MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Febbraio 2013


Genova - 


Genova - 

(di Sandro Vacca)

Csta poca fatica, mancano pochi giorni al voto. Ho pensato che se ognuno di noi mettesse, spontaneamente, senza simboli, un messaggio scritto con il cuore che spieghi le ragioni per cui abbiamo deciso di partecipare al Movimento, potremmo contribuire a migliorare la partecipazione. La metterò domani nelle cassette delle lettere del mio palazzo e di quanti potrò. Se qualcuno la volesse usare per fare altrettanto o partecipare a migliorarla è molto gradito. Le fragole sono mature.
Sandro

Caro vicino di casa,
ci incontriamo per caso e di fretta ci salutiamo per la buona educazione. Trascorriamo molto del nostro tempo con la televisione dentro le nostre case. Si è perso quel senso di comunità che aveva reso grande l'Italia. Siamo soli e indifesi, ognuno dentro la propria casa.
Facciamo sempre più fatica ad arrivare a fine mese, ci stanno levando il diritto alla salute, alla scuola, ad essere persone dignitose. Il lavoro non c'è più, chiudono 1000 imprese al giorno. Chi perde il lavoro è nella disperazione senza l'aiuto di nessuno. Dobbiamo pagare, pagare, pagare.
Con la faccia bella e le ossequie dei giornalisti si presentano questi politici che vogliono salvare l'Italia che loro stessi hanno rovinato. Si sono mangiati tutto. Banche, aziende pubbliche e grandi aziende private, il Comune, la Regione, lo Stato. Tutti insieme. Una corruzione vergognosa. Da voltastomaco.
Non ce la faccio a votare questi politici. Ho la nausea.
Ho scoperto che ci sono molti cittadini che non ne possono più e che hanno deciso che dobbiamo riprenderci civilmente le nostre Istituzioni. Non abbiamo più nemmeno il diritto all'informazione. Controllano le nostre opinioni con le Tv e i giornali, che sono governati dai potenti e dai partiti.
Nessuno parla di qualche milione di cittadini, persone normali non famose, che si stanno organizzando per risanare l'Italia.
Siamo cittadini che si organizzano con riunioni locali, si sono uniti a noi intellettuali ed artisti come Dario Fo' e Adriano Celentano che dice nella sua nuova canzone:
"Però si dice in giro che fra i partiti c'è un'onda nuova che è partita dal niente e come una valanga sta avanzando come un ciclone per abbattere il marcio della nazione".
Quest'onda è il Movimento 5 Stelle.
"Se non voti non cambia niente, se non voti ritornano ancora. Se non voti ti fai del male, più male di così, ci stanno rubando il mondo".
TV e giornali parlano male di noi: è il segno che hanno paura.
Passaparola.
Da un cittadino libero

 

(Se non voti) TI FAI DEL MALE

"Se non voti ti fai del male, Eh mi vuoi dire per quale partito io dovrei votare. Loro promettono solo bugie e ormai la politica è come lo sport facciamo il tifo per chi ci tradisce. Se non voti ti fai del male, non più male di quei governi che abbandonano le donne. Sono più di cento in un anno le donne che muoiono assassinate da quei mariti e padri pazzi di gelosia, merde senza un filo di dignità. E poi c'è anche il Molise che stanno uccidendo bombardato come un gruviera da quei fantasmi eolici che muovono il vento e se ne va un altro pezzo d'Italia. È la fine dei paesaggi, ma pare che ancora non basterà per distruggerlo del tutto. Il tanto ambito federalismo altre eliche sulle pale farà girar".

"Certo non si può dire che i tempi non siano confusi e mentre il pastore per salvare il suo gregge scuote la terra degli scandali riemergono purtroppo parole pericolose, parole come condono tombale. E da qui si intuisce chiaramente che i politici sono lontani anni luce dal capire quali siano davvero i motivi di questa crisi. Eppure ci camminano sopra. L'Italia è ormai ridotta ad una lastra di cemento, pari ad una coltre funebre sulla quale si annidano le pericolose polveri sottili della corruzione".

