MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

L'INDISPENSABILE


Ancona - 


Come dice il vecchio adagio? "tutti sono utili ma nessuno è indispensabile". E' vero ed è anche giusto: arriva per tutti il momento in cui si deve "passare", ed in un gruppo ben organizzato , in cui è valorizzato il criterio della rotazione del personale (ANAC - piano Nazionale Anticorruzione -maggio 2016), così dovrebbe avvenire.
Ma NON nel Comune di Ancona...
....in cui è stato ri-accolto a braccia aperte il neo pensionato Ing Luciano Lucchetti, (già titolare delle funzioni dirigenziali della direzione Manutenzioni/Frana e Protezione civile V. Decreto Sindacale 11/17): collocato a riposo il 1/10/2017 è stato prontamente rimesso nei ranghi ed è stato nominato Responsabile Unico del Procedimento e direttore dei lavori in determinati "procedimenti complessi" (v decreto sindacale 43/11).
Evidentemente, non sapendo come ingannare il proprio tempo, l'Ing. Luciano Lucchetti ha pensato bene di rendersi disponibile a ricevere alcuni incarichi (a titolo gratuito); visto da fuori l'intento potrebbe sembrare lodevole, se non fosse che l'"indispensabile" vuole dedicarsi esclusivamente a 10 specifiche attività ( tra cui : demolizione ricostruzione del muro di sostegno del terrapieno ex mattatoio a Vallemiano - che è puntellato da tempo immemore, il rifacimento del piazzale l'autorimessa di via Podesti, la realizzazione del ponte su via Saline - è chiuso da oltre 3 anni - ....).
Forse, quando la Sindaco ha firmato il decreto di nomina per il conferimento dell'incarico di collaborazione era distratta e la Segretaria Generale, Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza del Comune, intenta ad altro, oppure entrambe non sanno che "..il rapporto di una Pubblica Amministrazione con qualsiasi soggetto non può che essere di tipo oneroso.." salve le ipotesi di lavoro gratuito nei soli casi espressamente disciplinati dalla legge, in cui rientra quello prestato nelle organizzazioni di volontariato...ed esclusivamente per fini di solidarietà", e, comunque non è mai attribuibile, a titolo gratuito, il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento o di Direttore dei Lavori, in primis per motivi legati alla tutela della dignità del lavoro... in secondo luogo perché è necessario "evitare l'esposizione degli enti pubblici a rischi legali e di contenzioso e, quindi, FINANZIARI, per le ricadute sul bilancio in caso di soccombenza". super efficiente.png)
Nel meraviglioso comune di Ancona ormai non c'è da stupirsi più di nulla: tutto si fa e tutto si può fare ..in barba alla Costituzione , alle leggi, i decreti legislativi ai pareri delle Sezioni di Controllo (non minoritari) e alle indicazioni del Piano Nazionale Anticorruzione... che Comune straordinario!
Daniela Diomedi - M5S Ancona

Mandrake je spiccia casa


Ancona - 

MANDRAKE.jpg
Fa tutto lui... Mandrake je spiccia casa.

Eh sì... dobbiamo dire che nel Comune di Ancona ci sono degli "irrinunciabili"... l'Ing Lucchetti, appena pensionato, richiamato per l'impossibilità di essere sostituito in alcune fondamentali incombenze e il Direttore Generale dr. Giancarlo Gasparini "buono per tutto", anche per essere nominato COMANDANTE - ad interim - del Corpo della Polizia Municipale.

Ci siamo chiesti se la legge lo consente, e nel secondo caso, sembra proprio di no... ad Ancona il rispetto della legge è un optional. Probabilmente il DG e la espertissima Segretaria non sono a conoscenza dell'art 12 della LR Marche 147/2014 o, forse, l'hanno interpretata a modo loro di concerto con il Sindaco Part time che quando non fa il Sindaco fa l'Avvocato. Eppure la norma è chiara: all'art. 12 (Organizzazione della polizia locale), comma 2 prevede: "L'incarico di comandante del corpo può essere attribuito agli appartenenti ai servizi o ai corpi di polizia locale o ad altri soggetti aventi analogo profilo professionale di comprovata esperienza con riferimento agli specifici compiti loro affidati e alla complessità dell'ente di appartenenza. Tale incarico è incompatibile con lo svolgimento di altri compiti o incarichi all'interno dell'ente di appartenenza, compresa la dirigenza di settori che non siano quelli della polizia locale".

