Selezione della Categoria Napoli

espocampania.gif
La Campania è il vero ombelico del mondo, terra di eccellenze, porto del Mediterraneo, culla della cultura.

Il tema dell'EXPO di Milano sarà quello della nutrizione, a 1000 chilometri di distanza dall'epicentro della cultura culinaria della nostra nazione, dal laboratorio di espedienti che ha dato vita alla cucina mediterranea, dall'origine di capolavori che hanno fatto il giro del mondo. La sfogliatella, la pizza, il babà, la mozzarella, il pomodoro e la cultura per la tavola.

La Campania è anche il luogo dove il cibo non è solo un culto, ma una religione, il luogo dove sempre più persone hanno difficoltà a mettere il piatto a tavola, ma le nostre donne trovano sempre la creatività per ridurre gli effetti della crisi.
La Campania ha tutte le caratteristiche per ospitare l'ESPO'
Non ho scritto male, non EXPO (da exposition) ma ESPO' (da esposito, cognome tipico napoletano)

L'origine etimologica del cognome Esposito è ben nota, e proviene dalla parola esposto, cioè messo nella ruota degli esposti. Quest'ultima, tuttora visibile presso la parete esterna dell'Ospedale dell'Annunziata di Napoli, era destinata ad accogliere tutti i bambini abbandonati dalle madri. I bambini venivano cioè affidati (esposti) alla misericordia della Madonna dell'Annunziata.

Il meccanismo della ruota era tale da consentire alla madre di mantenere ignota la propria identità, in quanto dall'interno non era possibile visualizzare chi lasciasse il bambino. Nella sala interna, il bambino veniva accolto e dotato di un segno di riconoscimento, di cui una parte veniva data alla madre (una mezza medaglietta, un lembo di lenzuolo, o altro oggetto). Questo accorgimento consentiva, in caso di pentimento, che madre e figlio potessero essere ricongiunti.

E' arrivato il momento che noi tutti, prendiamo il pezzo di lenzuolo mancante, ed andiamo a riprenderci la nostra Campania.

Piero Disogra

19.04.15 20:07

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita


sabato 17 gennaio 2015 h.10.00
Piazza Matteotti, Napoli


Le comunità hanno indetto per il giorno 17 gennaio 2015 dalle ore 10:00 una manifestazione a Napoli volta a rendere visibile il variegato popolo dell'acqua ponendosi i seguenti obiettivi:

- La diminuzione delle tariffe e l'annullamento delle partite pregresse

- Sospensione totale dei distacchi dell'acqua

- La fine del Commissariamento Straordinario e la restituzione dei poteri relativi al Servizio Idrico ai sindaci delle Comunità del Comprensorio ATO3 Sarnese-Vesuviano.

- La Liquidazione della GORI SpA e la costituzione di una Azienda speciale Pubblica a partire dalla proposta posta in essere dalla Rete dei Sindaci e dai Comitati Civici.

- Il rigetto della proposta di legge di riordino del Servizio Idrico presentata dall'Assessore Regionale all'ambiente e in discussione presso la Commissione preposta della Regione Campania che accentra il potere decisionale in poche mani ed espropria definitivamente i Sindaci e le Comunità Locali delle loro legittime funzioni di gestione e controllo dello stesso Servizio Idrico.

Chiediamo a tutti i cittadini, ai comitati di base che si battono per i Beni Comuni e i Diritti, alle Associazioni, alle Parrocchie, alle Forze Politiche, ai Sindaci e alle amministrazioni pubbliche, alle persone che hanno a cuore una prospettiva di futuro solidale ed ecologico di sostenere e aderire alla manifestazione indetta. La mobilitazione per la riappropriazione pubblica della gestione dell'Acqua rappresenta un primo passo verso una Democrazia dei Beni Comuni, Ecologica, Trasparente, Solidale, Democratica e Partecipata!

Retecivica-ato-3

16.01.15 14:50

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita

A breve voteremo on line i candidati per il rinnovo del Consiglio della Regione in cui risiedi.
Per aiutare tutti gli iscritti nella scelta, abbiamo organizzato una “graticola”,
ovvero un confronto pubblico, in diretta streaming, in cui coloro che hanno dato la disponibilità a candidarsi potranno rispondere a domande poste dalla rete.

