggio farlocco, e il gioco è fatto! "Il 5 Stelle sta perdendo il consenso...". Sì, come no! A Roma si dice "ce sto proprio a crede..".

Nessuno sa da dove come e quando escono fuori intenzioni di voto del tutto fuori dalla realtà. Siamo andati a verificare in un mercato di Roma, uno dei tanti dove stiamo continuando a raccogliere le volontà di chiunque è interessato a migliorare il nostro Paese, dai quartieri allo Stato. Non abbiamo trovato nessun contrario alle 5 Stelle.

Molti cittadini sono stanchi. Ma non si arrendono. È bene ricordarlo. Dobbiamo riprenderci la proprietà di ogni Bene Comune, dall'informazione a tutti i servizi pubblici, compreso il diritto a un SERIO e ONESTO voto elettorale, dove è del tutto evidente l'interesse della casta nel mantenere le altissime percentuali di "non voto" legate allo schifo imperante. Per questo non si deve sapere che esiste un Movimento capace di riportare in VITA ogni VITA, col sorriso.

La risposta più vera, più spontanea, sul perché diffondono falsi sondaggi, è stata: "hanno paura."

Fate girare.

Loro non si arrenderanno mai. Noi neppure. Ci vediamo in Parlamento, Regione e Comune.

p.s.: qui i luoghi del Mercato Day di domani.


Venerdì 11 gennaio 2013 il Movimento 5 Stelle Lazio intervista il Comitato per l'Acqua Pubblica Anzio Nettuno.

Parliamo di referendum:

"l'esito referendario lo conosciamo tutti ed è quello che ha definitivamente abrogato il profitto sull'acqua e la privatizzazione dei servizi pubblici."

e della nuova tariffa:

"è stato approvato il 28 dicembre dall'AAEG (Autorità Acqua Energia Gas) un provvedimento che reinserisce la ' remunerazione del capitale investito' col nome di 'costi degli oneri finanziari' ribaltando così la volontà dei cittadini."

Sappiamo che il Forum dei Movimenti per l'Acqua ha lanciato la campagna di obbedienza civile:

"Questa campagna nazionale è secondo noi l'unico strumento in grado di permettere ai cittadini di applicare direttamente il referendum, perché colpisce il gestore tagliando dalla bolletta quella parte prevista dalla legge"

Le proposta del comitato per ovviare al 'problema dell'arsenico':

"inserire i dearsenificatori è una delle soluzioni più veloci, ma temporanee se non smettiamo di cementificare il territorio, di lasciare che impianti come la turbogas usino tantissimi metri cubi di acqua potabile al minuto, o scavare più in profondità dove c'è più arsenico per mandare l'acqua alle case dei cittadini... l'impegno e la richiesta è quella di fare un programma che rispetti l'ambiente, pena la mancanza di soluzioni"

Comitato Acqua Pubblica Anzio Nettuno:
http://acquapubblica.altervista.org/

Verso il programma M5S Lazio

user-pic
 

Il programma partecipato del MoVimento 5 Stelle Lazio ha gia' ottenuto un ottimo risultato: abbiamo ricevuto oltre 1000 commenti e suggerimenti, che ci hanno permesso di costruire un programma ancora piu' vicino alle esigenze di ognuno di noi.
I tavoli di lavoro tematici hanno lavorato intensamente in questi giorni per integrare le idee migliorative arrivate dei cittadini, nelle proposte che entreranno nel nostro programma regionale.

Ora il programma e' in corso di votazione su www.lazio5stelle.net: tutti insieme stiamo decidendo quali sono le priorita' dei punti del programma, in modo da decidere quali sono le prime iniziative che faremo in regione, fin dal primo giorno, partendo dalle proposte piu' urgenti a costo zero.

Chiediamo a tutti di partecipare attivamente in questo ultimo giorno di votazione online.

Entrate sul sito www.lazio5stelle.net e cliccate su PARTECIPA AL PROGRAMMA.

Domani saremo a Pomezia e Latina insieme a Beppe, e in questa grande tappa dello Tsunami Tour nel Lazio, lanceremo il programma di governo per la regione Lazio del moVimento 5 stelle.