Daniela Diomedi - Cons. M5S Ancona

il biscazziere


Ancona - 

Ieri (17/11) in consiglio è stata messa in votazione una mozione presentata dal M5S relativa "contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico" che prevede l'adozione di una serie di misure tra cui la sollecitazione (il consiglio ha impegnato la giunta oltre 2 anni fa) alla redazione di un regolamento per la gestione del gioco d'azzardo coinvolgendo anche i componenti della IV commissione (affari sociali) e, in via d'urgenza, la richiesta al Sindaco, quale "custode della salute pubblica", nelle more della adozione del regolamento, ad emettere ordinanza quanto agli orari di apertura delle sale gioco e di funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincita in denaro (slot e vtl)

Con le motivazioni più varie quasi tutti i consiglieri di maggioranza hanno esplicitamente espresso il loro dissenso preannunciando (quasi tutti) la dichiarazione di voto contrario.

In seguito alla mia replica sui loro interventi, tra cui l'accusa di plagio (delle premesse) di una mozione di maggio 2017 della consigliere Fiordelmondo e dalla stessa ritirata per manifesta infondatezza, è successo il putiferio....quando ho detto che il Comune di Ancona è solo "formalmente" interessato alla questione, visto che ad Ancona nulla è stato prodotto a livello regolamentare, e considerato che il Comune di Ancona organizza alcune iniziative di contrasto al Gioco D'Azzardo Patologico , di concerto con "i biscazzieri", si sono offesi tutti e la maggioranza ha abbandonato l'aula... Non mi sembra affatto che definire qualcuno "biscazziere" equivalga ad insultarlo; né dire che chi va a braccetto con un biscazziere sia per definizione un disonesto. Lo Stato Italiano è, per esempio, biscazziere, nel senso che... tiene il banco... di molte lotterie.

Affermare che il comune di Ancona "va a braccetto con i biscazzieri" corrisponde al vero visto che alcune iniziative patrocinate dall'amministrazione sono state promosse da un concessionario degli apparecchi da gioco (Novomatic e Gmg Games).

Link: http://player.gioconews.it/promo/37116-ad-ancona-arriva-io-me-la-gioco-il-teatro-fa-prevenzione


Nonostante tutto penso che il putiferio sia stato cercato e l'aula abbandonata per un altro motivo... pende una importante proposta della giunta al consiglio che è in "odore" di danno erariale e qualunque sarà il voto che sarà espresso qualcuno ci potrebbe lasciare le penne.

Daniela Diomedi - cons M5S


Chi è il Biscazziere? Per la lingua italiana

biscazziere

bi·scaz·ziè·re/

sostantivo maschile

1. Gestore di una bisca.

o Chi tiene il banco nei giochi d'azzardo.

o Chi gestisce un biliardo o s'incarica di segnare i punti durante le partite.videopoker.jpg


Ancona - 

Solo grazie ai Parlamentari del M5S si è scoperto nei giorni scorsi che in molte città, tra le quali Ancona, i cittadini hanno pagato una tassa sui rifiuti più alta di quello che prevede la Legge" - lo scrivono in una nota i Parlamentari marchigiani M5S Terzoni, Cecconi e Agostinelli - "ed è opportuno che i Comuni che hanno sbagliato si attivino subito per rimborsare quanto ingiustamente imposto in più ai cittadini che hanno pagato la TARI."

E' inutile che la Sindaca Mancinelli o l'Assessore Fiorillo indicano conferenze stampa per giustificare un errore marchiano, spacciandolo per scelta politica e sostenendo cose non vere come l'aver avvantaggiato le persone meno abbienti. Così come è inopportuno che la Sindaca Mancinelli dica di voler attendere le indicazioni del Ministero delle Finanze per procedere ai rimborsi, chiamando in causa i cittadini che avrebbero pagato di meno, quando il Sottosegretario Baretta ha già dichiarato che sarebbe sbagliato aumentare la tariffa per compensare i rimborsi e il Presidente ANCI Decaro ha sollecitato i Comuni a verificare la possibilità di restituire subito, in automatico, la tassa a chi ha pagato in più.

La Sindaca Mancinelli e l'Assessore Fiorillo chiedano scusa ai cittadini Anconetani per il grave errore commesso e si attivino per rimborsare nell'immediato a chi ha pagato più del dovuto.Tari-molti-Comuni-hanno-sbagliato-calcoli-tassa-gonfiata.jpg


Ancona - 

Ci vuole una bella faccia tosta a rallegrarsi del via libera dell'assemblea dei soci di Multiservizi per l'operazione con Estra, con il voto favorevole dei Comuni di Ancona e Senigallia, che da soli rappresentano circa il 56% del capitale, ma con il voto contrario dei Comuni di Fabriano, Castelfidardo e Jesi e con diverse astensioni dei comuni più piccoli.