Potrai seguire qui la diretta streaming su www.movimentocampania.it
Se hai domande da fare puoi inviarle qui


Per le province di Napoli e Caserta, l’incontro può essere seguito dal vivo
presso il Drengot Pub, piazzetta De Simone, 11, Aversa (Ce), dalle 10.30 alle 16.30.


Per la provincia di Salerno l’incontro può essere seguito dal vivo presso il Cinema San Demetrio, via Dalmazia, 4, Salerno, dalle 10.00 alle 15.00.

QUI LO STREAMING PER SALERNO



L’'accesso al pubblico sarà consentito fino a esaurimento posti.

19.12.14 17:47

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita

capodimonte_polizia.gif

NAPOLI, CHIUSURA DEL REPARTO A CAVALLO DELLA POLIZIA DI STATO DEL REAL BOSCO DI CAPODIMONTE :

CONTRO L'ARRETRAMENTO DEI PRESIDI DI LEGALITA

Il reparto che ha sede nell'antico edificio degli Acquaviva di Carmignano, fu operativo dal 1961 fino al 1974, quando venne soppresso per motivi logistici e poi riaperto nel 1987 con D.M. del 16/03/1987.
In quel periodo storico il Real Parco versava in un forte stato di degrado ed abbandono, con presenza di numerosi tossicodipendenti e delinquenti che impedivano alle famiglie di godere serenamente la salubrità e la bellezza del luogo.
La Polizia a Cavallo è sempre stata ritenuta baluardo dell'ordine e della sicurezza all'interno del Parco, anche in conformità della vasta e impervia area di perlustrazione. Oltre al contrasto alla microcriminalità e al valore di deterrenza dello stanziamento, in collaborazione con le ASL competenti e la Polizia veterinaria, la Polizia a Cavallo effettua interventi allo scopo di tutelare la fauna del bosco (rapaci, volpi, tartarughe ecc) e per sottrarre da maltrattamenti ogni sorta di animale domestico.
Nell'ambito del più ampio progetto di razionalizzazione degli uffici e presìdi di Polizia di Stato, le 'Specialità' saranno oggetto di rimodulazioni e soppressioni:

  • Polizia Stradale

  • Polizia ferroviaria

  • Polizia Postale

  • Unità Speciali (squadre nautiche, squadre sommozzatori, squadre a cavallo)

  • Nuclei artificieri

  • Polizia di frontiera

Le squadre a cavallo soppresse saranno 11 su 15 e tra queste anche quella del Bosco di Capodimonte. Sull'argomento la nostra portavoce Vega Colonnese ha prodotto un'interrogazione a risposta scritta di più ampio respiro: si chiedeva al Ministro dei Beni Culturali di rispondere a proposito dell'inserimento del Bosco di Capodimonte del progetto MiBACT, che prevede la 'rifunzionalità' degli edifici storici presenti con un'offerta di servizi al pubblico (ristoranti, caffetterie, convegni)' usando fondi europei.

Il nostro portavoce Luigi Di Maio depositava un'interpellanza parlamentare al Ministro dell'Interno Angelino Alfano e, non ricevendo in Aula dal sottosegretario Bocci, risposte esaustive sull'argomento, in data 28 Novembre inviava al Ministro e al Dott. Pansa (capo della Polizia di Stato), una lettera dove sollecitava risposte in occasione di un prossimo incontro che si terrà il prossimo 17 Dicembre col Ministro in I Commissione (Affari Costituzionali) della Camera dei Deputati.
Vega Colonnese e Mariano Peluso insieme alla delegazione di attivisti che hanno segnalato la criticità, si sono recati il giorno 10 Dicembre ad un incontro col dirigente della scuderia per essere informati sui dettagli.

E' in corso di realizzazione un progetto di attività equestre secondo il metodo riabilitativo indirizzato a 'disabili comportamentali' che si dovrebbe realizzare presso la Squadra a Cavallo di Napoli e, in collaborazione con la Fondazione Pascale, la Pet-terapia per i malati terminali di cancro. Tutto questo naturalmente non potrà avvenire se il reparto verrà chiuso.
Il giorno 21 Dicembre, saremo con un banchetto informativo in Via Miano, presso Porta Piccola e raccoglieremo le firme per la petizione popolare 'Contro l'arretramento dei presìdi di legalità'.
Il giorno 28 Dicembre saremo invece in Piazza Sanità.

