MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Settembre 2016

Vie d'acqua per Desenzano


Desenzano del Garda - 

14102741_1774746932743256_6159704904600944797_n.jpg

Osservazioni alla VAS


Desenzano del Garda - 

OGGETTO: OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI VARIANTE AL
PGT DI DESENZANO DEL GARDA DEL GRUPPO M5S.

desenzano - Copia.jpg

La sottoscritta Luisa Sabbadini per conto proprio e del M5S di Desenzano,
interessata a titolo di rappresentante dei cittadini presenta le seguenti osservazioni:

IL PERCORSO PARTECIPATIVO

1) La nuova variante al PGT ha avuto una partenza lodevole per quanto attiene allo
scambio di informazioni e al coinvolgimento della popolazione e della seconda
commissione consiliare nel definire gli obiettivi di piano sfociata nella serie di sei
incontri con la cittadinanza - " Incontri di ascolto e proposta per progettare insieme
il nuovo PGT" e nell'approvazione, il 21 marzo 2014 in Consiglio Comunale del
documento "Verso la Desenzano del 2020 - linee strategiche"
2) Alle premesse non e' purtroppo seguito un adeguato percorso di
partecipazione attiva dei cittadini alle scelte dell'amministrazione che, anzi,
hanno visto "piovere dal cielo" una serie di interventi non solo non concordati con gli
interessati - cittadinanza e categorie economiche - ma nemmeno ad essi
preventivamente illustrati quali il rifacimento del parcheggio "Maratona", Il
costosissimo ampliamento del parcheggio "Vallone", Le nuove passerelle attorno al
Porto Vecchio, il rifacimento di piazza Cappelletti con l'eliminazione della vasca della fontana dedicata alla resistenza, il primo tratto della passeggiata a lago verso
Rivoltella, la pulizia - scorticatura con cambio di colore del monumento al reparto
"Alta Velocità" di piazza Matteotti.
Per ognuna di queste opere sono stati evidenziati, a posteriori, problemi che un
confronto pubblico avrebbe aiutato a rilevare e correggere
3) Alle critiche e alle legittime proteste arrivate da più direzioni l'amministrazione non
rispondeva, e ove vi veniva costretta da interrogazioni e interpellanze rispondeva in
maniera scomposta (uno tra tutti vedasi l'episodio dell'accusa del Sindaco alla
nostra consigliera Sabbadini di far sprecare risorse all'amministrazione per
rispondere alle nostre richieste di informazioni e accesso agli atti;) (o la caustica
bocciatura della mozione da noi presentata onde impegnare il sindaco a incontrare
la proprietà del Teatro Alberti per esplorare la possibilità di un accordo per l'utilizzo
della sala da 600 posti per alcuni spettacoli del cartellone comunale in alternativa
alla creazione di una sala di pari capienza ma ricavata sventrando un Bene Storico
quale la ex caserma Beretta in castello a costi che si avvicinano alla decina di
milioni di euro e con tempi difficilmente quantificabili.) .
E' vero inoltre che la collaborazione e il dialogo vanno cercati attivamente e
sollecitati quando li si ritiene davvero importanti per costruire una comunità
cittadina socialmente sana e coesa:

nulla di tutto questo e' accaduto!

Sembra a noi quindi che il tanto sbandierato interesse per la partecipazione e condivisione degli obiettivi del nuovo PGT sia solo uno schermo che copre un costrutto che non ha una idea portante, ma - a parte alcune chiare e condivisibili indicazioni in realtà contiene una serie di frasi fatte, che esaminate da vicino non dicono niente.

RITENIAMO FORTEMENTE CARENTE NEL PROGETTO DI VARIANTE AL PGT L'ATTENZIONE PRESTATA E LE SOLUZIONI PROPOSTE IN TEMA DI MOBILITA'
LA NOSTRA PROPOSTA E' QUELLA DI UN AGGIORNAMENTO DEL PIANO DEL TRAFFICO VEICOLARE QUALE INIZIATIVA PROPEDEUTICA ALLA REDAZIONE DI UN PUMS - PIANO URBANO DELLA MOBILITA' SOSTENIBILE.

