MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Gennaio 2013


Genova - 


scrutatori-seggi.jpg

(di Mauro Muscarà)

Con la legge del 21 dicembre 2005 n° 270 è stato modificato l'art.9 punto a) dove si stabiliva che la Commissione elettorale avrebbe sorteggiato gli scrutatori tra i nominativi compresi nell'albo degli iscritti.

Con la modifica apportata, non avviene più un sorteggio ma bensì è la commissione elettorale che sceglie i nominativi da inserire nella lista di quelli designati.

E' consuetudine da parte dei componenti della commissione (2 di maggioranza ed 1 di minoranza) proporre i "propri nominativi", scegliendo dall'albo nel quale ovviamente sono presenti scrutatori amici e simpatizzanti di partito.

Normalmente, solo il 25% degli scrutatori viene eletto per sorteggio,visto che il restante 75% è di "nomina partitica"nel rispetto della legge ovviamente.

Come gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle rigettiamo questo tipo di comportamento che se pur legittimato dalla normativa attuale, non garantisce trasparenza ed uguaglianza tra i cittadini,visto che la scelta degli scrutatori rimane nelle mani dei partiti.

Sarebbe corretto sorteggiare la totalità degli scrutatori, per garantire una partecipazione al di fuori degli interessi di partito e lasciando a tutti la possibilità di contribuire al percorso democratico che dovrebbero rappresentare le elezioni politiche.

Arrivati in parlamento dovremo lavorare sodo per eliminare queste regole da casta e riportare la politica nelle mani dei cittadini.

Incontro col Professor Paolo Becchi e candidati a 5 stelle - M5S Genova


Genova - 



Salve a tutti

Mercoledì 30 Gennaio alle ore 21:00

alla Sala CAP Via A.Albertazzi n1

IL PROFESSOR BECCHI E I CANDIDATI DEL M5S

incontrano i cittadini.

Siete tutti invitati a partecipare.

il video del messaggio di fine anno del Professore in collaborazione col M5S di Genova e Claudio Messora in arte Byo Blu:

Video

Committente Responsabile: Cristiano Panzera


Genova - 


incontro.bmp

Carissimi,
è un momento di grande fermento.
Le elezioni politiche sono, ormai, prossime e siamo tutti impegnati affinchè siano il successo che aspettiamo.
L'occasione per trasmettere il virus a 5 Stelle anche in Parlamento e poter così continuare il percorso di miglioramento della politica e della qualità della vita di tutti i cittadini Italiani.

Anche in questo momento di respiro nazionale, è importante non perdere di vista i temi locali e le battaglie che combattiamo in città per renderla un po' più vivibile.
Durante l'entusiasmante cavalcata della raccolta-firme abbiamo ricevuto grandi attestazioni di simpatia l'attività che svolgiamo quotidianamente tutti noi Consiglieri Comunali, Municipali ed attivisti dei gruppi di lavoro.
Tante persone che non ci hanno votato alle ultime amministrative hanno apprezzato la fermezza morale cui affrontiamo i temi "caldi" e riconosciuto la preparazione con la quale ci presentiamo nelle aule istituzionali.
Purtroppo, le stesse persone, e molte altre che per timidezza o diffidenza non si sono esposte, conoscono poco o nulla di quello che il Movimento 5 Stelle Genova ha realizzato (o tentato di conseguire) in questi primi 7 mesi di presenza in Consigli e Commissioni.
Una mancanza rilevante che rischia di ridurre l'effetto di trascinamento/partecipazione dei cittadini e, quindi, penalizzare l'attività stessa e risultati ancora migliori.
Lodevoli eccezioni sono la disponibilità quotidiana/universale (talvolta sottovalutata anche internamente) di Paolo Putti verso gli innumerevoli contatti che riceve e l'ottima iniziativa settimanale d'ascolto/confronto (con banchetti ed appuntamento fisso in Municipio Bassa Val Bisagno) che Carlo Gastaldi&co. hanno messo a regime da mesi. Esempio recentemente ripreso anche dal Ponente.
Abbiamo, quindi, deciso di riprendere e rafforzare il percorso di confronto sul territorio; così mantenendo la promessa elettorale della scorsa primavera di coltivare il contatto con i cittadini.
Useremo il "marchio" HUMAN LAB - luogo d'incontro e discussione aperto a tutti; a suo tempo ideato in polemica con lo UrbanLab della Vincenzi che era invece riservato ad un club esclusivo di intellettuali e vip.
Sarà un incontro dedicato e focalizzato a temi comunali e municipali in cui parleremo poco (stima 45 min.) ed ascolteremo molto (un'ora e mezza).
Con una scaletta fissa in cui presenteremo il lavoro Comunale e Municipale ed Alessandro Ravera farà il Suo Archi-show con accenni ai disastri del PUC su città e quartiere visitato.
Lasceremo, poi, ampio spazio ai cittadini per raccogliere i loro bisogni, le necessità, i problemi del quartiere.
Per provare tutti assieme a migliorare la qualità della vita nella nostra città, contro gli interessi della casta economica e politica genovese.

