MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Comunicati stampa: Luglio 2012


Genova - 

(di Andrea Boccaccio)

sconosciuto.jpg


Intervento in Consiglio comunale del 17/07/2012 a sostegno dell'interpellanza sul tema presentata dal Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle di Genova

"Invece di utilizzare l'immenso incremento delle risorse materiali
e tecniche per costruire la città delle meraviglie, abbiamo creato
ghetti e bassifondi.
Saremmo capaci di fermare il sole e le stelle perché non ci danno alcun dividendo" (J.M.Keynes 1933)

Sono molto invidioso.
Avrei voluto scrivere io una frase così evocativa, così piena, così ficcante.
Che fotografa in 37 parole i dubbi che uno dei padri del capitalismo moderno coltivava sulla visione gretta della finanza.
E che 79 anni dopo descrive direi accuratamente il disastro prodotto dal prevalere della finanza sull'economia reale.

Siamo all'8° Consiglio; quindi cominciamo un po' a conoscerci reciprocamente.
Noi del Movimento 5 Stelle Genova siamo sensibili al tema delle società partecipate.
Come a tutti voi, colleghi Consiglieri, sta a cuore il benessere dei cittadini.
Ma ci stiamo velocemente rendendo conto che tale benessere è messo in grave pericolo dalla ricerca spasmodica del dividendo.
Un conto è ascoltarlo da Beppe Grillo oppure leggerlo sul blog.
Ma fa un effetto molto più dirompente, pesante, vederlo con i propri occhi, trovarlo nei documenti che esaminiamo.

Siccome parliamo di finanza parliamo la lingua della finanza.
L'interpellanza, la avete letta, prende spunto dal downgrading del titolo Iren da parte di alcuni società di rating.
In sostanza alcuni osservatori professionali dicono che la società è un po' meno bella, un po' meno attraente, un po' meno profittevole.
Dicono che se avete azioni tenetele senza comprarne altre; se non le avete non compratene.
Sono in malafede?
Oppure sanno cose che noi non sappiamo?

La nostra interpellanza costituisce l'inizio di un percorso.
Un percorso lungo e, immagino tortuoso, che vorremmo percorrere assieme a Voi senza bandiere né cappelli in testa.
Per far sì che Genova si riappropri delle cose essenziali.
Di beni che non è possibile assoggettare alla logica di mercato.
Che bisognerebbe maneggiare con cura.
Noi abbiamo ascoltato ed accolto con favore Sindaco ed Assessore promettere la presentazione al Consiglio nei mesi autunnali di un piano di razionalizzazione delle società partecipate.
Allora ci portiamo avanti.
Cominciando, appunto, dal Gruppo Iren che è il "bersaglio" grosso.
Grosso perché muove numeri da capogiro.
Bersaglio perché la strategia va radicalmente cambiata.
Non quella di Iren: è una società, di diritto privato, quotata in borsa; risponderà al mercato.
Non penserete che 5 Consiglieri possano influire su questo.
Noi vogliamo cambiare la strategia di uno dei principali azionisti, il ns. Comune.

Con questa interpellanza noi aspettiamo, per favore, un quadro completo sulla situazione dell'azienda.
Siccome siamo nuovi, non vorremo aver sbagliato qualche passaggio formale, qualche termine.
Preferiamo essere chiari ed indicare qui cosa intendiamo per "riferire sulla situazione" e per quadro completo.