Il Comune di Desenzano del Garda è ormai giunto alla soglia dei 28.000 residenti ma con i problemi e le esigenze di una città di taglia almeno doppia: il pernottamento turistico si e' da tempo modificato e diffuso sull'intero territorio in considerazione della crescita esponenziale di BED & BREAKFAST e appartamenti vacanze E dovrebbe, già da tempo, essere dotato di un PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) uno strumento di programmazione a medio-lungo termine (10 anni) attraverso il quale definire il quadro generale delle scelte e delle decisioni relative alla mobilità nell'area urbana: un insieme coerente di interventi infrastrutturali, tecnologici, gestionali ed organizzativi, saldamente in mano pubblica, in grado di orientare e governare in modo sano ed equilibrato lo sviluppo del nostro territorio in funzione del benessere dei nostri cittadini.
Nell'ambito di questo strumento vanno ricercate, individuate e programmate le soluzioni
ottimali per raggiungere una mobilità sostenibile degna di questo nome, avendo ben
presente che:

Il punto fondante e fondamentale da mettere al centro dell'attenzione è che LA MOBILITA' RIGUARDA, PER PRIMI, I CITTADINI, NON LE AUTOMOBILI!

L'auto è e rimarrà sempre un importante strumento di mobilità assieme alle gambe,
pattini, bicicletta, imbarcazioni, treno, aeromobile, e ognuno di essi richiede le
proprie infrastrutture, i propri incroci e punti di deposito e interscambio all'interno
di una rete che integri in maniera efficace e efficiente tutte le modalità sopra ricordate.

Il MoVimento 5 Stelle di Desenzano chiede fermamente che l'Amministrazione Comunale si attivi al più presto per corredare il PGT con un Piano Urbano della Mobilità Sostenibile che metta al centro il cittadino e persegua i seguenti obbiettivi attraverso gli interventi indicati e altri da immaginare:

1) Miglioramento della qualità dell'aria e della salute fisica e mentale dei cittadini
riducendo le emissioni in atmosfera degli inquinanti legati agli spostamenti con
mezzo privato; va allo scopo prevista l'attivazione delle stazioni di rilevamento e
analisi dell'aria già esistenti e inspiegabilmente non operative, dandovi invece la
massima diffusione, con particolare attenzione alle polveri sottili.
2) Pedalare e camminare garantiscono l'espletamento della minima attività fisica
quotidiana. Secondo alcune stime, ogni chilometro percorso in ambito urbano in
bicicletta anziché in auto produce un beneficio sociale dell'ordine di 1 €/km (PUM di
Reggio Emilia).
L'obiettivo è l'adozione di tutte le misure funzionali a scoraggiare il trasporto privato
per gli spostamenti a corto e cortissimo raggio potenziando il trasporto pubblico e
istituendo un servizio pubblico di noleggio biciclette a prezzi calmierati per residenti
e turisti (bike sharing) come avviene ormai in numerose città perseguendo la
massima intensificazione delle connessioni urbane.

PARCHI - VERDE PUBBLICO - E PISTE CICLOPEDONALI

3) Potenziamento degli spostamenti ciclopedonali sia in sede propria che promiscua
approfittando di qualunque occasione si presenti per ampliare e integrare la rete e
migliorare la segnaletica Lo stesso vale per i percorsi cicloturistici che vanno
potenziati e ampliati in particolare a collegare i PLIS Monte Corno e San Martino e il
corridoio morenico che li collega.
I percorsi ciclabili e pedonali, sia in sede promiscua che -meglio - in sede
propria sono fondamentali per lo sviluppo di una sana e forte rete sociale tra i
cittadini, quindi il MoVimento 5 Stelle dà la massima priorità a questa proposta
4) Sviluppare e finanziare con decisione la condivisione dei mezzi privati "car sharing"
e "bike sharing"

MOBILITA'TURISTICA, QUALITA' DEGLI SPAZI PUBBLICI E SALUTE DEI CITTADINI

5) RETE DEI PARCHI, OASI E AREE VERDI:
Istituzione del PLIS della "Via Gallica" a collegare ed integrare i parchi esistenti con
promozione del territorio sotto l'aspetto monumentale, naturalistico e storico
promuovendo nel contempo la fruizione delle risorse del territorio quali
enogastronomia, agriturismo e Bed & breakfast.
6) Protezione e valorizzazione qualitativa delle aree e delle attività agricole che
caratterizzano, spesso con apprezzamenti e valenze internazionali, il nostro
territorio, anche tramite:

-incentivi alla creazione e recupero dei filari e delle siepi interpoderali lungo i fossati
e i corsi d'acqua, delle scarpate, argini e zone incolte a prato arido con contestuale
pulizia e attenta rinaturazione ove possibile e necessario.
-Massima salvaguardia e contestuale censimento anche tramite l'apposizione di
vincoli, delle zone umide e dei canneti, del reticolo idrico in generale, delle sorgenti
e delle risorgive massimizzando le rispettive aree di rispetto.

" IL LAGO: LA NOSTRA RISORSA"

RECUPERARE UN RAPPORTO STRETTO CON IL NOSTRO LAGO ripensando e
valorizzando, ogni singolo metro dell'intera area costiera con un progetto globale che
riporti a un ABBRACCIO TRA TERRA E ACQUA E TRA L'OPERA DELLA NATURA E QUELLA DELL'UOMO:

1) Riqualificazione, rinaturazione e accurata manutenzione delle spiagge, comprese
le minori, dei punti di accesso a lago e delle aree che vi si affacciano. Recupero
alla fruizione pubblica degli accessi a lago collegati dalla rete dei percorsi
ciclopedonali.
2) Riqualificazione e ammodernamento del porto di Desenzano con integrazione di
posti barca temporanei per turismo nautico e dotazione per tutti i posti barca di
colonnina di servizi per lo stazionamento.
3) Sviluppo e appoggio del trasporto pubblico via acqua mettendo a disposizione
licenze e ormeggi per "taxi boat" elettriche in servizio turistico e per i residenti.
con adeguata promozione del servizio.
4) Incentivare la dismissione degli inquinanti motori a due tempi per sostituirli
gradualmente con quelli a 4 tempi ed elettrici agendo anche sulla differenziazione
delle tariffe di ormeggio.
Nell'ambito dello sviluppo della mobilità pubblica via acqua va posta mano alla
creazione di un approdo per i battelli del servizio pubblico a Rivoltella rendendo
possibile un adeguato servizio navetta via acqua tra Rivoltella, Desenzano e
Sirmione.

Va considerato in particolare il carico che la viabilità e la mobilità di Rivoltella
subiranno con l'apertura della grande struttura sanitaria in completamento proprio a
ridosso del porto.

"DESENZANO CITTA' GIARDINO"

5) Riqualificazione delle tratte urbane delle strade principali di Rivoltella e
Desenzano con un progetto unitario, a partire dal completamento e
riqualificazione del lungolago di Desenzano, trasformandole in strade-giardino
con un progetto unitario con accesso consentito alle automobili, ma precedenza
ai pedoni sull'esempio, tra i tanti, di Colombare e Lugana di Sirmione. La strada -
giardino spezza la linearità della direttrice stradale creando una successione di
"ambienti" differenziati tramite dislivelli della sede stradale, spostamenti laterali
delle corsie di transito, interposizione di barriere fisiche come elementi scultorei,
fontane, aiuole, chioschi, gruppi di sedute , mini parcheggi di tre/sei posti auto a
sosta breve di 15 minuti per il semplice disbrigo delle commissioni nel raggio di
poche decine di metri. Individuazione di aree di parcheggio dedicate per
motociclisti.
6) Per Rivoltella si propone un vero e proprio PIANO PER LA RIVITALIZZAZIONE
DI VIA DI VITTORIO con la creazione di un ufficio dedicato che proponga
iniziative pubbliche che affianchino e accompagnino quelle private e ne proponga
e coordini altre ricercando fonti di finanziamento a 360 gradi attingendo a fondi e
programmi di finanziamento Nazionali, regionali Europee della Camera di
Commercio e delle Fondazioni Bancarie assumendosi l'onere del disbrigo delle
pratiche e della trattativa collettiva.
7) Si propone l'individuazione di un punto di sosta per utenze giovanili e di mobilita'
non tradizionale (ciclisti, camperisti) e lenta per l'interscambio culturale intereuropeo
e mediterraneo (Ostello) individuato nel recupero della stazione
ferroviaria, ad oggi dismessa e disabitata.
8) Va sostenuto e incrementato anche il flusso turistico legato a S. Angela Merici,
patrona della città e fondatrice dell'ordine della compagnia di Sant'Orsola
(Orsoline).

IMMAGINARE UNA DESENZANO MIGLIORE:
DESENZANO SENZA BARRIERE

A) aumentare al massimo lo sforzo per ELIMINARE TUTTE (Ma proprio tutte)
LE BARRIERE ARCHITETTONICHE DALLE STRADE, DAGLI UFFICI, DAGLI
IMMOBILI E PERCORSI PUBBLICI.
L'obiettivo e' far diventare Desenzano un esempio virtuoso di "Città
accessibile e accogliente" per tutti i portatori di disabilita'; la parola
"GRADINO" deve scomparire dal vocabolario desenzanese. Vanno
contemporaneo aumentate le aree di suolo pubblico riservate e
intensificato il controllo da parte delle forze dell'ordine per il loro rispetto.
B) Revisione e integrazione del servizio di trasporto pubblico che persegua la
necessita' di convogliare e decentrare il traffico in entrata al centro urbano verso aree di scambio con parcheggi collegati al centro con bus navetta piccoli
(portata 12/15 persone e ove minimamente possibile su corsia preferenziale).
C) Revisione e aggiornamento della segnaletica con la redazione di un vero e
proprio Piano Permanente Della Comunicazione urbana che agevoli al
massimo la comprensibilità della segnaletica adeguandola alle capacita' di tutti i
cittadini e turisti, con particolare cura alla creazione di una segnaletica "Attiva"
per la sicurezza stradale e il trasporto pubblico quale ad esempio lampade che
lampeggiano all'approssimarsi dei pedoni alle strisce , obbligando i veicoli di
passaggio a fermarsi, e sui tempi di attesa alle fermate del servizio di trasporto
pubblico riducendo le ansie tipiche dell'automobilista (congestioni, difficoltà ed
eccessiva spesa per parcheggiare);
D) Segnaliamo la necessita' di disporre di una quantità decisamente
maggiore di servizi igienici pubblici sul territorio, soprattutto nei luoghi di
alto afflusso e pienamente accessibili ai portatori di disabilita'.

SUL PIANO EDILIZIO LO SCENARIO PROPOSTO E' MOLTO SEMPLICE:
CEMENTO ZERO:

1) Nessun aumento delle volumetrie esistenti oltre quelle già previste nel PGT
vigente.
Lo sforzo dell'amministrazione andrà orientato a una franca collaborazione con i
titolari di immobili sfitti con attenta valutazione delle dinamiche di mercato onde
favorire il riassorbimento graduale delle eccedenze esistenti.

ATTENTO RECUPERO DELL'ESISTENTE:

2) Non si ravvede la necessita' di prevedere ulteriori aree a destinazione
residenziale, artigianale, commerciale o turistico-alberghiera promuovendo
invece la ristrutturazione e il recupero dell'esistente con grande attenzione ai
caratteri di tipicità e armonia al contesto.

INCREMENTO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE:

3) Tutti gli interventi edilizi dovranno incrementare le prestazioni energetiche
dell'immobile interessato in modo da consentire ai titolari di realizzare un
risparmio energetico ed economico.

ADEGUAMENTO ENERGETICO E ANTISISMICO DEGLI EDIFICI PUBBLICI:

4) a partire dalle scuole.

CERTIFICAZIONE ANTINCENDIO DEGLI EDIFICI PUBBLICI:

5) a partire dalle scuole.

Il Consigliere Comunale Luisa Sabbadini