Speriamo in tante adesioni per vincere questa battaglia!

16.12.14 15:28

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita



il MoVimento 5 Stelle Napoli ospiterà il 14 Dicembre 2014
presso la sala riunioni del Mumble Rumble in via Bonito 19/b alle ore 16:00 l'inaugurazione a Napoli del progetto NoiNet.

NoiNet, non è un semplice provider, ma una cooperativa della comunità che costruisce reti i cui proprietari sono gli stessi abbonati. Una rivoluzione nella gestione di un bene collettivo come la connettività e la mission è quella di portare una connessione veloce e simmetrica, con la stessa velocità sia in download che in upload, al costo di una normale ADSL.
NoiNet è anche una no profit utility che oltre a creare occupazione localmente, restituisce i profitti alla stessa comunità, abbassando progressivamente i costi del servizio e sostenendo economicamente progetti di alto valore sociale.
La sviluppo della rete ha avuto inizio a Roma e litorale nord, ma tantissime altre sono le città in cui a brevissimo partirà, tra cui Torino e Vicenza e anche Napoli è tra queste.
Un ulteriore elemento di novità è che l'abbonamento si pagherà anche con una percentuale di SCEC. I buoni della Solidarietà ChE Cammina sono distribuiti gratuitamente alla popolazione e sono il frutto di un progetto di economia solidale nato proprio a Napoli diversi anni fa ed oggi diffuso in tutta Italia dall'associazione Arcipelago SCEC.

Sono invitati i cittadini, le associazioni, la stampa e le istituzioni.

L'ingresso è libero, maggiori informazioni sono disponibili sul Meet Up Napoli

11.12.14 16:00

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita

SABATO 13 DICEMBRE ORE 9.00
a NAPOLI

CAVALLEGGERI D'AOSTA - VIA P. L. CATTOLICA
PARTENZA DA VIA CAVALLEGGERI, GIARDINETTI VIA LUIGI RIZZO


CORTEO E CONFERENZA STAMPA
CON PARLAMENTARI PORTAVOCE DEL MOVIMENTO 5 STELLE
PER IL "PARCO DELLO SPORT".

Dopo anni di attesa, politi ed imprenditori continuan a passarsi la "palla della responsbilità",mentre qui, in queste zone, è in gioco la salute dei cittadini! Sono 2 anni che il Parco dello Sport è stato sequestrato dalla magistratura, ci dicono "perchè è inquinato". Ma non è stato messo in sicurezza né tantomeno bonificato.
Ci sono campi di calcetto, campi da tennis, pallaccanestro, una pista di atletica e piste di pattinaggio.
Sono stati spesi milioni di denaro pubblico, ma, come se non bastasse, poco prima dell'ennesima promessa che il Parco sarebbe stato consegnato entro il 2012, tutto è stato fermato. I cittadini, dopo anni di esposizione a sostanze "altamente inquinanti", si sentono come morti che camminano. ORA BASTA! I cosiddetti fantasmi vogliono che questa storia finisca, non vogliono più sentire dai curatori fallimentari che "non ci sono i soldi".

LIBERIAMO LA NOSTRA TERRA DAI VELENI SUBITO LA BONIFICA E IL RISANAMENTO DEL TERRITORIO! VOGLIAMO VIVERE SENZA PAURA DI RESPIRARE ED IN UNA TERRA LIBERA!

10.12.14 15:05

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita



Venerdì 5 dicembre 2014, alle ore 18.00
Sala Consiliare - p.zza Annunziata
Castel Volturno (NA)

Il tema della tratta degli esseri umani ha acquisito nel tempo un significato più ampio, non più limitato esclusivamente al mero traffico di esseri umani ma ora è comprensivo di concetti quali la schiavitù, lo sfruttamento, l'uso di mezzi coercitivi, in un sistema internazionale e transnazionale di vero e proprio sodalizio criminale.
In quest'ottica va letto lo sforzo dell'Unione europea che con la direttiva 2011/36/EU ha stabilito norme minime per la definizione dei reati e delle sanzioni nell'ambito della tratta con il chiaro obiettivo di rafforzare la prevenzione e la repressione di tale reato nonché la tutela delle vittime.

