MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Cesenatico - 


Mercoledì 20 Gennaio, alle ore 21.00 presso il bar Duse, assisteremo ad un evento di portata storica. Per la prima volta a Cesenatico, e probabilmente in Italia, la squadra di governo verrà presentata a cinque mesi dalle elezioni. I nomi dei cinque Assessori che affiancheranno Alberto Papperini nella prossima legislatura, saranno decisi dall'Assemblea degli attivisti del MoVimento 5 stelle in una serata aperta al pubblico.

I candidati a ricoprire l'incarico di Assessore per il MoVimento 5 Stelle sono sedici: Allibrio Giovanni (artigiano), Amadei Imerio (artigiano), Amadio Jessica (avvocato), Castagnola Antonio (dipendente pubblico), Ceccaroni Danilo (perito chimico), Corridori Vittorio (architetto), Fattori Giuliano (tecnico di telecomunicazioni), Martini Davide (bancario), Mirto Damiana (giurista), Romani Riccardo (imprenditore agricolo), Rossi Lino (ingegnere chimico), Saulig Damiano (commerciante), Serra Silvia (giornalista e geometra), Savini Marziano (geometra), Zani Matteo (libero professionista), Zoffoli Marco (dipendente pubblico).

Questa scelta è stata fortemente voluta dal MoVimento 5 Stelle per attuare ancora una volta correttezza e trasparenza nei confronti della cittadinanza, che ha il diritto di conoscere chi andrà ad amministrare il bene comune e poter votare con cognizione di causa. L'importanza di scegliere con coscienza e informazione è per noi un impegno costante, e anche nella scelta degli assessori siamo aperti e trasparenti, proponendo sin da ora il nostro programma elettorale e chi lo guiderà verso la sua realizzazione. Una volta nominata, la squadra toccherà tutti i Quartieri di Cesenatico per presentarsi e cominciare a lavorare con cittadine e cittadini sull'attuazione del programma.

Le linee guida del programma elettorale sono già state presentate dal candidato a Sindaco Alberto Papperini e saranno arricchite dal lavoro dei candidati Assessori, assieme alle proposte ed esigenze dei Quartieri e delle categorie economiche di Cesenatico. Tra i temi più sentiti troviamo: garantire la sicurezza ai cittadini e alle attività produttive; un ospedale della costa, implementando il Marconi con una pediatria almeno h12 e una sala gessi; abbassare la pressione fiscale attraverso un taglio degli sprechi comunali del 10% (3 milioni di euro); rivoluzionare la macchina amministrativa, in particolare i lavori pubblici, l'urbanistica e la Cesenatico servizi; creazione dello sportello Europa per intercettare fondi comunitari e aiutare i privati ad attingerne; riportare la scuola pubblica al primo posto, garantendo la sicurezza e i servizi alle strutture esistenti; il bilancio partecipato deciso assieme ai Quartieri e alle categorie economiche; la pianificazione urbanistica per rivalutare zone in degrado, garantendo il rispetto ambientale e paesaggistico; il rilancio del turismo attraverso la cultura, l'arte, la musica, la gastronomia, le tradizioni, una mobilità più sostenibile e lo sport; particolare attenzione al volontariato e alla creazione di centri di aggregazione; uscire da Hera per aumentare la differenziata e tagliare la TARI attraverso la tariffa puntuale.


Cesenatico - 


I nomi dei cinque Assessori che affiancheranno Alberto Papperini nella prossima legislatura, saranno decisi dall'Assemblea degli attivisti del MoVimento 5 stelle, mercoledì 20 Gennaio alle ore 21.00 presso il bar Duse. Come sempre, l'Assemblea SARA' PUBBLICA e cittadine e cittadini sono invitati a partecipare.