Il nostro programma contiene forti elementi di novita': trasparenza, innovazione, investimenti, partecipazione.
Non solo quindi lotta agli sprechi e ai tagli ai privilegi ed ai costi della politica, ma chiare linee guida che cambieranno per sempre il sistema di gestione della sanita', dei rifiuti e dei trasporti.
Abbiamo tante competenze e tantissime idee: il nostro programma costruito in rete e' il frutto dell'intelligenza collettiva di tutti noi.

La parola torna finalmente ai cittadini !
Ci vediamo in regione, e sara' un vero piacere.

Un voto a 5 Stelle

user-pic
 

votazione5stelle.jpg

La votazione è partita, da questo momento in poi potrai decidere le sorti della tua regione.
Come annunciato più volte, ciascun punto inserito nel programma del Movimento 5 Stelle Lazio sarà deciso dai cittadini.
Il lavoro è stato organizzato per gruppi tematici, e a ciascun cittadino è stata data l'opportunità di partecipare. Il programma è stato poi integrato dai contributi della rete, contributi che ad oggi risultano superare i 1000 commenti. Da questo momento in poi hai la possibilità di assegnare un ordine di priorità a ciascun punto discusso. Oggi iniziamo con mobilità, salute e connettività. In questo modo sarai tu a decidere la voce da portare nel consiglio regionale del Lazio.
Il destino della nostra regione dipende anche da te.
Per votare devi assegnare un punteggio che va da 1 a 5 con un semplice click sulla stella corrispondente. Una volta dichiarato, il voto non sarà modificabile.
Dunque, non indugiate oltre, esprimetevi!

Per votare il programma:

Visita la pagina mobilità

Visita la pagina salute

Visita la pagina connettività

Sono oltre 700 i suggerimenti arrivati sul sito www.lazio5stelle.net, fino ad ora, da parte dei cittadini del Lazio che hanno deciso di aiutarci a scrivere il programma per il governo della nostra regione.

L'iniziativa, che è partita il 13 gennaio e si concluderà il 18 gennaio, punta a far partecipare gli abitanti del territorio laziale alla scelta delle linee guida di politica regionale che saranno seguite dal MoVimento nella sua attività dentro al consiglio regionale.

Il progetto vuole anche abituare i cittadini a governare direttamente le proprie istituzioni. Fino al 18 gennaio coloro che si collegheranno al sito potranno scrivere direttamente le loro proposte da inserire nel programma.

A partire dal 19 gennaio e fino al 22, invece i cittadini potranno votare i singoli punti del programma per decidere a quali proposte dare la priorità nella realizzazione.

Quello che in questi giorni sta accadendo sul sito del MoVimento 5 Stelle Lazio è il primo esperimento di questo genere nella nostra regione ed è un lavoro che non si fermerà mai. Infatti il programma del M5S anche dopo il giorno delle elezioni quando i nostri portavoce saranno alla Regione Lazio, sarà sempre in continua evoluzione in base alle esigenze dirette dei cittadini laziali.

Rifiuti in discarica? Ma anche no!

user-pic
 

La notizia in questi giorni imperversa sulle pagine dei quotidiani; Il Tar del Lazio boccia il piano rifiuti approvato in forma definitiva dalla giunta Polverini nel gennaio 2012 perché in contraddizione alle normative comunitarie. Intanto il ministro Clini tenta il colpaccio approvando un decreto volto a smaltire i rifiuti della capitale nelle discariche in giro per la regione, alimentando l'ennesimo vespaio di proteste nelle province.

Tra Decreti Ministeriali, sentenze del TAR e ricorsi al Consiglio di Stato, il tema dei rifiuti e del loro corretto smaltimento risulta quanto mai scottante.

In questo intricato scenario si inserisce la storia del centro di trattamento dei rifiuti di Morelle. L'impianto, sito nel comune di Terracina, apre i battenti nel 1976 ed è considerato un fiore all'occhiello per tecnologia e innovazione. Negli anni viene ampliato e potenziato grazie a fondi comunali e regionali, l'ultimo ammodernamento iniziato nel 2001 e concluso con il collaudo del 2003 costa ai cittadini qualcosa come un milione di euro. Soldi certamente ben spesi, se non fosse per il fatto che da questa data in poi l'impianto resta CHIUSO.