Come riportato nell'oggetto dell'email e come vedete dal volantino allegato , il primo HUMAN LAB della nuova serie si svolgerà Martedì 29 gennaio p.v. ore 21:00 a Prà, presso il palazzo Comunale di Piazza Bignami, 4
Seguiranno tutti gli altri quartieri ed abbiamo già fissato:
Giovedì 14 Febbraio Bolzaneto Municipio (il San Valentino più originale che abbiate mai passato)
Venerdì 1 Marzo Sampierdarena Centro Civico - sala Ottagono
Giovedì 14 Marzo Sestri Ponente

Adesso abbiamo bisogno del Vs. aiuto per promuovere gli eventi:
- su strada, con i volantinaggi che effettueremo nei giorni precedenti in alcuni punti strategici del quartiere (mercati comunali, punti di transito, etc....)
- via web/email, inoltrando ai Vs. contatti la locandina degli eventi e ogni altra informazione che giudicherete valida
- a voce, parlando con chi pensate possa essere interessato a partecipare e/o abbia qualche segnalazione utile (vicini, amici, parenti, etc.).
Poi, se deciderete di esserci anche Voi quella sera siete, naturalmente, i benvenuti.

(Andrea Boccaccio)


Genova - 


il-movimento5stelle-ha-i-suoi-candidati-al-pa-L-IanfbW-150x150.jpeg (di Emanuela Burlando)

Innanzitutto... auguri, a 5 stelle, a tutti!

Perché sarà sicuramente un anno diverso, l'anno in cui finalmente la politica ritroverà ad avere la P maiuscola!

L'anno in cui avremo l'occasione per riportare nelle istituzioni il ruolo prettamente civico, di servizio, indirizzato, sempre e comunque, alla collettività, che DEVE avere la POLITICA.

Per questo motivo mi sono presa la briga di proporvi questo collage di articoli dove, come recita il sottotitolo, troverete notizie riguardanti le ultime attività consiliari comunali del Movimento, primo fra tutti, il rinvio temporaneo della discussione relativa alle cave del Monte Gazzo...

Chissà che belle feste che avrà trascorso il nostro vicesindaco Bernini, in piena tranquillità, immagino :)

Come si può dedurre dall'articolo che segue...

"Consiglio Comunale di Genova: maggioranza divisa, sospesa la seduta
La seconda seduta della due giorni di Consiglio è stata sospesa per mancanza del numero legale. Sel, M5S, Fds, Pdl, Lista Musso e Udc hanno lasciato l'aula in segno di protesta
Si è conclusa anzitempo la seduta straordinaria di questa mattina per la mancanza del numero legale. Il punto su cui si è arenata la discussione è stato proprio quello relativo al Terzo Valico."

Appena giunti al punto 9 dell'ordine del giorno il Consigliere del M5S Muscarà ha presentato una richiesta di sospensiva, affermando che i dati ricevuti sulle analisi del materiale di risulta degli scavi nelle cave in Val Chiaravagna per la realizzazione della grande opera ferroviaria erano incompleti e per questo non era possibile procedere ad una decisione. In particolare il consigliere ha contestato la mancanza di informazioni precise sul tipo di smarino che verrà depositato nelle cave. Il rischio è che vi sia anche del materiale nocivo e inquinante visto che le rocce della Valpolcevera, dove verranno effettuati gli scavi, sono di natura amiantifera (vedi approfondimento sulla Gronda di Ponente).