Un'operazione già firmata in gran segreto tra le due società il 31 maggio, con la condizione sospensiva di essere efficace solo dopo il voto favorevole dei soci di Multiservizi entro i primi di novembre, ed arrivata negli uffici dei Comuni soci solo a ridosso della scadenza e con la documentazione assolutamente incompleta, e quindi insufficiente per dare una valutazione, come espresso anche da alcuni Revisori, compresi quelli del Comune di Ancona che si erano riservati di dare un parere.

Un blitz in piena regola, a scapito di altri Comuni importanti della provincia, una dimostrazione di arroganza da parte dei sindaci di Ancona e Senigallia, che si sono presi la responsabilità, in base ad atti consiliari di dubbia legittimità, di avallare un'operazione che metterà in pancia di Multiservizi una partecipazione azionaria di tale entità da rappresentare un enorme rischio per la società che dovrà garantire la corretta gestione del servizio idrico integrato dei 44 Comuni soci e adeguate opere di manutenzione. Stanno giocando agli speculatori con i beni dei cittadini della provincia di Ancona, con il parere contrario di altri Comuni importanti, e per giunta su un bene primario come l'acqua.

Capiamo invece la soddisfazione di Estra, che grazie ai nostri sindaci incauti si ritrovano la concessione in quota di reti gas di 15 Comuni marchigiani, la proprietà di Prometeo, un immobile in via Trieste del valore di 750.000 euro e crediti vari per 3 milioni di euro, senza aver tirato fuori soldi e a valori stabiliti da consulenti di loro consulenti, per i quali riteniamo ci possano essere dubbi sull'indipendenza di valutazione.

Come al solito, si tratta di operazioni milionarie che passano sopra la testa dei proprietari di queste società pubbliche, che sono i cittadini, che si accollano rischi a loro insaputa mentre manager e politici si spartiscono poltrone.


Ancona - 

Con le balle non si ricostruiscono i ponti.

Sulla ricostruzione del ponte di via Saline gli "allegri amministratori anconetani" "promettevano" tempi rapidi e spese a carico del Comune di Ancona. Correva l'anno 2016, addì 5 agosto regnante Mancinelli... un indimenticato (!) assessore della sua Giunta, assicurava che "entro l'anno (2016) i lavori per la sistemazione sarebbero stati completati.." "...grazie a fondi extrabilancio finalizzati alla realizzazione dell'improrogabile intervento...".

Dopo un anno i cittadini di serie B di Paterno stanno ancora aspettando...

http://www.comune.ancona.gov.it/ankonline/ponte-di-via-saline-la-giunta-decide-la-ricostruzione-a-spese-del-comune/ponte via saline ancona.jpg


Ancona - 

Dalla soppressione del magazine cartaceo in cui, pure limitato, era previsto uno spazio utile a divulgare le posizioni politiche dei gruppi (tutti ... di maggioranza e di opposizione), non è stato previsto alcun "surrogato". Nel magazine on line http://www.comune.ancona.gov.it/ankonline/ankonmagazine/ trova spazio esclusivamente l'attività della Giunta; in sostanza non c'è alcun mezzo (fisico o elettronico) "istituzionale" con cui i cittadini anconetani possano avere cognizione delle attività e prese di posizione dei gruppi consiliari.
L'implementazione di strumenti, anche "tradizionali" ,quali l' utilizzazione di spazi (bacheche) idonei a pubblicizzare l'attività e le iniziative svolte in consiglio comunale e di altri strumenti di comunicazione cartacea come giornali, newsletter, volantini ecc è utile a coinvolgere i cittadini nella vita politica ed amministrativa del Comune ed al fine di garantire una informazione politica plurale. Ovviamente la richiesta dell'uso , nelle more della predisposizione di apposito regolamento che ne disciplini di apposite, di alcune bacheche largamente sottoutilizzate già in uso alle ex Circoscrizioni, ha scatenato fantasie di ogni tipo... compresa quella, dichiarata da un consigliere di maggioranza, della necessità della "censura preventiva" ovvero "l'approvazione" del testo da pubblicarsi...
Ogni commento è superfluo... credo.bacheca1.pngmozione bacheche - M5S Ancona.docx


Ancona - 

Quasi due anni fa l'amministrazione comunale stava valutando uno studio di Multiservizi che prevedeva soluzioni invasive per l'ambiente e costi proibitivi.