Con una potenzialità di 130 tonnellate al giorno, quest'impianto potrebbe ridurre sostanzialmente lo smaltimento di RSU nella discarica di Borgo Montello (Latina). Infatti esso potrebbe trattare i rifiuti di gran parte del sud Pontino. Di questo ne gioverebbe l'ambiente, la salute dei cittadini e l'economicità del servizio di smaltimento rifiuti.

Intanto a cavalcare l'onda dei comitati spontanei che da qualche giorno manifestano alla discarica di Borgo Montello, ci sono gli stessi partiti che fino ad oggi hanno gestito il sistema dei rifiuti dei comuni della provincia.

Ricordiamo che la Latina Ambiente e la Terracina Ambiente avevano quote azionarie anche della società che gestisce la discarica. Forse è questo il motivo dell'interesse a non attuare un circuito virtuoso dei rifiuti?

Ci sorge un dubbio; non è che a qualcuno conviene di più versare rifiuti indifferenziati in discarica, dando lavoro a ditte di dubbia appartenenza, piuttosto che riattivare centri già esistenti ed in grado di ridurre, differenziare e trasformare i nostri rifiuti in risorse?

Loro non si arrenderanno mai, ma gli conviene? Noi neppure.

PS: Sostieni la Campagna Elettorale del MoVimento 5 Stelle Lazio con un libero contributo tramite bonifico alle seguenti coordinate:
C/C intestato a "Anselmo Falbo Mandatario Elettorale di Davide Barillari"
IBAN: IT 58 A 05018 03200 000000153293

Indicando come causale: "Campagna elettorale 2013 Regione Lazio".

Mentre il nostro "gandiano" candidato portavoce accompagna Beppe Grillo di ritorno nella sua Genova dopo il bliz laziale, un altro pezzo di programma regionale prende vita: COME COMPORTARSI IN LIBRERIA DAVANTI AD UN LIBRO DI BRUNO VESPA.
Prima fase l'individuazione del manoscritto;
La seconda mossa è, afferrarlo con guanti protettivi contro la corrosione;
Terza, posizionarlo in modo tale che davanti ad esso possa essere apposto un altro libro.
La scelta dei libri da posizionare è facoltativa purchè non siano corrosivi anch'essi, presentati in conferenza stampa dallo psiconano e vidimati da scilipoti.

PS. Il programma regionale è in costruzione a questo indirizzo.
Non sei obbligato a partecipare alla sua stesura ... ma perchè non farlo?

Debutto a Frosinone

user-pic
 

Debutto a Frosinone con Beppe Grillo per i candidati del Movimento 5 Stelle alla Regione Lazio insieme al candidato presidente, Davide Barillari.

Ieri pomeriggio alle 16 è arrivato a piazzale Europa il camper con Davide e Beppe dove li aspettavano centinaia di cittadini di tutto il frusinate insieme a Ilaria Fontana, ed Enrica Segneri, le due candidate della provincia di Frosinone del Movimento 5 Stelle alla Regione Lazio e Luca Frusone, in lista per la Camera dei Deputati. Dopo l'esordio di due giorni fa in conferenza stampa, ieri per Davide è stata la prima volta che ha parlato in piazza davanti a centinaia di persone e con lui è stata la prima volta anche per Enrica e Ilaria. Dal palco montato davanti ad un centro commerciale, sotto sequestro da anni (per problemi di abusivismo edilizio, sic!), Grillo si è scagliato contro la corruzione dilagante e la mancanza di politiche a favore delle piccole imprese. Beppe ha sottolineato la necessità di prevedere l'obbligo in capo al Parlamento di discutere le leggi di iniziativa popolare e l'introduzione dei referendum propositivi senza quorum, in modo dare a tutti i cittadini la possibilità di essere ascoltati e dire la propria nel percorso di formazione delle leggi. Un modo per impedire alla politica che qualcuno sia lasciato indietro a causa del menefreghismo del legislatore verso le esigenze della gente. Davide Barillari ha deciso di iniziare il suo giro per il Lazio proprio dal frusinate per testimoniare la vicinanza ai cittadini dalla valle del fiume Sacco, uno dei corsi d'acqua più inquinati della Regione Lazio a causa degli scarichi industriali abusivi dove quella stessa acqua i contadini sono costretti a usarla per irrigare i loro campi. In questo territorio dove la sanità è in ginocchio, gli ospedali e le cliniche convenzionate stanno chiudendo; come a Sora, Cassino e Alatri o dove hanno già chiuso come a Ferentino e Anangni. Con una città come Ceccano dove nell'acqua potabile c'è l'arsenico. Un territorio flagellato dalla disoccupazione a causa della chiusura di grandi imprese come la Videocon che ha già serrato i battenti lasciando a casa 1300 operai e la Multiservizi che è sull'orlo del baratro, è stato il primo luogo dove i candidati alla Regione Lazio del Movimento 5 Stelle hanno scelto di iniziare il loro cammino insieme a Davide e a Beppe.