Nonostante il tentativo del Vicesindaco Bernini, che detiene la delega alle grandi opere, di tranquillizzare gli animi spiegando nel dettaglio come verranno smaltiti i residui degli scavi,Federazione della Sinistra, Sel e il M5S, hanno deciso di abbandonare l'aula in segno di protesta.

A questi tre gruppi si sono uniti anche il Pdl, la Lista Musso e l'Udc che hanno lasciato i propri seggi per stigmatizzare l'assenteismo degli assessori e l'immobilismo delle Giunta Doria, che, dopo aver centellinato le delibere nei mesi scorsi, ha concentrato tutta la propria attività nell'ultima seduta prima della pausa natalizia.

Con l'assenza del numero legale il Presidente Guerello ha dovuto decretare lo scioglimento anticipato dell'aula e rimandare i lavori, anche sul Terzo Valico, al nuovo anno.

Le reazione del Vicesindaco non si è fatta attendere, accusando i partiti "disertori" di voler rallentare con il loro atteggiamento ostile la realizzazione di «un'opera fondamentale per la città». Inoltre, vista la presenza di forze di maggioranza tra quelle che hanno abbandonato l'aula (Fds e Sel) Bernini ha sottolineato che «la maggioranza deve interrogarsi su quali siano le sue strategie».

L'episodio di oggi è l'esito di una fragilità della maggioranza all'interno del Consiglio Comunale, che in più di un'occasione, su decisioni relative alle grandi opere, ha evidenziato la sua incapacità di esprimere un voto unanime. Non solo Sel e Fds, ma la stessa Lista Doria, hanno più volte evidenziato la loro difficoltà nel sostenere la realizzazione di infrastrutture come la Gronda e il Terzo Valico. Benché non si tratti - per fortuna- degli unici argomenti su cui questa amministrazione deve esprimere delle scelte, il fatto che su questioni strategiche per il futuro di Genova e dell'intera regione la maggioranza sia divisa richiede effettivamente una riflessione e possibilmente un chiarimento definitivo.

Non è passato inosservato il fatto che l'immobilismo e la mancanza di decisioni di questi mesi in Consiglio Comunale sia dovuto in gran parte alla volontà di non alterare degli equilibri precari e di non porre i partiti di maggioranza di fronte alla necessità di un confronto rischioso ma obbligatorio."

( http://genova.erasuperba.it/rubriche/consiglio-comunale-genova-19-dicembre-2012 )
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Sfortunatamente, martedì deve essergli ricomparso il sorriso...

ma non prima di aver dovuto sudare sette camice per tener testa ai nostri Muscarà e Putti!

Leggete qui sotto:

"... Il secondo punto all'ordine del giorno riguardava l'altra grande opera di Genova, il Terzo Valico. Proprio su questo punto si era interrotta l'ultima seduta di dicembre per mancanza del numero legale, con un M5S ancora una volta sul piede di guerra. In realtà la delibera della Giunta aveva in oggetto la realizzazione di nuove cave nel Monte Gazzo, dove verranno trasportati i detriti prodotti dai lavori per il Terzo Valico. L'opposizione del Movimento 5 Stelle - lo hanno sottolineato più volte gli stessi consiglieri - non era, in questo specifico caso, relativa alla realizzazione dell'opera, ma alla necessità di verificare con maggiore precisione la natura dello smarino che verrà trasportato nelle cave. Il consigliere Muscarà (M5S) ha sottolineato che le analisi effettuate sui terreni di scavo, che potrebbero contenere amianto, non sono sufficienti a fugare i pericoli per la salute della popolazione. Per questa ragione, in attesa di ulteriori modifiche, è stato chiesto di rimandare l'approvazione della delibera con la presentazione di una mozione sospensiva.