Per la prima volta nella storia di Cesenatico, e probabilmente d'Italia, la squadra di governo sarà nota PRIMA delle votazioni ai seggi. Questa scelta è stata fortemente voluta dal MoVimento 5 Stelle per attuare ancora una volta correttezza e trasparenza nei confronti della cittadinanza, che ha il diritto di conoscere CHI andrà ad amministrare IL BENE COMUNE e poter votare con cognizione di causa. L'importanza di scegliere con coscienza e informazione è per noi un impegno costante, e anche nella scelta degli assessori siamo aperti e trasparenti, proponendo sin da ora il nostro programma elettorale e chi lo guiderà verso la sua realizzazione. I/le candidati/e al compito di Assessore sono venti, e tra loro ci sono attivisti storici del M5S, ma anche professionisti esterni indipendenti, che mettono a disposizione della città la propria professionalità ed esperienza. Una volta nominata, la squadra toccherà tutti i Quartieri di Cesenatico per presentarsi e cominciare a lavorare con cittadine e cittadini sull'attuazione del programma.

Le linee guida del programma elettorale sono già state presentate dal candidato a Sindaco Alberto Papperini e saranno arricchite dal lavoro dei candidati Assessori, assieme alle proposte ed esigenze dei Quartieri e delle categorie economiche di Cesenatico. Tra i temi più sentiti troviamo: garantire la sicurezza ai cittadini e alle attività produttive; un ospedale della costa, implementando il Marconi con una pediatria almeno h12 e una sala gessi; abbassare la pressione fiscale attraverso un taglio degli sprechi comunali del 10% (3 milioni di euro); rivoluzionare la macchina amministrativa, in particolare i lavori pubblici, l'urbanistica e la Cesenatico servizi; creazione dello sportello Europa per intercettare fondi comunitari e aiutare i privati ad attingerne; riportare la scuola pubblica al primo posto, garantendo la sicurezza e i servizi alle strutture esistenti; il bilancio partecipato deciso assieme ai Quartieri e alle categorie economiche; la pianificazione urbanistica per rivalutare zone in degrado, garantendo il rispetto ambientale e paesaggistico; il rilancio del turismo attraverso la cultura, l'arte, la musica, la gastronomia, le tradizioni, una mobilità più sostenibile e lo sport; particolare attenzione al volontariato e alla creazione di centri di aggregazione; uscire da Hera per aumentare la differenziata e tagliare la TARI attraverso la tariffa puntuale.

www.cesenatico5stelle.it


Cesenatico - 


Ieri sera, durante il Consiglio dell'Unione svoltosi a Savignano, sono stato nominato nuovo Consigliere per l'Unione Rubicone e Mare. La nomina è stata seguita dalla presentazione di una mozione, da me relazionata, con la quale si invitava i diversi Consiglieri presenti a promuovere l'adesione dei propri Comuni al sistema denominato In House, con una gestione dei rifiuti con sistema di raccolta "Porta a Porta" con tariffa puntuale, e di conseguenza uscire da HERA.

La mozione, che ha visto come co-firmatari anche Christian Campedelli, Ivan Brunetti (Consiglieri del MoVimento 5 Stelle nei rispettivi Comuni di Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli ), Giacomo Pasini (lista civica per Longiano) e Deluca Luigi (lista civica per Borghi), è stata presentata a seguito del progetto per costituire una società in House, partecipata dai Comuni del bacino Forlivese e Cesenate, per la gestione dei rifiuti. Il Consiglio locale di Atersir, partecipato dalla Provincia e dai trenta Comuni del forlivese e del cesenate, il 29 Dicembre 2014 hanno approvato con un'ampia maggioranza l'avvio del procedimento per costituire la società in house per la gestione della raccolta dei rifiuti, attualmente nelle mani di Hera. Il Consiglio d'ambito di Atersir, con delibera N.72 del 30 dicembre 2014, ha approvato l'avvio del procedimento istruttorio finalizzato alla verifica delle condizioni per l'affidamento del servizio rifiuti del bacino provinciale con modalità in-house.

Con la discussione presso l'Unione, si cerca di fare un ulteriore passo verso la concretizzazione di questo progetto, che prevede la realizzazione di un modello di gestione dove il rifiuto diventa un bene comune e viene gestito in maniera pubblica per garantire controllo e trasparenza, la separazione tra i gestori della raccolta e quelli dello smaltimento e l'introdurre della tariffa puntuale, con la quale l'utente spenderà solo ciò che produrrà come indifferenziato.


Cesenatico - 


Importanti novità per la scuola pubblica, infatti dal prossimo anno l'8 per 1000 potrà essere destinato per l'adeguamento antisismico e ristrutturazione delle scuole pubbliche. Grazie alla presentazione di un emendamento del gruppo nazionale del MoVimento 5 Stelle, proposto nella legge di stabilità 2014 e già approvato dal Parlamento, l'8 per 1000 potrà essere destinata all'edilizia scolastica, che rappresenta oramai un'emergenza nazionale. Martedi 9 Dicembre, con lettera protocollata in Comune, il M5S di Cesenatico ha voluto sollecitare tutti i rappresentanti di Istituto e l'Amministrazione comunale, affinchè vengano presentate entro il 15 Dicembre richieste di intervento. Così facendo anche le scuole di Cesenatico potranno partecipare alla ripartizione di fondi provenienti dall'8 per 1000.

Fino ad oggi, la ripartizione di risorse per la scuola pubblica veniva inoltrata direttamente dal Governo sulla base di richieste e progetti presentati. Dal prossimo anno le risorse potranno arrivare anche dall'8 per mille. Infatti, barrando la casella "Stato", i contributi saranno destinati anche ad una nuova tipologia approvata in via definitiva dal Governo: "Ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all'istruzione scolastica". Vogliamo sensibilizzare i contribuenti a compiere una scelta consapevole per la destinazione dell'8 per mille e perché sia devoluto alla scuola pubblica nell'interesse di tutti. Le scuole del nostro territorio vessano in condizioni drammatiche, anche a causa del progressivo assottigliarsi delle risorse destinate a tale attività. In questo modo si potrà accedere a nuove e preziose risorse.

A tale scopo, i ragazzi del M5S di Cesenatico hanno inviato una richiesta al Sindaco Buda affinché l'Amministrazione si avvalga delle disposizioni della legge di stabilità 2014 che, modificando la legge 222/1985, permette di impiegare i proventi anche per la scuola pubblica. La lettera non è altro che una sollecitazione in modo tale di avere finanziamenti per interventi sulle strutture scolastiche, che nella nostra città hanno bisogno di adeguamenti e migliorie.

www.cesenatico5stelle.it


Cesenatico - 


Tutto è pronto per la volata finale che porterà alle elezioni regionali per l'Emilia-Romagna del 23 Novembre. Per l'occasione anche la città di Cesenatico non sarà da meno, ospitando il Deputato del MoVimento 5 Stelle Alessandro Di Battista, uno dei parlamentari di punta tra i pentastellati. L'incontro pubblico, organizzato dai ragazzi del MoVimento 5 Stelle di Cesenatico, è fissato per Domenica 16 Novembre dalle ore 15.30 di fronte al museo della Marineria di Cesenatico (nel caso di maltempi all'interno dello stesso museo). Durante il pomeriggio interverranno anche i candidati per la Regione Davide Martini, Imerio Amadei, Andrea Bertani, Damiana Mirto, Giovanna Lasagna con la candidata a Presidente Giulia Gibertoni.

Le televisioni e i giornali nazionali difficilmente informano sul lavoro che i rappresentanti 5 Stelle svolgono in Parlamento. Troppe volte vediamo raffigurata in prima pagina la faccia di Beppe Grillo mentre si rivolge in maniera accesa alla platea, invece di riportare interviste ed interventi dei Senatori e Deputati che sono stati eletti nella lista MoVimento 5 Stelle. Quotidianamente svolgono un grande lavoro di approfondimento che si traduce in proposte di legge ed emendamento, ma per trovarne tracce l'unica possibilità è rivolgersi alla rete internet. Per questo motivo abbiamo pensato un incontro in piazza, al fine di avere un canale diretto di confronto con i rappresentanti pentastellati.