L'obiettivo del moVimento 5 Stelle e' che i cittadini possano governare direttamente le proprie istituzioni.

Per essere noi stessi a decidere quali solo le reali priorita' attuali e quali saranno gli impegni una volta al governo, il programma elettorale deve essere costruito direttamente da ognuno di noi: cioe' un programma aperto e partecipato da tutti i cittadini del Lazio.

Fin dalla scorsa estate il moVimento 5 Stelle ha costituito tavoli di lavoro regionali aperti a tutti i cittadini.
Insieme abbiamo lavorato a lungo in tantissime riunioni periodiche dedicate alle tematiche: SALUTE, AMBIENTE, MOBILITA', ECONOMIA, ISTRUZIONE, LEGALITA' e CONNETTIVITA'.

Oltre alle tradizionali riunioni fra i cittadini, abbiamo utilizzato anche la potenza di internet per raccogliere idee:
Liquid Feedback, uno strumento di democrazia liquida che sviluppa l'intelligenza collettiva, ci ha permesso di elaborare grazie alla rete le migliori proposte da inserire nel programma regionale del MoVimento 5 Stelle. Centinaia di cittadini hanno sperimentato in questo modo, e per la prima volta nel Lazio, la democrazia digitale...proponendo idee, migliorandole insieme e poi votando le migliori.

Tavoli di lavoro tematici + potenza della rete: questo percorso profondamente aperto e partecipato dal basso ci ha portato alla nostra proposta di programma elettorale per la Regione Lazio.

Oggi il risultato di questo lungo lavoro viene condiviso in rete e messo a disposizione di tutti i cittadini, per un ulteriore passaggio fondamentale.

Il programma partecipato e' online al sito www.lazio5stelle.net
Cliccando sul bottone PARTECIPA AL PROGRAMMA, tutti i cittadini non solo possono leggerlo e approfondirlo, ma soprattutto commentarlo e migliorarlo.

Dal 13 al 18 gennaio raccoglieremo tutte le idee, i suggerimenti e le proposte per migliorare i punti programmatici principali.

Ogni idea sara' subito discussa e approfondita dal tavolo di lavoro che in parallelo la integrera' nella lista completa di tutte le proposte finali che andranno poi a votazione. Da una base di partenza iniziale, costruiamo cosi' un sistema di idee dinamico che si evolve e si estente automaticamente grazie all'intelligenza collettiva di tutti noi.

Dal 19 al 22 gennaio sara' possibile valutare il risultato di questo processo collettivo e partecipato: ogni cittadino potra' leggere le proposte approfondite con tutti i dettagli, e poi votarne le priorita'.
Alcune saranno proposte attuabili fin da subito, a costo zero, e altre saranno proposte piu' complesse che necessiteranno di piu' tempo e piu' impegno economico.

Questo sara' il programma elettorale che presenteremo alle elezioni regionali 2013.
Un programma elettorale quindi non solo del moVimento 5 Stelle, ma di TUTTI i cittadini del Lazio.

L'utilizzo di strumenti e di modalita' di democrazia partecipata non era mai avvenuto nel Lazio prima d'ora, per costruire un programma elettorale regionale.
Ed e' un lavoro che non si fermera' mai: il programma del M5S anche dopo il giorno delle elezioni quando i nostri portavoce saranno alla Regione Lazio, sara' sempre in continua evoluzione in base alle esigenze dirette dei cittadini laziali.