Il M5S si è anche dichiarato contrario a tutte le opere compensative per l'area del Monte Gazzo presentate dalla Lista Doria (un museo di archeologia industriale, sentieri e percorsi verdi, un sito di arrampicata). «Non ci sono compensazioni accolte dalla comunità scientifica - ha affermato Putti - Ci aspettavamo dall'aula un po' più di forza nel difendere la salute dei cittadini».

Anche per Antonio Bruno (Fds) le opere compensative sono solo tentativi per rendere la delibera sul Terzo Valico più accettabile e, anzi, ha ricordato come nel libro Corruzione ad alta velocità del magistrato Ferdinando Imposimato si presenti quest'opera come frutto di una spartizione di tangenti.

Al termine della seduta anche questa seconda delibera è stata approvata con il solo voto contrario di Bruno e l'astensione del capogruppo della Lista Doria Pignone, mentre il M5S abbandonava l'aula per protesta."

(http://genova.erasuperba.it/rubriche/consiglio-comunale-genova-16-gennaio-2013-gronda-terzo-valico)
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Storia non molto diversa per quel che riguarda l'osservatorio sulla Gronda... per ben due volte siamo riusciti a far rinviare la nomina del rappresentante del consiglio sulla Gronda di Ponente, ma alla terza...

" Il provvedimento era stato portato in aula una prima volta ad ottobre, quando i dubbi sull'utilità di questo organismo sollevati dal M5S avevano portato ad una spaccatura all'interno della stessa maggioranza. Un secondo tentativo era avvenuto proprio prima della pausa natalizia, ma il M5S era riuscito nuovamente a far rimandare la decisione, richiedendo che la delibera passasse al vaglio della commissione competente per le nomine (Commissione Affari Istituzionali) prima di essere discussa in Consiglio. Le ragioni dell'opposizione del Movimento 5 Stelle sono risultate chiare anche nella seduta di ieri.«Noi crediamo che l'osservatorio non sia uno strumento di partecipazione o tutela - ha affermato il capogruppo Putti - ma di controllo del consenso». In altre parole questo organismo servirebbe solo ad evitare un reale dibattito con chi è contrario alla realizzazione della Gronda. E questo risulterebbe evidente anche dal fatto che le comunità colpite dai disagi per la costruzione dell'opera abbiano deciso di non parteciparvi.

A queste accuse ha risposto lo stesso Sindaco Doria, il quale ha voluto difendere la correttezza dell'Osservatorio: «Io ho partecipato ad una sua riunione e ho conoscenza diretta di cos'ha fatto - ha detto Doria - ed è stata un'occasione semplice di acquisizione di elementi di conoscenza»."

(http://genova.erasuperba.it/rubriche/consiglio-comunale-genova-16-gennaio-2013-gronda-terzo-valico; notizie più dettagliate sulle precedenti sedute inerenti: http://www.genova24.it/2012/12/gronda-losservatorio-delle-polemiche-rinviata-ancora-una-volta-la-nomina-del-consigliere-44460/ )

Monitoreremo attraverso i verbali dell'osservatorio e al momento opportuno... saremo lì a evidenziare la sua inutilità.

Direi che per oggi può bastare :)

Nei prossimi la seconda puntata!

Vi lascio con questa chicca... un twitter, datato 15 gennaio, del presidente del PD alla Camera,

Dario Franceschini :

" Agli elettori di # Grillo vorrei dire: abbiamo capito le ragioni della vostra protesta ma ora col voto si sceglie chi governerà l'Italia "

Prima o poi l'autocritica costruttiva avrà la meglio sulla supponenza gesuitica e confido sia mooolto presto :)

Stay tuned!


Genova - 


(di Giorgio Campi)

Nel precedente consiglio municipale Valpolcevera, per protestare contro la mozione relativa allo spropositato canone di affitto dei locali che ospitano attualmente la polizia municipale (mercato ortofrutticolo Bolzaneto), abbiamo ritenuto opportuno abbandonare l'aula, in quanto la maggioranza (Partito Democratico, Sel, Rifondazione Comunista) aveva ricalcato pedissequamente la nostra mozione, votando favorevolmente la loro e bocciando la nostra.

