MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Cultura: Agosto 2013


Genova - 

acqua.JPG

FUORI I SOLDI!

Dopo il provvedimento del Giudice di Pace del Tribunale di Chiavari che con la sentenza del 21 Agosto c.a. ha sancito, nuovamente e tra l'altro, la piena cogenza del risultato referendario del Giugno 2011, non è più ammissibile indugiare.

Il Movimento 5 Stelle - Genova pretende l'immediata estensione degli effetti a tutti i Cittadini per cui, pur maldestramente sperando in un'azione motu proprio da parte del Sindaco Marco Doria il quale a ciò si è sempre mostrato per lo meno ostile, chiederà alla riapertura del Consiglio Comunale con apposito Ordine del Giorno, l'immediata convocazione dell'A.T.O. Genovese per una presa d'atto della Sentenza citata e per un'immediata sua applicazione tramite la definizione di una nuova Tariffa che applichi "pedissequamente e letteralmente" i risultati referendari e di un piano di restituzione degli importi impropriamente (sic) incamerati.

Almeno il Sindaco Doria ci risparmi una Class Action!

Nuovamente si confida in tutte quelle forze politiche che hanno a cuore la Legalità contando sulla loro pronta e convinta partecipazione.

Movimento 5 Stelle Genova


Genova - 

La Giunta Doria dopo un anno di sostanziale inattività ha forzato la mano presentando in blocco le seguenti importanti delibere al Consiglio Comunale: privatizzazione delle Partecipate, Tares, Imu con i conseguenti regolamenti che impongono nuove tasse, Bilancio, programma triennale delle opere pubbliche, acquisto dall'Ente Fiera del padiglione "Jean Nouvel". Vedi link su genova5stelle.it

Da subito è stato evidente che sarebbero affiorati dei forti conflitti all'interno di una Maggioranza che non è mai stata coesa né intorno al Sindaco né intorno al Programma, e l'andamento delle Sedute del Consiglio ha ben confermato il nervosisimo dell'attuale maggioranza che ha rischiato più volte di cadere sotto i numerosi richiami al rispetto del Numero Legale invocati dal MoVimento. Queste cinque giornate si sono prospettate innazitutto come l'espressione di una fortissimo lotta interna alla Maggioranza con il Pd che ha voluto dar corso ad una prova di forza per mostrare dov'è il vero perno del comando, imponendo queste delibere violentemente e contro ogni logica e buon senso.

Fin da subito abbiamo reagito applicando le pratiche "Costruzioniste" e di Difesa Popolare Nonviolenta come già i nostri portavoce a Roma, arrivando a produrre circa 1000 documenti tra Odg ed Emendamenti alle delibere proposte. Queste pratiche, nell'accezione del MoVimento Cinque Stelle, traggono origine dall'insegnamento di Don Dossetti e del Diritto Romano, dove già si invocava il diritto/dovere del singolo ad opporsi agli atti dei poteri pubblici che violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla nostra Costituzione. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la mobilitazione dei cittadini attivisti e dei lavoratori genovesi che mettendo in gioco la propria volontà e la propria competenza hanno fornito il loro fondamentale contributo. Questa è la nostra idea di Democrazia Partecipata: un gruppo di cittadini che prestano la propria voce alla collettività di cui sono espressione e che sono nulla senza di essa.

I Consiglieri Comunali si sono impegnati durante le cinque giornate per un totale di oltre 50 ore, rallentando nei fatti l'attività del Consiglio, costringendoli a confrontarsi sui temi concreti che comunque erano presenti nei nostri contributi. Tale attività ha portato più volte la Maggioranza sull'orlo del collasso (anche fisico) dando fondo a tutte le pieghe più recondite del Regolamento per cercare di parare i colpi, e correndo il rischio di perdere dei pezzi per strada. Deve essere chiaro a tutti che questa Maggioranza (che pretendeva di incarnare il rinnovamento e la volontà di radicale cambiamento dei cittadini che li hanno votati) incarna ora il tradimento di quegli stessi ideali e queste cinque giornate sanciscono, nonostante e al di là delle votazioni, la sconfitta del progetto politico della Giunta di Marco Doria e anche della Lista che prende il suo nome, sconfessata dallo stesso Sindaco con i suoi atti e le sue quotidiane dichiarazioni.

Topica è stata la giornata di mercoledì 31 luglio, iniziata come sempre alle 9.30 e terminata alle 2.00 del mattino successivo, sotto i colpi costanti degli Atti prodotti dal MoVimento e dai cittadini. In quella giornata la Maggioranza e la finta opposizione del Pdl hanno misurato la nostra capacità di "resistenza" e la decisione della nostra azione.

La conclusiva giornata odierna ha confermato la capacità di mobilitazione del MoVimento che ha portato sulle tribune dell'Aula Rossa decine e decine di lavoratori che al di là del loro pensiero politico si sono mossi per difendere, insieme al proprio posto di lavoro, il diritto di partecipare alle decisioni che li riguardano. Ecco perché il ritiro della Delibera odierna è una vittoria dei cittadini e dei lavoratori, e non solo del MoVimento. Le cinque giornate hanno compattato una parte significativa dell'opinione pubblica intorno a una nuova e differente idea di città, e soprattutto di condivisione delle responsabilità decisionali: i genovesi sono pronti ad accettare i sacrifici necessari a patto di partecipare alle decisioni.

Tutto questo gli altri lo chiamano ostruzionismo.

Movimento 5 Stelle Genova

I candidati a Genova

  • user-pic
    Fabio Ceraudo
  • user-pic
    giuseppe immordino
  • user-pic
    Luca Pirondini
  • user-pic
    MARIA TINI
  • user-pic
    stefano giordano

About this Archive

This page is an archive of entries in the Cultura category from Agosto 2013.

Cultura: Luglio 2013 is the previous archive.

Cultura: Settembre 2013 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Partecipa ai nostri eventi


   © 2010 www.movimento5stelle.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons