MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Mobilità e trasporti


Desenzano del Garda - 

In questi mesi si è parlato molto di passeggiate a lago, ed in particolare del nodo cruciale del superamento della darsena Lepanto per il definitivo collegamento a lago tra Desenzano e Rivoltella.

La soluzione progettuale proposta dalla precedente Amministrazione risultava a nostro avviso non ottimale, innanzitutto per una questione di costi, estremamente elevati se rapportati alla esigua lunghezza del tratto da percorrere, poi per l'elevato impatto paesaggistico ed ambientale della struttura che si intendeva realizzare, quasi interamente a lago e appoggiata su pali in cemento conficcati nel fondale.

Abbiamo quindi accolto la decisione di sospenderne la realizzazione come un'occasione per rivedere il progetto in essere, sviluppando soluzioni alternative e migliorative, riducendo l'impatto visivo e possibilmente contenendo i costi di realizzazione.

Premettendo che la realizzazione di questa opera risulta comunque per noi non prioritaria, soprattutto se rapportata a problematiche la cui risoluzione riteniamo essere molto più urgente, come la messa in sicurezza degli scarichi a lago, e che quindi se dovessero esserci a disposizione fondi da investire vorremmo la precedenza fosse data a quel tipo di interventi, abbiamo presentato direttamente al Sindaco pochi giorni fa un'idea progettuale alternativa rispetto a quelle fino ad ora emerse nel dibattito pubblico e sui giornali.

La nostra proposta si basa sulla realizzazione del collegamento tra i due tratti di passeggiata rimanendo sulla linea di costa, preservando quindi il concetto di "passeggiata a lago" e la continuità dell'esistente, questo tuttavia senza invadere lo specchio d'acqua ma realizzando il camminamento in corrispondenza della scogliera, sovrapponendosi alla massicciata che separa l'area privata della darsena dal lago, riducendo drasticamente l'impatto visivo dell'opera e annullando l'interferenza con il lago stesso.

Lo sviluppo in lunghezza del camminamento lungo il perimetro della nautica consentirebbe di realizzare le rampe di salita e discesa con le dovute pendenze necessarie a garantirne l'accessibilità, arrivando, in corrispondenza dell'accesso delle imbarcazioni ad una quota sufficiente a consentirne il passaggio. Il superamento di questo tratto avverrebbe tramite un ponte fisso a campata unica appoggiato sulle estremità del muro di cinta della darsena.

Auspichiamo che l'idea proposta possa essere presa in considerazione, dopo essere stata valutata e verificata da un punto di vista della fattibilità tecnica e della sostenibilità economica da parte dei tecnici competenti, per essere confrontata con le altre soluzioni proposte nel momento in cui si dovesse decidere di completare l'opera, preferibilmente ricorrendo alla consultazione e al coinvolgimento della cittadinanza per l'individuazione della soluzione ottimale.


Vista_3.png

Pianta.png

Vista_1.png

Confronto_1.png

Vista_2.png

Confronto_2.png


Desenzano del Garda - 

20_07.jpg


Desenzano del Garda - 

Nemmeno il tempo di accennare al tema TAV durante la seduta di insediamento del nuovo Consiglio Comunale di Desenzano, per ribadire l'assoluta necessità di tenere alta la guardia e fare fronte comune contro questa dannosa opera, che sui giornali di oggi si parla in modo concreto della possibilità o addirittura necessità di realizzare la cosiddetta "Stazione del Garda" nei pressi del casello autostradale di Sirmione in territorio di Desenzano.

Il Movimento 5 Stelle, che segue ormai da anni questa vicenda, respinge e rifiuta categoricamente tale ipotesi per le seguenti motivazioni:

- Il tratto ferroviario previsto dal progetto approvato dal CIPE in questi giorni per collegare Brescia a Verona si sviluppa su circa 60 km di lunghezza, misura già estremamente limitante per treni ad alta velocità che necessitano di tratti di accelerazione e decelerazione molto lunghi; inserire una ulteriore fermata intermedia a San Martino spezzerebbe ulteriormente il tragitto rendendo impossibile il raggiungimento delle velocità previste e rendendo i treni veloci più simili a dei treni regionali, vanificando quindi qualsiasi risparmio di tempo sulla percorrenza.

- Non esiste alcuna necessità turistica, ricettiva o viabilistica legata al raggiungimento del basso lago tramite treno che non sia o non possa essere svolta opportunamente dalla esistente e funzionante stazione di Desenzano del Garda. Anzi, la zona dove risulterebbe prevista la nuova stazione si trova al di fuori del centro abitato e lontana dai tragitti abituali del servizio di trasporto pubblico, quindi scarsamente fruibile.

- La zona individuata si trova inserita in un contesto paesaggistico poco urbanizzato, con caratteristiche naturalistiche di pregio, nei pressi del nuovo PLIS di San Martino della Battaglia e ai piedi della Torre di San Martino, monumento di grande valore storico e culturale. L'impatto dei cantieri, delle opere viabilistiche e dell'opera finita sarebbero devastanti e comprometterebbero in modo irreparabile l'ambiente e il paesaggio circostanti con danni enormi su tutto il comparto turistico del basso Garda.

Riteniamo il progetto dell'alta velocità Brescia-Verona un'opera INUTILE, dato che la linea ferroviaria storica risulta ampiamente sottoutilizzata, DEVASTANTE, con più di 5 anni di cantieri previsti che taglieranno a metà il nostro entroterra, enormemente COSTOSA, (più di 70 milioni di Euro al km, tra i più alti d'Europa), progettata in assenza totale di una qualsiasi forma di valutazione costi-benefici che ne giustifichi la realizzazione.
Alla luce di quanto illustrato, e delle notizie che quasi quotidianamente troviamo sui giornali in merito, il Movimento 5 Stelle ribadisce il proprio impegno a contrastare l'avanzamento di tale opera con azioni concrete e di sensibilizzazione sul territorio, come già fatto in passato.

Se questo progetto dovesse diventare realtà, con l'avvio dei cantieri sul nostro territorio, verrebbe messo a serio rischio il presente e il futuro dell'intero sistema turistico desenzanese e gardesano, che si basa sul lago, ma che ha nell'entroterra e nelle ricchezze e bellezze del territorio una risorsa insostituibile. Una "rasoiata" devastante per il paesaggio collinare e per le colture oleovinicole, grande ricchezza del nostro territorio che rischiano di essere messe in ginocchio.

Riteniamo dunque che la nuova Amministrazione di Desenzano, essendo il nostro territorio comunale al centro del problema, debba prendere quanto prima una netta posizione in merito all'ipotesi di realizzazione di una stazione a San Martino della Battaglia e in merito all'opera TAV nel suo complesso.


Nuova_Fermata.jpg


Desenzano del Garda - 

Durante la campagna elettorale del 2012 la questione TAV (Treno Alta Velocità) fu uno dei temi più trattati, al centro di dibattiti e confronti pubblici tra i candidati alla carica di Sindaco, nonostante all'epoca il progetto fosse ancora in fase preliminare e molti dettagli non fossero ancora conosciuti.

Ad oggi invece, a pochi giorni dalla scadenza elettorale dell'11 di giugno, dopo che in più occasioni i vertici di RFI hanno ribadito con determinazione l'imminente inizio dei lavori e dei cantieri che riguarderanno da vicino il nostro territorio, quasi nessuno dei candidati in corsa per le elezioni si è espresso chiaramente in merito alla propria posizione sulla questione e su come intenderà affrontare la minaccia sempre più incombente di questa opera inutile, devastante e costosa.
Se questo progetto dovesse diventare realtà, con l'avvio dei cantieri anche sul nostro territorio, verrebbe messo a serio rischio il presente e il futuro dell'intero sistema turistico desenzanese e gardesano, che si basa sul lago, ma che ha nell'entroterra e nelle ricchezze del territorio una risorsa insostituibile. Il tutto per realizzare un'opera INUTILE, dato che la linea storica risulta ampiamente sottoutilizzata, DEVASTANTE, con più di 5 anni di cantieri previsti che taglieranno a metà il nostro entroterra, COSTOSA, con un costo di più di 70 milioni di Euro al km, tra i più alti d'Europa, in assenza totale di una qualsiasi forma di valutazione costi-benefici che ne giustifichi la realizzazione.

Ancora più fantasiosa e totalmente priva di qualsiasi fondamento tecnico è l'ipotesi di realizzare una "stazione del Garda" in prossimità del casello autostradale di Sirmione, a due passi dalla Torre di San Martino. Ipotesi non contemplata nel progetto definitivo e se possibile ancora più impattante di quanto già non lo sia il progetto originale.
Il Movimento 5 Stelle si batte da anni, insieme ai comitati e ai gruppi attivi sul territorio, affinché questa opera venga annullata, e si investano invece i soldi nell'ammodernamento della linea storica, attraverso interrogazioni, mozioni, interventi in Consiglio Comunale, banchetti informativi e presenza costante in prima linea in tutte le iniziative svolte a livello locale e territoriale (tra cui la passeggiata NO TAV di ottobre 2014 a San Martino con più di 1500 persone).

Se verremo eletti abbiamo intenzione di continuare questa battaglia, con gli strumenti che avremo a disposizione, per difendere il nostro territorio e il futuro del turismo nel basso Garda, in contrasto a questa opera che nulla di buono può portare alla nostra comunità e al benessere della collettività.


3.jpg


Desenzano del Garda - 

Sabato 18 febbraio si è tenuta nei locali comunali di Desenzano una interessante conferenza sul tema della TAV, il quale diventerà probabilmente anche nel nostro territorio l'argomento di rilievo dei prossimi anni. Alcuni di noi hanno partecipato in qualità di spettatori interessati; eccone una breve sintesi:

Report della conferenza sulla TAV - Palazzo Todeschini - sabato 18 febbraio 2012; organizzata dalla coalizione di Sinistra Ecologica e Libertà, Italia dei Valori e Desenzano in Movimento rappresentata da Annamaria Damiano candidato sindaco.

Temi trattati:
Differenza tra alta velocità e alta capacità
Passaggio della Tav a Desenzano
Danno economico
Danno ambientale

Relatori:
Ivan Cicconi - Esperto in appalti pubblici
Giovanni Contiero - Consigliere Comunale a Lonato
Assente per lutto Giovanni Cemmi - Comitato elettorale
Intervento staordinario del segretario del Comitato per il Parco delle Colline Moreniche Gabriele Lovisetto.

Ivan Cicconi, uno dei maggiori esperti italiani di appalti pubblici, ha affrontato il progetto Tav dal punto di vista economico. Ha evidenziato il problema del debito pubblico, la vera storia dell'Alta velocità, le scelte tecniche e finanziarie note e occulte, le bugie consapevoli e inconsapevoli, la truffa ai danni dello Stato e dell'Unione europea, la clamorosa bugia del finanziamento privato di una delle opere più controverse degli ultimi decenni.
Il progetto Tav risale agli anni '90, è stato gestito con uno schema finanziario, il famoso "project financing", che consiste in un'operazione finanziaria attraverso la quale le pubbliche amministrazioni realizzano opere pubbliche il cui onere finanziario è ufficialmente parzialmente o totalmente a carico del privato sulla base di un piano finanziario in grado di garantire l'autofinanziamento dell'operazione stessa (art. 153 Codice degli appalti): in pratica il garante ultimo dell'operazione è l'amministrazione o l'ente pubblico stesso.
Questo sistema, deleteriamente riutilizzato per quasi tutte le grandi opere, permette di creare un debito pubblico occulto che a tutt'oggi si può calcolare attorno al 20% di quello ufficiale.
Ha poi dimostrato l'inutilità dell'opera e sottolineato più volte le colpe della mala politica, nessun partito escluso.
A fine conferenza ha precisato che se davvero non si può abolire questo sistema di partiti, si traduca almeno in norma il principio delineato nell'art. 49 della nostra Costituzione "I cittadini sono liberi di associarsi in partiti politici", condizione necessaria per poter anche solo tentare il contrasto di corruzione e criminalità organizzata, limitare lo spreco di beni e risorse pubbliche e salvare il Paese dalla catastrofe.
(Per chi desidera approfondire l'argomento è a disposizione il libro di Ivan Cicconi "Il libro nero dell'alta velocità").


Impatto ambientale secondo l'ipotesi di progetto originale

L'emergenza principale è creata dall'escavazione di gallerie fino ai 70/100 mt. di profondità in una zona ricca di falde acquifere a vari livelli di cui si conosce poco; un assaggio di quello che ci si può aspettare è emerso nello scavo delle gallerie della tangenziale che necessitano di una manutenzione continua.
Si fa presente che le dimensioni sono tre volte tanto, con contestuali rischi di contaminazione, calo o essiccazione dei pozzi e delle sorgenti a valle dell'intervento. In altri tempi, nella realizzazione dell'adiacente autostrada si è saggiamente preferito mantenere la salita con tutte le conseguenze del caso piuttosto che affrontare l'incognita dello scavo.
Le gallerie previste sono una che bypassa le colline di Lonato con ingresso zona Wierer e uscita vicino S. Lorenzino a Desenzano (zona scavi archeologici), l'altra che sottopassa il casello autostradale di Sirmione.

Buona parte del resto del percorso è previsto in trincea e seppur realizzato a profondità minore, circa 10 mt., rischia di influire ugualmente in modo pesante sul reticolo idrico.
I residuati dei cantieri operativi di superficie sono notevoli, solo per quello logistico che dovrebbe ospitare gli alloggi degli operai e gli uffici si ipotizza una gettata di cemento dell'estensione di 40/50.000 mq. destinata poi a essere abbandonata in loco.
E' necessaria la demolizione di varie unità abitative esistenti, sia relativamente recenti (3 villette) che storiche (3 cascine), in zone limitrofe a S. Martino.
Per quanto riguarda la zona del Lugana la perdita di territorio unico ad alto pregio è prevista intorno al 20%.
Nel corso dei lavori si evidenzieranno ulteriori problematiche attinenti le aree di ammasso del materiale di riporto, i cantieri di deposito, lo sconvolgimento e creazione della viabilità per consentire lo spostamento dei mezzi d'opera con conseguenti pesanti effetti sul flusso turistico, disturbo acustico e inquinamento atmosferico da polveri e emissioni.
Si calcola quindi che la superficie interessata dal cantiere sarà almeno di 200 mt. di larghezza per circa km. 20 solo per quanto inerente al nostro comune.
Tutto questo viene a insistere in un territorio unico a livello nazionale e di alto pregio ambientale.
Il costo previsto ad oggi per la tratta Brescia-Verona si aggira attorno ai 2.800milioni di euro per 72 km. (all'incirca 40 milioni di euro a chilometro!)
Se venisse preso in considerazione il progetto alternativo presentato dal Comitato Parco delle Colline Moreniche del Garda, a fronte di un insignificante incremento chilometrico di circa 5 km. si avrebbe un notevole abbattimento dei costi, forse anche del 90 % e il transito attraverso un territorio di minor pregio e scevro dagli irreparabili danni sopra esposti.
La competenza sull'argomento è purtroppo a livello nazionale, rendendo quindi senza utilità iniziative di livello locale a meno di riuscire a creare un movimento di opinione globale che coinvolga la cittadinanza, i Consorzi, le Associazioni le Amministrazioni Pubbliche e di conseguenza gli Enti Territoriali ( Provincia e Regione).
Il ministro dell'economia Monti dovrebbe opportunamente valutare se nell'odierna situazione congiunturale sia il caso di spendere miliardi di euro per le gallerie o spendere centinaia di milioni per il progetto alternativo.


Luisa Sabbadini

Purtroppo, come troppo spesso accade, si arriva a discutere di questi argomenti quando ormai è tutto pressochè deciso, prossimo alla cantierizzazione, e gli strumenti di intervento risultano limitati e poco efficaci; tuttavia non mancheremo di monitorare assiduamente la situazione e le evoluzioni dei prossimi mesi.