12/1: Beppe Grillo a FROSINONE!

user-pic
 

Oggi hanno cercato di rubarci il simbolo!
Attendiamo la verifica del Ministero dell'Interno: dovra' confermare che il simboio depositato del moVimento 5 Stelle e' unico che rappresenta le idee di milioni di persone, e che i cittadini hanno il diritto di trovare nella scheda elettorale.
Non riusciranno a fermarci con questi giochetti.

Da domani saremo in tutte le citta' e in tutte le province della nostra regione.
Incontreremo i cittadini non solo per presentare il nostro programma di governo per il Lazio, ma lo discuteremo con loro. Il programma che i nostri tavoli di lavoro hanno elaborato per mesi sara' messo online, e sara' a disposizione di tutti: ogni cittadino potra' leggerlo, commentarlo e migliorarlo. Poi andra' a votazione. Sara' un programma condiviso e partecipato.
Non sara' quindi il programma elettorale del M5S Lazio, ma sara' il programma di tutti i cittadini del Lazio.

Domani vi aspettiamo tutti a FROSINONE alle ore 15 in Piazzale Europa con Beppe Grillo !
Continueremo nel nostro firma weekend e invitiamo tutti a partecipare alla raccolta firme per la presentazione della lista del M5S Lazio

Ininterrottamente dall'8 gennaio centinaia di cittadini, del MoVimento 5 Stelle, si stanno alternando in fila giorno e notte davanti alla sede del ministero dell'Interno a Roma, dove si trova l'ufficio elettorale centrale, per evitare che ci impediscano di usare il nostro simbolo alle prossime consultazioni.
Se qualcuno dovesse arrivare a depositare un simbolo simile a quello del MoVimento prima di noi, rischieremmo di non poter mettere sulla scheda elettorale il logo che tutti conoscono.

I grandi partiti non corrono questo pericolo perché la legge li tutela. In piazza del Viminale si assembrano da giorni insieme ai volontari del M5S e insieme ai rappresentanti dei nuovi partiti, persone pagate da qualcuno che non conoscono per depositare il simbolo di un partito che non conoscono e che in molti casi non parteciperà neppure alle elezioni. Questi stessi ragazzi infatti ci hanno spiegato che non sanno nemmeno se i loro "boss" (come li chiamano loro), abbiano raccolto le firme per partecipare alle elezioni: ad alcuni di loro l'unica cosa che importa è di essere pagati.

Un vero suk della democrazia

con i suoi professionisti che fanno questo lavoro a piazza del Viminale da anni, per tutte le competizioni elettorali. Tutto per creare caos, aumentando il più possibile il numero di simboli che compariranno sulle schede elettorali in modo da confondere gli elettori. Alle 9 dell'11 gennaio si apriranno i cancelli del Viminale e il primo che riuscirà ad entrare con il suo simbolo avrà vinto sugli altri.

Lanciamo un appello affinché dalle ore 6 di domani mattina ci raggiungiate numerosissimi e ci aiutiate a mantenere l'ordine della fila contro le possibili prepotenze.

Inoltre domani vi aspetterà una gradita sorpresa: Beppe Grillo sarà con noi!

1° notte di presidio al Viminale

user-pic
 

E' appena trascorsa la 1° notte di presidio di Fronte al Viminale,

il Ministero dell'Interno, per depositare il simbolo del Movimento 5 Stelle e quindi poter essere ammessi alle elezioni. La nottata è passata tranquillamente grazie a gruppi di attivisti del movimento che si sono alternati garantendo una presenza continua. Clima disteso e sorridente e tanta voglia di andare avanti.

Per tutti quelli che volessero raggiungerci, conoscerci, fare due chiacchiere e magari portarci un caffè, ci troverete in piazza del Viminale di fronte al Ministero 24h su 24h fino al deposito del simbolo elettorale.

Poi ci vedremo in Parlamento, Regione e Comune: sarà un piacere!