Rientrati in aula, abbiamo presentato un ordine del giorno su un'altra mozione, presentata dalla maggioranza, relativa al TPL e biglietto integrato (vedi link), su cui abbiamo votato a favore. L'ordine del giorno era incentrato sui parcheggi di interscambio presenti in municipio.

Quest'ultimo e' stato considerato accettabile nei contenuti, ma fuori tema in relazione alla mozione di cui sopra. Motivo più che valido per la maggioranza per non appoggiarlo.

Così, per non cadere in trappole formali, fin troppo comuni nella prassi della vecchia politica, abbiamo ritirato il precedente documento e preparato, seduta stante, una mozione con gli stessi contenuti dell' ordine del giorno.

Tale mozione, presentata oggi in consiglio, riporta, in modo lapalissiano, il recepimento favorevole dei contenuti da parte di tutta la maggioranza, che in conferenza capigruppo, ha tentato di fare una mozione comune, non riuscendoci per la contrarietà espressa da tutta l'opposizione, ha dovuto presentare un ordine del giorno e così in consiglio noi, Movimento 5 Stelle, abbiamo accolto l'ordine del giorno ed UDITE! UDITE! la nostra mozione, presentata insieme al Pdl, è stata votata all'unanimità.
Certo, una piccola soddisfazione, se pensiamo ad altre mozioni scimmiottate e fatte loro, ma, vi giuro, che oggi ci è sembrato di respirare un' altra aria in consiglio...

Hanno anche recepito un nostro ordine del giorno sulla mozione riguardante la sicurezza. Vuoi vedere che è cambiato qualcosa?

Ops ... scusate, che lapsus, se noi dell'opposizione fossimo usciti sarebbe mancato il numero legale e quindi consiglio sospeso... siamo alle solite caro vecchio obsoleto PARTITO DEMOCRATICO...

Documenti : http://www.genova5stelle.it/wp-content/uploads/mozione-interscambio.pdf


Genova - 


Venerdi 18 Gennaio

- Presidio/flash mob (h.11), presso sala Congressi Iren Via Serra
- Assemblea (h.17.30), presso sala CAP, Via ALbertazzi 3r, DInegro

A un anno e mezzo dai referendum sull'acqua, con cui è diventata legge l'eliminazione del profitto dal servizio idrico, le bollette non sono cambiate. Nella sola provincia di Genova IREN ha sottratto finora agli utenti 56 milioni di euro.
Ma c'è di più: il 28 dicembre scorso l'Autorità incaricata dal Governo ha emanato il nuovo metodo per calcolare le bollette dell'acqua. Con il nuovo metodo alla voce "remunerazione del capitale investito" viene cambiato nome ("costi delle immobilizzazioni") e rientra così dalla finestra quello che avevamo cancellato col nostro voto.

Su questo il 18 gennaio a Genova, al centro congressi di Iren in Via Serra, gli autori del nuovo metodo, insieme al presidente di Iren, Roberto Bazzano e al presidente della Cassa Depositi e Prestiti, Franco Bassanini si faranno il loro bel convegno in famiglia... Concluderà il Sindaco di Genova Marco Doria. Ci auguriamo che il sindaco, in quanto rappresentante della comunità dei cittadini - elettori, rammenti ai presenti la volontà chiaramente espressa dal popolo italiano.

ANCHE NOI SAREMO LI' FUORI CON UN PRESIDIO DALLE 11 ALLE 13 PER RICORDARE CHE L'ACQUA E' UN DIRITTO UMANO E NON UNA MERCE.

Nel pomeriggio il Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua invita tutti i cittadini, i movimenti, le associazioni, le organizzazioni che hanno sostenuto i referendum a incontrarsi in una assemblea pubblica presso il Circolo Autorità Portuale di Genova in Via Albertazzi 3r, a partire dalle 17.30.

E' invitato anche il sindaco di Genova, prof. Marco Doria.

Chiederemo a tutti, cittadini, movimenti, associazioni, sindacati, partiti, e istituzioni, in primo luogo al Comune di Genova, un serio impegno per:
· un nuovo tipo di servizio pubblico, trasparente, partecipativo, efficiente, senza fini di lucro;
· le aziende che gestiscono acqua (MdA), trasporto pubblico locale (AMT), rifiuti (AMIU), manutenzione della città (ASTER) siano pubbliche
· l'introduzione di strumenti di partecipazione dei cittadini ai processi decisionali delle aziende pubbliche e della città.

Comitato Acqua Pubblica Genova

video appello. Guarda, diffondi e partecipa!


Buongiorno a tutti

vi aggiorniamo sui risulatti delle ricofernme ai consiglieri Comunali e Municipali del Movimento 5 Stelle
per poter votare le riconferma dei gruppi occorreva possedere i seguenti 2 requisiti:

residenza o domicilio a Genova
iscrizione certificata al portale nazionale del Movimento

alcuni hanno votato senza essere certificati al Portale, abbiamo comunque conteggiato anche queste persone.

Risultato:
persone certificate numero 54, tutti SI
persone non certificate numero, 27 tutti SI
da aggiungere gli attivisti che hanno votato in plenaria totale numero 74, tutti SI
totale : 155 voti di riconferma nessun voto negativo

grazie a tutti

per maggiore partecipazione iscrivetevi alla nostra piattaforma/forum meetup:
http://www.meetup.com/AmicidiBeppeGrilloGenova/
e chiediamo a chi ancora non l'ha fatto di certificarsi al Portale del Movimento

Vi lasciamo i rapporti delle attività:

Consiglieri Comunali
Paolo Putti
Andrea Boccaccio
Emanuela Burlando
Stefano De Pietro
Mauro Muscarà

Relazione Consiglieri Comunali
Altri documenti utili

Consiglieri III Municipio
Carlo Cosimo Gastaldi
Iliana Pastorino
Cristina Capelli

Relazione Bassa Valbisagno
Altri documenti utili

Consiglieri V Municipio
Carlo di Bernardo
Giorgio Campi
Leonardo Cinquegrana
Marco Collami

Relazione Valpolcevera

Consiglieri VII Municipio
Gabriele Fiannacca
Enrico Barattelli
Milo Bernucci
Daniele Rebora

Relazione Ponente


Genova - 


libri mastri.jpeg

(di Stefano De Pietro)

Cosa è un bacio? Un apostrofo rosa tra le parole: "i mastri!". Ormai, a forza di chiedere i libri mastri all'Amministrazione pubblica si rischia di fare confusione; anche quando si va a comprare: "mi dia due etti di mastri, ah, no, scusi, di prosciutto", tant'è il pensiero batte sempre lì. E questo avviene perché il nostro desiderio di avere i mastri delle "partecipate", pur espresso con chiarezza diverse volte in Consiglio Comunale e nelle Commissioni, resta lettera morta, nonostante esistano norme dello Statuto del Comune di Genova e del Regolamento del Consiglio Comunale. Un parere dell'avvocatura del Comune ripete chiaramente che i Consiglieri hanno accesso a qualsiasi atto dell'amministrazione pubblica e delle aziende controllate, anche di quelle partecipate solo in parte, quindi anche ai libri mastri, che sono poi l'elenco voce per voce di tutti i movimenti di soldi di un'azienda, principalmente verso i fornitori e dai clienti.

L'antefatto a questa situazione di stallo è un ordine del giorno presentato in Consiglio questo autunno e passato a maggioranza, che impegna la Giunta a portare in commissione a disposizione dei consiglieri anche i libri mastri delle aziende del Comune man mano presenteranno le relazioni di bilancio o che richiederanno variazioni. Fino a ieri, i Consiglieri si erano sempre accontentati di vedere solo i bilanci, che per loro natura non servono per entrare nel vivo della gestione di un'azienda. "Quello" a noi interessa, come cittadini. E' da notare che già le norme sarebbero sufficienti per avere giustizia, ma la votazione di questo Odg amplifica la sensazione della volontà di molti consiglieri di avere più dati per svolgere meglio il proprio lavoro.

