Allevamenti intensivi-M5SER-controlli-e-rispetto-ambiente.jpg18 MAGGIO 2017 - Più controlli negli allevamenti intensivi in modo da assicurare il rispetto delle norme che regolano il benessere animale e quelle ambientali. A chiederli è Andrea Bertani, consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle, che ha presentato una interrogazione e una risoluzione, assieme alla capogruppo Raffaella Sensoli, per chiedere alla Giunta di regolamentare e limitare alcuni aspetti della zootecnia intensiva.

"Oggi in Emilia-Romagna ci sono circa 1.100 allevatori per un fatturato di 600 milioni l'anno - spiega Andrea Bertani - Compito della Regione è anche supportare il settore ma al tempo stesso cercare di limitare le criticità dovute soprattutto allo sviluppo degli allevamenti intensivi che pur di massimizzare i prodotti a fronte dello spazio minimo utilizzato, tendono al sovraffollamento di capi e quindi alla compressione del benessere animale, alla prevalenza della quantità rispetto alla qualità, ad importanti impatti ambientali".

Per questo il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle chiede alla Giunta di adottare i giusti accorgimenti. "Negli ultimi mesi sono sempre più numerose le richieste di ampliamento del numero di capi allevati in strutture intensive - aggiunge Raffaella Sensoli - richieste che spesso non contemplano in alcun modo l'impatto ambientale derivante dallo spandimento delle deiezioni zootecniche in agricoltura e dal maggior traffico generato". "Criticità che si vanno a sommare alle lacune normative che riguardano il benessere animale per alcune specie allevate, come i tacchini per esempio - specifica Andrea Bertani - Per questo chiediamo alla Giunta di mettere mano alla normativa regionale, in primo luogo per estendere il concetto di benessere animale a quelle specie fino ad oggi escluse e, soprattutto, a varare una campagna preventiva di controlli sugli allevamenti intensivi soggetti ad autorizzazione unica ambientale, coinvolgendo ASL e organi competenti". "Inoltre - concludono Bertani e Sensoli - crediamo che per ogni richiesta di ampliamento degli insediamenti produttivi dovrebbe essere obbligatoria la Valutazione di impatto ambientale così da limitarne gli effetti negativi anche sull'ambiente".

« Arena Campovolo, Sassi (M5S): "Bando sbilanciato verso Coopservice. La Regione riveda il finanziamento" | Blog Home | Archives | Valsamoggia, Gibertoni (M5S): "Da Pd deriva antidemocratica. La Regione intervenga" »
RSS