Buon moVimento a tutti!
Prossimo aggiornamento alle 19.00 di questa sera!

presidio_080113.jpg

Andare oltre valle galeria

user-pic
 

Not in my backyard (non nel mio giardino), questa è la lungimirante politica del nostro Sindaco, Gianni Alemanno, in merito alle nuove discariche.

Ancora una volta viene preferita la "soluzione" rapida che garantisca in tempi immediati il risultato utile e, quindi, il voto dei cittadini: ossia trovare un sito utile per una nuova discarica in qualche parte del Lazio, lasciando che siano altri a dover gestire il problema rifiuti, poiché afferma "non ritengo che nel Comune di Roma esistano siti idonei per fare discariche".

Il MoVimento 5 Stelle, presente numeroso alla manifestazione della Valle Galeria, non ci sta.

Le scelte vanno concertate con una visione di insieme e non con lo scarica barile. Impensabile che un Sindaco indichi discariche e inceneritori in territori altrui e che sia legato ancora ad una ormai vecchia logica di trattamento dei rifiuti.
Il sindaco ha avuto 5 anni in gestione la nostra città e aveva, attraverso AMA, il dovere politico e l'obbligo legale di estendere la raccolta porta a porta vera in tutta la città , costruire isole ecologiche , impianti di compostaggio (Maccarese è saturo) , monitorare e bonificare i siti esistenti e stimolare Provincia e Regione per un cambiamento di mentalità. Nulla di tutto questo è stato fatto in perfetta sintonia con le amministrazioni precedenti.
A protestare sul colle di Monti dell'Ortaccio c'erano non certo i NoTav come dichiarato dal sindaco ma cittadini romani del M5S insieme a molti cittadini della Valle Galeria che chiedono una diversa gestione del rifiuto dopo 30 anni di malapolitica che ha lasciato fare un unico privato.

Nel 2013 esiste la tecnologia per poter avviare un ciclo virtuoso dei rifiuti che parta dall'abbattimento della produzione degli stessi alla fonte (attraverso la riduzione degli imballaggi, l'utilizzo di materie riciclate e riciclabili), che preveda una parte di riuso di materiali ed una parte di raccolta differenziata seria, il successivo conferimento in isole di riciclo (compostaggio, riciclo per vetro, plastica, carta, ecc.) ed il conseguente re-inserimento nei processi produttivi attraverso la costruzione di impianti di compostaggio e riciclo.

Nuove imprese che spezzino il monopolio dei rifiuti (business fondato su discariche/inceneritori che si alimentano con il rifiuto non certo il riciclo) e che abbiano interesse ad investire e puntare sulla raccolta differenziata porta a porta. Modifiche degli impianti di per il trattamento dell'indifferenziato (TMB) esistenti per finalizzarli al recupero di materiali da avviare al riciclo e alla stabilizzazione per il conferimento residuale in discarica piuttosto che alla produzione di CDR da bruciare.

Tutto questo quindi senza ricorrere agli inceneritori che, come noto, bruciano tutto ciò che viene conferito, producendo residui solidi e nano-particelle invisibili ma non meno inquinanti (principio di conservazione della massa) e condizionano pesantemente il mercato del riciclo.

A questo punto si tratta solo di scegliere quale modello di società costruire per il futuro dei nostri figli e delle future generazioni: il Sindaco Alemanno sceglie un modello "vecchio" che porta devastazione ambientale e danni per la salute (a carico di "altre" persone colpevoli solo di non abitare a Roma).

Il MoVimento 5 Stelle Lazio sceglie la vita, sceglie il rispetto dell'ambiente e della terra che è la nostra unica casa (e anche quella di tutti gli "altri" che abitano lontani da noi), il rispetto della salute, il rispetto del lavoro e, soprattutto, il rispetto dell'intelligenza delle persone.

Da oggi tutti noi abbiamo questo nuovo canale per informarci dei tanti problemi esistenti nella nostra regione, provincia per provincia, citta' per citta', e per costruire insieme tutte le possibili soluzioni.

Il moVimento 5 stelle nasce per dare delle risposte concrete ai problemi reali, dando voce ad ogni singolo cittadino. Ci chiamano gli "antipolitici", ma la vera "antipolitica" è quella dei ladri di futuro e degli scippatori di speranze che per troppo tempo ha sfrecciato scortata sulle strade della res publica.
Stiamo costruendo il programma elettorale in modo trasparente attraverso la rete, dove ogni cittadino può contribuire per cercare di ridare dignità alla regione Lazio, un'istituzione che è stata terra di scorrerie per chi l'ha governata e per i suoi clan.

