MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Settembre 2012


Genova - 


Salve a tutti,
ricordiamo che le uniche piattaforme virtuali e siti internet del
Movimento 5 Stelle di Genova sono:


il nostro sito alternativo
http://www.genova5stelle.it/

il Meetup
http://www.meetup.com/AmicidiBeppeGrilloGenova/

le piattaforme Facebook
http://www.facebook.com/movimento5stellegenova

III Municipio - Bassa Val Bisagno
Bassa Val Bisagno

V Municpio - Valpolcevera
Valpolcevera

VII Municipio - Ponente
VII Ponente

piattaforma sulla Sanità
Forum sulla Sanità


Genova - 

26 settembre 2012

Pubblichiamo le Linee programmatiche della Giunta Doria che saranno commentate alla prossima seduta del Consiglio Comunale giovedi 4 ottobre 2011. Invitiamo la cittadinanza ad inviare le proprie impressioni entro lunedi 1 ottobre, per consentirci di rilevare eventuali materiali utili per emendamenti e ordini del giorno.

http://www.genova5stelle.it/wp-content/uploads/Linee-programmatiche-def-25.09-1.pdf

Inviate i vostri commenti a:

segreteria@genova5stelle.it

A presto!

Il gruppo consiliare del M5S di Genova.


Genova - 

26 settembre 2012 - di Stefano De Pietro

(di Stefano De Pietro)

Durante la seduta del Consiglio comunale del 18 settembre 2012 a tema Gronda di ponente, il M5S di Genova ha presentato molti ordini del giorno ed emendamenti. Documentiamo in questi video gli interventi dei nostri consiglieri.

Qui i documenti discussi nei video che seguono:


Interventi su emendamenti e Odg








Commenti alla mozione sulla Gronda


Genova - 

25 settembre 2012 - (di Stefano De Pietro)
risultato_ottenuto.jpgUna vittoria del Gruppo consiliare M5S di Genova e di tutti i cittadini: grazie ad un emendamento accettato dal consigliere Grillo (PdL) ad un suo Odg sulla discussione relativa all'approvazione del "Testo di assestamento del bilancio", respinto dalla Giunta ma votato a maggioranza di 17 favorevoli, 13 contrari e 7 astenuti, sarà da oggi possibile visionare direttamente i libri mastri delle aziende partecipate dal Comune di Genova, nella loro forma completa.
L'assessore Miceli aveva rigettato l'emendamento, ritenendolo irricevibile perché "avrebbe dovuto riempire la Sala Rossa di carta" (ma dagli scagni un consigliere ha protestato urlando la parola "PDF!").
La necessità di trasparenza si fa sempre più forte, i cittadini avranno finalmente un po' di voce in capitolo sulle scelte della Giunta. Da Wikipoedia, ecco la definizione di "libro mastro" della contabilità:
Il libro mastro è un registro della contabilità in cui sono riuniti tutti i conti (mastrini) che compongono un dato sistema contabile; esso, cioè, è l'insieme dei conti accesi in una determinata contabilità. In esso sono riportate le colonne di dare e avere ed eventualmente di rubrica alfabetica perdebitori e creditori. In esso vengono riportate in ordine sistematico le operazioni di gestione di una attività aziendale. Viene comunemente chiamato solo "mastro".

Aggiornamenti M5S-Genova


Genova - 


Municipio Bassa Val Bisagno - Consiglio del 19 settembre 2012

Pubblichiamo il verbale del consiglio municipale della "bassa" del 19 settembre 2012.

Documenti

Gronda: discussione in Consiglio Comunale del 18 settembre 2012

Pubblichiamo i documenti relativi al Consiglio comunale del 18 settembre 2012, che ha visto come argomento centrale il progetto della Gronda di ponente.

Documenti

Tunnel S.p.a. in liquidazione. O no?

Pubblichiamo la presentazione aggiornata del progetto del tunnel subportuale.

Documenti

Lunardon e la democrazia del debito

(di Stefano Camisasso)

Pubblichiamo alcuni dati relativi ai debiti contratti dalle amministrazioni comunali amministrate dai due principali partiti di (non) governo in Italia: Pd e PdL.

Città Debito Partito
Torino    3 200 108 563,00 PD
Genova    1 328 653 694,00 PD
Napoli    1 589 513 828,00 PD
Firenze       495 128 912,00 PD

Gentilmente il Dott. Lunardon, che confonde la democrazia con la presenza alla locale festa del suo Partito, dovrebbe, prima di parlarsi ulteriormente addosso, confutare queste tabelle da cui si capisce molto chiaramente che il suo democratico Partito è titolare di un debito pari a:

PD    6 613 404 997,00 €

Ovviamente come Amministrazioni Comunali di alcune delle principali città italiane.

Ma ce ne è anche per il PdL....

Città Debito Partito
Milano    3 931 174 371,00 PdL ora PD
Roma    1 149 722 206,00 PdL
Alessandria       148 666 828,00 PdL ora PD
Verona       409 416 639,00 PdL

In fin dei conti ci sembrava troppo cattivo assegnare le Gestioni Moratti e Fabbio al PD(-L) quindi le abbiamo lasciate in capo ai rispettivi (ex) proprietari.

Quindi il Gran Totale per i Berluschini fa:

PdL    5 638 980 044,00

Se ci mettiamo sopra anche i debiti delle partecipate tipo IREN (€. 2.600.000,00 ovviamente per la propria quota) allora è pure peggio!


Proprietà


Debito

Genova

16,65%

PD              432 900 000 
Torino

24,05%

PD             625 300 000
Reggio

7,76%

PD             201 760 000
Parma

6,11%

PdL             158 860 000
Piacenza

7,83%

PD già PdL             203 580 000


Ovvio che Parma la mettiamo in quota al PdL, mica penserete che vada sulla schiena a Pizzarotti...

Ecco perché Lunardon prima di fantasticare di democrazia, dovrebbe darci una convincente spiegazione dell'incapacità della classe dirigente del suo partito (per chiarezza il PD-L) vera fucina di debito pubblico e di Malgoverno.

(fonte:  Il Sole 24 Ore)

"PRIMA DELLA PIOGGIA" - M5S Genova


Genova - 


Venerdì 28 settembre 2012

ore 21:00

Municipio Bassa Val Bisagno

piazza Alessandro Manzoni 1, Genova, Genova, GE


Il Movimento 5 Stelle di Genova incontra la cittadinanza

sui problemi idrogeologici riguardanti la Val Bisagno
interventi di :

Alessandro Ravera M5S di Genova
- PUC e dissesto idreogeolocico

Manuela Cappello coordinamento genovese Salviamo il Paesaggio
-pillole per orientarsi nei labirinti delle amministrazioni-
(competenze, piani di bacino, finanziamenti alluvione)

incontro a cura dei Consiglieri Municipali
Movimento 5 Stelle - Bassa Valbisagno

condividete l'evento su facebook ed invitate i vostri contatti

http://www.facebook.com/events/280413122073714/


Genova - 


Verbale del Consiglio municipale VII Ponente del 12 settembre 2012

(di Enrico Baratelli)

Ieri sera al consiglio municipale erano stati invitati il presidente di Regione, Burlando, e l'assessore alla sanità, Montaldo, per riferire della delibera regionale del 27 luglio in cui si dirottavano i fondi destinati alla realizzazione delle piastre poliambulatoriali ex Martinez (Pegli) ed ex Co.Pro.Ma. (Voltri) ad altre destinazioni, tipo interventi al San Martino. Per non si sa quali impegni istituzionali pregressi, il mercoledì sera questi due signori avevano evidentemente questioni più urgenti da risolvere (speriamo che siano motivazioni valide).

Il consiglio intero ha votato all'unanimità la mozione in merito (che pubblicheremo interamente) prodotta dai capigruppo.

Dato che i suddetti presidente e assessore sono così presi da altri impegni da non trovare una sera per poter conferire con un meschino consiglio municipale, sulle PROMESSE MAI MANTENUTE ai cittadini e all'intero consiglio (che comunque è emanazione del Comune, e non un circolo di appassionati di briscola a 5), IL PROSSIMO CONSIGLIO SI SVOLGERÀ DAVANTI AGLI UFFICI DELLA REGIONE.