In Parlamento l'impegno del MoVimento 5 Stelle non si è fatto certo attendere.
Con due azioni significative, l'interpellanza urgente a prima firma di Fabiana Dadone del 4 settembre e la mozione a prima firma di Giulia Di Vita del 28 ottobre, si è chiesto al Governo di provvedere urgentemente:
- all'approvazione del PIANO NAZIONALE D'AZIONE contro la tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani (che doveva essere adottato entro il 28 giugno!);
- all' applicazione del PROGRAMMA UNICO DI EMERSIONE, ASSISTENZA E INTEGRAZIONE SOCIALE che garantisce, in via transitoria, adeguate condizioni di alloggio, di vitto e di assistenza sanitaria (che doveva essere adottato entro il 28 settembre!).
Ma il lavoro in aula da solo non basta per affrontare le emergenze sociali, ha senso pieno con l'ascolto delle vittime di questa tragedia, degli operatori del settore, della comunità. Da qui nasce l'iniziativa della nostra portavoce alla Camera Vega Colonnese di riportare la riflessione sul territorio con un primo momento di discussione.

All'incontro parteciperanno:
-ANNA CECERE della cooperativa sociale "Altri Orizzonti" che ha realizzato a Castel Volturno una sartoria sociale in un bene confiscato dal Comune, ribattezzandolo "Casa di Alice", promuovendo il progetto "MadeIn CastelVolturno - Vestiamo la libertà", avente l'obiettivo di dare una risposta concreta e valida ai bisogni di integrazione in questo difficile territorio; http://www.madeincastelvolturno.com/2012/11/27/chi-siamo/

-DANILO TUCCILLO della cooperativa sociale "La Locomotiva" che opera a Napoli e Marcianise con gli Educatori di Strada; monitora le situazioni di povertà e di emarginazione dei senza dimora, fornisce accoglienza, integrazione culturale delle categorie più vulnerabili della popolazione immigrata, formazione e primo inserimento lavorativo;

-CENTRO FERNANDES, Centro Immigrati Campania, una struttura di prima accoglienza dell' Arcidiocesi di Capua, una vera e propria oasi di solidarietà a Castel Volturno che offre dal 1996 ascolto, accoglienza notturna, consulenza legale e amministrativa, assistenza medica, corsi permanenti di alfabetizzazione;

-VEGA COLONNESE, portavoce M5S alla Camera - Commissione Politiche dell'Unione europea;
-FABIANA DADONE, portavoce M5S alla Camera - Commissione di inchiesta sul fenomeno delle mafie e associazioni criminali anche straniere;
-SANTA SANTILLO, portavoce M5S al Comune di Casapulla (Ce);
-MARIANO PELUSO, portavoce M5S al Comune di Napoli V Municipalità;
-Meet up Movimento 5 Stelle Castel Volturno.


Contatto Facebook


03.12.14 10:45

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita

SfasciaItalia-Bagnoli-RETRO.gif


Lunedì 3 Novembre 2014,
ore 11,30

Sala Consiliare Municipalità Bagnoli
via Acate 65, Napoli


Si terrà presso la Sala Consiliare della Xª Municipalità di Bagnoli-Fuorigrotta , lunedì 3 novembre alle ore 11,30, la conferenza stampa con i parlamentari del M5S e la cittadinanza, sull'articolo n°33 del Decreto Legge 133/2014 detto Sbloccaitalia, che istituisce il commissariamento per la zona di Bagnoli-Coroglio.

Allo Sfascia-Bagnoli del Governo Renzi, che impone al territorio un modello anticostituzionale privandolo della sua sovranità, derogando al codice dell'ambiente e stralciando i piani urbanistici esistenti, nonché permettendo l'insediamento della grande proprietà immobiliare e regalando di fatto Bagnoli agli istituti finanziari e ai signori del cemento, il MoVimento 5 Stelle, risponderà punto per punto.
I parlamentari presenteranno il primo "Bando per la progettazione e la riqualificazione della piana di Bagnoli attraverso tecniche di urbanistica partecipata" contrapponendo di fatto un modello partecipativo al modello anticostituzionale del Governo Renzi.

Il modello politico di gestione del territorio, proposto dal MoVimento 5 Stelle, dà priorità dunque alla volontà popolare, tenendo conto del rispetto degli strumenti urbanistici approvati e dei vincoli esistenti, nonché delle leggi in vigore.
Inoltre in conferenza verrà affrontato il tema della trasparenza e del controllo sulle bonifiche. Saranno proiettati una video grafica e un documentario di circa tre minuti ciascuno.