Questa idea non pare piacere affatto alla Giunta
, che per voce del suo Assessore Miceli, dichiara più volte che stampare tutta quella carta sarebbe un costo insostenibile per l'Amministrazione, ignorando o più propriamente facendo finta di ignorare l'esistenza dei files Pdf e degli altri sistemi digitali di trasferimento delle informazioni in modo immateriale, che sicuramente usa lui stesso tutti i giorni nelle more della stessa richiesta di economia nell'uso della carta per il lavoro quotidiano. Per andare incontro alla più che condivisibile richiesta dell'Assessore, e facendo finta di stare al gioco delle parti, abbiamo messo a disposizione del Comune la nostra esperienza informatica: siamo o non siamo il M5Stelle di Genova?

Così abbiamo richiesto un'anagrafica dei software installati in tutte le aziende partecipate, comprensiva di tecnologie di gestione dati (database usato, linguaggi di programmazione, sistemi operativi), per poter poi consigliare la procedura più semplice per passarci i dati richiesti, a costo zero di carta: manco a dirlo, adesso quando andiamo dal besagnino gli chiediamo "mezzo chilo di cobol e due oracle". Potete immaginare che non ci è stato risposto nemmeno a questo. Le interrogazioni a risposta scritta hanno un tempo limite di 30 giorni per la risposta, ne abbiamo attesti oltre 60 per essere al fuori di ogni ragionevole ritardo.

"Non ci resta che piangere", recitava un vecchio film con Benigni e Troisi. Ma era solo un film, qui invece nel mondo reale non abbiamo più voglia di piangere davanti alla culla dell'Imu e dell'Ares, appena nate ma già velenose per la società più povera, o al funerale del biglietto integrato del bus+treno, o di allargare le braccia quando 120 lampadine in sala Rossa sono costate 34 euro l'una, più l'impalcatura babilonica, per un totale di più di 10mila euro, manodopera compresa ma "ogni vergogna" esclusa. O quando il Comune accende un mutuo per pagare, tra i tanti lavori pubblici sicuramente utili, ottocentomila euro per delle aiuole alla Foce, per quanto belle e necessarie all'occhio quanto inopportune in un momento di tagli ai servizi sociali. Vorremmo vederci più chiaro, capire i costi che generano le perdite di bilancio e quindi i tagli ai servizi e gli aumenti delle tasse. E come cittadini attivi, non staremo più solo a piangere.


Genova - 


Buongiorno a tutti

come promesso in campagna elettorale, daremo la possibilità agli elettori di valutare il lavoro dei Consiglieri e di riconfermarli per il futuro semestre.
Potranno votare solo le persone iscritte e certificate al portale del Movimento e residenti a Genova.
A breve vi invieremo il Report delle attività, basterà seguire il link, per potersi documentare e procedere alla votazione.
A presto.

M5S Genova


Genova - 


Giovedì 10 gennaio 2013

14.30

Palazzo Tursi

Via Garibaldi 9,

SALVIAMO LA TARIFFA INTEGRATA TRENO + BUS!

Manifestiamo il nostro dissenso alla "disintegrazione" del trasporto pubblico integrato, che è invece un servizio per il cittadino da tutelare ed ampliare.

Ricordiamo ai consiglieri e alla Giunta che il trasporto pubblico è una priorità.

Giovedi 10 gennaio ci sarà una seduta di commissione sull'integrazione tariffaria. Il WWF Genova e le associazioni di consumatori hanno chiesto di essere auditi per spiegare ai consiglieri che l'integrazione tariffaria è fondamentale per Genova.

Portatevi un paio di scarpe da ginnastica!

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!!!

Qui il volantino della manifestazione:

http://files.meetup.com/1545211/correre.pdf

e qui l'articolo di Gabriele Fiannacca per saperne di più:

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/genova/2012/12/trasporto-pubblico-non-ci-resta-che-correre.html

per partecipare ai volantinaggi gli apopuntamenti sono sul nostro calendario

I candidati a Genova

  • user-pic
    Luca Pirondini
  • user-pic
    Fabio Ceraudo
  • user-pic
    giuseppe immordino
  • user-pic
    MARIA TINI
  • user-pic
    stefano giordano

About this Archive

This page is an archive of entries from Gennaio 2013 listed from newest to oldest.

Dicembre 2012 is the previous archive.

Febbraio 2013 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.