"E quindi cosa facciamo? Non c'è altro mezzo per risolvere la crisi, dobbiamo cancellare tutto ciò che ci rattrista, stracciare il brutto dell'Italia come si straccerebbe una lettera scritta da uomini bugiardi e piena di errori, ma soprattutto piena di inganni. Quindi non ci rimane che riscrivere la storia del nostro Paese e rifarlo da capo, cioè ricostruirlo da capo, ricostruirlo fisicamente... da capo. Se non voti non cambia niente se non voti ritornano ancora. Se non voti ti fai del male più male di così ci stanno rubando il mondo".

"Però si dice in giro che fra i partiti c'è un'onda nuova che è partita dal niente e come una valanga sta avanzando come un ciclone per abbattere il marcio della nazione. Se non voti ti fai del male fino a quando il Comune di Venezia non fermerà quei mostri che galleggiano giganteschi, orribili navi che sembrano palazzi che devastano la laguna, ma i politici non si accorgono che quando la bellezza morirà loro saranno i primi a sprofondare".

Adriano Celentano, 19 febbraio 2013, www.ilmondodiadriano.it

Genova - 

testatamu.jpg



CIAO A TUTTI


VI RICORDIAMO CHE QUESTA DOMENICA

IN PIAZZA DE FERRARI ALLE ORE 21:00

SI SVOLGERA' LA TAPPA GENOVESE DELLO

TSUNAMI TOUR DI BEPPE GRILLO

SIETE TUTTI INVITATI A PARTECIPARE


DIFFONDETE E CONDIVIDETE L'EVENTO
http://www.facebook.com/events/403507263076255/?fref=ts

committente responsabile Patrizia Sustar


Genova - 


villamira.jpg
(di Marco Villamira *)

Hanno rubato il nostro denaro (tanto, che non si riesce neppure a immaginare quanto), hanno deturpato e inquinato il nostro Paese, hanno soffocato il nostro sistema produttivo, ci hanno tolto il lavoro e talvolta la vita, ma questa è la parte meno grave del danno provocato e del pericolo che ci sovrasta! La parte peggiore, come spesso accade, è meno visibile: è il danno morale, lo strangolamento delle nostre menti, il tentativo - in parte riuscito - di ottundere le nostre coscienze, il proposito - in via di attuazione - di ridurci in schiavitù.
Non credo che tutto questo sia un lucido parto di intelligenze superiori e malvage, sembra piuttosto il risultato di gruppi sparsi di malfattori che, procedendo per tentativi ed errori e incontrando deboli resistenze, si siano progressivamente resi conto di aver mano libera al loro agire e, resi sempre più audaci dai successi e dall'impunità acquisita, si siano uniti per bande sempre meglio organizzate e avide.
Come una malattia grave e progressiva che infetta un corpo dalle deboli difese aggredendo ogni membro, sistema, apparato, sono giunti fino a minacciare le parti più delicate della nostra società: le sue strutture portanti e quindi la sua stessa sopravvivenza.

Situazione, cause, rimedi, in estrema sintesi.