Domenica 16 offriremo la possibilità a tutti coloro che vorranno ascoltare e porre domande ai Parlamentari del MoVimento 5 Stelle, in particolare ad Alessandro Di Battista. Spegnete la televisione, alzatevi dai tavoli dei bar e venite a confrontarvi con il Deputato Alessandro Di Battista e i candidati M5S alla regione Emilia-Romagna.


Cesenatico - 

Quest'anno la nomina degli scrutatori per le elezioni regionali sembra quasi un'elenco di invitati alla cena di fine anno tra famiglie e amici della Giunta comunale. Il cattivo costume di nominare amici e parenti si ripropone puntualmente ancora una volta.

Tra 500 cittadini di Cesenatico che avevano fatto richiesta troviamo sempre i soliti nomi ma con alcune sorprendenti sorprese. La nomina dovrebbe seguire criteri di equità e sussidio nei confronti di residenti e giovani bisognosi della nostra comunità, invece di riproporre questo spettacolo che ha l'effetto di allontanare sempre di più i cittadini alle istituzione. Quei 100/200 euro che gli scrutatori prendono non cambiano la vita alle persone, ma in un momento di crisi come questo possono dare un aiuto.

Non è accettabile questo comportamento e più volte ho chiesto di nominare gli scrutatori evitando le spartizioni di partito e familiari. Nulla da fare. Ciò che è successo oggi è un piccolo ma lampante esempio di come le cose vadano nel nostro Paese. Ci vogliamo svegliare?


Cesenatico - 


Durante il prossimo Consiglio comunale chiederemo di eliminare gli incentivi alla progettazione con la seguente mozione.

Oggetto: modifica regolamento per la corresponsione degli incentivi per la progettazione in ottemperanza al decreto legge 24 giugno 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014 n. 114.

Considerato:
il nuovo testo del Codice dei Contratti (d.lgs 163/06 - pubblicato nella G.U. n. 100 del 2 maggio 2006 - aggiornato al decreto legge 24 giugno 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014 n. 114);
che il nuovo testo sopra citato non prevede l'abrogazione degli incentivi per la progettazione (commi 5 e 6 dell'articolo 92 del Codice dei contratti);
che tuttavia nel nuovo testo sopra citato sono stati modificati articoli e aggiunti commi (in particolare art. 92 comma 6 bis), attraverso i quali da una parte sono stati eliminati gli incentivi ai dirigenti, ma dall'altra mantenuti gli incentivi alla progettazione per i dipendenti pubblici;
i parametri normativi per l'erogazione sono rimasti i medesimi (la ripartizione avviene, tra il responsabile del procedimento e gli incaricati della redazione del progetto, del piano della sicurezza, della direzione dei lavori, del collaudo, nonché tra i loro collaboratori).

Constatato che:
Le modalità e i criteri di ripartizione, nello specifico, sono demandati ad un apposito regolamento dell'amministrazione comunale;
durante i prossimi mesi il regolamento per la corresponsione degli incentivi per la progettazione dovrà essere modificato dal Consiglio comunale, in ottemperanza all'approvazione del decreto legge 24 giugno 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014 n. 114.

Visto:
il regolamento per la corresponsione degli incentivi per la progettazione del Comune di Cesenatico in cui viene esplicitamente citato nell'Art. 2 comma 1: "il fondo [...] è costituito da una somma, compresi oneri accessori a carico dell'ente, pari ad una percentuale del 2% del costo preventivo di un opera o di un lavoro, posto a base di gara"

CHIEDO che il Consiglio comunale impegni il Sindaco a rettificare nel testo del regolamento per la corresponsione degli incentivi per la progettazione, di prossima modifica, la percentuale di incentivi minima in ottemperanza di legge.