Dal punto di vista finanziario noi vogliamo sapere, per favore:
- se è vero che Iren progetta di dismettere a terzi nell'anno corrente immobili di proprietà per ca. 130 milioni e, poi, di pagare agli stessi una locazione per gli immobili ceduti dove ha uffici;
- se è vero che l'indebitamento del gruppo al 31/03/2012 ammonta a quasi 2,9 miliardi in crescita di 240 milioni rispetto a 3 mesi prima (Ma com'è possibile vendendo gas-luce-acqua?);
- nel caso non sia vero qual'era l'indebitamento complessivo del gruppo alla data del 31/03/2012 e quale alla data in cui ci verrà fornita risposta;
- quali sono i creditori di questo debito;
- quale quota di indebitamento del Gruppo dipende da investimenti in corso o previsti per la costruzione di termovalorizzatori e dove;
- quale quota di indebitamento del Gruppo dipende da investimenti in corso o previsti per la costruzione di rigassificatori e dove;
- che cosa sia la First Time adoption IAS che ha portato a nuovo perdite nel bilancio consolidato per 36,5milioni
- come si sono espressi in cda i membri di nomina "genovese" sull'uso di fondi di riserva per l'erogazione di dividendi per quasi 17milioni a fronte di una perdita d'esercizio di oltre 93;
- nel caso abbiano espresso parere favorevole le motivazioni;
Dal punto di vista industriale vogliamo sapere, per favore:
- se esiste e a quanto ammonta un debito del comune di Genova nei confronti di Iren;
- se esiste ed a quanto ammonta un debito di Iren nei confronti di FSU;
- se esiste ed a quanto ammonta un debito di FSU nei confronti di Iren;
- se è vero che è prevista la cessione a terzi dei ca. 365 km. di rete a banda larga nel nostro Comune;
- se esiste un clausola rescissoria dell'affidamento del Sistema idrico integrato dell'Ato Genovese (attualmente previsto fino al 2032);
- nel caso esista qual'è questa clausola rescissoria e quali impegni finanziari straordinari imporrebbe ad FSU e/o nostro Comune e/o ad altre società del Gruppo Iren;
Dal punto di vista strategico vogliamo sapere, per favore:
- se esiste per il comune di Genova una way-out dalla società FSU (compartecipata al 50% con il Comune di Torino) in caso di dissesto finanziario del Comune piemontese;
- nel caso esista qual'è questa way out e quali impegni finanziari straordinari imporrebbe alla FSU e/o nostro Comune e/o ad altre società del Gruppo Iren;
- se, in caso di mancato pagamento del corposo debito che il Comune di Torino ha maturato per le forniture correnti da parte del Gruppo Iren, esistono per Iren stessa meccanismi di rivalsa preferenziali sul capitale sociale di FSU, sul patrimonio netto, sui dividendi ad essa eventualmente spettanti;
- se esiste un progetto di scorporo dalla società Mediterranea delle Acque delle sole attività afferenti il Comune di Genova;
- se sono in corso trattative legate all'ingresso in Iren di A2A e/o altre società analoghe nell'ambito della formazione di una Multiutility del Nord.

Dal punto di vista formale vogliamo sapere, per favore: se è sufficiente questa richiesta per avere risposta a tutte le domande oppure come dobbiamo formalizzarle.

Infine dal punto di vista morale e politico pretendiamo di sapere, non per favore questa volta ma per rispetto di tanti cittadini che cosa aspetta il Comune di Genova ad imporre ai soggetti istituzionali competenti ed indirettamente al Gruppo Iren il recepimento dei risultati del referendum sull'acqua cioè la cancellazione della remunerazione garantita del 7% del capitale investito. Che si tradurrebbe, stimano i comitati dell'acqua, in un risparmio del 22% ca. della bolletta acqua di tutti noi cittadini.

Nota: ringrazio Stefano Camisasso per il corposo e dettagliato dossier che ha composto e che è stato elemento imprescindibile per il contenuto dell'intervento.

I candidati a Genova

  • user-pic
    Luca Pirondini
  • user-pic
    Fabio Ceraudo
  • user-pic
    giuseppe immordino
  • user-pic
    MARIA TINI
  • user-pic
    stefano giordano

About this Archive

This page is an archive of entries in the Comunicati stampa category from Luglio 2012.

Comunicati stampa: Giugno 2012 is the previous archive.

Comunicati stampa: Agosto 2012 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Partecipa ai nostri eventi