Intervengono:
- Luigi Di Maio vicepresidente della Camera dei Deputati
- Roberto Fico presidente della commissione di vigilanza RAI
- Paola Nugnes capogruppo della commissione ambiente al Senato
membro della commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti
- Vilma Moronese membro della commissione ambiente al Senato
- Carlo Martelli vicepresidente della commissione ambiente al Senato
membro della commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti
- Salvatore Micillo membro della commissione ambiente alla Camera dei Deputati
- Massimo De Rosa vicepresidente della commissione ambiente alla Camera dei Deputati

- arch. Luigi De Falco già Assessore Comunale Urbanistica Comune di Napoli, segretario di Italia Nostra Campania e vice-presidente della sezione di Napoli
- prof. Giuseppe Mastrolorenzo vulcanologo dell'Osservatorio Vesuviano
- dott. Giuseppe Civitillo dottorando in geochimica e collaboratore del Prof. Benedetto De Vivo, del dipartimento di Geochimica dell'Università Federico II di Napoli

Modera Mariano Peluso, portavoce consigliere eletto per il M5S alla Vª Municipalità Vomero

31.10.14 16:08

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita



Venerdi 24 Ottobre 2014

#SPAZZATOUR 2.0 - TOUR CON I PARLAMENTARI E GLI EUROPARLAMENTARI DEL M5S NELLE DISCARICHE CAMPANE

I parlamentari e gli europarlamentari del M5S saranno a Napoli per svolgere dei sopralluoghi ispettivi nelle discariche campane insieme ai cittadini che vorranno partecipare.
Il percorso inizierà con una conferenza stampa alle ore 10:00 presso la discarica abusiva di Poggioreale a Napoli, in via De Roberto. Da lì ci si sposterà verso le discariche di Pianura, di Chiaiano e del Cantariello a Casoria.
La giornata si concluderà alle ore 16 nell'auditorium di Scampia, dove ci sarà un dibattito insieme ai portavoce del M5S sui temi dei rifiuti, del lavoro e del reddito di cittadinanza.

PROGRAMMA
Ore 10,00 - Conferenza stampa presso discarica abusiva a Poggioreale
Paola Nugnes, David Borrelli, Roberto Fico, Luigi Di Maio, Nunzia Catalfo, Sergio Puglia,Isabella Adinolfi

Ore 11,00 - sopralluoghi con i parlamentari
Discarica di Pianura-Cratere Senga, con Nugnes, Micillo, Adinolfi;
Discarica di Chiaiano, con Luigi Di Maio, Roberto Fico,David Borrelli, Nunzia Catalfo,Sergio Puglia.

Ore 14,30 - Sopralluogo presso la discarica del Cantariello a Casoria Con David Borrelli, Roberto Fico, Nunzia Catalfo e Sergio Puglia

Ore 16,00 - Auditorium di Scampia
Lavoro e reddito di cittadinanza: Nunzia Catalfo, Sergio Puglia,
Emergenza rifiuti: David Borrelli, Vilma Moronese, Roberto Fico;
Modera: Mariano Peluso.

22.10.14 10:10

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita

Il giorno 10 Ottobre 2014 alle ore 10.00
gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Napoli si incontreranno, davanti alla sede della Provincia, in Piazza Matteotti (Napoli), per consegnare la petizione sull'introduzione di norme per la democrazia partecipata e per l'elezione diretta del Sindaco, nel prossimo Statuto Metropolitano.
Si invita la cittadinanza tutta e la stampa a partecipare.

Testo della petizione:

A tutti i Consiglieri comunali eletti nelConsiglio metropolitano di Napoli
A tutti i Sindaci dei Comuni appartenenti alla Città metropolitana di Napoli
Atutto il Consiglio e Giunta comunale di Napoli.

OGGETTO: Petizione popolare per uno Statuto della Città Metropolitana di Napoli che preveda strumenti di Democrazia partecipata.
I sottoscritti,cittadini elettori deiComuni facenti parte della Città Metropolitana di Napoli,con la presente Petizione, formulata ai sensi dell'art. 8 del D.L.vo 267/00e in riferimentoalla Legge n. 56/14 del 7 aprile 2014,chiedono,ai consiglieri che saranno eletti e riuniti nella Conferenza Metropolitana,che venganoinseriti, nell'istituendo Statuto dellaCittà Metropolitana di Napoli,Regolamentidirettia dare attuazione degli istituti di partecipazione popolare dei cittadini all'Amministrazione locale.Si richiede, in particolare:
1) che il nuovo Statuto disciplini le modalità di presentazione dIstanze e Petizioni, con riferimento all'eventuale necessità ed alla modalità dell'autentica delle firme, alla modalità del deposito e dell'esame dell'ammissibilità delle stesse,al procedimento di trattazione ealla comunicazione dell'esito del procedimento;

2) che sia prevista dallo Statuto la possibilità di svolgimento di referendum abrogativi e propositivi senza quorum, aventi ad oggetto la revoca o l'adozione di atti e/o Ordinanze ad indirizzo del Sindaco Metropolitano, i cui esiti siano vincolanti per gli Organi competenti e che venga emanato il relativo "Regolamento metropolitano per la partecipazione e la consultazione dei cittadini" estendendone la compilazione e la sua scrittura avvalendosi della partecipazione dei cittadini, associazioni e comitati, dando vita ad una Giunta per il Regolamento per l'Istituzione dei Regolamenti degli Istituti di partecipazione diretta e che venga convocato ed istituito con metodi trasparenti e con evidenza pubblica;

3) che venga disciplinato il rilascio di copie di atti; previo pagamento dei soli costi materiali con tariffe aggiornate a quelle di mercato in caso di copia cartacea senza aggiungere ulteriori costi di cancelleria o eventuali diritti e di voler prevedere anche il rilascio di copia mediante dispositivi elettronici come pen drive, memorie digitali o email di proprietà del richiedente, senza alcun costo e che si assicuri il diritto dei cittadini ad accedere alla documentazione in ogni caso a prescindere dalle condizioni economiche e sociali, ed in generale, alle informazioni di cui è in possesso l'amministrazione e che tali informazioni siano accessibili per almeno 5 anni;

4) che sia ufficializzato e formalizzato il funzionamento di una web-TV che trasmetta in diretta le sedute dei Consigli metropolitani e della Conferenza metropolitana salvandone la registrazione e rendendola dunque fruibile mediante un sito web istituzionale nel tempo senza nuovi oneri per le finanze pubbliche utilizzando anche gli strumenti gratuiti offerti dalla rete;
I sottoscrittori della presente Petizione fanno anche rilevare che, così come definita e concepita, la Città metropolitana rischia di escludere dal processo decisionale intere comunità locali e parti rilevanti del territorio; sarebbe quindi opportuno:
5) che sia da subito normata nello Statuto, con procedura che contempli un referendum confermativo tra i cittadini interessati, la possibilità,per i Comuni limitrofi,di adesione alla Città metropolitana;ciò consentirebbe di riconsiderare i confini dell'area metropolitana in funzione di bacini di servizi reali e di conurbazioni già esistenti;

6) che si introduca nello Statuto l'obbligatorietà di un parere vincolante dei Consigli Comunali (o di eventuali Commissari) dei Comuni interessati, su atti e ordinanze che abbiano impatto sui territori da essi amministrati;

Considerato inoltre che soltanto l'elezione diretta a suffragio universale del Sindaco e del Consiglio Metropolitano potranno assicurare, attraverso l'esercizio del diritto di voto, la piena partecipazione democratica dei cittadini alla scelta degli organi di vertice politico di un ente locale che, per le funzioni che sarà chiamato a svolgere, rivestirà importanza cruciale per gli equilibri politici, economici e sociali del territorio metropolitano, i sottoscritti richiedono:
7) che lo Statuto della Città Metropolitana di Napoli contempli l'elezione diretta a suffragio universale del Sindaco e del Consiglio metropolitano, previa approvazione della legge statale sul sistema elettorale e previa articolazione del comune capoluogo in zone dotate di autonomia amministrativa.

A tal fine si invitano il Sindaco, la giunta e tutto il Consiglio Comunale di Napoli
8) a procedere da subito al conferimento di adeguata autonomia amministrativa alle municipalità in cui è suddiviso il territorio cittadino.

09.10.14 10:15

Diffondi:

Diffondi nel tuo account Facebook Diffondi su OkNotizie Diffondi su Segnalo.com Diffondi su Technorati Diffondi su Digg Diffondi su Diggita