1. Situazione e cause: il disastro in cui ci troviamo, frutto della pigrizia e della disattenzione in cui ci siamo adagiati per molti anni, continuando a delegare senza partecipare attivamente alla vita politica e controllare la gestione della cosa pubblica, ha finalmente richiamato la nostra attenzione. La situazione è tale per cui, oltre all'economia, anche le nostre menti, il nostro morale sono profondamente intaccati, abbiamo permesso che, oltre alle cose materiali, ci togliessero la felicità di vivere e, peggio ancora, la speranza di recuperare una degna esistenza.
Ogni giorno nuovi scandali (amministratori disonesti e incapaci, creano disastri e se ne vanno - quando se ne vanno - impuniti e con pensioni e liquidazioni milionarie, mentre chi ha lavorato onestamente stenta a sopravvivere), tasse e ancora tasse che colpiscono sempre i soliti, peggiorando la situazione; sempre nuove minacce di dissesti e nessuna prospettiva di uscita dalla crisi, tolgono il fiato e la voglia di reagire: proprio qui sta il maggior pericolo, smettere di credere di potercela fare.
2. Rimedi: riprendersi dal pesante torpore indotto dal contesto inquinato in cui viviamo e dai media che ci ipnotizzano, riprendere nelle nostre mani e con il nostro giudizio la gestione della cosa pubblica, iniziando dal voto alle prossime elezioni e ben considerando che il lavoro non finisce qui: se vogliamo sperare di farcela non dobbiamo mollare, non basta la scheda elettorale, dobbiamo stare vicini ai nostri portavoce, aiutarli a individuare e approfondire problemi e soluzioni, controllare che tutto venga fatto con il giusto impegno e col dovuto entusiasmo, ritrovare la dignità e la gioia di un lavoro ben progettato ed eseguito!
Procedendo in questo modo e di buona lena, senza abbassare la guardia, è possibile che si possa raggiungere una dimensione felice delle nostre vite e la speranza di migliorarla ancora. Per quanto tempo dovremo stare attenti, impegnarci in prima persona, stimolare gli altri, controllare? Per sempre, naturalmente: è legge di Natura.
Vi risulta che i sistemi immunitari e tutte le altre difese biologiche possano smettere di funzionare? Sì, nei morti !

(*) Medico, specializzato in Psicologia e in Anestesiologia e rianimazione - Psicoterapeuta - Già Cattedra di Psicologia Generale presso le Università di Genova e Milano - Ha condotto e conduce ricerche su comunicazione, creatività e innovazione, psicobiologia, biosensoristica e affective computing anche in collaborazione con l'Università di Harvard, il MIT, la Emory University (USA), la McGill University (Canada) e altri Enti di ricerca.

Loretta NAPOLEONI a Genova


Genova - 

Sabato 9 febbraio 2013 ore 18.00 presso la Libreria La Feltrinelli si terrà l'incontro tra Loretta Napoleoni e il Movimento 5 Stelle. Napoleoni presenterà il suo ultimo libro Democrazia vendesi. Parteciperanno all'incontro il Prof. Paolo Becchi, Università di Genova, e l'arch. Alessandro Ravera, che introdurrà l'evento.
L'evento si svolge in un orario adatto ad intervenire dopo il flash-mob che si terrà in giornata da Boccadasse a Piazza De Ferrari. Intervenite numerosi!


Genova - 


SALVE A TUTTI
SEGUITE I NOSTRI APPUNTAMENTI SUL NOSTRO CALENDARIO
QUI


Genova - 

Ripresentiamo oggi una interrogazione a risposta immediata sulle trattative "segrete" in corso tra la Giunta e la società che avrebbe dovuto costruire il parcheggio dell'Acquasola.

Documenti:


Genova - 


(di Gabriele Fiannacca)
Dopo le varie vicissitudini che stanno interessando il trasporto pubblico genovese ci sentiamo di riportare sulle nostre piattaforme web, con il beneplacito degli autori, il comunicato stampa diramato ieri da WWF Liguria e Legambiente intitolato " Prima i miglioramenti al trasporto pubblico, poi, casomai, gli aumenti".
Il Movimento 5 Stelle sostiene e appoggia questo comunicato che non ha bisogno di ulteriori parole e in particolar modo questa linea volta all'incentivazione del trasporto pubblico.
Ci teniamo a ringraziare i ragazzi del WWF e di Legambiente per tutti gli studi e le ricerche che hanno fatto e per aver prodotto dei validi documenti e tesi che potrebbero realmente salvare il nostro trasporto, non solo pubblico. Il loro agire risulta essere un grande apporto di volontariato alla comunità che risiede nella semplice condivisione dei saperi.
Grazie