VISTA LA GRAVITÀ DELLA SITUAZIONE (basti vedere la tavola dei servizi socio-sanitari del PUC per rendersene conto anche in modo vago), INVITIAMO TUTTI A RITAGLIARSI UN PO' DI TEMPO LIBERO PER PARTECIPARE A QUESTO CONSIGLIO.
Comitati, collettivi, associazioni, quotidiani locali, chi più ne ha più ne metta.

Bisogna ricordare a questi signori che:

sono dei dipendenti pubblici e più alta è la loro carica, più alta è la responsabilità che devono assumersi
i municipi non sono i parafulmini per le loro beghe
se, una volta fatta una promessa, tornano sui loro passi DEVONO RENDERNE CONTO.

Municipio VII Ponente: interrogazione

Il Municipio VII Ponente ha presentato una interrogazione a risposta immediata sulle Piastre poliambulatoriali previste, progettate e finanziate sia nell'area dell'ex Ospedale Martinez sia nell'edificio ex Coproma di Voltri Martinez di Pegli, la cui costruzione è stata cancellata dalla Regione Liguria.

I cittadini sarebbero costretti a recarsi fino all'Ospedale di Sampierdarena, che sta già scoppiando con l'attuale affluenza che comprende anche le zone del levante genovese dopo la chisura dell'ospedale di Recco.

Interrogazione Martinez- Ex Coproma


Erzelli: un po' di documentazione

(di Stefano De Pietro)

Pubblichiamo la presentazione del Parco scientifico e tecnologico degli Erzelli così come visionata dalla Commssione Territorio e Sviluppo economico in data 12 settembre 2012 presso gli uffici di GHT.

Alleghiamo anche la presentazione del Rettore dell'Università proiettata in Commissione 6 Sviluppo economico, durante l'audizione conseguente al diniego dell'Università al trasferimento agli al PST degli Erzelli.

Parco Scientifico e Tecnologico di Genova - Erzelli - Presentazione GHT [PDF 8,1MB]
Erzelli-audizione Rettore [PDF 661KB]


Porto: relazione sulle esplosioni del Prof. Pietro Maifredi

(di Stefano De Pietro)

Lunedi 10 settembre 2012 alle 18.00 si è svolta la manifestazione dei cittadini del centro storico per protestare contro le esplosioni in porto, per i lavori di sbancamento necessari all'aumento della profondità navigabile.

L'incontro alla fine del corteo si è svolto a Palazzo San Giorgio, e ha visto la partecipazione del dott. Merlo del Cap e alcuni suoi consulenti tecnici, dei comitati spontanei di San Bernardo, Molo, Grazie e Sarzano, di Assest, Assoutenti, della Parrocchia di San Torpete rappresentata da don Farinella.

È stato letto e commentato il documento relativo all'analisi geologica del Prof. Maifredi, incaricato dai cittadini, che ha svolto la sua prestazione professionale in forma gratuita. Il documento è allegato qui sotto.

È intervenuta la dott.ssa Garotta del Comune di Genova, in veste di assessore all'ambiente, per garantire la prossima presenza del comune in supporto alla cittadinanza nel tavolo di trattativa che è stato aperto in occasione dell'incontro.

Le posizioni restano molto contrastanti, è pronta una denuncia da parte dei comitati, presso la Procura della Repubblica, per fermare eventuali ulteriori esplosioni dopo il termine accettato dal Cap di sabato prossimo (15 settembre).

L'impressione è che il Cap abbia davvero sottovalutato l'importanza della comunicazione su un tema così importante, che ha procurato allarmi e preoccupazioni a persone che sentivano tremare la propria abitazione senza un apparente motivo, lasciando spazio a supposizioni come terremoti o cedimenti strutturali. Solo dopo molto tempo ci si è resi conto che la sorgente delle vibrazioni erano i lavori in porto, per cui adesso il risentimento e l'incertezza sulla funzione delle istituzioni comunali sono la base dalla quale parte la rivalsa dei cittadini interessati.

E non è una reazione di vendetta ma una preoccupazione che trova adesso motivazioni tecniche nelal relazione del Prof. Maifredi che alimenterà nelle prossime settimane la ricerca di una soluzione che, al momento, vede come unica soluzione la sospensione definitiva dei lavori in porto con questa tecnologia, forse più adatta a luighi scarsamente abitati e dotati di urbanistica moderna. La situazione residenziale del centro storico genovese non aiuta certo una soluzione diversa, visto che nei secoli le case sono state modificate e aumentate in altezza e dimensioni senza seguire quelli che sono gli attuali parametri di stabilità e resistenza.


Relazione tecnica del Prof. Maifredi sulla stabilità delle case del centro storico a fronte delle esplozioni in corso in porto - settembre 2012 [PDF 268KB]

Consiglio Comunale: i documenti in discussione martedi 11 settembre 2012

Il Consiglio comunale dell'11 settembre 2012 vede sul banco alcuni argomenti ostici, tra i quali la destinazione dell'ex Ospedale psichiatrico di Quarto firmata da Lista Doria e altri consiglieri, che pare aver trovato una soluzione con la vendita di Via Bainsizza e il corrispondente trasloco della piastra ambulatoriale a Quarto, la sorte del cantiere privato che chiede il permesso di costruire due box aggiuntivi all'interno della fascia di rispetto di 200 m dal Cimitero di Cesino, a firma di Oddone ed altri assessori e una mozione sulla Gronda firmata da Pdl ed altri consiglieri.
Di tranquilla e scontata discussione dovrebbe essere la mozione per la eliminazione della "tassa" di ingresso al canile comunale dei cani abbandonati dai relativi proprietari, a firma della Lista Musso.

Odg Consiglio Comunale 11 settembre 2012

20120911.articoli 54

PROP_2012_0050_MODIFICA - Cimitero Cesino - Modifica

Mozione 86

Mozione 29

Mozione 81


Genova - 

(di Stefano De Pietro)
Durante lo sciopero del 7 settembre 2012, alcuni lavoratori della Centrale del latte di Genova (di proprietà Parmalat, quindi Lactalis) spiegano le ragioni dell'agitazione e auspicano un intervento del governo per risolvere il problema del 60 posto di lavoro a rischio, più altrettanti dell'indotto. Il Movimento 5 Stelle di Genova solidarizza con chi vuole salvare un'azienda in attivo economico e con più di 70 anni di storia.
Oggi 13 settembre intorno alle 12.30 si terrà un presidio di fronte alla sede della Regione Liguria in Piazza de Ferrai, dove i rappresentanti dei lavoratori si recheranno per parlare con i vertici di Regione e Comune in merito all'incontro previsto a Roma con le parti sociali e il Ministero.



Genova - 

A proposito delle nuove polemiche odierne (sulla trasmissione di La7 del 6 settembre 2012, ndr), ci fa piacere questo rinnovato interesse su di noi, ma non possiamo che rimanere dispiaciuti e rimarcare invece la costante apatia della stampa cittadina riguardo tutte le nostre iniziative.
E' a questo punto ancora più evidente il disagio ed il prurito di chi ci ha (mal) governato fino ad ora nei confronti del Movimento 5 Stelle e di chi lo rappresenta con impegno e dedizione.
Per rispetto di chi ci ha accordato la sua fiducia, non possiamo che evidenziare e ricordare la nostra totale autonomia e democrazia nelle scelte alla base della nostra lotta e la piena libertà nella formazione della lista per le passate elezioni amministrative.
La nostra unica volontà è lavorare con i cittadini per il bene della città, il resto sono solo sterili polemiche.
Un saluto
Paolo Putti


Genova - 


È da qualche settimana che compaiono sulla stampa nazionale gli inviti del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia ad una maggiore integrazione (leggi fusione in una mega multi utility) tra A2a e IREN con l'alibi oramai scontato e stantio di una maggiore efficienza ovviamente a favore dei cittadini (che già tremano...).

Il Movimento 5 Stelle di Genova rimarca e sottolinea nuovamente la sua totale e assoluta contrarietà a queste operazione, capaci solo di causare ulteriori indebitamenti alle società coinvolte a scapito dei Cittadini, ai quali vengono ulteriormente sottratti i beni pubblici non disponibili.

Si rimane di ghiaccio nell'evidenziare che nascerebbe un colosso fondato su circa 8 miliardi di debiti.

Come al solito, gli unici a goderne saranno i partiti con i loro "clientes" da sistemare in qualche Consiglio di amministrazione, come il Caso "Villani" ben dimostra.

Movimento 5 Stelle di Genova


Genova - 


2 settembre 2012 - Comunicato stampa congiunto dei gruppi consiliari del Movimento 5 Stelle di Parma, Reggio Emilia, Piacenza, Torino, Genova.

forno.jpg Il ministro Clini a un bivio: ambiente o finanza privata con soldi pubblici?

Il ministro Clini è intervenuto a margine di un incontro a Montecchio (Re) esprimendo preoccupazione per i finanziamenti pubblici percepiti da Iren per la costruzione dell'inceneritore di Parma.

Noi consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Parma, Reggio Emilia, Piacenza, Torino e Genova ci domandiamo se un Ministro dell'Ambiente che oltretutto è anche medico, non pensi sia più opportuno occuparsi di salute pubblica e non degli incentivi che potrebbe perdere un'azienda privata che ha costruito un impianto sotto inchiesta da parte della magistratura.

Da parte nostra crediamo che non ci possano essere deroghe alla legalità e che la magistratura deve procedere nel suo lavoro per fare piena luce sui fatti.
Non è più tempo di scendere a patti con gli interessi economici a discapito della salute dei cittadini e la recente vicenda dell'Ilva di Taranto dovrebbe essere da monito a tutti noi affinché certe situazioni non si ripetano, a maggior ragione in un'area come la nostra vocata alle produzioni agro-alimentari di pregio.

Ricordiamo che gli incentivi pubblici (certificati verdi) cioè provenienti da tasse dei cittadini, percepiti da Iren di cui accenna il Ministro sono legati per lo più alla combustione di fanghi da depurazione che anziché essere bruciati e produrre emissioni inquinanti, potrebbero essere trattati in modo più ambientalmente sostenibile e impiegati per produrre biogas (anch'esso finanziabile) in fase di bioessicazione.

Tra l'altro è stato lo stesso Clini a dichiarare alla stampa come gli inceneritori rappresentino il passato. Citiamo testuali parole di Clini espresse ieri: "L'evoluzione della gestione dello smaltimento dei rifiuti a livello europeo se non internazionale dice che i termovalorizzatori hanno fatto il loro tempo, sono diventati sempre più marginali". Per aggiungere "Il sistema dei termovalorizzatori viene via via superato da sistemi più ecologici".

Il nostro territorio ora ha l'occasione di procedere con decisione verso una politica di gestione rifiuti opposta a quella dell'incenerimento che, come lo stesso Ministro ha ammesso, è una tecnologia obsoleta in via d'estinzione e superata da vie alternative più ecologiche: si chiamano dopo una serie raccolta porta a porta e piani di riduzione dei rifiuti (già calati dell'11% quest'anno con la crisi): Trattamento Meccanico Biologico e "Fabbrica dei Materiali" con estrusione e recupero del 95% del materiali post consumo. E' ora di agire. Il futuro Rifiuti Zero ci aspetta.

Movimento 5 Stelle - BeppeGrillo.it
Marco Bosi, capogruppo Comune di Parma
Matteo Olivieri, capogruppo Comune di Reggio Emilia
Mirta Quagliaroli, capogruppo Comune di Piacenza
Vittorio Bertola, capogruppo Comune di Torino
Paolo Putti, capogruppo Comune di Genova


Genova - 


(di Stefano De Pietro)

Fabrizio Spiniello ha contattato il Movimento 5 Stelle di Genova nei primi giorni d'agosto 2012, per raccontare la storia di una serie di notizie relative alla demolizione di alcuni ponti sul Bisagno all'altezza di Molassana, per "mettere in sicurezza il torrente Bisagno". Non avendo trovato informazioniì presso il Municipio Media Val Bisagno, si è rivolto a noi per lanciare un appello e richiedere maggiore partezipazione nelle scelte che interessano la vita dei quartieri di Genova. Abbiamo raccolto il suo appello con questo video.

http://www.facebook.com/AmiciDiPontecarrega

I candidati a Genova

  • user-pic
    Luca Pirondini
  • user-pic
    Fabio Ceraudo
  • user-pic
    giuseppe immordino
  • user-pic
    MARIA TINI
  • user-pic
    stefano giordano

About this Archive

This page is an archive of entries from Settembre 2012 listed from newest to oldest.

Agosto 2012 is the previous archive.

Ottobre 2012 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Partecipa ai nostri eventi