Grazie al M5S, che ha promosso incontri pubblici e manifestazioni con i cittadini, la discussione si è spostata in consiglio comunale, ed ha prodotto il coinvolgimento del dipartimento di idraulica dell'Università, che mai prima era stato consultato.

Siamo quindi soddisfatti, anche se non del tutto perché non è stata approfondita la soluzione di combinare la separazione delle acque piovane delle strade e dei piazzali con la realizzazione di una vasca di laminazione. Avevamo presentato emendamenti in merito, ma la maggioranza ce li ha bocciati.

Adesso ci aspettiamo che la Giunta Mancinelli, rimasta colpevolmente immobile durante tutti questi anni, si attivi subito per iniziare a realizzare le prime opere ed ottenere i relativi benefici.


Ancona - 

Con un blitz improvviso la Mancinelli ha portato giovedì in commissione, per votarla lunedì in Consiglio comunale, una delibera per dare il via ad un'operazione del valore di circa 42 milioni di euro sull'azienda partecipata Multiservizi Spa.

Un atto impropriamente definito "mero atto di indirizzo" per evitare i pareri tecnici e contabili previsti per legge, come già rilevato dai Revisori dei conti per un atto analogo, quando fecero un esposto alla Corte dei conti per presunta illegittimità proprio per la mancanza dei pareri.

Un atto che omette le informazioni dettagliate e che non permette adeguate valutazioni da parte del consiglio comunale, e che consiste nell'acquisizione da parte di Multiservizi di una partecipazione del 10% del capitale azionario di ESTRA in cambio del passaggio ad ESTRA del controllo totale di EDMA, della proprietà di un immobile di Via Trieste e di vari crediti per circa 3 milioni di euro.

In tal modo Multiservizi, società pubblica che gestisce il servizio idrico integrato, si metterà "in pancia" una partecipazione azionaria di una società di cui non sarà in grado di controllare l'attività, del valore di oltre 42 milioni di euro e che presto si quoterà in borsa, con tutti i rischi che tale partecipazione comporterà, in particolare nel malaugurato caso di svalutazioni per oscillazione delle quotazioni.

L'ennesimo comportamento spregiudicato della sindaca Mancinelli con i beni dei cittadini anconetani che è chiamata a gestire temporaneamente e che non sono "cosa" ne' sua e ne' del Pd. La sindaca in commissione ha sostenuto la bontà dell'investimento che porterà dividendi di 2 milioni all'anno, ma tutti conoscono la volatilità degli utili e delle quotazioni dei titoli azionari. Gli investimenti azionari li facciano con i propri soldi, non con le aziende dei servizi primari dei cittadini.

Tra l'altro questa operazione con ESTRA è già stata fallimentare perché ci ha portato a regalare Prometeo e ad aver utili ridotti rispetto alle reti gas conferite.
Lunedì in Consiglio cercheremo di fermare questo scempio.


Ancona - 


Durante il consiglio comunale odierno ho interrogato il Sindaco per sapere se, a distanza di 20 mesi dall'approvazione di una mozione in consiglio comunale, fossero state definite con la Regione nuove installazioni di centraline di misurazione della qualità dell'aria ad Ancona.
Purtroppo, Comune e Regione hanno perso molto tempo, per produrre poco o nulla: con la mozione approvata il 12/2/2016 dal Consiglio comunale, si è attivato un tavolo di lavoro con la Regione solo il 29/9/2016, che tuttora non ha partorito nulla perché, nonostante un ulteriore incontro avvenuto il 9/10/2017 (un anno dopo!!), è emerso solo che Ancona beneficerà di un'ulteriore centralina, senza che sia stato ancora individuato (o perlomeno comunicato) il luogo.

Nel frattempo la misurazione della qualità dell'aria è limitata alla centralina della Cittadella che, nonostante la distanza siderale dai luoghi di traffico, sfora saltuariamente i limiti di PM10 previsti per legge.
Per quanto riguarda la riattivazione della centralina di misurazione del Porto, da noi richiesto più volte, non è stato, e probabilmente non se ne farà, più nulla.

È quindi evidente che a questa amministrazione non interessa di fatto misurare la qualità dell'aria che respiriamo e, di conseguenza, non ha attenzione alla salute dei cittadini

I candidati a Ancona