Io sono Davide Barillari, candidato portavoce presidente del M5S Lazio. Nella nostra squadra regionale ci sono i candidati portavoce di Roma, Latina, Frosinone, Rieti e Viterbo.

immagine_primopost2.png

Non sono io quello che vi deve segnalare il risultato di anni di mala politica:
Non sono io colui che deve ricordarvi i cognomi dei professionisti della pessima gestione della cosa pubblica, che non hanno utilizzato la loro poltrona per fare gli interessi dei cittadini, ma per gestire i propri intrallazzi senza alcun ritegno, senza alcuna dignita'. Per colpa loro siamo assuefatti agli scandali quotidiani.
Abbiamo una sanita' sommersa dai debiti, trasporti inadeguati che condannano noi pendolari a estenuanti viaggi, una politica dei rifiuti che è immondizia.
Un commercio che e' soffocato da burocrazia, e puo' essere facilmente semplificato con regole chiare e semplici. Noi giovani siamo condannati ad un precariato infinito che cancella il nostro futuro.

Per colpa degli stessi politici che hanno la faccia tosta di ricandidarsi ancora alle prossime elezioni, siamo assuefatti alla mala gestione degli appalti e dei fondi pubblici. Per colpa loro c'è chi ritiene che tutto ciò sia inevitabile, che è inutile votare, è inutile sperare.
Ora basta !
E' il momento in cui tutti noi cittadini dobbiamo decidere per il nostro futuro.
Riprendercelo in mano, con tutta la nostra forza e la nostra passione.

Il Lazio è la nostra regione, la nostra terra, la speranza che regaleremo ai nostri figli.
Vogliamo una regione nuova, efficiente, solidale.
Vogliamo portare trasparenza ed onesta' nella sua gestione.
Vogliamo creare una istituzione aperta che possa davvero venire incontro
alle esigenze di tutti noi.
Vogliamo fare una vera politica che affronti e risolva i problemi, partendo da quelli piu' gravi, e senza dimenticare nessuno, dalle città alle frazioni.
In un momento di forte crisi economica, noi daremo l'esempio. Rinunciando anche in questa occasione ai finanziamenti elettorali, fissando un tetto massimo agli stipendi degli eletti.
Ogni candidato si impegna a lavorare solo per i cittadini e mantenere rapporto costante e continuo con il proprio territorio.
Ci daremo un limite di due mandati, non ci incrosteremo anche noi sulle poltrone. Rinunciamo a privilegi e vantaggi, per dimostrare che e' possibile fare buona politica a costo zero.
Questo significa essere 5 stelle.

il nostro primo obiettivo è recuperare l' Onesta', valore desueto ma di cristallina importanza. Poi la competenza: ogni eletto del moVimento 5 Stelle Lazio sara' un portavoce di una fitta rete di persone competenti in ogni settore che ci sostiene con la propria esperienza, ci aiuta con le proprie idee e ci difende con la propria memoria.
Nella trasparenza che contraddistingue il nostro movimento, ogni cosa che faremo sara' alla luce del sole.
La VERITA' fara' crollare tutto il sistema corrotto ora in mano ai partiti assediati su quelle poltrone regionali. La VERITA' sara' la nostra piu' potente arma.

Il moVimento 5 stelle ha le potenzialità per governare la nostra regione. Perche' il moVimento 5 stelle sono tutti i cittadini, sei TU.
Tutti noi avremo le capacita' per amministrare, per recuperare gli sprechi ed indirizzarli al benessere di tutti.

Votando un portavoce 5 stelle e' come se votassi per te stesso, per la tua presenza in consiglio, per cambiare questa regione.

Ci vediamo in regione.
Non sara' solo un piacere, ma sara' soprattutto un dovere!



Rimani in Contatto

Iscrivimi agli avvisi del blog M5S Lazio

Inserisci la tua email per rimanere informato sulle nostre attività




Tenetemi aggiornato