MoVimento 5 Stelle
Multe proporzionali al reddito
Proponi le tue idee: diventeranno parte del programma delle liste civiche
Scrivi una proposta
user-pic

Multe proporzionali al reddito

Tale proposta è mirata a livellare la sanzione pecuniaria ai danni dei differenti cittadini, in base al loro reddito effettivo. E' infatti improponibile che, nonostante le differenti fasce di reddito, vengano applicate le stesse "tariffe". Bisogna differenziare questo gap, rendendo più eque le multe. Per intenderci: ad un pensionato che, nonostante l'infrazione commessa, gli fai una multa di 200 euro per eccesso di velocità, rischi di mandarlo sul lastrico, mentre se la stessa sanzione, venisse applicata ad un imprenditore che guadagna 30.000 euro al mese, farebbe solo il solletico. E' inutile andare a cercare troppi soldi a chi non ne ha, senza togliere che ulteriori sanzioni amministrative( e/o penali) possono sempre essere comminate, in caso di grave infrazione (sequestro del veicolo, ritiro della patente), poiché, al di là della condizione economica, rimane sempre l'infrazione commessa che deve essere giustamente sanzionata. Nell'eventualità di recidiva, si tenderà ad aumentare la multa, sempre tenendo conto della condizione reddituale.

Categorie



Le Liste Civiche a Cinque Stelle

La Carta di Firenze

   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons