ospedale-di-San-Giovanni-In-Persiceto.jpg11 OTTOBRE 2017 - "La riduzione dell'attività di chirurgia urologica è l'ennesimo campanello d'allarme riguardo allo strisciante depotenziamento dell'ospedale di San Giovanni in Persiceto messo in campo dall'AUSL di Bologna. Per questo chiediamo alla Regione di invertire questa rotta e scongiurare così qualsiasi ipotesi di smantellamento dell'assistenza sanitaria".

È questa la richiesta di Silvia Piccinini, consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, contenuta in una interrogazione presentata alla Giunta riguardo alla situazione dell'ospedale di San Giovanni in Persiceto.

"Dallo scorso settembre sembra che siano state ridotte le attività di chirurgia urologica e rimosse 2 sedute di Sala Operatoria settimanali, senza provvedere all'implementazione dell'attività a bassa e media intensità, come prevede la perversa proposta di riordino degli ospedali - spiega Silvia Piccinini - Attualmente a San Giovanni in Persiceto è presente l'attività urologica in urgenza che però sembra, dai piani dell'AUSL debba essere spostata presso l'Ospedale Maggiore, seppure ad oggi non siano stati resi noti né i tempi e né le modalità. Tutto ciò sta generando una profonda confusione tra i cittadini che giorno dopo giorno assistono a un continuo e costante depotenziamento delle attività dell'ospedale".

Per questo nella sua interrogazione la consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle chiede alla Regione di fare chiarezza sulla riduzione delle attività in atto nel reparto di Urologia dell'ospedale e di chiedere all'AUSL un repentino cambio di rotta. "La riorganizzazione messa in atto è in realtà un vero e proprio depotenziamento dell'ospedale, manca l'informazione non solo nei confronti dei cittadini ma anche dei rappresentati delle istituzioni locali che vengono a conoscenza di decisioni solo dopo averle messe in atto. La Regione - conclude Silvia Piccinini - fermi questo meccanismo perverso".

« Deposito GNL a Ravenna, Bertani (M5S): "Troppe criticità, serve inchiesta pubblica" | Blog Home | Archives | Crac Aeradria, Sensoli (M5S): "Messa in mora del sindaco è sceneggiata. Comune avrebbe dovuto costituirsi parte civile" »
RSS