Cesenatico - 


Durante il prossimo consiglio comunale, il M5S presenterà una mozione che recita come oggetto: "Pianificazione esercitazione allagamento per la salvaguardia delle attività commerciali e delle residenze nel centro storico - modalità, soggetti coinvolti e tempistiche atti a fronteggiare con immediatezza la fuoriuscita imprevista di acque dal porto canale".

Di seguito riporto il testo della mozione:

Premesso che:
Martedi 13 Ottobre 2014 è stata convocata la Commissione "attività produttive e garanzia", il quale oggetto ha riguardato la "relazione dello stato di fatto del sistema di salvaguardia e protezione idrogeologica del Comune di Cesenatico - approfondimento sulle cause dell'allagamento del centro storico e proposte per sopperire alle mancanze riscontrate";
la suddetta commissione è stata convocata con l'obiettivo di organizzare un incontro istituzionale tra gli enti preposti alla salvaguardia del territorio, al fine di valutare la situazione nei sui aspetti più tecnici e proporre soluzioni che garantissero in futuro una maggiore sicurezza;
Accertato che:
tale commissione ha rilevato numerose carenze del sistema di salvaguardia idrogeologica nella zona del porto - centro storico, in particolare:
- mancato dragaggio del porto canale che limita fortemente la portata di acque all'interno del canale;
- le porte vinciane risultano inutilizzabili, e quindi inefficaci, in condizione di mare mosso e nel caso che vi siano agenti atmosferici imprevisti;
- le sponde del porto canale risultano sottodimensionate rispetto alle necessità di protezione in caso di forti mareggiate e alta marea.
Preso atto che:
il sistema di salvaguardia idrogeologica ha bisogno di costante manutenzione, in particolare tutto il sistema idraulico e meccanico legato all'apertura delle porte vinciane;
vi è l'esigenza di migliorare il funzionamento delle porte vinciane per sopperire alle criticità precedentemente evidenziate.
Valutati:
i danni a discapito delle attività commerciali e produttive della città, stimati dal settore lavori pubblici e protezione civile del Comune in 7 milioni di euro;
le innumerevoli richieste da parte di gestori e proprietari di attività commerciali danneggiate, i quali hanno richiesto, al fine di tutelarsi, un momento in cui testare i meccanismi del sistema di protezione idrogeologica e di programmare interventi immediati nel caso si manifestino nuovamente attività atmosferiche improvvise;
Considerato che:
attraverso il confronto in Commissione e il dialogo con i cittadini e commercianti del centro storico, è nata la proposta di predisporre, coadiuvata dagli enti preposti, un'esercitazione a cadenza semestrale, al fine di predisporre accorgimenti immediati (come per esempio l'installazione di paratie stagne estraibili) che possano salvaguardare le attività commerciali e residenze nel caso di un nuovo allagamento del centro storico.

CHIEDO che il Consiglio comunale impegni la Giunta e il Sindaco:
- A predisporre, con cadenza semestrale, un'esercitazione per la salvaguardia delle attività e residenze nell'eventualità di un allagamento del centro storico;
- ad educare le attività commerciali e i residenti del centro storica ad un'azione immediata, che permetta di tutelare le proprie attività e residenze nel caso si verifichi una perturbazione imprevista;
- Che tale azione venga pianificata e coadiuvata dagli enti preposti alla salvaguardia idrogeologica del territorio, come: protezione civile, capitaneria di porto, consorzio di bonifica e amministrazione comunale.


Cesenatico - 


Pronto il nuovo "regolamento per funzionamento del Consiglio comunale", che verrà votato durante il prossimo Consiglio comunale, e pronto l'emendamento ad personam per A.J.Soragni. Il Presidente del Consiglio A.J Soragni, con un emendamento dell'ultima ora, toglie il limite al territorio provinciale per la riscossione di rimborsi chilometrici di residenza per gli amministratori e dipendenti pubblici. L'unico amministratore a giovarne di questa modifica sarebbe proprio il Presidente del Consiglio A.J.Soragni, l'unico ad aver richiesto ad oggi i rimborsi chilometrici, considerata la sua presunta residenza milanese.