COMUNICATO STAMPA

WWF Liguria e Legambiente Liguria:

Prima i miglioramenti al trasporto pubblico, poi, casomai, gli aumenti
Se si può essere lieti che la tariffa integrata sembri correre meno rischi di alcune settimane fa - commentano le associazioni ambientaliste - è evidente che Regione Liguria e Comune di Genova siano ben lontani dall'avviare una politica virtuosa per il trasporto pubblico.
Infatti, nonostante già ora Genova abbia le tariffe più care d'Italia, Comune e Regione sono intenzionati a procedere ad un'ulteriore aumento delle tariffe del trasporto pubblico. E così si passerebbe dai già molti 43 euro per un abbonamento mensile a 45, e dai 380 di un annuale a 395.

Aumenti in cambio di che cosa?

In questi anni non si è fatto altro che tagliare il servizio, sia bus che treni, con l'effetto di veder calare il numero di passeggeri che utilizzano i mezzi pubblici e aumentare l'evasione del pagamento del biglietto - sottolineano ancora WWF e Legambiente - E tutto questo a fronte di continui e massicci aumenti delle tariffe. In 10 anni, si è passati 25,82 euro per un mensile a 43, e se passeranno questi nuovi aumenti a 45, mentre in realtà ben più fornite di servizio, come Milano, è da 10 anni che non vi sono aumenti degli abbonamenti, e si pagano 30 euro per un mensile e 300 per un annuale, con aumento del numero degli abbonati del 30%!
Per le associazioni l'aumento delle tariffe legato alla motivazione dell'inflazione, così come presentato da Regione e Comune non appare credibile: "Aumento legato all'inflazione? L'inflazione esiste solo a Genova? (e a livelli dell'Argentina?)"
Netta la posizione delle associazioni: "Prima di qualsiasi aumento tariffario si devono vedere concrete azioni per rendere più efficiente e migliore il servizio".
Questo significa che "deve essere messo in campo un efficiente sistema di integrazione modale e oraria in modo che il trasporto pubblico sia un vero servizio utile e usufruibile da tutti, agevole e veloce. Laddove questi processi sono stati avviati, nella maggior parte delle città europee e in una parte di città e regioni italiane (Milano e Lombardia, Campania, Lazio, Torino, ad esempio) hanno portato all'aumento degli introiti da parte delle aziende di trasporto e un aumento consistente del numero di passeggeri."
"E in un processo di miglioramento del trasporto pubblico devono esserci: l'estensione delle corsie gialle protette e con semaforizzazione preferenziale, che garantisce un aumento della velocità commerciale degli autobus e quindi risparmi economici netti; una valutazione dei lavori pubblici, per evitare spese inutili e recuperare risorse per il tpl (vedi guard rail di C.so Europa); lo spostamento di risorse sui capitoli della Regione Liguria e del Comune di Genova, assolutamente sbilanciati in questi anni a favore delle infrastrutture stradali piuttosto che sul trasporto collettivo; la rivisitazione del Contratto di Servizio tra Regione Liguria e Trenitalia, che premia l'azienda in termini monetari a fronte di treni lumaca ed evidenti disservizi; politiche di marketing per acquisizione e fidelizzazione dell'utenza".
"Interventi concreti in questo senso e risultati tangibili possono essere la sola contropartita per ragionare successivamente e solo se è il caso, di aumenti tariffari".

Genova, 30 Gennaio 2013

I candidati a Genova

  • user-pic
    Luca Pirondini
  • user-pic
    Fabio Ceraudo
  • user-pic
    giuseppe immordino
  • user-pic
    MARIA TINI
  • user-pic
    stefano giordano

About this Archive

This page is an archive of entries from Febbraio 2013 listed from newest to oldest.

Gennaio 2013 is the previous archive.

Marzo 2013 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Partecipa ai nostri eventi