Di certo ricorderete la polemica sorta dopo l'interpellanza presentata sulla presunta residenza milanese di A.J. Soragni, a seguito della quale il MoVimento 5 Stelle, nella persona di Alberto Papperini, era stato querelato. Tuttavia il processo si è dimostrato molto più che sfavorevole a Soragni, non soltanto perché il Consigliere Papperini è stato assolto con formula piena, ma anche perché a seguito delle indagini sarebbero emersi dubbi sulla reale residenza dello stesso Soragni a Milano. Infatti la stampa ha pubblicato indiscrezioni secondo le quali Soragni sarebbe stato sotto indagini proprio per la sua presunta residenza fittizia milanese.

Vorremmo ricordare che la Corte dei conti, pur avendo espresso parere favorevole alla estensione dei rimborsi fuori provincia, ha in sostanza legittimato la possibilità di mantenere tali rimborsi entro i confini provinciali se previsto dal regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale. Infatti, nelle ultime due righe del proprio parere, la Corte dei Conti evidenzia come eventuali limitazioni possano essere articolati all'interno del regolamento stesso. In sostanza quello che avviene a Cesenatico.

www.cesenatico5stelle.it


Cesenatico - 


Ritorniamo sul tema degli incentivi ai Dirigenti e dipendenti pubblici (sui quali l'amministrazione Buda sta dimostrando "orecchie da mercante") a seguito degli ultimi palesi casi di lavori mal progettati e realizzati ancora peggio come: le porte vinciane, il ponte di via Anita Garibaldi e il rifacimento della vena Mazzarini. I lavoratori comunali, in quanto dipendenti, percepiscono già uno stipendio mensile in cambio delle loro prestazioni però non tutti sanno che, per incentivarli a lavorare (!!!) esiste una legge che prevede (a discrezione del Sindaco) di far loro incassare anche altri soldi. Ma andiamo con ordine.

Durante questi anni abbiamo sempre insistito sull'abolizione di questi incentivi. La norma, che vorrebbe incentivare il lavoratori dipendenti, non ha alcun senso. Il concetto, sia della norma che del buon senso, avrebbe dovuto considerare oltre all'incentivo anche un disincentivo, altrimenti logica vuole che il livello medio di produttività si abbassi inevitabilmente. Va aggiunto che l'incentivo non è legato al risultato, ma esclusivamente alla realizzazione del progetto. Infatti anche nei casi in cui le opere sono risultate mal costruita (es. le porte vinciane, il ponte mobile, la vena mazzarini, ecc.), ugualmente sono stati distribuiti incentivi a pioggia. E tutti quelli che dovevano controllare? I pareri tecnici?

Con l'introduzione della legge 163 veniva data discrezionalità ai Sindaci di distribuire una percentuale, fino al 2%, dell'importo totale dell'opera ai dipendenti pubblici. Quindi al buon senso del primo cittadino era legato l'assegnazione di queste somme. Purtroppo in questi anni il buon senso dei nostri Sindaci è andato a farsi benedire. Infatti, in barba ai cittadini di Cesenatico, gli incentivi sono stati distribuiti e nella percentuale massima definita per legge, il 2%.

Dal 2011 al 2013 le somme a titolo di incentivo distribuite al personale dipendente comunale, già stipendiato per svolgere il proprio lavoro, risultano di 135.000,00 euro. Queste cifre sarebbero potuto essere destinate ai cittadini di Cesenatico per la scuola, la sicurezza o per diminuire l'imposizione fiscale, sanare situazioni economiche di disagio. Per questo motivo chiederemo di modificare il regolamento interno, eliminando questo incentivo che è un vero e proprio "imbroglio legalizzato" a discapito dei cittadini.

www.cesenatico5stelle.it

I candidati a Cesenatico

Pagine

Partecipa ai nostri eventi